Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 19 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:446 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:538 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1053 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1747 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1061 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1225 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1261 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1467 Crotone

Madonna del Rosario, la processione più partecipata degli ultimi anni

E’ stata, forse, la festa più partecipata degli ultimi anni. Di certo, il modo migliore per celebrare il 25esimo anniversario dell’istituzione della processione esterna. Ieri, la fase conclusiva dei festeggiamenti promossi dalla parrocchia Ecce Homo di Ragusa in onore della Madonna del Rosario. In serata, dopo il “Salve Regina” con i tamburi imperiali e le trombe egiziane che hanno annunciato l’uscita caratterizzata dall’antico e venerato simulacro della Vergine santissima, c’è stato lo scenografico e giulivo omaggio alla Madonna con il grido osannante dei portatori, gli applausi dei fedeli, il lancio della Corona di palloncini e di volantini multicolori oltre al suono festoso delle campane. La solenne processione si è snodata lungo le stradine parrocchiali, accompagnata dal corpo bandistico “Risveglio kamarinense” di Santa Croce Camerina, diretto dal maestro Giuseppe Zisa. Il parroco, don Giovanni Bruno Battaglia, ha guidato uno dei momenti più significativi di questo grande appuntamento di riflessione religiosa che è poi proseguito con lo spettacolo pirotecnico che ha avuto piazza Solferino come cornice. Il simulacro, quindi, è stato fatto rientrare in chiesa e, dopo la nuova esecuzione dei tamburi imperiali e delle trombe egiziane, c’è stato il “Sub tuum praesidium”, vale a dire il saluto di congedo alla Vergine santissima da parte dei fedeli e dei portatori che hanno rinnovato l’appuntamento all’edizione del 2018. Occorre aggiungere che in mattinata c’era stata l’ormai ricorrente tradizione del Risveglio mariano, vale a dire il comitato dei festeggiamenti, i devoti e il corpo bandistico avevano percorso le numerose viuzze del quartiere per annunciare ai residenti il giorno di festa. E’ stata avviata anche la raccolta di offerte per la festa e di generi alimentari per i bisognosi della parrocchia. E il Risveglio mariano di quest’anno è stato caratterizzato dall’iniziativa avviata da otto ragazzini, tutti fedeli della Madonna del Rosario, che in gran segreto hanno realizzato una “varicedda”, cioè un piccolo simulacro che si rifà a quello più grande, portato in processione proprio durante le varie fasi del Risveglio mariano. La festa, dunque, caratterizzata quest’anno da una serie di appuntamenti significativi, si è chiusa in maniera partecipata a dimostrazione di come il culto nei confronti della Madonna del Rosario sia in costante e continua crescita.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI