Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 01 Maggio 2017

"Black Island"…

Apr 20, 2017 Hits:313 Crotone

"Maria Taglioni…

Apr 20, 2017 Hits:337 Crotone

A San Leonardo di Cutro s…

Apr 18, 2017 Hits:386 Crotone

Wecar Crotone perde in ca…

Apr 12, 2017 Hits:459 Crotone

A gonfie vele il gemellag…

Apr 04, 2017 Hits:773 Crotone

Santa Spina a Umbriatico…

Apr 01, 2017 Hits:699 Crotone

Altri due incontri della rassegna di sensibilizzazione e formazione alla lettura “Il libro…mio amico2017 hanno avuto luogo in due centri del basso Jonio cosentino. Si tratta di Mandatoriccio e Cariati. Nelle due località, sotto il patrocinio delle due Amministrazioni comunali, rispettivamente guidate dai sindaci Angelo Donnici e Filomena Greco, le platee sono state diversificate. Infatti a Mandatoriccio il sociologo e giornalista Antonio Iapichino, promotore dell’iniziativa socio culturale, ha interloquito agli studenti della scuola secondaria di primo grado, mentre a Cariati si è rivolto agli adulti. Andiamo per gradi: A Mandatoriccio il dirigente scolastico Serafino Parrotta, ha evidenziato il cambiamento, anche di tipo sociale, avvenuto con l’avvento della digitalizzazione. “Anche nella nostra scuola”, ha detto, “dal prossimo anno scolastico, avremo una classe digitale: tramite una’apposita piattaforma sarà possibile interagire ed effettuare attività didattiche”. Questa trasformazione, però, ha evidenziato il dirigente scolastico -  non deve determinare l’allontanamento dalla lettura: uno strumento importante in grado arricchire la nostra formazione culturale. L’iniziativa, coordinata dal sociologo Iapichino, è stata seguita con attenzione dai ragazzi di tutta la scuola media cittadina, alla presenza dei docenti Libero Lucente, Ornella Montemurro, Andrea Liparoti e Lory Garofalo.
A Cariati,
invece, l’incontro è stato rivolto agli adulti. Nel corso dei lavori coordinati dal sociologo organizzatore della rassegna, l’assessore comunale Maria Elena Ciccoppiedi, ha portato i saluti del sindaco Filomena Greco e dell’intero esecutivo comunale.  L’amministratrice locale ha sottolineato che leggere un libro è come tuffarsi nella storia letta. Ha riferito che l’Amministrazione comunale è attenta a questa tematica, infatti, si sta interessando per strutturare una biblioteca comunale.  Il dirigente scolastico Gerardo Aiello,  attraverso un’analisi socio antropologia dell’attuale contesto sociale ha parlato dei giovani: “soffrono di grande solitudine”. Ha fatto notare che, attraverso questo sistema tecnologizzato, la lettura è sparita perché arrivato un nuovo sistema di conoscenza, determinando un eccesso di libertà che domina, anche, contro l’autoregolamentazione dell’individuo. La lettura di un buon libro – ha aggiunto – offre, invece, importanti spunti di riflessione. L’incontro è stato arricchito dagli omaggi musicali di Gaetano Giardino e Serena Mammoliti, allievi dell’Istituto Donizetti di Mirto. All’evento ha presenziato anche il vicedirettore della struttura crosimirtese, il maestro Salvatore Mazzei.

L’iniziativa “Il libro…mio amico” dello Studio di sociologia Iapichino di Mirto Crosia è stata organizzata in partenariato la Sois, Società italiana di sociologia della Sezione Calabria, l’Age, Associazione genitori – sezione Jonio cosentino, con la collaborazione dell’Autoscuola “La Tecnica” Delegazione Aci - Agenzia Boccuti,  “Il Bottino”, Enoteca…storie di vino, uomini e territori, Vision Ottica Scorpiniti, Mdm Marmi di Luigi Madeo, Estratech di Celestina Straface, e Profumeria Jasmin di Maria Gina Parrilla, strutture operanti  a Mirto Crosia.

Hanno patrocinato l’evento L’Assessorato alla Pubblica istruzione dei Comuni di Bocchigliero, Cariati, Cropalati, Crosia, Longobucco,  e Mandatoriccio e l’Università della Calabria – Dipartimento di Scienze politiche e sociali, L’Istituto omnicomprensivo di Longobucco, l’Istituto di istruzione superiore Ls – Ite - Ipseoa – Iti di Cariati, Istituto Istruzione Superiore Ipsia – Iti – Itg Nicholas Green di Corigliano C., Istituto Comprensivo Cropalati – Caloveto – Paludi, l’Istituto comprensivo di Mendicino,  l’Istituto comprensivo Rossano 2 l’Istituto comprensivo Rossano 4, Istituto di Istruzione Superiore Itas – Itc di Rossano, Istituto di Istruzione Superiore  Iti – Ita – Ipa di Rossano, l’Istituto comprensivo Spezzano della Sila e il Centro provinciale istruzione adulti di Cosenza.            

Durante i singoli incontri l’Istituto musicale “Donizetti” di Mirto Crosia sta curando vari momenti musicali. Media partner dell’evento il quotidiano on line IonioNotizie.it e il periodico “La Voce”. Le case editrici “Il Mulino” e “Consenso” forniranno alcuni libri.

I prossimi appuntamenti della  rassegna “Il libro…mio amico” sono previsti il prossimo 3 maggio, alle ore 8,30,  presso lItas (Località Frasso) e alle 10,30 all’Itc (Via Nazionale) di Rossano e il 4 maggio, alle ore 9, all’Università della Calabria, aula L1.

L'omaggio dell'Accademia Cosentina ad Ernesto Corigliano, storico fondatore di "Iniziativa".

Un ricordo di Ernesto Corigliano, avvocato e politico di lungo corso, giornalista ed esperto di sport, figura centrale nel panorama culturale del capoluogo bruzio.

La conferenza tenutasi nell'antica sede di piazza XV marzo, di fronte ad una qualificata cornice di pubblico, ha registrato il sentito intervento del socio ordinario dell'Accademia Cosentina Leopoldo Conforti.

Dopo l'introduzione del segretario perpetuo Coriolano Martirano, che ha sottolineato come la figura del socio Corigliano abbia incarnato, nella propria vita, quell'ideale di umanesimo che e' alla base della storica istituzione bruzia, il relatore ha illustrato la complessita'

del personaggio a partire dall'esperienza del periodico "Iniziativa".

Una testata dagli interessi vasti, che andavano dalla cronaca locale alla politica estera, e con rubriche popolari come "La finestra sulla piazza". Che si avvaleva di uno staff di redattori motivati e competenti definiti da Conforti come dei "familiari" tanto era forte l'armonia che il direttore, con la signorilita' e l'amicalita' che gli erano proprie, era riuscito ad infondere nella "squadra".

Corigliano era abituato, da preparato decano dei legali cittadini, al convincente argomentare, e aveva introdotto questa sua specifica connotazione nelle modalita' di confezionamento della rivista.

Conforti, oltre a rivelarne aspetti privati del rapporto di amicizia, come la comune passione per latino e greco, ne ha sottolineato l'impegno politico sia al consiglio comunale che alla Regione Calabria, dove Corigliano ricopri' il ruolo di primo assessore allo sport. E lo sport, il calcio, ha dischiuso un'altra finestra sulla sua variegata attivita', fra cuore e ragione, di tifoso dei colori rossoblu ed esperto commentatore sportivo, gia' presidente del Centro Coordinamento Club Cosenza Calcio nonche' sostenitore della nascita dell'Aiac, l'associazione italiana allenatori di calcio. Non poteva mancare, nella prolusione, il riferimento ad un'altra creatura di Corigliano, l'associazione ex alunni del Liceo Telesio. "Fu un'intuizione del preside Ciacco - ha osservato Conforti - quella di mettere in contatto la prestigiosa istituzione scolastica con la citta'" che Corigliano seppe concretizzare con successo, facendo uscire il "Telesio" extra moenia, di fatto creando una vicinanza reale ed ideale di gruppo fra gli studenti, anche una volta concluso il corso di studi superiori.

Le parole del presidente dell'Accademia, Ernesto d'Ippolito, che ha definito Corigliano "espressione autentica della Cosenza cattolica e liberale piu' vicina alla cultura" hanno posto il suggello ad una conferenza che e' risultata "uno dei momenti piu' commoventi nella storia recente dell'Accademia". Un ricordo sereno, oltre l'intento commemorativo, in cui l' emozione ha avuto il sopravvento nel pensare e ripercorrere la vita di un Uomo straordinario.

«Un successo che prevediamo già di ripetere il prossimo anno». Questo il commento a caldo della sindaca Filomena Greco, all’indomani di Iurinfest, la prima festa dei fiori organizzata a Cariati.

Fiorai e vivaisti, arrivati da tutta la zona, hanno esposto e messo in vendita sul lungomare della città le loro creazioni per tutta la giornata di ieri, martedì 25 aprile. E molti di loro si sono divertiti a spiegare ai curiosi compratori e ai visitatori le caratteristiche delle diverse piante.

«Siamo molto soddisfatti – ha commentato l’assessore al Decoro Urbano Maria Elena Ciccopiedi, che ha ideato e curato l’iniziativa – e lavoreremo perché Iurinfest diventi un appuntamento annuale, capace di attrarre qui a Cariati espositori e visitatori da tutta la Calabria. Sono entusiasta perché ieri ho percepito da parte di tutti grande gioia, apprezzamento e condivisione. C’erano molti visitatori, arrivati anche dai centri vicini e io mi adopererò in ogni modo affinché a Cariati la cura dei fiori e dell'estetica di ogni singola abitazione ed attività diventi una sana abitudine e non un'eccezione».

NON SOLO FIORI E PIANTE. Iurinfest, come suggerisce già il nome, non è stato un semplice mercato dei fiori. Sul lungomare ieri c’era una vera e propria festa. In uno stand si potevano degustare i crispedd, dolci fritti tipici di Cariati, le fragole fresche e il pane con la sardella. Nel pomeriggio la musica del gruppo folkloristico Sina e gli Amici della Tarantella ha allietato i presenti e molti hanno seguito gli artisti ballando e cantando in allegria.

Inoltre, è stato lanciato il primo concorso Balconi Fioriti, rivolto a tutti i cittadini e che nei primi giorni di giugno premierà il balcone più bello. «Il contest – ha raccontato la Prima Cittadina – ha già ottenuto molte adesioni. Servirà a rendere la nostra città più colorata e più decorosa, pronta per l’accoglienza dei tanti turisti che arriveranno nella stagione estiva».

UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE. L’amministrazione ha voluto poi ringraziare tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione di Iurinfest. I cittadini e i visitatori, le donne dell'Alternativa Rosa, gli artisti e, specialmente, i fiorai e i vivaisti. Tra questi, L’oasi di Lucia Caniglia, L’oasi di Angelica Fazio e il Fioraio di Filippo Cariglino, tutti di Cariati, il vivaio Pino Tedesco di Mirto, il fioraio Artilano Lappanese di Torretta di Crucoli e AgriSorrenti De Luca di Calopezzati.

 

Marina Rei, tra le artiste più complete della scena musicale italiana, è partita con il suo Unplugged Tour 2017.

Sabato 22 aprile l’artista sarà in concerto al Teatro Sybaris di Castrovillari, in provincia di Cosenza.

Alternandosi tra chitarra, batteria e pianoforte, la cantautrice interpreterà i suoi brani in una veste insolita, accompagnata dal violoncellista Mattia Boschi.

Ad aprire il concerto acustico sarà Greta, giovanissima cantante e compositrice di origini americane che negli ultimi mesi è stata protagonista di numerosi showcase a Los Angeles.

Un progetto unico nel suo genere nel quale Marina Rei porrà l’accento sulle sue doti di raffinata cantautrice, nonché di talentuosa musicista.

Dunque, un set acustico in cui l’artista incanterà il pubblico con la passione e la grinta che caratterizzano il suo sound.

Dopo l’ultimo fortunato tour del 2016 che l’ha vista impegnata in Italia e in Europa, Maria Rei riparte dalla musica per parlare di sé, in un tour che toccherà diverse città italiane.

L’Unplugged Tour 2017 proseguirà con la doppia data al Bravo Caffè di Bologna il 26 e il 27 aprile e il 28 aprile al Wopa a Parma. Seguono il 12 maggio al Centro Candiani a Mestre, il 13 maggio al Teatro San Marco di Trento e il 24 maggio al Teatro Due Torri a Potenza.

Quest'anno Marina Rei si esibirà al concerto del Primo Maggio di Roma, insieme a Paolo Benvegnù.

Hanno optato per la strada della condivisione, della gioia e della festa. Si tratta dei 45 componenti della l’Orchestra di fiati, (meglio conosciuta come banda musicale) “G. Puccini” – Città di Crosia, che a Lamezia Terme, nel prestigioso Teatro “Grandinetti”, ha conquistato un meritato primo posto, nella categoria B (con il punteggio 92/100) al 24° Concorso nazionale bandistico Ama, Associazione manifestazioni artistiche, Calabria. L’Orchestra diretta dal maestro Salvatore Mazzei, rientrando nella cittadina ionica ha voluto partecipare la propria soddisfazione, oltre che la gioia e l’orgoglio del risultato raggiunto con la comunità sociale a cui appartiene. A tale scopo, presso il palateatro comunale “Carrisi” di Mirto, ha avuto luogo un’apposita cerimonia a cui ha partecipato con entusiasmo una folta platea.
            Il presidente dell’Orchestra, Giuseppe Greco, oltre a fare un plauso al maestro Mazzei e ai componenti dell’orchestra cittadina, ha parlato di una “vittoria di gruppo” che appartiene – ha detto testualmente, “all’intera comunità”. Ha spiegato che i giovani musici crosimirtesi sono stati giudicati da una giuria formata da professionisti di fama internazionale come i maestri Antoine Langagne, Directeur de la Musique de la Garde Republicane, Sandro Satanassi, docente di direzione d’Orchestra al Conservatorio “Verdi” di Milano, Giovanni Bruni, compositore, e Aurelio Pollice, docente del Conservatorio di Vibo Valentia, in rappresentanza di Ama Calabria. “Sono esperienze”, ha commentato Greco, “che toccano dentro. È stato un confronto diretto con ottimi musicisti provenienti dalle varie città d’Italia. Infatti, quest’anno sono state 17 le orchestre aderenti al concorso, per un totale di oltre mille musicisti partecipanti.

            L’assessore comunale alla Cultura, Graziella Guido, ha parlato della caparbietà e dell’impegno costante del maestro Mazzei e dei giovani musici che quotidianamente studiano e approfondiscono questa importante e nobile disciplina. “La banda musicale”, ha detto l’avvocato Guido “rappresenta un valore aggiunto della città”. Una realtà nata quasi per gioco, nel 2010, che oggi rappresenta un punto di riferimento a livello territoriale. Infine,  l’amministratrice locale ha confermato il sostegno dell’Amministrazione locale e ha espresso la gioia e la soddisfazione per il risultato conseguito.

             Il maestro Salvatore Mazzei, che con spirito di abnegazione quotidianamente si dedica alla formazione dei propri allievi, con un pizzico di commozione, ha evidenziato l’importanza del Premio nazionale ottenuto. Sin dalla nascita (3 gennaio 2010) Mazzei ha sempre sottolineato il bisogno di strutturare una banda che deve allontanarsi dall’etichetta folkloristica e amatoriale. Deve ambire a diventare realtà capace di raggiungere livelli sempre più elevati, tanto da poter concorrere con alti professionisti nazionali e stranieri.    

            In collegamento telefonico è intervenuta la presidente onoraria dell’orchestra crosiota, la maestra Antonella Barbarossa, la quale ha espresso la propria soddisfazione per il risultato ottenuto “sul campo” dai giovani musicisti ionici e riferendosi ai genitori in sala ha sottolineato la valenza della musica per la crescita morale e culturale dei propri figli.

            Il maestro Alfonso Ponte ha evidenziato le qualità e le doti professionali del maestro Mazzei, mentre il  maestro Giorgio Scavello, esaltando la professionalità di Mazzei ha sottolineato che  egli “ha invertito la rotta delle bande musicali del nostro territorio”.

 Il sindaco di Crosia, Antonio Russo, ha fatto notare che “bisogna essere orgogliosi quando si raggiungono risultati importanti, soprattutto”, ha detto, “quando si tratta dei giovani”. In quanto al Premio conquistato, il Primo cittadino ha commentato con ampia soddisfazione: “Ci inorgoglisce tutti. Sono azioni che consentono una reale crescita della città”.

            D’altronde la Banda “Puccini è tra le più attive e apprezzate del territorio. Un organico completo, giovane e raffinato.

Intanto, conclusi i meritati festeggiamenti, la struttura ionica è già al lavoro per i prossimi imminenti eventi che, in ordine di tempo, saranno caratterizzati dalla tradizionale processione dei Misteri del Venerdì Santo, il prossimo 14 aprile a Crosia e il Concerto di Primavera, il 23 aprile, a Longobucco.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI