Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:658 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:192 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:483 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:516 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:735 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1128 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1120 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1490 Crotone

L'infettivologo Andreoni interviene su Cusano TV

La sanità è stata bistrattata e dimenticata da tantissimo tempo. Abbiamo avuto una riduzione progressiva del personale, una mancanza di investimenti sulle strutture, non c’è stata programmazione sulle assunzioni sia del personale infermieristico, sia medico, e questo è un problema che procede da tantissimi anni. Non vedo in questo momento nessuna svolta nell’ambito della sanità”.

 A parlare è Massimo Andreoni, professore ordinario di Malattie Infettive presso l'Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, intervenuto nello studio di Cusano Italia Tv durante “L’imprenditore e gli altri”, programma condotto da Stefano Bandecchi.

 “La sanità italiana è una buona sanità perché, se la confrontiamo ad altre sanità nel mondo, effettivamente non lascia indietro nessuno – ha proseguito Andreoni - detto questo, sta peggiorando progressivamente proprio perché senza investimenti non si sta al passo con i tempi e questo porterà nel breve periodo a gravi difficoltà. Andare all’estero per cercare di avere indicazioni in tal senso è abbastanza incomprensibile – ha dichiarato il professore - per gestire la sanità oggi serve soprattutto pragmatismo che in Italia non c’è.

 Aldilà di quella retorica basata soltanto sull’acquisizione dei voti, c’è bisogno di avere la coscienza e il pragmatismo di poter dire cosa posso e non posso fare, e fare quindi quello che posso fare nel migliore dei modi. Oggi si parla di CAR-T per la cura di tumori, ma possiamo pensare che il nostro paese, come qualsiasi altro paese, sia in grado di garantire tutto questo?”.

 E sulla mancanza dei reparti di neuropsichiatria infantile in alcune regioni, Andreoni ha poi voluto aggiungere: “Di vergogne se ne dovrebbero dire tante. Si pensi allo stato dei pronto soccorsi in Italia o alle rianimazioni. Quello che è venuto a mancare è stata la buona gestione. Alcune volte si ha la sensazione di essere gestiti da persone che non hanno idea di cosa sia l’ospedale, di che cosa sia la sanità, di che cosa sia la sanità sul territorio”, ha evidenziato il professore. “Persone che pensano all’oggi senza avere una visione sul futuro, non riescono a capire quali siano gli investimenti che devono essere fatti per migliorare la sanità. Il più delle volte si parla di trovare delle soluzioni più per il consenso che per metterle in pratica. Basti vedere la carenza di personale specialistico”, ha concluso Andreoni.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI