Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 15 Ottobre 2019

Con Shakespeare partita l…

Ott 11, 2019 Hits:184 Crotone

Cerrelli difende gli abit…

Ott 04, 2019 Hits:462 Crotone

"Assaggiamo la Calab…

Ott 04, 2019 Hits:339 Crotone

Giornata Europea delle Li…

Ott 03, 2019 Hits:377 Crotone

Candelnight, a Scandale l…

Set 25, 2019 Hits:610 Crotone

Vernice, il cd dei "…

Set 23, 2019 Hits:665 Crotone

Volontariato: Crotone pul…

Set 20, 2019 Hits:583 Crotone

“L'Italia in Europa sarà capofila per una decisione forte”, ha assicurato intanto da Avellino il premier italiano Giuseppe Conte, che promette di voler “adottare tutte le misure, a patto che si decida in modo unitario”. Scettico sulla reale efficacia di una moratoria sulla fornitura delle armi, però, è anche il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, che chiede al Consiglio europeo di adottare “sanzioni concrete”. L’Europa, ha aggiunto il presidente dell’Europarlamento dovrebbe esercitare “forti pressioni diplomatiche su America e Russia perché si assumano le responsabilità in un scena in cui loro hanno potere e la possibilità di fermare queste azioni di guerra".

Annullare formalmente i negoziati per l’ingresso della Turchia nell’Unione europea. È la proposta avanzata dal capo della diplomazia austriaca, Alexander Schallenberg, a margine del Consiglio sugli Affari Esteri dell’Ue in corso a Lussemburgo.  

Secondo Sassoli, poi, quella sull’annullamento dei negoziati per l'ingresso della Turchia nell'Unione Europea sarebbe "una polemica inutile”. “I negoziati con la Turchia – ha sottolineato - non vanno avanti da almeno dieci anni, per cui sono già congelati, non ci sono tavoli in corso".

il ministro belga Didier Reynders ha chiesto che venga fatto un passo ulteriore rispetto all’embargo sulle armi. 

Se un provvedimento di questo tipo non fosse sufficiente, però, il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, assicura di essere pronto ad adottare “altre misure” per spingere Erdogan a fermare la carneficina e l’esodo di centinaia di migliaia di civili. Fermare l’avanzata turca, ha spiegato il capo della diplomazia di Berlino, è essenziale per prevenire "una destabilizzazione della regione che avrà conseguenze ben oltre quella zona”.

Tra gli effetti collaterali dell’iniziativa di Ankara c’è anche quello di “rivitalizzare l’Isis”. Nelle prigioni curde, infatti, sono rinchiusi migliaia di mujahiddin europei pronti ad approfittare del caos, come hanno fatto gli 800 jihadisti fuggiti da un campo profughi del Rojava nei giorni scorsi. “La Turchia e i curdi non devono lasciarli scappare”, ha ammonito stamane anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, invitando gli Stati europei a rimpatriare i propri concittadini prima che sia troppo tardi.

Tra le ipotesi di cui si discuterà alla riunione dei ministri degli Esteri europei all’indomani dell’iniziativa militare lanciata dall’esercito turco nel nord della Siria, c’è quella dell’embargo sulle armi, che finora mette d’accordo i ministri di diversi Stati membri, in particolare Germania e Francia.

L’Europa, sottolinea il ministro austriaco non deve cedere ai “ricatti di Erdogan”. Il riferimento è alle dichiarazioni del presidente turco sui migranti, per Vienna, serve un passo ulteriore per fermare l’invasione turca. “È un po’ ironico e assurdo discutere di sanzioni e di misure come l'embargo sulle armi contro un paese che è formalmente in fase di adesione e che ha in corso dei colloqui con la Ue”, ha notato Schallenberg prima di sedersi al tavolo con gli omologhi europei. “L'Austria ritiene che questi colloqui sull'adesione che sono stati congelati negli ultimi due o tre anni grazie al nostro governo – rilancia - dovrebbero ora essere formalmente annullati”.

“Aldilà di questo ci sono altri mezzi di pressione", ha spiegato. Il presidente turco, però, è determinato a raggiungere l’obiettivo della safe zone e, come previsto, tira in ballo anche l’Alleanza Atlantica. “Con chi vi schiererete? Con il vostro alleato della Nato o con i terroristi?”, si è domandato oggi Erdogan incontrando i giornalisti prima di volare a Baku. “I Paesi della Nato – ha incalzato - devono combattere il terrorismo e stare dalla nostra parte".  il “sultano” turco ha il coltello dalla parte del manico.

Se nelle prossime ore le truppe di Ankara venissero prese di mira dall’esercito di Assad, infatti, la Turchia potrebbe chiedere l’attivazione dell’articolo 5 del trattato Nato e trascinare gli alleati atlantici nella sua personale guerra. Si tratta di una delle opzioni in campo in questo conflitto lampo dagli esiti imprevedibili. Ad assicurarlo è il ministro degli Esteri del Lussemburgo, Jean Asselborn, scettico sull’efficacia dell’interruzione della fornitura di armamenti da parte dell’Ue. "L'embargo delle armi è già stato deciso da Francia, Germania Finlandia, Svezia e Olanda, questo è un bene, ma – ha chiarito - bisogna sapere che Erdogan in questo momento non prende le armi da quei Paesi”.

Perché Erdogan attacca i curdi? Ecco i motivi secondo Federico Donelli, su "start magazine" spiega come docente di History and Politics of the Middle East all’Università di Genova e di Comparative Foreign Politics alla Şehir University di Istanbul ed esperto di storia e relazioni internazionali del Medio Oriente. Il suo ultimo libro “Sovranismo islamico. Erdoğan e il ritorno della Grande Turchia” è in uscita per Luiss University Press.

Un elemento di pressione interna nei confronti del governo Erdoğan è dato dalla presenza in Turchia di quasi tre milioni e mezzo di rifugiati siriani. La gestione di tale flusso ha consentito al Presidente turco di sfruttare una importante leva di contrattazione nei confronti dell’Unione Europea e allo stesso tempo ostentare l’approccio umanitario del paese soprattutto agli occhi della comunità musulmana mondiale. Tuttavia, la questione rifugiati ha assunto una maggiore rilevanza di politica interna negli ultimi mesi.

Infatti, a determinare il malessere nei confronti dell’AKP è stata proprio la gestione dei siriani nei grandi centri urbani e nelle aree di confine dove da alcuni anni sono emersi molteplici problemi di natura socio-economica che hanno interessato soprattutto le classi turche più deboli, da sempre componente essenziale dell’elettorato di Erdoğan. Il progetto turco di reinsediamento dei rifugiati nelle aree conquistate ai curdi risulta non privo di profonde contraddizioni ed effetti deleteri a medio-lungo termine in rapporto agli equilibri demografici della zona.
Dietro alla scelta di avviare una nuova operazione militare in territorio siriano vi sono anche moltissimi interessi economici. In particolare due settori, quello edilizio e quello di difesa, hanno un peso specifico significativo nelle recenti scelte dell’esecutivo.

Il primo è un settore fondamentale dell’economia turca nonché del sistema clientelare gestito dall’esecutivo che sta risentendo della crisi degli ultimi mesi e troverebbe in una Siria devastata da quasi dieci anni di guerra nuove opportunità per commesse multimilionarie. Il secondo, invece, si lega alla trasformazione del settore avviata a partire dal 2011 e finalizzata a far assumere alla Turchia un ruolo di rilievo nel mercato in quanto produttore ed esportatore di hardware militare. 

Secondo la Repubblica.la Turchia sta usando gruppi jihadisti per fare la guerra ai curdi. Ci sono decine di foto scattate dagli stessi miliziani a provarlo. Nell'accozzaglia dell'Esercito siriano nazionale (National Syrian Army, Nsa) filo-Ankara, composto da decine di brigate e battaglioni per un totale - secondo i comandanti dell'Nsa - di 25.000 uomini, c'è anche Ahrar Al Sharqiya: si tratta di un gruppo di ribelli siriani armati originario del Governatorato di Deir ez-Zor, di ideologia nazionalista e islamista, fondato da alcuni fuoriusciti di Al Nusra tra cui Abu Maria Al Qahtani. Sono stati accusati di aver stretto alleanza con il cosiddetto Stato Islamico, aiutando i terroristi europei a raggiungere da Est le sue roccaforti.

“Sotto l'ombrello dell'Nsa – si legge sul profilo twitter "ArabBaathist" che segue l'avanzata dei ribelli in territorio curdo – Ahrar al-Sharqiya è il primo gruppo a tagliare fuori l'autostrada M4 tra Al Hasakah e Aleppo, una delle maggiori rotte di approvvigionamento per i terroristi”. Terroristi che, nell'ottica dell'operazione Fonte di pace lanciata mercoledì dal presidente turco Erdogan, sono i combattenti delle Unità popolari curde Ypg e Ypj: gli stessi uomini e le stesse donne che si sono opposti per anni all'Isis e che ora si sentono traditi dalla mossa della Casa Bianca di ritirare le truppe americane, lasciando così lo spazio ad Erdogan per l'invasione.






L'offensiva di Erdogan scattata mercoledì nel Nord-Est della Siria contro i curdi, ritenuti da Ankara "terroristi", ha registrato la prima vittima tra le file turche. Il ministero della Difesa di Ankara ha confermato che un soldato turco è morto mentre altri tre sono rimasti feriti nel Nord della Siria durante l'"operazione Fonte di pace".

Il ministero ha dichiarato che il militare è morto durante gli scontri con i "terroristi" curdo-siriani delle Ypg, le Unità di protezione del popolo. "Il nostro fratello d'armi è caduto da martire il 10 ottobre in uno scontro contro i terroristi delle Ypg nella zona dell'operazione 'Fonte di Pace'". I miliziani curdi "neutralizzati" secondo lo stesso ministero turco sono 227. La Bbc riporta che sono almeno 11 i civili uccisi.

 L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, ha riportato che l'avanzata turca sta proseguendo lentamente attorno alle due località chiave di Tall Abyad e Ras al Ayn, nel settore centrale della frontiera tra Siria e Turchia. Per il momento, spiega l'Ong, undici località minori sono state conquistate dalle forze turche e dalle milizie arabo-siriane ausiliarie nel nord-est della Siria

Dopo che - secondo l'Osservatorio dei diritti umani in Siria - in meno di 24 ore oltre 60mila persone hanno lasciato le loro abitazioni al confine, il secondo giorno delle operazioni turche in Siria, in una giornata chiara e soleggiata, continua a concentrarsi sui due villaggi di Ras al-Ayn e di Tell Abyad, già colpiti nelle prime ore dell’attacco scattato nel pomeriggio di mercoledì e annunciato con un tweet dal presidente Recep Tayyip Erdogan. Un’azione motivata dal Sultano con l’obiettivo di portare almeno 2 dei 3,6 milioni di profughi siriani ospitati in Turchia verso la loro terra. Il risultato di questo programma di ingegneria demografica è per ora la creazione di nuovi rifugiati. Donne e bambini, in maggiorparte, visti fuggire dai centri abitati per ripararsi dagli attacchi portati dai caccia e dall’artiglieria. E a chi parla di "invasione" o "occupazione", Erdogan ha risposto: "Apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati siriani e li manderemo da voi", aggiungendo che "109 terroristi curdi" sarebbero già stati uccisi.

Siamo scioccati e delusi dalle dichiarazioni del governo italiano". È la dichiarazione rilasciata dall'ambasciatore turco in Italia, Murat Salim Esenli. Con l'operazione militare nel nord della Siria, "stiamo difendendo le frontiere turche, ma anche quelle della Nato e dell'Ue, e vogliamo ricordare questi aspetti a tutti i nostri alleati", ha sottolineato, rispondendo così a distanza al ministro degli Esteri Luigi Di Maio e al premier Giuseppe Conte che avevano giudicato inaccettabili i ricatti del presidente turco Erdogan di scatenare una invasione di migranti in Europa. Intanto, proprio Bruxelles sarebbe pronta a sanzionare Ankara. Ad annunciare il piano è stata la viceministra per gli Affari europei francese, Amelie de Montchalin, ai microfoni di France Inter, sottolineando che "non si può rimanere impotenti di fronte a una situazione scioccante per i civili, per le forze siriane per 5 anni al fianco della coalizione anti-Isis, ma soprattutto per la stabilità della regione", mentre Tusk ha ribadito che "non accetteremo che i rifugiati siano usati come arma per ricattarci".

Il “grande Kurdistan” è sempre stato un sogno. Niente di più. Anche quando una piccola parte di esso, il Kurdistan iracheno, aveva osato indire un referendum, il 25 settembre 2017, votando un’indipendenza dall’Iraq che non è mai avvenuta. Anzi, che ha decisamente peggiorato le cose rispetto a prima a causa dell’aperta opposizione di Iran, Iraq, Turchia, ma anche del mancato appoggio di Stati Uniti ed Europa. Nessuno voleva il Kurdistan iracheno. Nessuno pare volere un Kurdistan siriano indipendente. Soprattutto la Turchia. Ankara teme che un simile scenario possa rinvigorire le aspirazioni secessioniste degli oltre 20 milioni di curdi presenti sul suo territorio.

Il popolo curdo - 35-40 milioni - è forse il più grande gruppo etnico senza uno Stato, sparso su un territorio montagnoso che abbraccia Turchia, Siria, Iraq e Iran. Dalla scoppio della rivolta contro il regime siriano, nel marzo 2011, il Rojava, così come i curdi siriani (il 10% della popolazione) chiamano la zona dove abitano nel nord est della Siria, è divenuto di fatto autonomo. È qui che ieri è scattata la campagna turca volta a creare una fascia di sicurezza a ridosso del confine.

Il primo grande tradimento risale al 24 luglio 1923, a Losanna quando le grandi potenze si rimangiarono quanto promesso tre anni prima in un trattato che gettava le basi per la creazione a uno Stato curdo indipendente. La storia successiva è costellata di tentativi di indipendenza, abbozzati o riusciti, come la Repubblica di Mahabad , fondata in una piccola regione del Kurdistan iraniano il 22 gennaio 1946. Un primo tentativo di autonomismo curdo a cui tutte le potenze alleate voltarono le spalle. E a cui Teheran pose fine dopo 11 mesi. 

"Mi spaventa il silenzio di questo governo sull'attacco militare della Turchia contro la Siria, ordinato via tweet da Erdogan". Così, Matteo Salvini , aveva esposto le sue preoccupazioni a Tgcom24, sottolineando la paura di vede una guerra locale trasformarsi in una guerra mondiale: "Il salto è breve", aveva avvertito.

E in tutto questo, il governo italiano, si chiede il leader della Lega, "cosa dice e cosa fa?". La guerra in corso tra Turchia e Siria, infatti, potrebbe avere conseguenze che "potrebbero riguardarci direttamente, con milioni di persone scappate dalla Siria che si trovano alle porte di casa nostra, e cosa dice il presidente del Consiglio? Cosa dice il ministro degli Esteri? Sosteniamo questo atto di guerra?". 

Ma il leader del Carroccio non si ferma qui e incalza: "Dove sono Conte e Di Maio? Possiamo dire no a questo atto di guerra che rischia di essere un crimine?". L'Italia, continua Salvini, dice no "alla Tav, al Tap, alla Gronda e poi scoppia una guerra non lontano da casa nostra ed è il silenzio".

Infine, Salvini precisa: "Noi, a differenza di Conte e Di Maio, non vogliamo essere complici delle stragi di Erdogan". Per questo lancia un appello, per "sospendere immediatamente ogni forma di finanziamento, italiano ed europeo, alla Tur
Nesrin Abdullah, comandate delle Unità Femminili di Protezione Popolare parla all’indomani dell’inizio dell’offensiva turca. «Nessuno si fidi più di Trump»

«Ci stanno attaccando. dichiara al Corriere della Sera Nesrin Abdullah
Sono in corso vergognosi bombardamenti. Noi curdi siamo pronti, ci difenderemo in ogni modo». È più determinata che mai Nesrin Abdullah. Comandante di spicco e portavoce delle Unità Femminili di Protezione Popolare (o Ypj), prospetta una «resistenza accanita, fondata sulla guerriglia».

Come potete far fronte a uno dei più potenti eserciti della Nato ?domanda il collega del Corriere alla Nesrin Abdullah «Lo sappiamo bene, quello turco è un esercito molto potente, addestrato, dotato di armi sofisticate. Ma noi curdi siamo abituati a combattere contro nemici più forti. Abbiamo 600 chilometri di confine in comune con la Turchia, un territorio dove è facile applicare le tecniche della guerriglia. Comunque non abbiamo scelta. Erdogan vuole creare una fascia di sicurezza profonda una trentina di chilometri. Ma nella realtà vorrebbe eliminare la nostra presenza organizzata. In passato abbiamo resistito ben 58 giorni prima di abbandonare alla furia criminale turca la piccola enclave di Afrin».

Ricevete aiuti militari? «No. risponde Nesrin Abdullah Siamo soli contro le mire neo-ottomane di Erdogan».Trump minaccia di strangolare l’economia turca. Gli crede?«Trump ha commesso un errore gravissimo nel ritirare le truppe dal confine. Anche se erano solo poche decine di uomini, rappresentavano una deterrenza simbolica. Toglierle è apparsa come una luce verde per Erdogan. Adesso le sue minacce d’embargo economico non servono. L’attacco va bloccato prima che avvenga, non punito dopo».

Come spiega il ritiro degli americani? domanda il Corriere la comandante «Vogliono proteggere i loro interessi e migliorare i rapporti con la Turchia. Sono pronti a sacrificarci, anche se noi siamo stati l’alleato più fedele nella lotta contro Isis. In fondo speriamo però ancora ci ripensino. In caso contrario, passeranno come traditori, come alleati inaffidabili per tutto il mondo. Ci lasciano nel momento del bisogno. Nessuno si fiderà più di loro»

Tradimento. Agli occhi dei curdi siriani il ritiro dei soldati americani dalla Siria settentrionale, annunciato domenica sera dal presidente americano Donald Trump - una sorta di semaforo verde all’invasione militare iniziata ieri dall’esercito turco - appare l’ennesimo voltafaccia di un grande potenza ai danni di un alleato considerato sempre troppo piccolo e scomodo. La storia dei curdi è la storia di grandi illusioni seguite da delusioni cocenti.

I piloti miliari sono una risorsa preziosa nelle guerre moderne. Addestrarli a volare sugli aerei da caccia, al combattimento e all’impiego di nuove tecnologie sempre più sofisticate, è un’attività molto complessa e estremamente dispendiosa, che richiede anni e numerose risorse. E dover rinunciare a loro a causa di un “tentato” golpe militare rappresenta un’enorme spreco di denaro. Senza contare che può arrivare a costringere a terra buona parte di una forza aerea. Questo è il caso dell’aeronautica turca, già sottoposta al congelamento della commessa per gli F-35 americani, che ora si trova a dover far fronte a un altro grave problema: molti dei suoi piloti sono finiti in carcere dopo il golpe militare che nel 2016 intendeva rovesciare il governo islamista del presidente Recep Tayyip Erdogan.

Secondo quanto riportato dalla rivista National Interest, attualmente la forza aerea della Turchia potrebbe a malapena tenere in aria i suoi caccia F-16. E se “in nome della politica” vengono eliminati i migliori piloti, i “migliori aerei da combattimento” non servono a niente. A meno che non si tratti di “droni”..

 

 

 

Le forze armate di Ankara, non hanno ancora attraversato il confine turco-siriano,ma, sottolinea il capo della comunicazione della Presidenza di Ankara, Fahrettin Altun, "l'esercito turco, insieme all'Esercito siriano libero, attraverserà a breve il confine turco-siriano".

Le forze armate turche hanno effettuato pero attacchi contro il confine tra Siria e Iraq durante la notte per impedire alle forze curde di rafforzarsi in Siria nord-orientale, mentre Ankara si prepara a lanciare un'offensiva proprio in quella zona. «Uno degli obiettivi fondamentali era quello di interrompere prima dell’operazione in Siria la rotta di transito tra Iraq e Siria», ha detto a Reuters un funzionario della sicurezza turca. «In questo modo, il transito del gruppo in Siria e le linee di supporto, comprese le munizioni, vengono interrotti». Non è ancora chiaro quale danno sia stato causato o se ci siano state vittime.

L'Osservatorio precisa che i bombardamenti di artiglieria si sono verificati nella notte nella località di Ayn Issa, lungo il confine tra Turchia e Siria, e nella località di Minnagh, tra Aleppo e la frontiera turca.  

I militanti curdi dell'Ypg ha aggiunto Altun hanno due opzioni: 'possono disertare oppure noi dovremo fermarli dall'interrompere i nostri sforzi di contrastare l'Isis'. Parlando dell'imminente offensiva oltreconfine che sta preparando, la Turchia fa sapere che proseguono i trasferimenti verso la frontiera.  

Quando nel 2016 avviene la vera svolta nel conflitto in Siria, Bashar Al Assad mette in conto di perdere una parte del territorio settentrionale. Sono le settimane quelle che seguono il fallito golpe in Turchia, Erdogan si sente tradito da un occidente che, a senso suo, non lo difende abbastanza e dunque decide di virare verso la Russia. Iniziano gli incontri di Astana, vengono imbastiti tavoli diplomatici dove viene creata un’inedita convergenza tra Mosca, Ankara e Teheran. Erdogan rinuncia, anche se non ufficialmente, al progetto di destituzione del presidente siriano, ma teme due elementi in particolare: una nuova emergenza migratoria e, soprattutto, il rafforzamento dei curdi lungo il confine con la Turchia. Questi ultimi infatti avanzano contro l’Isis e guadagnano terreno: secondo Erdogan, si tratta di milizie legate al Pkk, il partito curdo di Turchia considerato come un’organizzazione terroristica.

Erdogan controlla, direttamente od indirettamente, una fascia di territorio siriano che va da Afrin fino a Manbji. In alcune di queste province, le scuole sono già gestite da personale turco, l’università di Gaziantep è in procinto di aprire alcune facoltà, un’annessione in piena regola de facto già accettata dai principali attori impegnati in Siria. Questo gli consente di avere una zona cuscinetto in grado di allontanare possibili contatti tra curdi siriani e Pkk, oltre che ad ospitare un gran numero di migranti siriani attualmente in Turchia. 

Per completare il suo progetto, illustrato pochi giorni fa con tanto di cartina geografica in mano, gli serve il nord della regione che i curdi identificano con il nome di Rojava. Come sottolinea Giordano Stabile su La Stampa, possibile che Erdogan pensi ad una sorta di “Cipro del nord” poco oltre il confine siriano. Con la scusa di dover alleggerire il peso migratorio dovuto ai tre milioni di siriani che vivono ancora in Turchia, il presidente potrebbe qui impiantare villaggi e paesi con cittadini siriani sunniti. In questo modo, i curdi diventerebbero minoranza e si sposterebbero più a sud ed Erdogan, dal canto suo, sistema i profughi che ha ancora in casa ed annette un’altra zona della Siria.

Il piano di Erdogan nel nord della Siria è chiaro da tempo. Il presidente turco mira a creare una “zona cuscinetto” al confine meridionale. Il “Sultano” ha fatto capire in diverse occasioni che non avrebbe ceduto nella sua rivendicazione. Ha minacciato l’Unione Europea di “aprire le porte” ai profughi siriani (la Turchia ospita oltre 3,5 milioni di rifugiati) e, in un messaggio rivolto agli Stati Uniti, ha detto di essere pronto ad agire da solo se Washington avesse continuato a rallentare il suo progetto. “Se non ci saranno risultati dal negoziato con gli Stati Uniti sulla formazione di una zona sicura – ha affermato Erdogan pochi giorni fa – inizieremo i nostri piani tra due settimane”. Per il presidente turco, quindi, il tempo è scaduto e le sue truppe sono pronte a sferrare l’attacco

Il secondo scopo della Turchia è consentire il ritorno in patria di almeno 2 milioni di rifugiati siriani. Da mesi, la questione dell’accoglienza dei profughi infiamma il dibattito politico. Con la “ricollocazione” di centinaia di migliaia di disperati in fuga dalla guerra, Erdogan pretende dare una risposta ai turchi allarmati dalla grave crisi economica che sta attraversando il Paese. “Dobbiamo prenderci cura della sicurezza delle nostre frontiere e assicurarci che i rifugiati siriani tornino alle loro case in modo sicuro e volontario”, ha dichiarato Ibrahim Kalin, portavoce del presidente turco.

Di fronte all'imminente invasione turca, i curdi siriani sono pronti alla “guerra totale”. “Risponderemo a qualsiasi tipo di attacco”, ha detto Dalbr Issa, comandante delle Ypg. “Le forze democratiche curde sono nate per difendere il nostro popolo. Come abbiamo risposto all'Isis sarebbe lo stesso anche contro un attacco dello Stato turco”. Al di là della prevedibile risposta armata, è in corso una mobilitazione di civili nelle città di Ras al-Ain, Tal Abyad e Kobane lungo il confine. “Saranno scudi umani per impedire l’avanzata turca”, ha detto Arin Sheikhmous, un attivista di Qamishli, dove in centinaia hanno manifestato fuori dall'ufficio delle Nazioni Unite. Oltre ad un nuovo disastro umanitario, in una regione che non conosce pace da oltre otto anni, a preoccupare è anche una possibile rinascita del fanatismo dello sedicente Stato islamico. “Un'invasione da parte delle forze turche – affermano i curdi – creerà circostanze che permetteranno all'Isis di riorganizzarsi e commettere crimini contro l'umanità, diventando ancora una volta una minaccia per tutto il Medio Oriente, l'Europa e il mondo causando morte e distruzione indicibili e costringendo milioni di persone a fuggire dalle loro case diventando rifugiati”.

"I militanti (curdi) dell'Ypg hanno due opzioni: possono disertare oppure noi dovremo fermarli dall'interrompere i nostri sforzi di contrastare l'Isis", ha aggiunto Altun, che ha pubblicato sul Washington Post un commento per esprimere il punto di vista del governo di Recep Tayyip Erdogan sull'imminente offensiva oltre confine. "Il mondo deve sostenere il piano della Turchia per la Siria nordorientale", è il titolo del suo editoriale sul quotidiano americano.

Intanto, citando fonti locali, l'Osservatorio nazionale diritti umani in Siria fa sapere che una serie di raid di artiglieria sono stati compiuti dalla Turchia nelle ultime ore su basi curdo-siriane nel nord della Siria, a est e a ovest dell'Eufrate.

La decisione di Trump ha comunque spiazzato la diplomazia internazionale oltre a creare malumori fra le file del suo stesso partito. Fronde del partito repubblicano accusano Trump di aver «sacrificato» un alleato prezioso e minato la credibilità della politica estera statunitense. Allo stato attuale, Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti «si terrebbero fuori» in caso di attacchi della Turchia ai curdi, minacciando però via tweet di «distruggere l’economia curda» nel caso Erdogan si spinga troppo oltre. Il Pentagono sta escludendo la possibilità di convincere la Turchia ad abbandonare i suoi progetti di invasione del nord della Siria. La lira turca è colata a picco in seguito alle turbolenze politiche, evidenziando il timore degli investitori per un crollo dell’economia nazionale in caso di escalation belliche in Medio Oriente.

«Si comporta come Obama, in Siria fa quello che il suo predecessore ha fatto in Iraq,e abbiamo visto quanto siano state disastrose le conseguenze». Così il senatore Lindsey Graham, repubblicano come Trump, attacca il suo presidente e dà voce a quella parte del partito americano che sostiene Trump ma non è d’accordo con la sua decisione di lasciare che i turchi invadano il Nord est della Siria.

 

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI