Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 22 Ottobre 2018

Il  presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha incontrato la stampa estera stamattina, Il Corriere del Sud presente: "Abbiamo ribadito nella lettera che è stata spedita poco fa che noi siamo assolutamente in Europa, vogliamo dialogare con le istituzioni Ue, vogliamo che quest'interlocuzione si svolga nello spirito di un dialogo costruttivo, non mettiamo in discussione il ruolo della commissione Ue". "Nella lettera all'Ue vogliamo spiegare la nostra manovra. Abbiamo detto perché l'abbiamo impostata in questi termini, abbiamo spiegato la direzione della nostra politica economica, gli obiettivi che intendiamo raggiungere. Ma siamo disponibili a metterci a un tavolo per proseguire una interlocuzione con la Commissione europea" 

"Noi non siamo una banda di scalmanati e indisciplinati andata al governo - spiega Conte - abbiamo lavorato, studiato a lungo, rivisto i fondamentali e dopo avere a lungo studiato siamo arrivati alla consapevolezza che l'Italia, sulla stessa strada, sarebbe entrata in recessione. Queste ricette non hanno funzionato perché l'Italia termini di Pil è stata fanalino di coda dell'Europa".

"Il ministro dell'Economia, Savona, tutti gli esperti ci hanno dissuaso dal continuare su quella strada - prosegue il capo del governo - sembra una scelta azzardata ma dobbiamo confrontarci con la realtà e la realtà è che il deficit non era più quello previsionale ma non essendo cresciuto il Pil era andato al 1,2%. Poi c'è uno 0,7% aggiuntivo per disattivare le clausole Iva: Il 2,4% significa aver programmato uno 0,4% aggiuntivo pressoché dedicato agli investimenti per favorire la crescita". Per Conte "tutte le promesse elettorali ci costano 17 miliardi, in parte tutti finanziati con la crescita. Il problema è di chi ci programmava una crescita allo zero virgola e noi programmiamo l'1,5%".

La manovra "non espone a rischi la stabilità finanziaria dell'Italia né degli altri paesi dell'Unione europea". Lo scrive il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, nella lettera di risposta inviata a Valdis Dombroviskis e Pierre Moscovici dopo i rilievi di Bruxelles. "Riteniamo infatti che il rafforzamento dell'economia italiana sia anche nell'interesse dell'intera economia europea", si legge nella missiva.  

"Se un commissario Ue risponde il Premier Conte prima di leggere la manovra e prima che arrivi la lettera dell'Ue mi dice che questa manovra verrà rigettata, io dico che è un pregiudizio e che è inaccettabile che provenga da chi rappresenta un'istituzione" come l'Ue, ha detto ancora Conte facendo probabile riferimento alle parole dei giorni scorsi del commissario al Bilancio Oettinger. Chi dalla commissione Ue "ha anticipato il giudizio" sulla manovra dell'Italia "ha precisato essere la sua un'opinione personale, ma quando si rappresenta una istituzione le opinioni personali non devono essere espresse". La stessa cosa secondo il presidente del consiglio italiano vale sui migranti."Non abbiamo lasciato una sola persona a morire in mare. Quando qualche commissario europeo descrive l'Italia come xenofoba si assume una responsabilità grave".   

Conte torna anche sulla storia della 'manina'. "Ho ritenuto opportuno e necessario il nuovo Cdm sul decreto fiscale per verificare che il testo traducesse puntualmente l'accordo. Così abbiamo fatto in piena trasparenza, verificando meglio i testi, ripassando l'accordo raggiunto e confezionando un testo che traduce fedelmente i termini dell'accordo". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte incontrando la stampa estera. "Sul decreto fiscale c'è stata la necessità di ritornare in Consiglio dei ministri perché come potete immaginare la legislazione fiscale è molto complessa, vi posso assicurare che è molto complesso scrivere le norme e interpretarle", aggiunge. "C'era una bozza per la dichiarazione integrativa che era giunta nel corso del Cdm, scritta in fretta e personalmente a me recapitata, era sorto qualche dubbio tecnico e interpretativo e c'è stata qualche incomprensione".  .

"Non dobbiamo girare attorno al fatto che questa esperienza di governo è sorretta da due forze chiamate sovraniste e descritte come anti-sistema continua il Primo Ministro :  Questo non significa che sono forze politiche che vogliono scardinare il rule of law ma che mettono e metteranno in discussione molte leggi. Noi non vogliamo un'anarchia ma siamo qui per rinnovare il sistema, è un punto che va inteso sennò non riuscirete a cogliere la nostra esperienza. La nostra è una rivoluzione gentile" afferma il premier Giuseppe Conte..  

"Se arriverà una bocciatura, ci siederemo a un tavolo e valuteremo insieme" "Il 2,4% è tetto massimo che ci siamo impegnati solennemente a rispettare, anzi nella programmazione triennale abbiamo previsto di andare all'1,8% nel 2022. Siamo anche disponibili a valutare un contenimento nel corso di attuazione della manovra". "Il grande problema con l'Europa è di chi programma la crescita allo "zero virgola", noi la programmiamo all'1,5%. Ma abbiamo tante riforme strutturali da fare, alcune le  abbiamo già fatte e le altre le realizzeremo per incidere lì dove dobbiamo crescere". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte incontrando la stampa estera. "Quando io riuscirò con la cabina di regia a spendere i fondi Ue non spesi, vedrete che la crescita volerà. Quando avrò fatto la semplificazione volerà".

"La patrimoniale è assolutamente esclusa: se per qualche motivo dovessimo andare in difficoltà semplicemente adotteremmo dei tagli di spesa per rientrare negli obiettivi prefigurati. Ad esempio se la crescita del Pil non dovesse assecondare le nostre posizioni. Ma la patrimoniale è esclusa". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte incontrando la stampa estera.

Dopo aver aperto in calo a 289 punti, lo spread tra Btp e Bund decennali arriva a 307 punti base, con un tasso di interesse sui titoli italiani che torna al 3,51%.

Inversione di rotta per Piazza Affari, che perde lo 0,4% a 19.004 punti. La Borsa aveva aperto in crescita dell'1,8%, nella prima seduta dopo il giudizio di Moody's, che ha declassato l'Italia, con outlook stabile. In coda al listino ci sono titoli del comparto banche: Banco Bpm (-3,3%), Bper (-2,7%), Ubi (-1,8%). Quello milanese è l'unico listino europeo in rosso.

Le Borse europee si confermano in positivo a metà seduta con l'indice d'area Stoxx 600 che sale di mezzo punto con acquisti in particolare su industriali e manifattura. Londra segna un +0,67% mentre prosegue il lavoro tra Buxelles e la Gran Bretagna per un accordo sulla Brexit. Sale anche Francoforte (+0,63%) mentre è più cauta Parigi (+0,37%). 

"Oggi ho visto che lo spread é a 300 punti. Sono convinto che Mario Draghi stia intervenendo". Lo ha detto il ministro per gli Affari Europei, Paolo Savona, nel corso dell'incontro Europa si / Europa no. "Non ho mai visto - ha aggiunto - una speculazione che si ferma dopo qualche centesimo".

 

Con una lettera durissima - anche più delle attese - che illustra nel dettaglio la "deviazione senza precedenti nella storia del Patto di stabilità", la Commissione europea accende ufficialmente i riflettori sul 'caso Italia', che già preoccupa molti leader in Europa. Finirà anche sul tavolo dei commissari martedì prossimo, che firmeranno la bocciatura formale della manovra, e dell'Eurogruppo il 5 novembre, che darà appoggio politico alla decisione dei tecnici Ue. 

Due passi scontati, se l'Italia entro lunedì non assicurerà, per iscritto, che cambierà la manovra e farà scendere il deficit invece di aumentare la spesa. Il premier Giuseppe Conte, a Bruxelles, difende i piani del Governo e ridimensiona le accuse dell'Ue. Ma non trova grandi sponde tra i colleghi all'Euro summit: dalla Germania all'Austria, dalla Francia all'Olanda, alla Finlandia e al Lussemburgo, è ampio il fronte di chi chiede il rispetto delle regole comuni. Concetto ribadito anche dal presidente della Bce Mario Draghi, che ha messo in guardia dal contestare le regole Ue perché si danneggia la crescita.  

Ma l'Italia risponderà alla lettera di richiamo dell'Ue sulla manovra entro i tempi previsti, ovvero entro mezzogiorno di lunedì' prossimo. E' quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi che sottolineano come, in questa fase, la volontà del governo italiano è quello di un "dialogo costruttivo" con la commissione Ue e, allo stesso tempo, non emerge la volontà di isolare l'Italia da parte dei partner Ue. Al momento non si prevede un incontro con Jean-Claude Juncker viste anche le agende, piuttosto fitte, sia del presidente della commissione sia di Conte.

Lo spread Btp/Bund rallenta a 332 punti base dopo aver toccato stamani quota 340, con un rendimento del Btp decennale al 3,73%. Spread in forte rialzo anche sulle scadenze più lunghe: sul 30 anni è a 305 dopo aver superato stamani 310, a un passo dai massimi dal 2012, con un rendimento che ha superato il 4%.

Pero resta molto alta la tensione fra Lega e M5s sul condono, anche se il premier Giuseppe Conte cerca di rafreddare il clima. «Io sentirò tutti, però inizio ad arrabbiarmi, perché in quel Consiglio dei ministri Conte leggeva e Di Maio scriveva». Così il vicepremier Matteo Salvini, a Mezzocorona, in Trentino, nella giornata di chiusura della campagna elettorale per le provinciali. «Se lo spread arriva a 350 perché questi litigano è un problema. Io domani vado a Roma, sereno, riscriviamo e rileggiamo tutto, però, ripeto, la verità è che in quel Consiglio dei ministri Conte leggeva e Di Maio scriveva», ha insistito Salvini.

Salvini vuole andare dritto su tutto, dal decreto fiscale alla legge sulla legittima difesa che ai 5Stelle non piace, e insiste: «Invece di dare spettacolo, dobbiamo risolvere, è già lo stiamo facendo, i problemi dei cittadini». E Conte? «Bisogna aiutarlo, non creargli altri problemi. Questa storia delle manine e delle manone è assurda. Non ci sono regie occulte, invasioni degli alieni o scie chimiche! Io cerco di vedere la realtà e non faccio trabocchetti, non faccio sgambetti, non credo ai fumetti. E se c'è chi crede alle teorie del complotto, io non sono mai stato tra questi». Cioè i 5Stelle. Non è un tipo che s'arrabbia Salvini, e sembra tranquillissimo come al solito in mezzo alla gente e al profumo di una nuova vittoria elettorale in Trentino e Alto Adige. Però ieri mattina, con qualche interlocutore, si sarebbe sfogato così a proposito di M5S: «Sono ridicoli. Non sanno neanche che cosa leggono e che cosa firmano».

«Noi - incalza ora Salvini - abbiamo sempre sinceramente appoggiato le proposte di M5S. Ci atteniamo al Contratto di governo sempre e comunque. Quello è la vera garanzia per tutti, ma va rispettato da tutti». In ogni caso, tra domani e dopodomani, i due dioscuri dovrebbero vedersi, e trovare una via d'uscita condivisa. Perché né Di Maio né Salvini hanno interesse in questo momento a fare saltare il banco. Luigi per ovvi motivi di crisi di consenso, almeno secondo i sondaggi, e Matteo perché ha bisogno di (relativa) tranquillità per giocarsi bene i 190 giorni che mancano da qui alle elezioni europee di maggio. Intanto, Salvini non ci sta ad essere considerato il leader di un partito di «manipolatori», non vuole toccare il decreto fiscale e non vuole minimamente la crisi di governo. Sul punto numero due, di questi tre, si troverà probabilmente un qualche rattoppo. Ma anche questa, come la verifica, è parola da vecchia politica.

Poi su Facebook salvini insiste: «Uno leggeva il testo incriminato e uno scriveva. Chi erano? Uno era Conte, che ha tutta la mia stima galantuomo, e l'altro Luigi Di Maio che verbalizzava, un'altra persona corretta e coerente con cui lavoro bene e conto di lavorare bene per i prossimi 5 anni». «Io ero in mezzo fra i due: Conte, Salvini, Di Maio». Lo dice Matteo Salvini su Fb, sottolineando che se i 5S non vogliono le misure del dl fiscale «quella roba lì non c'è. Ma passare per l'amico dei condonisti, proprio no».

«Se c'era qualcosa che non andava bene non c'era bisogno di questo can can: si alzava il telefono, Conte o Di Maio, e si cambiava tutto», ha detto Matteo Salvini in diretta Facebook. «Bisogna serrare le fila, compatti Lega e M5s. Rispettosi del contratto di governo ma senza fare scherzi. Ho aspettato senza dir nulla per ventiquattro ore e porto pazienza. Però per scemo non passo. Se qualcuno dei M5s ha cambiato idea cambiamo tutto da cima a fondo. Ma la verità storica è agli atti: quelle 4 paginette ci sono a Palazzo Chigi, con le annotazioni del premier verbalizzate da Di Maio», ha aggiunto Salvini.

«Domani andiamo in Cdm - volevo andare a Cernobbio ma prenderò un aereo con mia figlia - non per polemizzare. Io non voglio far saltare niente e spero che anche i 5 stelle  vogliano proseguire in questa esperienza», ha proseguito il ministro in diretta Facebook. «Però il decreto fiscale in Consiglio dei ministri era letto da Conte e verbalizzato da Di Maio. Io ero in mezzo tra i due: adesso passare noi per quello che hanno fatto tutto, no», ribadisce.

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no. Si telefonassero», ha affermato ancora il vicepremier.

«Noi siamo persone ragionevoli. Se i 5 stelle hanno cambiato idea, basta dirlo. Se Fico è Di Maio hanno cambiato idea, basta dirlo, noi siamo qui», aveva già detto il vice premier. «Lo dicono - ha aggiunto - ci sediamo al tavolo, si va avanti. Meglio per telefono che in tv». «Oggi sono in Trentino ma domani volo a Roma per risolvere i problemi. Basta litigi», aveva affermato invece poco prima Salvini. 

Stralciare le parti del decreto fiscale contestate dal M5s? «Tutto si può fare», ha poi sottolineato Salvini ai microfoni di Stasera Italia, in onda stasera su Retequattro. «Basta che quando la gente legge e approva una cosa, sia convinta di quello che legge e approva. Io sono qua per risolvere i problemi, non per crearli», ha aggiunto Salvini che si dice «fiducioso per l'incontro con Di Maio».

Polemiche anche sul decreto sicurezza. «La scadenza per la presentazione degli emendamenti è oggi: perché i 5Stelle hanno presentato 81 emendamenti come se fossero all'opposizione? Ragazzi non è così che si lavora, non è cosi che si fa tra alleati. Io poi sono ben contento se c'è qualcosa è da migliorare», ha sostenuto Salvini.

«Sono tranquillissimo si lavora come sempre ma noi abbiamo il dovere di dire sempre la verità ai cittadini, sono sicuro che una soluzione la troveremo: mica si vuole far cadere il governo sul condono a chi fa autoricilaggio o riciclaggio di denaro?», ha detto il vicepresidente del Consiglio a Repubblica Tv. 

Intanto "Manterrò un dialogo costruttivo con ogni Stato membro per assicurarmi che restino impegnati in traiettorie di bilancio sane. Lo farò nell'interesse dei cittadini della zona euro e della sua stabilità poiché l'esperienza di questi ultimi anni ci ha dimostrato che un'applicazione intelligente delle regole può stimolare la crescita e la creazione di posti di lavoro, riducendo il deficit e, a lungo termine, il debito". Lo ha detto il commissario Ue Pierre Moscovici nel suo intervento al forum Italia-Francia all'Aspen Institute

Dialogare è fondamentale, sappiamo tutti che la questione è delicata non abbiamo interesse a creare ulteriori tensioni, la 'palla' è ora nel campo delle autorità italiane che ci risponderanno entro lunedì". Così il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici in conferenza stampa al termine della sua visita in Italia, sottolineando che "la decisione della Commissione sarà basata sull'interesse generale, la missione della commissione Ue è assicurare prosperità economica" a tutti gli Stati "e restiamo fedeli a questa missione". Da parte della Commissione europea "nessuna decisione è stata presa, la risposta del ministro Tria sarà molto importante". Lo ha detto il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici sottolineando che sarà "decisivo l'impegno del ministro dell'Economia per rilanciare la crescita ed abbassare il debito".  

"Come Unione Europea, non siamo disposti ad accettare il rischio di caricarci questo debito per l'Italia". Così il cancelliere austriaco Sebastian Kurz arrivando al summit Ue-Asia a Bruxelles. "L'Ue è un'economia e una comunità di valori, e funziona perché ci sono regole comuni a cui tutti devono aderire", ha avvertito Kurz, sottolineando che "se si rompono queste regole, e l'Italia si allontana da Maastricht, allora significa che l'Italia si mette in pericolo, ma ovviamente mette a rischio anche gli altri". Intanto Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi ha avuto a Roma una riunione con il commissario europeo responsabile per gli affari economici, Pierre Moscovici, in cui si è discusso anche del documento programmatico di bilancio italiano. Lo riferisce la Farnesina, spiegando che i due "hanno, in particolare, concordato sull'importanza di mantenere la discussione in un'atmosfera improntata a un corretto, leale e costruttivo confronto delle rispettive valutazioni, in coerenza con le normative vigenti".   

.

 

 

Ci aspettiamo osservazioni critiche" da parte della Commissione Ue ma "ci siederemo attorno al tavolo e spiegheremo", perché "più passa il tempo e più mi convinco che la manovra è molto bella". Così il premier Giuseppe Conte al suo arrivo al vertice Ue. Tra 5 Stelle e Lega non c'è "nessuna frattura" sul decreto fiscale.

"Venerdì sarò a Roma, lo controllerò articolo per articolo e andrà al presidente", ribadisce Conte. La cancelliera tedesca Angela Merkel "è stata molto attenta" durante l'illustrazione della manovra italiana e "impressionata dalle riforme strutturali" in cantiere. Per questo "siamo entrambi d'accordo su una linea di dialogo costruttivo", sottolinea il premier dopo il colloquio avuto ieri con la cancelliera tedesca.

Lo afferma il premier Giuseppe Conte rispondendo ai cronisti che lo attendevano in albergo sul caso del testo decreto fiscale, che secondo il M5S sarebbe stato modificato. "Abbiamo approvato un testo in Cdm, quello deve essere", spiega Conte ribadendo che, al suo ritorno dal Consiglio europeo e dal vertice Asem, "visionerà articolo per articolo" il decreto che contiene la misura della pace fiscale.

Il vicepremier M5S invita il commissario "a mordersi la lingua 3 volte prima di parlare". "Oettinger e tutti i commissari europei dovrebbero iniziare a comportarsi da persone serie e mordersi la lingua tre volte prima di fare dichiarazioni, come faceva il signor Palomar, raccontato da Calvino, il quale se al terzo morso di lingua era ancora convinto della cosa che stava per dire, la diceva; se no stava zitto. In questo modo passava settimane e mesi interi in silenzio". 

"Siamo convinti della manovra, non la cambieremo. Smettetela e lasciate che il governo italiano lavori per gli italiani", dice Salvini. 

Sulla stessa linea  il premier, Giuseppe Conte. "Se c'è un margine per cambiare la manovra? "Noi l'abbiamo studiata molto bene, quindi direi che non c'è", afferma il presidente del consiglio in un punto stampa prima del bilaterale con la cancelliera Angela Merkel. La manovra non cambierà anche a costo di una bocciatura?, insistono i giornalisti. "Confido in un dialogo costruttivo, sicuramente avremo delle osservazioni e ci confronteremo con esse". 

"I debiti eccessivi" sono "pericolosi", non solo "per i Paesi che li hanno accumulati", ma "anche per l'Europa": così il cancelliere austriaco Sebastian Kurz prima di entrare al vertice europeo a Bruxelles, rispondendo a una domanda sul bilancio dell'Italia. "Ritengo negativo che siano state fatte eccezioni per i Paesi più grandi", ha detto Kurz, che si è definito "un grande difensore" dei criteri di Maastricht e ha indicato la politica economica di Vienna come esempio di "equilibrio".

"Buon incontro bilaterale con Giuseppe Conte durante il Consiglio europeo. Ho espresso le preoccupazioni dell'Olanda sui piani di bilancio per il 2019. Pieno sostegno alla Commissione Ue perché applichi gli obblighi comuni del Patto di stabilità": lo scrive in un tweet il premier olandese Mark Rutte, dopo l'incontro con Conte.

l "bubbone" che scoppia nel tardo pomeriggio sul dl fisco, proprio mentre il premier Giuseppe Conte è impegnato a difendere la manovra a Bruxelles, svela il delicato momento dei rapporti tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Rapporti così logori che, secondo fonti circostanziate, non solo dopo il caos sul decreto i due non si sarebbero sentiti ma il leader del M5S avrebbe telefonato al vicepremier alleato senza ricevere risposta. A tarda sera, così, a metterci la faccia è Giuseppe Conte. Il premier blocca l'invio del decreto al Quirinale (invio che Di Maio dava a Porta a Porta per cosa già avvenuta accusando una manina tecnica o politica di aver manipolato il testo) ma, sottolineano fonti di Palazzo Chigi, il capo del governo con il suo intervento "non smentisce" il suo vicepremier confermando che, al Colle, in via informale, una bozza di testo è stata inviata. 

E il premier, alla luce del caos di oggi, quasi avverte i due alleati: il testo sarà visionato dal capo di governo personalmente. Ma le parole di Di Maio irrompono con un certo fragore nell'alleanza di governo. La reazione della Lega, raccontano fonti del Carroccio, è un misto tra stupore, irritazione e gelo. "Noi siamo seri", dicono esponenti leghisti in una nota, a sottolineare che gli alleati non si stanno mostrando altrettanto seri: se Di Maio non è in grado mantenere i patti, problema suo, è il senso del messaggio della Lega. Tra l'altro la bozza di dl fiscale era ben nota ai Cinque stelle, che ne parlavano come di un testo quasi definitivo, raccontano fonti parlamentari sottolineando come lo scudo per i capitali al'estero contro cui si è scagliato di Di Maio, nella bozza non c'è.

E,di qui in poi - sottolineano ancora dalla Lega - qualche limatura è sempre possibile ma alla base c'è un accordo politico: se M5S lo mette in discussione, allora si ridiscute tutto, anche misure sgradite alla lega come pensioni d'oro e pensioni di cittadinanza. Dall'altra parte, tuttavia, lo stop di Conte al decreto rischia di aprire un vaso di Pandora. Anche perché, alla base del blitz di Di Maio, c'è un pressing della base parlamentare (e non solo) del M5S su una misura, come la pace fiscale, che si fa davvero fatica a digerire. Tanto che, poco prima che Di Maio parlasse a Porta a Porta, una fonte parlamentare del M5S commentava così l'ultima bozza circolata: "così, non esiste proprio". Quanto a Giancarlo Giorgetti, lo scudo dei leghisti è totale. A Di Maio che in tv chiama in causa chi ha verbalizzato il cdm, viene fatto notare che lunedi' il sottosegretario ha lasciato il consiglio in anticipo e non ha firmato il verbale finale. 

Domani, insomma, i due alleati sono chiamati ad una ricucitura, perché a rischiare ora è l'intero impianto di una manovra che Conte, proprio in queste ore, difende strenuamente a Bruxelles trovando - sottolineano fonti di Palazzo Chigi - una sponda positiva in Angela Merkel per tentare un ultimo dialogo in Europa. Anche se sono proprio Di Maio e Salvini (e le loro dichiarazioni) ad alimentare lo scetticismo in Europa. Bisogna costruire un clima di fiducia reciproca per il dialogo, sottolinea Merkel a Conte, che assicura, in un faccia a faccia di venti minuti, la sostenibilità dei conti italiani e l'effetto positivo del superamento della Fornero. Ma in Ue, ammette in serata il premier belga Charles Michel, sulla manovra italiana "c'è inquietudine". E' l'incertezza che in queste ore circonda il testo della legge di bilancio non aiuta.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI