Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 16 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:453 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1204 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:555 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:809 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:864 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1058 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1399 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1393 Crotone

Netanyahu: "Basta pressioni, Israele contro Hamas anche da solo"

Hamas ha comunicato che la propria delegazione negoziale ha lasciato Il Cairo, capitale dell'Egitto, per fare ritorno a Doha, capitale del Qatar. Un rappresentante ha dichiarato che Hamas ha dato il proprio assenso al documento proposto dai mediatori per un cessate il fuoco a Gaza, come riportato da al-Jazeera. Izzat al-Rishq, membro del politburo di Hamas, ha espresso che l'incursione israeliana nella città di Rafah e il controllo del passaggio confinario hanno lo scopo di ostacolare gli sforzi dei mediatori volti a stabilire una tregua. Al-Rishq ha poi confermato che la delegazione negoziale del gruppo islamista ha abbandonato Il Cairo diretta a Doha, ribadendo "la determinazione a ratificare il documento dei mediatori per il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza".

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha intanto confermato che interromperà alcune consegne di armi offensive ad Israele in caso di offensiva contro Rafah. Come procedere sul terreno a Gaza e nel Libano, alla luce della decisione della Casa Bianca di bloccare alcune spedizioni di armi, sarà deciso stasera durante le "fatidiche" riunioni del gabinetto di guerra e del gabinetto di sicurezza di Israele. Lo riferisce il quotidiano Israel Hayom, citando un anonimo funzionario israeliano, secondo il quale nella telefonata domenica scorsa tra Biden e il premier, Benjamin Netanyahu, quest'ultimo ha assicurato che lo Stato ebraico "combatterà con le unghie e con i denti se necessario". "E lo diceva sul serio", ha sottolineato il funzionario.

"Oggi affrontiamo nuovamente nemici intenzionati a distruggerci", "dico ai leader del mondo: nessuna pressione, nessuna decisione da parte di alcun forum internazionale impedirà a Israele di difendersi". "Se Israele sarà costretto a restare da solo, Israele resterà da solo". Lo dice il primo ministro israeliano, Benjanim Netanyahu in occasione del Giorno della Memoria dell'Olocausto a Gerusalemme, in quella che sembra essere una risposta alla decisione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di sospendere le spedizioni di armi a Israele. "Innumerevoli persone per bene in tutto il mondo sostengono la nostra giusta causa", ha aggiunto Netanyahu "sconfiggeremo i nostri nemici genocidi".

Gli ospedali del Sud della Striscia di Gaza hanno solo tre giorni di carburante, ha dichiarato il capo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), a causa della chiusura dei valichi di frontiera a Rafah. Nonostante le obiezioni internazionali, ieri Israele ha inviato i carri armati nella sovraffollata città meridionale di Rafah e ha chiuso il vicino valico con l'Egitto, che è il principale canale di accesso per gli aiuti al territorio palestinese assediato. "La chiusura del valico di frontiera continua a impedire alle Nazioni Unite di portare carburante. Senza carburante tutte le operazioni umanitarie si fermeranno. La chiusura del confine impedisce anche la consegna degli aiuti umanitari a Gaza", afferma il direttore generale, Tedros Adhanom Ghebreyesus su X. "Gli ospedali nel sud di Gaza hanno solo tre giorni di carburante, il che significa che i servizi potrebbero presto fermarsi".

Il governo di Hamas nella Striscia di Gaza ha individuato una nuova fossa comune dalla quale sono già stati riesumati 49 corpi nell'ospedale Al Shifa. Le autorità di Gaza fanno sapere che le squadre di soccorso continuano a dissotterrare i corpi e che si aspettano di trovare "dozzine di nuovi corpi" nella fossa comune, la terza trovata nel centro ospedaliero da cui sono già stati recuperati circa 400 morti, secondo un comunicato. Durante le operazioni presso l'ospedale, Israele ha affermato di aver ucciso circa 200 presunti militanti e di aver interrogato più di 800 sospetti, tra i quali ha affermato di aver identificato circa 500 membri di Hamas e della Jihad islamica palestinese, compresi alti funzionari. Finora, secondo Hamas sono state trovate sette fosse comuni negli ospedali della Striscia di Gaza, di cui tre a Naser, tre Khan Yunis (a sud) e un'altra nell'ospedale Kamal Adwan (a nord).

Fonte Varie agenzie Agi

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI