Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 26 Gennaio 2022

Grazie alla Camera di Commercio di Catanzaro, 10 aziende della provincia di Catanzaro potranno beneficiare di una due giorni di incontri commerciali a Dubai. L’iniziativa, il cui relativo avviso pubblico è disponibile sul sito internet dell’Ente camerale, è stato voluto dalla Cciaa per il tramite dell’azienda speciale PromoCatanzaro e s’inserisce nel novero delle attività fortemente volute per stimolare l’export e la domanda estera di prodotti locali.

Il 28 febbraio e l’1 marzo prossimi, quindi, le imprese che avranno presentato regolare domanda di accesso alla manifestazione d’interesse e saranno state selezionate, avranno a disposizione una vetrina esclusiva in cui presentare i propri prodotti davanti a buyer internazionali che saranno a Dubai in occasione dell’Expo 2022: «Il contesto economico interno presenta ancora forti instabilità soprattutto nelle sue prospettive – ha detto il Commissario straordinario dell’Ente Daniele Rossi -. A livello nazionale, infatti, la ripresa evidenziata nel 2021 sembra destinata a rallentare per effetto negativo di fattori esogeni, come l’aumento dei costi per l’energia. Per le imprese, soprattutto per quelle più fragili, si pone quindi come necessario l’impegno ad ampliare il proprio mercato, guardando a contesti esteri che già hanno dimostrato di apprezzare i nostri prodotti, principalmente nel settore enogastronomico. Diventa quindi strategico costruire dei percorsi di sostegno all’internazionalizzazione delle imprese locali, ancor di più oggi: con questa piccola iniziativa, definita con il segretario generale dell’Ente Bruno Calvetta e con la collaborazione della Camera di Commercio italiana negli Emirati Arabi Uniti, contiamo di stimolare l’attenzione e l’interesse delle imprese della nostra provincia verso un’occasione da sfruttare fino in fondo».

Il bando è stato pensato per favorire la nascita di collaborazioni tra le aziende del settore agroalimentare con sede nella provincia di Catanzaro e una rete di controparti commerciali degli Emirati Arabi Uniti (importatori, grossisti, ristoratori, distributori) e prevede, per le aziende locali, la partecipazione gratuita (al netto delle spese di viaggio e soggiorno dei rappresentati aziendali): il contributo, per ogni azienda che sarà ammessa, è compreso tra 5mila e 7mila euro. Diversi i servizi inclusi nel contributo previsto dall’Ente: ricerca e selezione dei buyer; predisposizione agenda degli incontri b2b da realizzarsi a Dubai; interpretariato generale nel corso dei b2b; esposizione permanente dei prodotti delle imprese partecipanti nel ristorante individuato a Dubai (dal 1 febbraio al 30 aprile 2022); inserimento dei prodotti delle imprese partecipanti nel menu del ristorante di Dubai selezionato per due settimane (dal 18 al 24 febbraio e dal 25 febbraio al 3 marzo 2022); buffet/cena con i prodotti delle imprese partecipanti presso lo stesso ristorante in un cui, poi, gli stessi prodotti saranno esposti per 3 mesi.

L’intervento è finanziato principalmente grazie a fondi messi a disposizione dalla Regione Calabria. Le imprese della provincia di Catanzaro interessate a partecipare dovranno inviare all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., debitamente compilate, entro e non oltre il 25 gennaio 2022, la scheda di adesione e il company profile disponibili sui siti www.cz.camcom.it e www.promocatanzaro.it.

Il palcoscenico senza anima prende corpo lentamente. Alla spicciolata gli attori appaiono tra il vociare del pubblico, sorpreso da quella situazione insolita. Ognuno di loro comincia a “entrare” nel personaggio. Dialogano sottovoce, o forse meglio dire che fingono di farlo, indossano gli abiti di scena, cominciano attraverso la finzione a dare vita all’arte del teatro. E’ con il metateatro che ha preso vita l’”Enrico IV” nelle due repliche calabresi, al Teatro Grandinetti Comunale di Lamezia Terme e, ieri sera, al Teatro Comunale di Catanzaro, organizzate da A.M.A. Calabria. Protagonista Sebastiano Lo Monaco, che più di ogni altro nella sua carriera ha saputo dare vita ai personaggi di Luigi Pirandello.

Un’attesa quella iniziale che ha creato un clima di curiosità. Poi, all’improvviso come una scintilla che da’ vita al fuoco, il palcoscenico si illumina con la rappresentazione della follia. Finzione e realtà si fondono nel personaggio di Enrico IV, che induce gli altri a fingere a loro volta. Nell’esibizione della follia e nel momento della sua “guarigione”, Sebastiano Lo Monaco ha mostrato la sua immensa capacità di riuscire ad indossare la maschera cinica del protagonista della vicenda che, dopo una caduta da cavallo, durante una parata carnevalesca, con conseguente trauma cranico, ha ritenuto di essere veramente Enrico IV.

Il tentativo di riportarlo alla ragione da parte della donna da lui amata, la Marchesa Matilde, complici la figlia Frida, i rispettivi amanti, il Barone Belcredi e il Marchese di Nolli e il Dottor Genoni, porta a un finale drammatico. Il rinsavito Enrico uccide Belcredi ed allora comprende che la sua unica via d’uscita è continuare a fingere di essere folle.

La sapiente regia di Yannis Kokkos ha dato all’intera storia una lettura moderna. In alto domina la scena un orologio elettronico, che scandisce l’ora in tempo reale. Non l’unica idea innovativa. Per illustrare il percorso medico di Enrico IV, il dottore utilizza un televisore di ultima generazione. Anche il pugnale con cui si vendica del suo rivale in amore, uccidendolo, viene sostituito con una pistola.

Importante la presenza di un cast di primordine composto da Mariàngeles Torres, Claudio Mazzenga, Rosario Petix, Luca Iacono, Sergio Mancinelli, Francesco Iaia, Giulia Tomaselli, Marcello Montalto, Gaetano Tizzano, Tommaso Garrè. Ognuno di loro, a turno, si impossessa della scena diventando protagonista e non semplici comprimario. Merito del lavoro compiuto da Kokkos, che ha anche reso l’intera narrazione più veloce con il continuo spostamento sul palcoscenico di ognuno degli attori.

Meritatissimi gli applausi del pubblico durati oltre tre minuti, alla fine dei quali Lo Monaco ha voluto ringraziare i presenti per la partecipazione in tempi così difficili, ponendo l’accento sulla caparbietà e sul coraggio di A.M.A. Calabria nel proporre spettacoli culturalmente importanti.

Giovedì 13 gennaio Ernesto Orrico e Paolo Napoli, al Teatro Comunale di Catanzaro, saranno protagonisti di ‘Sulle acque sui rovi. Storia di San Francesco di Paola’ con la regia di Vincenza Costantino. Una ulteriore volontà da parte di A.M.A. Calabria di dare voce al teatro calabrese.

I biglietti dello spettacolo ‘Sulle acque sui rovi. Storia di San Francesco di Paola’ potranno essere acquistati presso la biglietteria del Teatro Comunale di Catanzaro, oppure s’invita a consultare il sito www.amaeventi.org, per l’acquisto on line. Per ulteriori informazioni ci si potrà rivolgere alla segreteria al numero telefonico 0968.24850 o contattandoci alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

A.M.A. Calabria si atterrà alle misure disposte dalle autorità nazionali in ordine all’emergenza pandemica consentendo l’ingresso esclusivamente agli spettatori in possesso del Green Pass e fino a esaurimento posti.

 

La Camera di Commercio di Catanzaro, in collaborazione con Giunti al Punto, ha donato, nella mattinata di martedì, una mini-biblioteca ai bambini della scuola dell’infanzia del quartiere Santo Janni di Catanzaro, uno dei 12 plessi dell’Istituto Comprensivo “Don Milani-Sala”.

Più di cento libri per bambini, tra favole e pop-up, libri interattivi e da colorare sono stati consegnati dal commissario straordinario dell’Ente Daniele Rossi ai 57 bambini che popolano la scuola nel cuore di uno dei quartieri periferici della città capoluogo di regione: «Questa piccola iniziativa – ha detto Rossi – credo abbia soprattutto un alto valore simbolico. Ritengo infatti sia molto importante riuscire ad avvicinare i bambini alla lettura sin da piccoli. Il contatto con i libri, l’idea di scegliere da uno scaffale qualcosa che susciti interesse, il piacere di sfogliare le pagine di una storia affascinante: la crescita dell’individuo non può che passare necessariamente da qui. Le maestre, che ringrazio per il lavoro che svolgono quotidianamente, mi hanno detto che i bimbi erano entusiasti all’idea di ricevere i libri e oggi ho visto nei loro occhi tanto entusiasmo. È stata una bellissima emozione».

L’iniziativa è stata realizzata con il supporto della libreria Giunti al Punto di Catanzaro e s’inserisce nella 12a edizione della raccolta di libri promossa a livello nazionale dalla casa editrice. Negli undici anni precedenti sono stati raccolti e donati a scuole e ospedali pediatrici, in tutto il Paese, circa 2 milioni di libri.

Il Si è svolto con successo, nel weekend appena trascorso, l’evento culturale promosso dall’associazione Calabria Contatto con la collaborazione dell’associazione CulturAttiva, la Cooperativa Atlantide e Catanzaro Jazz Fest e di concerto con la Fondazione Andrea Cefaly. L’evento dal titolo “Catanzaro dai bizantini ai normanni e il “sogno” della Magna Grecia”, che si  svolto nei pomeriggi di sabato 20 e domenica 21 novembre,  si è focalizzato sulla riscoperta di alcuni dei luoghi simbolo dell’epoca normanna e alcuni legati alle origini bizantine della città, per poi concludersi con la visita alla mostra “Lorenzo Bruschini – Scendeva simile alla notte”, promossa dalla Fondazione Cefaly ed ospitata all’interno delle sale del Complesso Monumentale del San Giovanni fino al prossimo 12 dicembre.

Un weekend dedicato alla storia, all’arte, al confronto culturale, svolto all’insegna della collaborazione tra varie realtà che operano attivamente sul territorio e che ha visto protagonisti due gruppi animati da grande interesse verso la storia di una città che ha tanto da raccontare: dall’arte della seta introdotta dai fondatori bizantini e poi divenuta fonte di grande fama e ricchezza e parte integrante della propria identità; ai drastici mutamenti che videro scomparire il suo volto medievale; passando per le vicende collegate alla distruzione della fortezza edificata dai normanni in nome della demanialità e conseguente liberazione dall’arroganza del potere feudale.

Varcato l’ingresso del Complesso monumentale del San Giovanni si è aperta la riflessione sui temi legati alla Magna Grecia e più in particolare sulle radici minoiche della cultura greca, grazie al percorso espositivo, curato da Giuliana Stella, delle opere dell’artista Lorenzo Bruschini che era presente alla mostra e con squisita semplicità si è raccontato ai partecipanti e si è confrontato con le loro domande.

Molto particolare è stata la serata di domenica 21 ottobre, caratterizzata dalla presenza di un gruppo formato da bambini e genitori che, dietro suggerimento dell’insegnante Elisa Chiriano, hanno partecipato all’iniziativa nella piena convinzione che la riscoperta del proprio territorio e delle proprie radici siano tasselli fondamentali nel percorso di formazione dei giovani come futuri cittadini attivi e consapevoli.

Si è concluso il festival “Speciality Food” che, in concomitanza con Expo2020, ha visto Dubai ospitare migliaia di operatori economici del settore enogastronomico tra imprese produttrici, buyer internazionali e importatori.

Tra i protagonisti della manifestazione anche la Camera di Commercio di Catanzaro che ha accompagnato sei imprese della provincia di Catanzaro al più importante evento di settore per il Medio Oriente che quest’anno, grazie a Expo, ha visto moltiplicare il proprio appeal commerciale.

Nelle parole degli imprenditori tutto l’entusiasmo per l’iniziativa: «In fiera abbiamo notato che i visitatori hanno apprezzato molto il nostro olio extravergine biologico di altissima qualità – ha detto Cristina Perri, dell’omonima azienda agricola -. Un ringraziamento va alla Camera di Commercio di Catanzaro per aver organizzato la nostra presenza qui. Partecipare ad un evento simile non è cosa da poco. Essere qui e fare parte di tutto questo è fantastico».

«Il nostro obiettivo è ampliare quote di mercato e ricercare partner affidabili. Abbiamo notato grande interesse per la nostra acqua che è stata particolarmente apprezzata per le sue caratteristiche. E poi tutti si fermano ad assaggiare la nostra Brasilena che ha catturato l'attenzione non solo degli operatori di Dubai ma del Medio Oriente in generale!», ha aggiunto Cesare Cristofaro (Acqua Calabria).

Giampaolo Celli, di Tutto Calabria: «Questa è la nostra prima fiera all'estero post pandemia e l'augurio è che il mondo possa ripartire tornando alla normalità: sono piacevolmente colpito dal numero visitatori hanno affollato il nostro stand apprezzando i nostri prodotti».

Paolo Cariglino (Blue Sea Fish) ha spiegato: «Grazie alla collaborazione della Camera di Commercio di Catanzaro ci siamo affacciati ad una vetrina internazionale come lo Speciality Food Festival dove abbiamo cercato di trasmettere a tutto il mondo arabo la nostra storia, i nostri sapori e il nostro modo di vivere attraverso la presentazione dei nostri piatti. Sono molto soddisfatto dell’impatto che i nostri prodotti hanno avuto in fiera e mi auguro che la nostra presenza, oggi temporanea, possa trasformarsi in maniera permanente, entrando nelle case delle famiglie arabe».

«Esperienza interessante e ricca di opportunità quella vissuta qui a Dubai in fiera. The Speciality Food Festival rappresenta una vetrina per tutti coloro che hanno l'ambizione di aprire nuovi sbocchi in mercati fertili», è stato il commento di Gennaro Condorelli (Dolcon).

Giovanni Pontieri (Salumificio Geca), che ha realizzato un prodotto specifico per il mercato mediorientale – la nduja di bovino -, ha commentato: «Ho accolto con grande entusiasmo l'invito della Camera di Commercio di Catanzaro di venire a Dubai, crocevia del Medio Oriente, punto d’incontro di culture e di idee, per creare opportunità volte a rafforzare una vasta rete di esportazioni con l'obiettivo di far conoscere e apprezzare i nostri prodotti».

«Siamo soddisfatti dell’ottimo riscontro e del grande interesse che le nostre imprese hanno ottenuto nel corso della fiera – ha detto Daniele Rossi, commissario straordinario dell’Ente camerale catanzarese, che assieme al segretario generale Bruno Calvetta ha partecipato all’evento espositivo -. Questa, come tante altre iniziative volte a favorire l’internazionalizzazione delle aziende calabresi, conferma una volta di più come ci siano mercati molto ben disposti a rispondere positivamente ai nostri prodotti, le imprese devono avere la forza e il coraggio di guardare a queste opportunità con capacità di pianificare e una struttura commerciale adeguata. In questo, la Camera di Commercio è pronta a sostenere gli imprenditori mettendo a disposizione il proprio know-how, la propria rete di contatti istituzionali e importanti programmi di formazione che aumentano le risorse immateriali delle imprese. L’attività camerale sull’internazionalizzazione non si ferma qui, ma anzi prosegue con uno sguardo attento a mercati ancora poco esplorati dal nostro tessuto produttivo, ma che sarebbero capaci di dare grandi risposte in termini di accordi commerciali».

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI