Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 09 Agosto 2022

Si è conclusa con grandi emozioni e ospiti d'eccezione la I edizione del Caltagirone Short Filmfest. La kermesse in quattro serate ha portato il cinema e i suoi protagonisti nel centro storico della cittadina siciliana - famosa in tutto il mondo per le sue architetture barocche -  premiando cortometraggi e documentari italiani e stranieri.

La serata conclusiva della kermesse ha preso il via in una gremita Piazza del Municipio, condotta con maestria da Salvo La Rosa che ha subito lanciato la proiezone degli ultimi due corti fuori concorso: “Maestrale” di Nico Bonomolo - alla presenza del regista – film già vincitore del David di Donatello 2022, e “Paolo e i suoi angeli” di Giulia Galati, alla presenza dell'attore Rosario Terranova qui nel ruolo di Paolo Borsellino.

Numerosi gli ospiti sul palco tra cui lo scrittore e sceneggiatore bagherese Paolo Pintacuda, autore del romanzo “Jaco” e già protagonista di una chiacchierata a tu per tu con il giornalista Omar Gelsomino.

Il pubblico ha poi applaudito calorosamente il soprano Marianna Cappellani, interprete di un apprezzatissimo omaggio a Verga tratto dalla Cavalleria Rusticana di Mascagni e accompagnata al pianoforte dal M° Ninni Spina; l'attore Bruno Torrisi che ha recitato il commovente monologo “Sono solo un uomo” dedicato alla memoria di Giovanni Falcone. Il pubblico ha poi assistito alla proiezione del corto La Nebbia di Nanni Palma, vincitore del Premio Globus Award - Critica Televisiva e Cinemtografica e si è parlato ancora di cinema italiano con l'attrice Lucia Sardo, vincitrice del Premio Luigi Sturzo, con il regista Paolo Messina e con la regista Emma Cecala, vincitrice del premio Miglior corto siciliano con “QuarantacinqueQuindiciVentiquattro”, film che è valso il premio miglior interprete siciliano anche ai suoi attori Stefania Blandeburgo e Toti e Totino, al secolo Salvatore Mancuso e Salvatore La Mantia.

L'irresistibile duo comico ha tenuto poi banco con la sua proverbiale e dirompente ironia, entusiasmando il pubblico presente.

Grande finale ricco di emozione con la Banda Musicale Luigi Sturzo diretta dal M° Mirko Musco che, con il sapiente commento del volto Sky Francesco Castelnuovo, omaggia il grande compositore, direttore d’orchestra e premio Oscar Ennio Morricone con l’esecuzione di alcuni dei suoi brani più suggestivi.

Con la direzione artistica di Angela Failla, sceneggiatrice e scrittrice, ed Eva Basteiro-Bertolí, attrice, produttrice e cantante di origine catalana, il Caltagirone Short FilmFest è una manifestazione organizzata dal Comune di Caltagirone e dal medesimo è stato patrocinato insieme alla Regione Sicilia.

«Questa manifestazione – commenta Angela Failla - è un omaggio che ho voluto fare alla mia terra, la Sicilia, un luogo magico, pieno di calore, tradizione e meraviglia. Anche per questo ho voluto dedicare una sezione all’isola e ai siciliani, per presentare al pubblico anche quelle opere che narrano le bellezze che l’isola nasconde».

Prosegue il Sindaco di Caltagirone Fabio Roccuzzo: «Caltagirone, grazie al FilmFest, a vent’anni dalla dichiarazione di Budapest che riconobbe il suo centro storico Patrimonio dell’Umanità, ha promosso un turismo di qualità ispirato ad arte, cinema, cultura e bellezza nella città Patrimonio Unesco».

 

Grande accoglienza nella Città de Pistacchio per la 40’ tappa dell’Appennino Bike Tour, ovvero la campagna sulla ciclovia di 3000 chilometri che dalla Liguria ha raggiunto la Sicilia, attraversando oltre 300 Comuni e 56 fra Parchi e Aree protette.

Ad accogliere i ciclisti il vice sindaco, Antonio Leanza e l’assessore al Turismo, Nunzio Saitta, fieri di essere ancora una volta protagonisti di una manifestazione capace di promuovere turismo ed ambiente.

L’arrivo a Bronte, infatti, non è stato solo l’occasione per promuovere lo sport.

Organizzata da Legambiente e Vivi Appennino con Misura, la campagna ha l’obiettivo di realizzare e attrezzare un percorso ciclabile all’interno di aree verdi, Comuni e piccoli borghi italiani, attraverso una forma di turismo dolce che coniuga mobilità sostenibile, sport e scoperta del territorio.

Ma non solo, all'arrivo a Bronte gli organizzatori hanno “nominato” ambasciatori degli Appennini, Boris Behncke, vulcanologo presso l’Ingv di Catania, per la grande opera di divulgazione scientifica sul vulcano, e la moglie Catherine Lemercier, guida ambientale escursionistica, per la sensibilità e le prese di posizione in campo ambientale e per la tutela del territorio etneo.

“Siamo felici – ha affermato l’assessore Saitta – di far parte di questa ciclovia che dall’Appenino alla Sicilia promuove un turismo sostenibile. E Bronte con i suoi paesaggi ed i prodotti enogastronomici ha tanto da offrire. Bello – ha continuato – il fatto che Enrico della Torre, direttore generale di Vivi Appennino, proprio a Bronte abbia annunciato che il Ministero sta completando l’iter per finanziare la ciclovia, che sarà dotata di opportuna segnaletica. Emozionante – ha concluso - il momento in cui il circolo etneo di Legambiente ha premiato Boris Behncke e la moglie Catherine Lemercier, entrambi veri e propri testimonial delle peculiarità del nostro Vulcano”.

Che i giovani siano il futuro e che da loro debba partire il cambiamento è opinione abbastanza condivisa dal mondo professionale e dalle associazioni di categoria. Ne è un esempio concreto la presenza dei Giovani di Ance al Parlamento UE e alle Commissioni Europee, con l’obiettivo di sensibilizzare su temi legati al mondo dell’edilizia e avanzare proposte che possano portare benefici.

Presenti anche i giovani di Ance Catania, con il loro presidente Fabrizio Fronterrè e i componenti del direttivo Giovanni Reina e Ludovico Porto, per discutere di argomenti di grande attualità e che da sempre stanno a cuore all’Associazione etnea. Nel corso della due-giorni a Bruxelles – organizzata da Ance Giovani e dalla sua presidente Angelica Krystle Donati – «sono stati accesi i riflettori sul Superbonus, sulle sue criticità e sulle possibili soluzioni – spiega Fronterrè – il poco tempo a disposizione e l’ingente numero di interventi ha creato una bolla all’interno del sistema, provocando il blocco dei crediti e incidendo sul caro-materiali. Per rispondere alle normative europee in materia edilizia e prestazione energetica – aggiunge – sembra assolutamente necessario rendere il Superbonus strutturale, senza porre specifiche scadenze, consentendo di lavorare in serenità e di fare progetti a lungo termine». Questo avrebbe il duplice effetto secondo Fronterrè, «di scaglionare gli interventi nel tempo e, conseguentemente, calmierare i prezzi».

Tra le note dolenti - emerse durante il confronto con i piani alti della politica europea - i tempi per portare a termine interventi che, come fanno notare Fronterrè, Reina e Porto, «sono difficili, se non impossibili, non solo per l’Italia, ma anche per altri Paesi dell’UE». Tra le indicazioni comunitarie, infatti, la riduzione in un anno del 55% di emissioni di anidride carbonica e nuovi obiettivi da raggiungere per ottenere l’indipendenza dal gas russo, attraverso energie rinnovabili e la riduzione del consumo del suolo.

Il “tempo”, dunque, è il nodo centrale della questione, come sottolineato dai giovani di Ance, consapevoli della necessità di dover intervenire su un tessuto immobiliare in larga percentuale vetusto. Ragionamento che vale anche per le infrastrutture, in molti casi oggetto di interventi straordinari. In questo quadro rientra anche la seconda delle proposte avanzate, riguardanti i finanziamenti TEN-T: «Sono fondi destinati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – spiega – ma solo per le nuove opere. Purtroppo, in Sicilia e in Italia, la maggior parte dei grandi interventi sono di manutenzione straordinaria. Questa la ragione per cui sarebbe ragionevole riservare alcune risorse a questo tipo di lavori, favorendo il recupero di infrastrutture fondamentali nel collegamento del Paese, non solo tra le varie regioni, ma anche con il resto d’Europa».

Nel corso della permanenza nella capitale belga, i giovani imprenditori hanno avuto modo di presentare le loro istanze agli onorevoli Danilo Oscar Lancini e Massimiliano Salini e alla rappresentanza italiana permanente presso l’Unione Europea.

 

La maturità 2022 regala 28 centisti all’istituto Duca degli Abruzzi di Catania. Un risultato di grande prestigio per il Politecnico del Mare e per i ragazzi che, nonostante gli ultimi due anni molto complessi e legati alla pandemia, hanno saputo trarre estremo profitto degli insegnamenti e delle nozioni acquisite dalla scuola.

“Sono felice ed estremamente orgogliosa di tutti i miei studenti che hanno concluso un percorso di vita e presto ne cominceranno un altro- afferma la dirigente del “Duca degli Abruzzi di Catania”, Vice Presidente dell’ITS di Catania e Cavaliere Brigida Morsellino- i nostri ragazzi hanno saputo raccogliere questa importante scommessa e hanno raggiunto un obiettivo che dà grande lustro a tutti noi. Con loro l’anno didattico si può considerare concluso ma nella mente di tutti noi resteranno i ricordi, i vincoli, l'affetto e l'empatia. Desidero ringraziare gli studenti, i docenti, i genitori, il personale Ata, il direttore, i tecnici e tutti coloro che a vario titolo lavorano costantemente per il bene della nostra scuola. Dopo due anni penalizzanti e terribili finalmente oggi cogliamo il frutto di tutti i nostri sforzi”.

 Di seguito l’elenco dei meritevoli centisti del Duca degli Abruzzi. (5°N professionale: Giuffrida Katriel Alessio, Catania  Salvatore  Sebastiano; 5°D log: Marino Matteo 100 con lode, Salluzzo Giuseppe, Sortino Francesco Antonio, Spampinato Andrea Antonio, Spina Timothy,Tomaselli Damiano Giovanni  100 con lode; 5° F log: Scalogna Nicole, Strano Emanuele, Amato Cristian 100 con lode, Battiato Garozzo Vittoria 100 con lode; 5°B macchinisti: Calcagno Dario 100 e lode,  KChina Magen 100 e lode, Liruzzo Salvatore Claudio 100 e lode, Privitera Gaetano 100 e lode;  5°L macchinisti: Di Mauro Gabriele Giuseppe, Messina Noemi, Petronio Simone 100 e lode,  Santonocito Rosario 100 e lode; 5°A capitani: Andolina Filippo Gioele, Di Fazio Rosario 100 e lode, Molino Andrea, Muscianisi Alessandro, Risuglia Giuseppe; 5°E capitani: Mascali Agnese Agata 100 e lode, Torrisi Salvatore 100 e lode, Muscianisi Raffaele) 

Presentato sabato, nella Sala Rossa di Palazzo Libertini, il “Caltagirone Jazz Festival 2022”, la rassegna che si articola in quattro appuntamenti dal 1° al 28 luglio, in piazza Municipio e in Discesa Collegio (inizio concerti alle 21, ingresso libero), nel cuore del centro storico riconosciuto dall’Unesco patrimonio dell’umanità. La kermesse, promossa dall’Amministrazione comunale, si avvale del coordinamento organizzativo di Inside Produzioni e del contributo di Banca Sicana, Fondazione Sicana e azienda agricola San Moro.

Sono stati il sindaco Fabio Roccuzzo, l’assessore alla Cultura Claudio Lo Monaco e il direttore artistico Giuseppe Costantino Lentini a illustrare il programma della manifestazione, sottolineando la caratura nazionale e internazionale degli artisti e l’interazione fra la musica e l’architettura di alcuni dei luoghi simbolo di Caltagirone, che vedranno così ancora più esaltata la propria bellezza. Evidenziato che sarà un viaggio nella musica dei più importanti compositori al mondo attraverso gli standard americani e italiani, dagli anni ’50/60 in avanti. Le performance saranno assolutamente diverse tra loro, ma, come rilevato durante la conferenza stampa, avranno un comune denominatore: il Jazz di assoluta qualità. Ringraziamenti sono stati espressi ai privati che supportano l’evento e, in particolare, al presidente di Banca Sicana Giuseppe Di Forti.

Il programma: si comincia venerdì 1° luglio, in piazza Municipio, con “American Songbook”, con Michael Rosen al sax (il suo sound accattivante e la sua simpatia ne hanno fatto un artista richiestissimo anche da cantanti come Mina, Celentano, Concato, Rossana Casale, Renato Zero, Giorgia, Biagio Antonacci e Fiorello) e Seby Burgio (attualmente uno dei pianisti jazz più richiesti in Italia) al piano. Si prosegue sabato 9 luglio, ancora in piazza Municipio, con il “Dino Rubino Trio”, formato dallo stesso Rubino, da Marco Bardoscia (contrabasso) e da Emanuele Primavera (batteria). Venerdì 15 luglio, in Discesa Collegio, sarà la volta di “An Italian Tale”, con il connubio fra il fagotto di Antonio Cicero e il piano di Luciano Troja. Infine, giovedì 28 luglio, ancora in Discesa Collegio, “Jazz Back to Grammo” insieme a Carmelo Coglitore (sax soprano/clarinetto) e Francesco Cusa (drums).

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI