Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 08 Marzo 2021

Da oggi, sulla facciata di Palazzo San Giorgio, sede del Municipio di Reggio Calabria, campeggerà il volto di Patrick Zaki. L’Amministrazione comunale reggina guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà, infatti, ha aderito all’iniziativa lanciata dall’associazione “InOltre – Alternativa Progressista” per sensibilizzare e favorire l’immediata scarcerazione del cittadino egiziano, ricercatore all’università di Bologna, detenuto al Cairo per il suo attivismo e le sue idee politiche. Il manifesto, opera dell’artista Francesca Grosso, è un ritratto del giovane studente composto dalle frasi di una lettera, tradotta in 16 lingue da “InOltre”, che ne invoca la liberazione.

Questa mattina alla cerimonia di apposizione dell'immagine di Patrick Zaki sul portone principale di Palazzo San Giorgio, era presente il sindaco Giuseppe Falcomatà insieme alla rappresentante dell'Associazione “InOltre – Alternativa Progressista” Melania Toscano, il Vicesindaco Tonino Perna ed il Presidente del Consiglio Comunale Vincenzo Marra.

«Con questo gesto simbolico – ha commentato il sindaco Giuseppe Falcomatà a margine della cerimonia - invitiamo il Governo italiano a produrre altri e più incessanti sforzi nelle negoziazioni affinchè Patrick Zaki venga liberato e possa tornare presto in Italia. Ci uniamo a tutti coloro che in questi giorni hanno avanzato la richiesta al Presidente Mattarella affinchè sia riconosciuta al giovane la cittadinanza italiana, ed anche l'Europa possa assumere le iniziative necessarie finalizzate ad un suo rilascio immediato"

"Non abbiamo esitato un solo istante - ha aggiunto il sindaco - nel sostenere la campagna lanciata da “InOltre Alternativa Progressista”, cui va il nostro pieno e convinto ringraziamento. Anche se simili iniziative possono apparire simboliche di fronte all’enormità del problema, sono ugualmente indispensabili per tenere i riflettori sempre accesi su casi, come quello patito da Zaki, che umiliano la democrazia e rappresentano un intollerabile abuso contro ogni principio di giustizia, libertà e tolleranza".

«Quella di Patrick Zaki – ha continuato il sindaco – è una carcerazione preventiva oltremodo ingiusta ed illegittima che dura da ormai un anno. Si tratta di una vera e propria violazione dei diritti dell’uomo perpetrata dall’Egitto, un Paese già tristemente protagonista della vicenda spregevole subita dal nostro Giulio Regeni. Servono, dunque, una presa di coscienza collettiva ed una mobilitazione internazionale forte affinché venga definitivamente chiuso un evento disumano che rappresenta una delle pagine più tristi della storia contemporanea».

«L’ulteriore prolungamento della carcerazione preventiva inflitta allo studente egiziano – ha concluso Giuseppe Falcomatà - è un motivo in più che alimenta la nostra indignazione e ci spinge a continuare a tenere alta l’attenzione alzando la voce in difesa della civiltà e della democrazia. Invito ogni reggino, che da oggi si troverà ad osservare l’immagine di Patrick Zaki affissa su Palazzo San Giorgio, a riflettere sui dolori che provocano l’intolleranza, l’autoritarismo, i sentimenti abietti dell’odio e della discriminazione». 

Un nuovo parco urbano per la zona sud della Città. Un nuovo spazio recuperato all'incuria, nella zona residenziale di contrada Maldariti si sta già trasformando in un parco verde a disposizione di tutti i cittadini, famiglie, bambini, anziani.

L'intervento, in capo alla Città Metropolitana di Reggio Calabria, che ha acquisito parte del terreno per complessivi 5300 metri quadri dopo una convenzione con il Comune di Reggio Calabria e Sorical, prevede un investimento complessivo di circa

Il progetto, in corso di realizzazione, sarà ultimato nei prossimi mesi, già nel corso della primavera. All'interno del parco è prevista un'ampia area verde, con diverse alberature, che punta alla complessiva riqualificazione del luogo e diversi spazi dedicati al gioco, con un campo da bocce, un campo polivalente e delle dune attrezzate, oltre ad uno spazio con panchine e sedute, uno spazio destinato al gioco dei bambini più piccoli e la predisposizione per la posa in opera di servizi igienici prefabbricati e di tutta l'impiantistica necessaria (idrica - elettrica e fognaria). 

Questa mattina il sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà, accompagnato da assessori e consiglieri comunali, ha effettuato un sopralluogo sul cantiere per verificare lo stato di avanzamento lavori. Presente anche il già consigliere delegato all'Ambiente della Città Metropolitana Antonino Nocera, che per primo, insieme al sindaco Falcomatà, condivise l'idea della realizzazione del parco urbano in un'area che risultava da decenni in uno stato di completo abbandono.

"E' uno spazio molto ampio che presto si trasformerà in una bellissima area verde attrezzata con giochi per bambini e famiglie, un campo da bocce, un campo polivalente, una zona per il riposo e la socializzazione con panchine e alberi" ha commentato il sindaco Falcomatà a margine del sopralluogo. "Un progetto che abbiamo condiviso con i cittadini residenti fin dalla sua genesi, che servirà una zona residenziale dove sono presenti centinaia di abitazioni e dove fino ad oggi non esisteva uno spazio di condivisione da dedicare al gioco e alla socialità. Tra l'altro, in accordo alla Soprintendenza, abbiamo immaginato insieme ai progettisti di recuperare anche il muro esterno di questo ampio spazio, attraverso la realizzazione di un murales tematico che segnerà l'identità del parco. I lavori stanno già andando avanti in maniera spedita, seguiremo questo cantiere, avviato ormai da qualche settimana, con l'obiettivo di aprire questo nuovo spazio e consegnarlo alla cittadinanza già nella prossima primavera".

Soddisfazione per l'avvio del nuovo cantiere cittadino è stata espressa anche dal già consigliere delegato all'Ambiente della Città Metropolitana Nino Nocera, che insieme agli Assessori Brunetti e Scopelliti, e ai consiglieri Burrone, Malara, Novarro e Latella, ha avuto modo di apprezzare lo stato dell'arte dei lavori in corso sul cantiere.  "Siamo davvero contenti che questa nuova opera sia arrivata alla fase di realizzazione - ha spiegato Nocera - abbiamo lavorato in questi anni sull'iter burocratico e progettuale, condividendo l'idea con i cittadini dell'area, con l'obiettivo di arrivare in tempi brevi alla realizzazione di un'opera in grado di attivare un processo di rigenerazione urbana per quest'area della città. Oggi finalmente si vedono i mezzi della ditta all'opera e i cittadini seguiranno l'evolversi dei lavori fino all'apertura del nuovo parco, la prossima primavera, che speriamo di poter accogliere con una bella festa".

Come da programma annuale, l'Associazione Incontriamoci Sempre ha acceso le luci degli addobbi Natalizi nella Stazione Fs di S Caterina.

Dal viadotto S.Caterina, arteria importante della città, con affaccio sul porto e sullo splendido scenario dello Stretto, è visibile l'intero addobbo, con un bel colpo d'occhio per gli automobilisti in transito ed anche per i viaggiatori provenienti da Messina con gli Aliscafi.

L'Albero della Speranza, con le sue luci di contorno, crea una bella atmosfera, in attesa del Santo Natale, una festività molto importante per tutte le nostre famiglie, ricca di significato e di unione, che, seppur quest'anno in tono minore  per via della pandemia, rinnova l'amore e la fratellanza nonostante le distanze.

L'Associazione ha anche allestito un presepe all'interno della Stazione e tra qualche giorno, grazie alle socie Gismondo e Foti, saranno donate delle creazioni artistiche legate alla Natività.

Il messaggio di Incontriamoci Sempre, dalla splendida galleria d'arte della stazione di S Caterina, è di pace, amore e speranza.

L'augurio è che il 2021 ci regali la Buona Novella, riprendendo il pensiero del nostro caro Chef Filippo Cogliandro: "ERAVAMO FELICI E NON LO SAPEVAMO, questo prima del covid 19 , l'augurio è poter dire  2021 SIAMO FELICI ECCOCI QUI".

 

E’ partita questa mattina la campagna di screening dell’intera comunità portuale di Gioia Tauro. All’interno dello scalo sono stati allestiti appositi gazebo dove i lavoratori del porto potranno effettuare il tampone. L’attività di tracciamento andrà avanti fino al 10 dicembre prossimo, esclusi i giorni di sabato e domenica e l’8 dicembre.

Eseguita dal personale specializzato dell’Istituto Clinico Prof. R. Deblasi di Reggio Calabria è rivolta a tutti i lavoratori che, su base volontaria, vorranno sottoporsi allo screening.

L’invito a garantire un’alta adesione è stato, infatti, divulgato all’intero cluster marittimo.

Sostenuta dall’Autorità portuale, che ha predisposto l’allestimento dei relativi gazebo, si rivolge ai dipendenti dei due terminalisti (Med Center Terminal Container ed Automar Gioia Tauro) e, chiaramente, alle altre aziende operanti all’interno dello scalo.

A tale proposito sono stati, altresì, coinvolte tutte le Organizzazioni sindacali al fine di diffondere l’invito alla più ampia partecipazione.

Obiettivo dell’attività di tracciamento è, appunto, quello di assicurare la massima sicurezza dei luoghi di lavoro a tutela della salute dei lavoratori e, quindi, di adottare le idonee misure di contenimento della diffusione del Covid-19, per garantire anche l’operatività dello scalo.

L’affluenza della prima giornata ha visto la partecipazione dei lavoratori di Med Center Terminal Container. Mentre nei giorni successivi si continuerà con il coinvolgimento dell’intera comunità portuale.  

Siamo giunti al termine della settimana in cui si è svolta la settima edizione delle giornate di lettura promosse da Libriamoci dal 16 al 21 novembre, a cui gli alunni del Liceo classico “T. Campanella” hanno partecipato come è stato negli anni scorsi. L’obiettivo del progetto, promosso dal Ministero per i beni e le Attività culturali e per il Turismo attraverso il MIUR, è quello di stimolare le giovani generazioni, sempre più legate alla multimedialità, verso percorsi volti a diffondere l’amore per la lettura e il desiderio di approfondire varie tematiche attraverso occasioni coinvolgenti di ascolto e partecipazione attiva, quali la lettura espressiva, il dibattito e l’incontro con autori.  I filoni tematici a cui i docenti hanno potuto ispirarsi per il percorso da sviluppare con gli alunni sono stati tre ovvero Contagiati dalle storie, dalle idee e dalla gentilezza. Il primo era legato ai vari generi letterari e a varie attività di approfondimento, il secondo rivolto alla scelta di un’idea su cui costruire una serie di discussioni sulla base di letture di quotidiani ed infine il terzo dava l’opportunità di affrontare tematiche come il bullismo e la violenza in generale. La settimana è iniziata con l’iniziativa “Viaggio nei libri” a cui hanno partecipato le classi 4B-4E-3F-3B-2A, guidate dalle Prof.sse G. Buda, F. Chirico, M. L. Fedele e si è svolta in modalità web con il lettore esterno, la giornalista Francesca Romana Orlando. Già la stessa denominazione svela lo spirito con cui i discenti e i docenti si sono posti verso la lettura alla scoperta di storie emozionanti. La lettura è stata collettiva ed ha suscitato emozioni traducibili in riflessioni profonde da parte degli allievi. La giornalista ha proposto agli allievi Cronache del tempo sospeso, edito da Edizioni Nulla die, una raccolta di poesie/aforismi sulla chiusura imposta dall’epidemia di Coronavirus. Inoltre sono stati letti degli stralci di “La sparizione della realtà, antologia di scritti del filosofo francese Iean Baudrillard. Gli alunni hanno partecipato interattivamente con la lettrice. Sono stati toccati temi molto importanti come il ruolo dei social e di internet nella diffusione delle false notizie, la profonda illusione della realtà nella soggettività dell’informazione e l’importanza del pensiero critico nella ricerca della verità. In contemporanea altre classi hanno approfondito diverse tematiche attraverso la lettura di autori vari quali S. Aleramo, I. Calvino, L. Sciascia, L. Pirandello ed autori contemporanei.

In un momento così particolare, come quello attuale in cui il massimo senso di responsabilità si esprime attraverso la distanza dagli altri, tale evento volto alla scoperta di storie e situazioni ha costituito uno spaccato molto significativo per i ragazzi, che hanno accolto con entusiasmo e hanno dimostrato molta partecipazione. Positivi le impressioni e i pensieri degli alunni: “Oggi più che mai la lettura ha la possibilità di educarci a prendere una pausa dal ritmo della catena di montaggio e soprattutto ha la possibilità di educarci al dubbio, fondamento della verità” (Riccardo Grilletti 4 E); “Grazie a Libriamoci abbiamo viaggiato nello spazio e nel tempo attraverso le parole di grandi autori, seppur da casa dove, in questo momento, co si definirebbe costretti più che comodi” (Daniela Vattimo 4 F); “Significativa l’esperienza di lettura del testo di D. Lapierre sull’Apartheid, che ci ha offerto numerosi spunti di confronto con altre realtà storiche anche a noi vicine” (Dominique Siclari 5 F). Anche i professori hanno espresso un giudizio molto positivo, ritenendo l’attività molto edificante specialmente in tale periodo, in cui è stato azzerato il contatto fisico ed ogni compito viene svolto in modalità online, e hanno considerato l’esperienza di ascolto e di partecipazione attiva, originale e coinvolgente.

Il Liceo ha aderito anche al progetto “Io leggo perché”, che costituisce un’interessante iniziativa volta all’arricchimento delle biblioteche scolastiche grazie alle donazioni volontarie. Dal 21 al 29 novembre sarà possibile fare questo gesto nelle librerie con cui il Liceo ha stretto gemellaggio ovvero la Libreria “Paoline” e “Nuova Ave”, in cui vi è una vasta gamma di testi narrativi e saggi. La  biblioteca del Liceo già negli anni passati ha ricevuto in dono molti libri, che gli alunni hanno apprezzato attraverso l’uso diretto per immergersi in avvincenti vicende narrative.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI