Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 20 Febbraio 2018

Nell’ambito del Progetto CE.R.CA.MI., promosso da Palermo Pillbox Finders e BCsicilia, è stata censita a Carini un’importante  postazione militare della Seconda guerra mondiale abilmente mimetizzata da abside medievale. Alla ricerca erano presenti Michelangelo Marino e Marcello Pecora per Palermo Pillbox Finders e il Presidente della Sede di BCsicilia di Isola delle Femmine, Agata Sandrone. La postazione militare rilevata faceva parte di un caposaldo di sbarramento a  protezione dell’importante incrocio stradale antistante che collegava la litoranea SS113 proveniente da Trapani con l’intercomunale di Torretta dalla quale era possibile attraversando un altro sbarramento, quello di Portella della Torretta, entrare a Palermo. La postazione militare, probabilmente affianca da un’altra struttura difensiva similare posta sul lato opposto della via ed oggi non più esistente, era dotata di una mitragliatrice pesante in grado di interdire la presenza di eventuali forze avversarie. Del caposaldo di sbarramento del quale la postazione faceva parte, sono rimaste le tracce di una trincea difensiva e di un piazzola ospitante presumibilmente un cannoncino con funzioni  anticarro.
La particolarità e la pregevolezza della postazione di Carini, sita in Via Trento, consiste nell’adozione di un  mascheramento da finta abside, ottimamente realizzato all’epoca dagli uomini del Genio militare del Regio Esercito e studiato sfruttando il contesto storico ed architettonico circostante dell’antico borgo siciliano. Per lo studio della postazione, si è fatto ampiamente  ricorso all’utilizzo del satellite, tecnologia indispensabile per studiare le finalità strategico militari delle postazioni militari della Seconda guerra mondiale presenti sul territorio siciliano.
Le associazioni hanno sollecitato il Comune di Carini per le necessarie azioni di tutela al fine di una adeguata salvaguardia e valorizzazione dell’interessante struttura.

Si è concluso il 31esimo Campionato Italiano Indoor Para-Archery di Palermo. Gli scontri hanno premiano nell’arco olimpico gli azzurri Fabio Tomasulo ed Elisabetta Mijno, nel compound la spuntano Paolo De Venuto e Giulia Pesci mentre nel W1 torna sul primo gradino del podio Nazionale Salvatore Demetrico. I titoli Visually Impaired vanno a Mattia Panariello e Giovanni Maria Vaccaro. 
ECCO TUTTI I  TITOLI ASSOLUTI – Nell’arco olimpico maschile Open vince il primo titolo assoluto in carriera Fabio Tomasulo del Gruppo Sportivo Paralimpico della difesa, in finale la vittoria decisiva arriva per 6-4 sul campione del mondo mixed team in carica Stefano Travisani delle Fiamme Azzurre. Terzo posto per un altro azzurro Roberto Airoldi che ha la meglio allo shoot 6-5 (10-9) sull’atleta di casa Giuseppe Arcieri (Dyamond Archery Palermo). In campo femminile per la settima volta in carriera sale sul tetto d’Italia l’iridata mixed team Elisabetta Mijno (Fiamme Azzurre) dopo la vittoria in finale per 6-0 su Vincenza Petrilli (Aida). Bronzo per Kymberly Scudera (Arco Club Gela) grazie al 6-4 ai danni di Francesca Morselli (Arcieri Aquila Bianca). Nel compound primo titolo italiano al maschile per Paolo De Venuto (Frecce Azzurre) che vince all’ultima sfida un match bellissimo (146-145) con Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre) appena convocato nella Nazionale normodotati per i prossimi Mondiali Indoor di Yankton negli Stati Uniti. Il podio si completa con Matteo Bonacina (Arcieri Castiglione Olona) bravo a vincere la partita con il compagno di Nazionale Giampaolo Cancelli (Arcieri Torrevecchia) 145-142. Tra le donne continua il regno di Giulia Pesci (Arcieri Adivestra) che oggi vince il terzo titolo italiano assoluto di fila al termine di una finale ad altissimo coefficiente di difficoltà con Maria Andrea Virgilio della Dyamond Archery Palermo, la score conclusivo dice 145-138. Terzo posto per Santina Pertesana (Polisportiva Disabili Valcamonica) che batte Ileana Bastianello (Arcieri Scaligeri) 134-133. Nel W1 maschile torna sul primo gradino del podio dopo il successo del 2016 Salvatore Demetrico (Apple Club Camporotondo) con il successo in finale su Daniele Cassiani (Arcieri Fivizzano) 139-135. La medaglia di bronzo va al collo di Fabio Luca Azzolini (Arcieri Montale) dopo il 134-127 rifilato a Gabriele Ferrandi (Arcieri Ardivestra). Tra i Visually Impaired 1 il nuovo campione italiano è Matteo Panariello (Arcieri Livornesi) vincente nella sfida per l’oro con Barbara Contini (Arcieri San Bernardo) 6-2. La finale per il bronzo va invece a Giordano Cardellini (Sagitta Arcieri Pesarlo) per 6-0 su Silvano Pasquini (G.S. Non Vedenti Milano Onlus). Nella categoria Visually Impaired 2/3 il titolo italiano va a Giovanni Maria Vaccaro (Dyamond Archery Palermo), l’ultima ad arrendersi è Marina Capria del CUS Roma sconfitta in finale 6-2. Bronzo per Ivan Nesossi che batte Diego Chiapello in un match tutto firmato G.S. Non Vedenti Milano Onlus. Tra le squadre dell’arco olimpico maschile trionfa la società di casa, la Dyamond Archery Palermo grazie alle frecce di La Rosa, Genovese e Arcieri che in finale hanno la meglio sulla Compagnia Arcieri Ugo di Toscana (Bartoli, Condrò, Dolfi) con il risultato di 5-1. Bronzo all’ A.S.C.I.P (Giorgi, Mancini, Torella) vittoriosa 6-0 sugli Arcieri del Sud (Canaletti, Delmastro, Di Venosa).

A Palermo, il 2 e 3 febbraio presso il Palace Hotel di Modello, p.v. dalle 10,00 alle 18,00, si terrà il  convegno internazionale “La compassione nella relazione terapeutica” organizzato dall’Istituto di Gestalt HCC Italy con sedi a Siracusa, Palermo, Milano in cui a confronto ci saranno il  pensiero della Prof.ssa Donna Orange dell’Institute for the Psychoanalytic  Study of Subjectivity di New York e quello della prof.ssa Margherita Spagnuolo Lobb, ricercatrice e didatta internazionale, Direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy.

Il convegno sarà l’occasione per una riflessione a più voci sul ruolo della compassione nelle relazioni di cura ma anche nella società in generale. Il lavoro clinico, in questi anni sempre più richiedente, sul piano sia professionale che umano, specchio anche di sofferenze legate al momento sociale che attraversiamo, ci pone di fronte alla sofferenza dei pazienti in preda a disturbi d’ansia, desensibilizzati, depressi, talvolta abusanti e violenti,  verso cui non sempre è facile sentirsi compassionevoli. A cosa serve patire-con il paziente? La tecnica può avere valore se non è accompagnata da un sentimento di compassione del terapeuta?

Secondo la psicoterapeuta della Gestalt, Margherita Spagnuolo Lobb, le radici di un’autentica compassione affondano nel processo reale dell’amore del terapeuta per il paziente. L’amore è reale, il rapporto è reale, e questo è possibile solo se il terapeuta ha attraversato il suo dolore e le sue emozioni più profonde. Afferma la prof.ssa Margherita Spagnuolo Lobb:  “Apprendere la psicoterapia vuol dire apprendere l’arte del saper vedere la bellezza del nostro amare l’altro nonostante il rischio di esserne feriti, e di sapere vedere la profondità dell’esistenza sia in noi che nelle persone a cui la nostra cura è rivolta”.

Al seminario interverranno:

Fulvio Giardina, Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi

Daniele La Barbera, Prof. Ordinario, Dir. U.O.C. di Psichiatria Policlinico Università di Palermo

Pietro Andrea Cavaleri, Didatta dell’Istituto di Gestalt HCC Italy

Bernd Bocian, terapeuta della Gestalt tedesco

Barbara Crescimanno, Didatta dell’Istituto di Gestalt HCC Italy

Giuseppe Sampognaro, Didatta dell’Istituto di Gestalt HCC Italy

Salvo Libranti, Didatta dell’Istituto di Gestalt HCC Italy

 

A chi ne farà richiesta sarà rilasciato attestato con:

 n. 12 crediti ECM per professioni sanitarie;  n. 6 crediti formativi per Assistenti Sociali

Il prossimo 3 dicembre a partire dalle ore 13.30 in piazza Verdi e in piazza Ruggero Settimo si svolgerà la seconda edizione del "Carrozzina Day". La manifestazione è organizzata alla Fondazione "Villa delle Ginestre", dall'Associazione "Sotto lo stesso sole" e dal Comune di Palermo.

La scelta della giornata internazionale delle persone con disabilità è motivata dalla volontà di sensibilizzare l'opinione pubblica sui diritti e sul benessere delle persone con disabilità, partendo dalle strade della città di Palermo, che tutti dobbiamo potere percorrere, per promuovere il dialogo sul diritto degli individui ad  una partecipazione piena ed attiva alla vita quotidiana, culturale, artistica e sportiva.

Potere lanciare questo messaggio forte, da due delle maggiori piazze di Palermo, Piazza Ruggero Settimo (Politeama) e piazza Verdi nella giornata del 3 dicembre,  con attività che coinvolgono tutti i cittadini, ci permette di raggiungere più persone di quante se ne possano incontrare in una sala convegni, e di veicolare attraverso il contatto personale il messaggio che sono le barriere architettoniche e culturali a rendere diverse le persone, non il loro modo di procedere nella vita.

Lo slogan  scelto quest'anno per la manifestazione è: "nessuno può volare " rimanda ad una immagine che unisce le persone partendo da un assunto comune a tutti: Esiste chi non può vedere, chi non può camminare, chi non può sentire o parlare ma tutti, proprio tutti non possiamo volare,  puntiamo pertanto all’empatia per una sana crescita culturale e sociale. Dalla affermazione della parità dei diritti di ognuno, la constatazione che “sono le  città  ad essere disabili e non le persone“ in quanto la carrozzina permette loro di muoversi liberamente mentre sono i gradini, i marciapiedi, le barriere architettoniche e culturali in genere che determinano la disabilità.

Allo stesso tempo attiveremo un percorso durante tutto l’arco dell’anno che permetta, anche attraverso singole iniziative , di monitorare l’accessibilità di tutto il tessuto urbano.  Perchè "carrozzina day" non resti solo uno slogan ma diventi uno strumento propositivo e risolutivo… CARROZZINA (ability)  DAYS

Nuovo look per il centro commerciale Picasso di Villabate (PA) con grandi novità in arrivo. La struttura di 6.000 mq, aperta nel 2009, è stata inaugurata oggi pomeriggio dopo importanti interventi di restyling della galleria e dei negozi presenti, che hanno portato all’ampliamento dell’offerta commerciale con l’introduzione di nuove insegne prestigiose tra le quali Bruno Euronics. L’investimento realizzato ha portato a 40 nuove assunzioni a dimostrazione di quanto la proprietà, Abbate Group Srl, creda nell’importanza di investire sul territorio. La ristrutturazione ha previsto la modernizzazione della facciata e della galleria per offrire il miglior comfort ai propri clienti: famiglie, bambini e anziani avranno uno spazio tutto nuovo per trascorrere piacevoli momenti di relax all’insegna dello shopping.
I lavori di ristrutturazione hanno interessato anche il Conad Superstore, rivisitato sia nell’organizzazione degli spazi di vendita sia nell’assortimento. Nuovi tutti i reparti freschi, dall’ortofrutta alla panetteria, dalla macelleria alla gastronomia con tanti piatti pronti. Più ricco l’assortimento e maggiore attenzione e spazi sono dedicati al mondo del freschissimo, alla valorizzazione dei prodotti del territorio, alla cantina e ai prodotti biologici, a conferma della sensibilità che Conad nutre per la valorizzazione del localismo e della qualità dei prodotti a km 0. Al benessere fisico è stato dedicato un ampio spazio con prodotti biologici, salutistici (gluten free e senza lattosio) e per la cura della persona. Inoltre i clienti potranno contare sul pratico e veloce servizio “take-away”, ampliato nella sua offerta, per rendere più semplice e veloce la spesa. Tra le novità del superstore, l’apertura di un’area ristoro con ampio assortimento per colazioni, merende e aperitivi e tanti piatti, anche tipici e stagionali, per una pausa pranzo di qualità da consumare direttamente nella comoda area attrezzata del punto vendita che offre oltre30 posti a sedere.            All’interno del Superstore, sarà presente la parafarmacia Conad, con farmacisti altamente qualificati per acquistare prodotti per la salute e il benessere di tutta la famiglia con prezzi ribassati fino al 40% su tutto l’assortimento di farmaci da banco (quelli senza obbligo di prescrizione), e tante promozioni. Il punto vendita è stato ristrutturato ponendo massima attenzione all’innovazione e ai servizi e oggi si presenta dotato di tecnologie innovative e sostenibili, quali le centrali frigorifere e i nuovi banchi refrigerati ad alta efficienza, oltre alle lampade a led per il sistema di illuminazione.
“Abbiamo deciso di scommettere sul futuro di questa struttura, investendo sul territorio”, sottolinea Salvatore Abbate, presidente di Conad Sicilia e amministratore dell’Abbate Group, proprietaria del centro commerciale e del Conad Superstore. “Un’opportunità per tutto il comprensorio, nell’ottica di un rapporto di collaborazione tra impresa e comunità e di un maggiore sostegno all’economia locale”.
Novità assoluta del centro commerciale è l’apertura del punto vendita Bruno Euronics con 1.500 mq di superficie per ospitare tutte le novità hi-tech di ultima generazione.
“Prodotti innovativi, servizi al cliente e promozioni imperdibili, rendono il nuovo punto vendita un riferimento per tutti gli appassionati di tecnologia” - dichiara l’Ingegnere Maurizio Andronico, Presidente Bruno Euronics SpA. Grazie alle aree esperienziali interattive sarà possibile provare subito le novità dei migliori brand tra cui Apple, Samsung, Huawei, Sony Playstation e prodotti di ultima generazione come un’amplissima esposizione di TV Oled. I clienti potranno usufruire inoltre delle postazioni Digital Store, veri negozi virtuali che ampliano le referenze di ogni categoria merceologica, e di numerosi servizi tra cui Perfect Vision, Euronics con Te, Tie Team, Serena e Free WI-FI.
All’esclusivo evento di inaugurazione hanno partecipato il sindaco della città di Villabate, Vincenzo Oliveri e Maria Grazia Cucinotta, madrina d’eccezione.
Il centro commerciale sarà aperto tutti giorni dalle 8.30 alle 20.30. 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI