Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 29 Giugno 2017

Un clima di grande attesa sta crescendo  via via  in Polonia attorno all’evento della prossima nuova  incoronazione della Madonna di Czestochowa, che avverrà nell’estate ormai imminente con la deposizione sul capo della Vergine e del Bambino dei preziosi diademi arrivati dall’Italia. Questi, realizzati in Calabria dal Maestro Orafo Michele Affidato, subito dopo l’arrivo a Czestochowa,  sono stati presentati alla stampa e alle istituzioni. Rimarranno esposti presso il Museo del Santuario di Jasna Gora fino al momento dell’incoronazione. Alla cerimonia di presentazione  hanno presenziato l’Arcivescovo di Czestochowa Waclaw Depo, il Padre Generale dell’Ordine dei Paolini Arnold Chrapkowski, Padre Jan Golonka, precedente custode dei beni del Santuario e l’attuale custode Padre Stanislaw Rudzinski. Presenti anche  Padre Marian Waligóra Priore del Santuario e Monastero di Jasna Góra, Padre Michal Legan e altri Padri. Grande risonanza hanno dato all’arrivo dei diademi gli organi di stampa e le televisioni polacchi. E’ comprensibile tanta mobilitazione dal momento che la Madonna di Czestochowa rappresenta per i Polacchi la Madre cui rivolgersi nei momenti di letizia ma ancor più di affanno. Lo stesso Parlamento polacco ha riconosciuto tale evento come momento in cui la vita civile e quella religiosa si fondono in Polonia in un unicum straordinario, proprio per  quella forza che da sempre i Polacchi riconoscono all’amore della che la Vergine Nera. Il mondo conobbe e amò quest’icona per il tramite di Papa Giovanni Paolo II. Anche a Crotone, dove i nuovi diademi sono stati realizzati, c’è grande trepidazione: si segue l’eco degli appuntamenti  che si stanno succedendo in Polonia riguardanti la nuova incoronazione e si prepara un primo viaggio che porterà a Jasna Gora il Maestro Michele Affidato e una stretta cerchia di suoi collaboratori già nel prossimo mese di luglio. A questo primo viaggio seguirà un secondo viaggio da Crotone, fissato per il   mese di agosto, il mese in cui sono fissati sia l’incoronazione che i festeggiamenti  della Vergine Nera di Polonia. Potranno parteciparvi tutti coloro i quali lo desidereranno. In tal modo la chiesa crotonese e i crotonesi ricambieranno la visita che la chiesa di Czestochowa e i Padri Paolini hanno effettuato nel mese di maggio appena trascorso nella città calabrese. Tutto ciò avviene nel solco del recentissimo gemellaggio tra il Santuario di Capocolonna e quello di Czestochowa che molta attenzione e tanto entusiasmo  ha suscitato nella città di Crotone, legata all’icona di Maria di Capocolonna da un sentimento di fede e di tenerezza filiale.

Si è conclusa venerdì 17 giugno nella bellissima cornice dell’Hotel “La Principessa” di Campora San Giovanni (CS) la XVI edizione dell' ambito Premio “Calabria che lavora - Eccellenze Calabresi e Italiane nel Mondo” giunto alla sua 16° edizione, raccontato da Franco, Giulio Buccinà e Anna Patania. Un messaggio questo, per tutti gli imprenditori, ma anche per quelle persone che si sono distinte nel rappresentare ed esportare la “calabresità'' nel mondo con le proprie capacità professionali. Un premio decretato dal comitato tecnico scientifico presieduto dal Prof. Cianciarelli Francesco, che ha scelto dopo un duro lavoro tutti gli imprenditori che hanno ricevuto il meritato premio di eccellenze calabresi. La serata è iniziata con l’intervento del Sindaco di Amantea Mario Pizzino ed il neo eletto Sindaco di Pizzo Calabro Gianluca Callipo che hanno sottolineato quanto siano importanti per la nostra regione le varie attività che si distinguono per il loro operato in una terra ricca di storia e bellezze naturali. Madrina della serata la showgirl Valeria Marini che nell’occasione ha rimarcato il forte legame per la Calabria e i calabresi. Nel corso della serata alternata da momenti di spettacolo tra gli eccellenti premiati il maestro orafo crotonese Michele Affidato che con la sua arte rappresenta la Calabria nel mondo. Un orafo molto apprezzato anche nel campo dell’arte sacra, che ha ricevuto prestigiosi incarichi, non ultimo quello di realizzare i nuovi diademi per la Madonna di Czestochowa, la Madonna Polacca tanto amata da Giovanni Paolo II. E’ stata Valeria Marini a consegnare il prestigioso riconoscimento al maestro orafo Michele Affidato che durante la serata ha proposto una sfilata di gioielli della sua collezione dal tema: “L’Evoluzione del gioiello dall’antica Magna Graecia ai nostri giorni”. Tra le tante eccellenze premiate nel corso della serata: il giovane imprenditore Stefano Caccavari, per il suo mulino a pietra; Fortunato Amarelli eccellenza calabrese per aver rappresentato la Calabria nel mondo con la sua azienda; l’oleificio calabrese Gabro; Natale Mazzuca, Presidente Unindustria Calabria; l’azienda vinicola dell'anno "Cantine Benvenuto" zibibbo; l’azienda agricola cipolla rossa gruppo Russo; premio Calabria moda a “la Grotta dei Desideri” di Ernesto Pastore; premio solidarietà all' Avis di Amantea; premio Calabria che lavora alla famiglia metallo azienda petrolifera;  premio speciale a Natale Princi, per aver donato il legno per il ceppo della Varia di Palmi; premio attore calabrese dell'anno a Cordopatri Carlo; premio Calabria web influenz flash blogger a Perrone Andrea.

Continua la promozione della carne Podolica, eccellenza del territorio crotonese ed in particolare di Umbriatico. Dopo il successo del Vinitaly arriva un altro appuntamento gastronomico, questa volta piccante. Il prossimo 14 giugno a Perugia si terrà una particolare cena intitolata "La Podolica incontra il piccante", un evento organizzato dall'Accademia Italiana del Peperoncino Delegazione di Perugia, guidata dal presidente Alfonso Rizzo, e dal Comune di Umbriatico, guidato dal sindaco Rosario Pasquale Abenante. Organizzate su tutto il territorio nazionale dalle Delegazioni accademiche, le cene piccanti non sono solo un appuntamento gastronomico ma un'occasione per promuovere la cultura del peperoncino, dall’approfondimento della sua storia fino alle curiosità botaniche. Quasi sempre un momento di raffronto e di scambi di esperienza soprattutto per le mille varietà e la loro coltivazione domestica. Durante le cene infatti nascono e si rafforzano amicizie e conoscenze con scambi di varietà e di semi. Alcune delegazioni le chiamano Cene piccanti, altre Cene col diavolo. Il ricco menu prevede "Carpaccio di podolica con fiorone (Fichi) e salsa piccante al limone", "Tartara di podolica con erbe aromatiche del territorio di Umbriatico e Peperoncino piccante", "Polpette di podolica con cipolla caramellata e peperoncino calabrese", "Tagliata di podolica con porcellana e salsa di vino e peperoncino", "Maccheroncino al ragù di podolica con farina di grano senatore Cappelli e spolverata di pecorino crotonese", "Spezzatino di podolica con dadolata di patate 'scattiate' al peperoncino rosso", "Dolce della tradizione Calabrese con spolverata di cannella", Liquore alla liquirizia "Caffo" e vini Cirò Zito e Fezzigna. Quella di Perugia sarà una cena piccante e allo stesso tempo sensoriale. I cinque sensi hanno un ruolo fondamentale nella percezione dei sapori e, attraverso stimolazioni chimiche e fisiche, dialogano con bevande e alimenti. La percezione del cibo può essere considerata una delle esperienze multisensoriali per eccellenza. 

"Continuiamo con la promozione a livello nazionale della razza Podolica, un'eccellenza del nostro territorio" afferma il primo cittadino Abenante che sarà a Perugia con una delegazione composta dal consigliere comunale Mario Rizzuti, il responsabile dell’ufficio comunicazione del comune Alfonso Calabretta e il fotoreporter Domenico Otranto. "Questa razza autoctona, dalle corna a lira e dal caratteristico mantello grigio, è molto frugale e l’unica in grado di vivere allo stato brado in situazioni difficili come quelle delle zone collinari del territorio di Umbriatico, nell’entroterra calabrese. La sua presenza è fondamentale per la salvaguardia ed il presidio del territorio che altrimenti sarebbe completamente abbandonato all’incuria e agli incendi. La podolica viene utilizzata principalmente per la produzione della carne, anche se non si possono tralasciare le produzioni lattiero-casearie" conclude Abenante. Il Comune di Umbriatico ha un patrimonio zootecnico di circa 5000 capi bovini, concentrati in un territorio con meno di mille abitanti (rapporto abitanti/capi bovini 1 a 6, il più alto in Europa). L'attività zootecnica è da ritenersi pertanto il perno portante dell'economia locale, intorno al quale gravita un indotto che garantisce un prodotto di qualità superiore sia organolettiche che nutrizionali. Per le caratteristiche organolettiche della carne, la Podolica ha meritato il marchio di origine controllata «5R». Appuntamento dunque al ristorante "La Dolce Vita" di Perugia, mercoledì 14 giugno, ai fornelli lo chef Vincenzo Lamanna e Gessica Lamanna del ristorante "Il conte di Melissa".

C’è una Crotone vessata dall’assenza di speranza che fugge o si rassegna dinanzi ai problemi perché non crede di avere il potere di cambiare le cose e c’è una Crotone che non si arrende, che lavora silenziosa per seminare coraggio e fiducia, che insegna a bambini e ragazzi che la volontà, il sacrificio e la passione sono il segreto per fare nuove tutte le cose.

La Fondazione D’Ettoris, dopo un instancabile anno di lavoro, ha visto le iniziative 2017 raggiungere il loro acme sul legno del palcoscenico del Teatro Apollo dove, lo scorso 31 maggio fra applausi, ospiti d’onore e bambini emozionati fino alle lacrime, si è svolta la premiazione dei maggiori lettori artisti e scrittori.

Le scuole coinvolte, accorse quest’anno ancora più numerose, sono state I. C. V. Alfieri, I. C. Don Milani, I. C. Giovanni XXIII, I. C. Papanice, I. C. A. Rosmini, I. P. A. Rosmini di Isola di Capo Rizzuto. Le insegnanti, i dirigenti e i genitori sono rimasti soddisfatti nel vedere i propri studenti e figli protagonisti di una serata indimenticabile: 131 i premiati di età compresa fra i 3 e i 13 anni cui sono stati donati 170 libri in collaborazione con le case editrici nazionali Ancora, EDB, Effatà, Elledici, Il Castoro, Mondadori, Neri Pozza, Newton Compton, Olschki, Paoline, Piemme, Salani e San Paolo che ogni anno sono in prima linea nel sostenere le iniziative della Fondazione.

I più emozionati, certamente, i bambini della scuola materna che hanno atteso trepidanti l’ingresso sul palco e l’applauso fragoroso della folla.

Ad aprire la serata la scuola di danza Maria Taglioni Dance Project che ha incantato il pubblico con Acquarello, coreografia di Raquel Tormin.

Maria Grazia D’Ettoris direttore della Biblioteca Pier Giorgio Frassati nonché volto e voce della serata  ha ringraziato in apertura i numerosi sponsor della serata che, nonostante la crisi economica, nel loro piccolo, hanno sostenuto le iniziative culturali della Fondazione alle quali, quest’anno, è stato sensibile anche il Comune di Crotone attraverso il patrocinio dell’evento.

Il Presidente della Fondazione, Antonio D’Ettoris, è intervenuto in apertura muovendo dal pensiero di Gonzague de Reynold, storico, letterato e pensatore svizzero che ha riflettuto a più riprese sul dramma della scomparsa della civiltà europea, nata dalla forza dirompente dei valori cristiani che hanno permesso una fruttuosa convivenza di popoli e culture differenti. Oggi la ricomparsa della barbarie è un segnale, è da qui bisogna ripartire per costruire una società migliore, un lavoro che ci ricorda D’Ettoris parte dai piccoli e che, utilizzando strumenti quali la lettura, il cinema, la storia, procede a piccoli passi verso un fine più alto: questa la vocazione della Fondazione D’Ettoris e delle sue iniziative.

Ospiti della setata l’avvocato Rosario Macrì, sindaco di Belvedere Spinello che dopo aver ospitato nel suo paese i premiati dello scorso anno per la tradizionale gita alla riscoperta delle bellezze del proprio territorio, ha conferito il premio gita alle classi 1° A, I. C. Giovanni XXIII e 2° B, I. C. A. Rosmini che si sono distinte per aver maggiormente frequentato la Biblioteca.

I ragazzi delle scuole medie hanno avuto il privilegio di essere premiate dal musicista e direttore della Kroton Music Academy Francesco Corigliano  – sponsor dell’evento – e dal campione italiano 2015 e 2016 di kitesurf wave, Tony Cili. I giovani ospiti hanno parlato ai ragazzi dell’importanza dell’arte e dello sport nella crescita e nella

formazione del carattere, senza dimenticare che la passione da sola non basta: per raggiungere la meta il percorso è costellato di ostacoli e difficoltà ma col duro lavoro e il sacrificio qualunque cosa diventa possibile. Innamorarsi, dunque, e spendersi per ciò che si ama, senza timore.

La Maria Taglioni ha poi salutato il pubblico con coreografia di Giusy Grande che, non meno della prima esibizione, ha appassionato la platea nei suoi giochi di colore con A passo di danza.

A dare alla serata un tocco di brio la performance dell’attore Francesco Pupa che, dapprima da solista, poi assieme all’artista Pagos autore del libro pubblicato dalla D’Ettoris Editori Veni ca ti cuntu hanno coinvolto gli spettatori con i loro spiritosi sketch in dialetto crotonese tratti da alcuni racconti del libro. Inaspettatamente le risa dei più piccoli hanno riempito il teatro. Ancora una volta la sensibilità dei bambini fa da padrona: conoscitori del dialetto e amanti delle genuine tradizioni della propria terra, hanno mostrato ai presenti come basti davvero poco per gettare le basi di una società migliore.

Scrittori e artisti sono stati premiati rispettivamente da Francesco Pupa e Pagos che durante la mostra dei migliori lavori artistici e letterari avevano apprezzato i talenti dei ragazzi.

Il Dott. Domenico Arcuri, Presidente Ordine Commercialisti Crotone è rimasto piacevolmente colpito dall’atmosfera della serata e, salito sul palco per premiare alcuni ragazzi, ha ringraziato la Fondazione per la missione che persegue e ha invitato i presenti a prendersi cura di una realtà del territorio così preziosa.

Gli ospiti sono stati omaggiati con libri della D’Ettoris Editori e regali offerti dagli sponsor.

Immancabile nel corso della serata un pensiero al fondatore, Pino D’Ettoris, che ha creduto con tutto se stesso che qualcosa di nobile, bello e grande poteva germogliare da un seme piccolo piccolo, «un granello di senape che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, quando è cresciuto, è più grande di tutte le piante dell'orto: diventa un albero tanto grande che gli uccelli vengono a fare il nido tra i suoi rami».

Tante iniziative nel mese di Maggio alla Maria Taglioni Dance  Project; esami di fine anno con l’etoile Claudia Zaccari, partecipazione alla Cerimonia di Premiazione del  Premio Nazionale di Poesia “Franco Loria “Città di Crotone presso i Giardini e il Museo di Pitagora, partecipazione alla Cerimonia di Premiazione della Fondazione D’Ettoris “ Il Maggio dei Libri “ presso il teatro Apollo.

Venerdì 19 Maggio la Cerimonia di Premiazione del Premio Nazionale di Poesia “ Franco Loria” Città di Crotone, giunta ormai alla quindicesima edizione, si è svolta per la prima volta presso il Museo e i Giardini di Pitagora, in una suggestiva cornice dove le ballerine della Maria Taglioni sono state invitate a dare il loro contributo.

Tre i brani presentati;  The sound of silence- coreografia  di pasquale Lucas Greco con Giusy Nosdeo e Chiara Marino, Harlequinade – coreografia di Raquel Tormin after Marius Petipa con Giulia Truncè   e Tomorrow  – coreografia di Pasquale Lucas Greco con Beatrice Alessandra Ranieri.

  Mercoledì 31 Maggio nell’ambito della Cerimonia di Premiazione dei maggiori lettori, scrittori e artisti 2017 organizzata dalla Fondazione D’Ettoris presso il teatro Apollo la Maria Taglioni ha presentato Acquarello – coreografia di Raquel Tormin con  De Luca Denise, Mauro Anna, Ranieri Beatrice Alessandra, Savazzi Dalila, Scuteri Anna, Sestito Sara, Spagnolo Marta, Tassone Ilaria, Tricoli Anastasia, Truncè Giulia  e A passo di marcia  - coreografia di Giusy Grande con Aiello Alisia, Basile Sarah, Candigliota Federica, Comito Armando, Farina Sara, Montalcino Beatrice, Oliverio Megna Alessia, Rizzo Gabriel, Vallone Benedetta, Vena Alice .   

Nei giorni 15, 16 e 17 Maggio Claudia Zaccari, già prima ballerina del Teatro dell’Opera di Roma ed etoile  internazionale, è stata la commissaria esterna degli esami di fine anno di tutti i gli alunni frequentanti, compresi anche i corsi di predanza; è ormai una regola svolgere gli esami alla presenza di una grande professionista del mondo della danza che rilascia a tutti  una pagella certificata  alla fine di ogni anno accademico.

E prima di arrivare agli “ Spettacoli di Fine anno “ che si svolgeranno presso il teatro Apollo nei giorni 21 e 22 Giugno, alla Festa della Danza organizzata  per  giorno 25 Giugno presso piazza Capo di Santa Severina ancora qualche altra piacevole iniziativa…

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI