Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 25 Settembre 2018

Aeroporto: "Questa p…

Set 24, 2018 Hits:153 Crotone

Lega: Per Sculco e per i …

Set 24, 2018 Hits:170 Crotone

Le creazioni di Affidato …

Set 21, 2018 Hits:308 Crotone

Maria Taglioni: Beatrice …

Ago 28, 2018 Hits:1089 Crotone

Grande concerto al Museo …

Ago 28, 2018 Hits:1001 Crotone

Forever young: Enzo Fogli…

Ago 06, 2018 Hits:2410 Crotone

Giornate del Cinema Lucan…

Lug 31, 2018 Hits:2263 Crotone

Dire che siamo amareggiati per le continue BUGIE che ci vengono propinate è dir poco!!!!

Siamo sempre rimasti ancorati con i piedi a terra, amaramente realisti ed ormai consci di non essere considerati pienamente cittadini calabresi e italiani!

Non ci sono parole per descrivere ciò che si può provare quando si constata che i voli Ryanair dall’aeroporto Pitagora siano stati già messi in vendita ma soltanto dal 1° APRILE 2019!

L’inverno come faremo? Dove sono quelle promesse di continuità dei voli dallo scalo di Crotone?

Tanti proclami negli ultimi giorni sono volati nell’etere ma il sito di Ryanair ci mostra la realtà.

Ad oggi, dal 28 ottobre l’aeroporto di Crotone pur essendo operativo non vedrà partire alcun aereo di linea per i cittadini. Saremo nuovamente isolati. Un territorio senza treni a lunga percorrenza, senza strade e senza aerei, destinato ad una lenta agonia senza alcuna cura!

La nostra rabbia aumenta, soprattutto, pensando al supporto economico che la Sacal ha chiesto al territorio di € 3.240.000!

Pagheremo per qualcosa che avremo un domani salvo ulteriori cambiamenti!

Questo comportamento è inaccettabile da parte di Sacal che si era impegnata a rilanciare lo scalo crotonese partecipando al bando nazionale trentennale ma ancor più inaccettabile è il comportamento di una classe politica che altera la realtà vissuta dai cittadini.

Siamo stati presi in giro da chi dovrebbe difendere i nostri diritti e farci sentire cittadini, il Presidente della Calabria Gerardo Mario Oliverio insieme al presidente della Sacal con le loro parole contraddette dalla realtà feriscono il nostro sentirci cittadini calabresi!

Cambieremo questo modo di far politica, questa politica che ignora le necessità dei cittadini verrà fatta decollare presto in modo che non faccia più ritorno!

 

Comitato Cittadino Aeroporto Crotone

 

 

Si è svolta giovedi 20 settembre u.s. la prima Assemblea degli iscritti alla Lega Salvini Premier di Crotone. Se pur non sia stato dato volutamente rilievo pubblico all’evento, questo è stato molto partecipato.

Dopo il saluto ai partecipanti da parte della militante della Lega crotonese Marisa Luana Cavallo, ha preso la parola l’avv. Giancarlo Cerrelli, Segretario della Lega Salvini Premier di Crotone.

Cerrelli ha affermato la necessità di ridare dignità al termine “politica”, sostenendo che essa è una cosa buona se mira a realizzare il vero bene comune di una comunità.

 Chi ha tradito il vero senso della politica ha provocato, soprattutto nei giovani, un allontanamento da essa.

La politica intesa in senso clientelare ha generato, soprattutto a Crotone, una società individualista.

Cerrelli ha sostenuto che è ora di rompere questa spirale perversa, che tiene soggiogato un intero territorio; il Segretario della Lega ha auspicato che i crotonesi, al più presto, possano diventare un vero popolo e ciò avverrà se saranno capaci di non accettare più di essere una massa narcotizzata incapace di reagire, bensì di diventare protagonisti del proprio futuro sociale e politico.

La Lega di Crotone, ha promesso Cerrelli, sarà la nemica giurata di quei poteri forti che hanno lasciato per anni Crotone e i crotonesi soggiogati da progetti che sono serviti soltanto a far arricchire pochi e a lasciare la nostra comunità priva di speranza.

Cerrelli, dunque, ha concluso che non è sufficiente iscriversi alla Lega, ma è necessaria la condivisione di un progetto valoriale, che fonda l’appartenenza al partito.

Il segretario della Lega ha invitato, infine, tutti gli iscritti a rimanere uniti, perché solo uniti  si può vincere.

Al termine della relazione il Segretario della Lega Giancarlo Cerrelli ha ascoltato gli interventi degli iscritti e infine, la prima assemblea cittadina della Lega è giunta a due determinazioni:

la prima riguarda una presa di posizione chiara e decisa circa alcune illazioni su eventuali accordi futuri tra la Lega e il partito di Sculco. L’assemblea degli iscritti in comunione con il suo segretario avv. Giancarlo Cerrelli ha deliberato che le porte della Lega sono e rimarranno chiuse per Sculco e per i suoi amici; potrà, tuttalpiù, esistere nel solo e migliore interesse dei cittadini crotonesi un dialogo amministrativo, disinteressato, però, a qualsivoglia accordo politico presente o futuro,.

La seconda determinazione invece riguarda la volontà da parte della Lega di voler rilanciare la città e la provincia di Crotone, che sono state finora emarginate e svendute dalla Regione Calabria, pertanto è stato auspicato che la Lega Salvini Premier di Crotone possa giocare un ruolo di primo piano alle prossime elezioni regionali.

La nota di speranza è stata data dalla nutrita partecipazione all’incontro di studenti delle scuole superiori di Crotone che, sotto la guida del Segretario Giancarlo Cerrelli, costituiranno il gruppo giovanile della Lega.

L’incontro è terminato con una cena e per festeggiare l’evento con il taglio di una torta con il logo della Lega Salvini premier di Crotone.

 

“Sono morto ma sono stato felice”. È lo slogan dell’iniziativa che vedrà protagonisti i gioielli del maestro orafo Michele Affidato che saranno abbinati ai grandi vini della tradizione pugliese della storica Cantina Conti Zecca in occasione della mostra “Vino&gioielli nell’antichità e nella storia dell’uomo”, che si terrà nella splendida cornice del Castello di Acaya a Lecce il 5 e il 6 ottobre 2018. L’evento è stato organizzato dalla rivista di turismo e cultura del Mediterraneo Spiagge, diretta da Carmen Mancarella con la direzione artistica di Ronzina Malecore in partenariato con numerose associazioni del Salento. Si tratta di un’iniziativa molto particolare, che mette insieme due grandi tradizioni italiane come quella del vino e dell’oreficeria. I vini della Cantina Conti Zecca, tra le più antiche e prestigiose del Salento, sono tra i più famosi prodotti in Puglia ed esportati nel mondo. Il Negramaro e il Primitivo sono senza ombra di dubbio i prodotti di punti e che si identificano immediatamente con la storica cantina. I gioielli di Michele Affidato invece sono diventati il simbolo moderno della Magna Grecia, linee originali e che si ispirano al passato, valorizzando la storia. Il tema della mostra che verrà esposta “Percorsi di una storia preziosa – L’evoluzione del gioiello dall’antica Magna Graecia ai nostri giorni” è una  testimonianza di un' arte che, ispirandosi al glorioso passato, lo reinterpreta con moderna creatività in un’interpretazione personale, frutto del suo lavoro di ricerca e creatività negli anni. Una mostra che ha già riscosso grande successo all’Expo di Milano nello spazio espositivo “Dal Sapere al Fare” ed al Museo Archeologico di Crotone. La scelta quindi di abbinare il vino ed i gioielli non è avvenuta casualmente, visto che in entrambi esiste la volontà di esaltare la tradizione, in chiave moderna. Si inizierà venerdì 5 ottobre alle 18.00 nel Castello dell’Acaya per l’inaugurazione della mostra, che sarà poi visitabile anche per tutta la giornata di sabato 6 ottobre dalle 10.00 a mezzanotte. La sfilata che valorizzerà i gioielli ed il vino si terranno a due passi dagli straordinari reperti archeologici che sono emersi dalle campagne di scavo a Roca Vecchia, definita “una città misteriosa”, che sin dal 1560 avanti Cristo era custode di un grande santuario proteso sul Mediterraneo, il Santuario della Poesia dove sono state trovate iscrizioni in greco, latino e messapico. “Questa evento - dichiara il maestro Affidato - è davvero molto affascinante. Il vino ed i gioielli hanno qualcosa di simile. Appartengono entrambi al mondo dell’arte, visto che per realizzare una bottiglia di pregio occorre una materia prima eccellente, conoscenza, professionalità e soprattutto passione per il proprio lavoro, lo stesso vale anche per i gioielli. Siamo gratificati che le nostre creazioni siano richieste e riconosciute in eventi di questa caratura, noi lavoriamo ogni giorno, duramente, per confermarci e migliorare ciò che identifica il nostro marchio”.

Ci sono aspetti della vita che risentono di una sostanziale differenza di trattamento qualora ci si trovi a vivere nel territorio del crotonese, o se, invece, si risiede in comuni le cui politiche sociali hanno una particolare attenzione e cura delle fragilità dei propri cittadini meno fortunati.

Un caso rappresentativo di questo stato di cose afferisce ai fondi ministeriali e regionali, che sono destinati ad alleviare le sofferenze di tante famiglie che hanno in casa un disabile, o un anziano non autosufficiente e che il Comune di Crotone non eroga da tempo, nonostante questi fondi siano disponibili nelle casse dell’Ente.

Chiediamo al Sindaco di Crotone: come mai questi fondi non sono stati finora erogati e rimangono nelle casse del Comune, invece di alleviare i disagi di numerose famiglie?

Non vorremmo dover pensare che l’assistenza agli immigrati abbia una maggiore attenzione e un maggiore valore agli occhi degli enti locali crotonesi, rispetto alle necessità di assistenza dei nostri concittadini meno fortunati.

Com’è noto con la legge quadro 8 novembre 2000 n. 328 è stata prevista la realizzazione di un sistema integrato d’interventi e servizi sociali. Tale legge ha, tra l’altro, normato tutti i servizi socio-assistenziali integrati alle prestazioni socio-sanitarie in favore dei soggetti ultrasessantacinquenni in condizione di non autosufficienza e bisognevoli di assistenza continuativa.

Alle Regioni era affidato il compito di recepire tale legge adeguandola ai propri territori e ai propri bisogni e la Regione Calabria ha recepito tale legge quadro con la L. Regionale n. 23 del 2003.

La Regione Calabria, ulteriormente, con delibera n. 210 del 2015 ha individuato 33 distretti in Calabria; la Provincia di Crotone è stata divisa nei distretti di Crotone, Cirò marina e Mesoraca.

Al Distretto di Crotone, per il servizio di assistenza socio-assistenziale integrata alle prestazioni socio-sanitarie in favore dei soggetti ultrasessantacinquenni in condizione di non autosufficienza e bisognevoli di assistenza continuativa,  sono stati assegnati circa 715.000 euro per l’erogazione di n. 151 voucher agli aventi diritto, che potranno acquistare le prestazioni da tutti gli organismi del terzo settore regolarmente accreditati e iscritti nell’albo distrettuale istituito.

Il Comune di Crotone, capofila del Distretto, ha cercato di attivarsi per far partire il servizio, bandendo a tale scopo un avviso pubblico per l’“Assegnazione di voucher in favore di anziani non autosufficienti del distretto socio-assistenziale di Crotone per l’erogazione di servizi di cura domiciliare integrata”.

Dal 17 maggio al 5 giugno del 2017 sono state raccolte le richieste degli interessati presso gli uffici protocollo dei comuni coinvolti (Isola C.R., Cutro, Rocca di Neto, Belvedere Spinello, S.Mauro e ,naturalmente, Crotone), dopodiché il Comune non ha dato seguito a questo servizio di assistenza sociale essenziale.

Eppure i finanziamenti sono disponibili; nelle casse del Comune c’è circa un milione di euro, che potrebbe consentire di dare servizi a 200 famiglie e di assumere 50 operatori socio-sanitari.

Il Comune di Crotone, capofila del distretto, difatti, ha a disposizione:

euro 715.000,00 già messi a bando e non assegnati;

e inoltre euro 284.000,00, inviati dalla Regione Calabria nel settembre 2017, già nelle casse del Comune di Crotone pronti per essere erogati.

Numerose sono le famiglie che hanno un anziano non autosufficiente, o un disabile in casa e che necessitano di essere sostenute; queste famiglie il più delle volte avrebbero bisogno di ricorrere ad un aiuto esterno, a una badante, ma non tutte possono permetterselo e allora è necessario, che questi fondi previsti per alleviare la fragilità di questi nostri concittadini, il Comune di Crotone si sbrighi ad erogarli invece di tenerseli nel cassetto. Di certo non saranno questi fondi a dare la felicità a queste famiglie, ma certamente daranno loro un po’ di sollievo.

 

                                                                                                     Avv. Giancarlo Cerrelli

                                                                                  Segretario della Lega Salvini Premier Crotone

Beatrice Alessandra Ranieri della Maria Taglioni Dance Project è stata ammessa, con una borsa di studio, alla Scuola del Balletto di Toscana e a giorni partirà per Firenze.

Un’altra giovanissima che lascia la nostra Città per inseguire il suo sogno  di affermazione nel mondo della danza; scelta di vita “ opportunità o necessità ” .

E’ difficile  scindere i due sentimenti in modo netto, sicuramente s’intrecciano e si accavallano  e sono frutto della difficile realtà nella quale vive la Città di Crotone, la Calabria ed il meridione tutto.

Beatrice ha iniziato a frequentare la Maria Taglioni Dance Project da giovanissima, ha studiato danza classica con la Maestra Afrodita Sarieva, Raquel Tormin e Stefania Greco, danza contemporanea con il Maestro Pasquale Lucas Greco, Hip Hop con Chiara Marino e Frank Polvere

Ha frequentato numerosi stage con prestigiosi Maestri nazionali ed internazionali; giovanissima, insieme al suo gruppo, ha partecipato e vinto tantissimi concorsi, crescendo si è proposta anche come solista sia nel settore  classico e contemporaneo vincendo  primi premi e prestigiose borse di studio.

  Lo scorso 24 Giugno, presso il teatro Apollo, ha conseguito il Diploma, presentando insieme al suo gruppo una Suite dal Balletto “ Le Corsaire “.

  Da tempo lei, la sua famiglia e la Direzione della Maria Taglioni, si sono chieste, che fare dopo, quale percorso intraprendere per  diventare una ballerina professionista.

   La scelta è caduta sulla Scuola del Balletto di Toscana diretta da Cristina Bozzolini perché è una delle poche realtà italiane che con la sua Compagnia giovanile “ Junior BallettO di ToscanA, offre un  tirocinio professionale.        

In una nota esplicativa è riportato della compagnia si legge: “L’organico artistico ‘under 21’ della Compagnia, di media dimensione  in grado di ‘riempire’ ogni palcoscenico, in termini competitivi con le programmazioni dei Teatri italiani ed europei, si rinnova sensibilmente di anno in anno, trovando molti, quasi tutti i protagonisti degli ultimi debutti, importanti contratti in Compagnie e Gruppi di danza professionali in Italia e soprattutto all’estero” .

Certo superare  una  audizione in questa prestigiosa scuola, essere ammessi nella sezione di classico e di contemporaneo con una bella e consistente borsa di studio è sinonimo di buone potenzialità e ottima preparazione tecnica; Beatrice ha tutto questo insieme ad una notevole volontà nella ricerca di realizzazione il suo sogno,

Buon lavoro Beatrice “.

Quest’anno anche Dalila Savazzi, altra ballerina della Maria Taglioni Dance Project,  ha partecipato all’audizione della scuola di Firenze, è stata ammessa al corso di danza contemporanea, ricevendo anche una borsa di studio, poi lei e la sua famiglia hanno deciso ….. di rimandare in futuro.

   E qui ritorniamo all’interrogativo iniziale    “opportunità o necessità ” . 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI