Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 20 Luglio 2019

WORLD FESTIVAL POETRY è un organismo non governativo che, istituito in America latina, si è poi sviluppato  dal Messico fino all’Argentina ed attualmente è  rappresentato ed operante in oltre 160 nazioni. Esso fonda il suo attivismo poetico sulla forza e la capacitá della parola di sancire i diritti umani. Sostenere la dignità di ogni nazione significa innanzitutto combattere e denunziare le iniquità sociali.
La pervasività del messaggio poetico può essere d'ausilio per costruire un mondo fondato sui valori afferenti la pace e l'uguaglianza tra i popoli; questo è il sogno condiviso da tanti poeti, ma Yuri Zambrano, medico messicano, ha deciso di provarci sul serio attraverso tale progetto culturale che vede fra i suoi collaboratori  Luz María López direttrice continentale per le Americhe, Hilal Karahan poetessa turca che ricopre il ruolo di direttore intercontinentale per la Turchia e Paesi limitrofi e coordina le attività di Asia ed Europa, la poetessa siriana Malak Sahioni responsabile per gli affari internazionali del wfp, Aminur Rahman direttore continentale per l'Asia, Nnanne Ntube direttrice continentale per l'Africa, Fatma Nazzal direttrice per il Medio Oriente, Amme D. Brown per Australia e Micronesia e  la poetessa italiana Claudia Piccinno  direttrice continentale per l'Europa.
Questo mese sul web sono fruibili poster molto simili relativi all'evento che si replicherà il prossimo 21 giugno, notte del solstizio d'estate, in tantissime località e finora sono previsti almeno 70 reading poetici in varie parti del mondo.
Questa iniziativa denominata "J-21 INITIAKTIVES"  contiene due parole determinanti: aktivismo ed  iniziativa. La k di InitiaKtives rappresenta l'anello di congiunzione tra i due sostantivi; una liaison  poetica appunto.
Lo slogan di quest'evento che si terrà in simultanea nei cinque continenti è "NO WAR – HUG PEACE" e vuol essere un grido corale  pacifista volto a richiamare l'attenzione dei governi nazionali, affinchè tutti insieme ci si possa impegnare a favore della pace nel mondo.
Purtroppo, nel pianeta vi sono molte nazioni che sostengono le guerre, assecondando i traffici d'armi e il passaggio di eserciti, oppure contribuendo ad occupare territori strategici per la loro posizione, o per sfruttarne le risorse economiche e/o naturali.
Ogni anno Wfp organizza quattro eventi in cui incontrastata protagonista è la poesia, che attraverso la sua eterea bellezza parla in chiave lirica di unione tra i popoli.
Altro promettente compito di WORLD FESTIVAL POETRY è scoprire e battezzare santuari poetici immersi nella natura,  che abbiano assistito nei secoli a pacifiche e silenti imprese, come ad esempio i sentieri percorsi dai pellegrini nel corso della storia.
Seguiranno filmati dei reading del 21 c.m. su canale youtube dedicato.

La satira di Cassiodoro nel nuovo libro (@gattopardo) edito da The Writer.
E sette. Tante sono le raccolte satiriche di Cassiodoro ad oggi grazie a questo nuovo lavoro (@gattopardo) edito da The Writer.
Il corsivista stavolta si ė "allargato" parecchio sul discorso grafica riducendo la satira scritta, seguendo cioè un orientamento che era giá presente negli ultimi volumi, in particolare OGM (2.000) e Novellame (2015). 
Libri che, si ricorderá, erano stati preceduti da Corsivi e Cassionovele (1987), Corriere della Satira (1990), Juliassik Park (1993) e La Bosseide (1996), una saga nata sul periodico "La Sila" in cui si racconta della prima e della seconda repubblica di questa nostra Italietta, attraverso un umorismo di sinistra/destra sempre autonomo dal potere, indipendente fino al midollo.
Gattopardo è sinonimo letterario/politico del "tutto cambia perchè nulla cambi" ma, graficamente, offre un'idea di felinitá pacificamente aggressiva. Cosí da umorista affronta le contraddizioni delle caste e le storture della politica offrendo, come soluzione, le zampe di unghie affilate (che anche nella realtá lascia crescere per suonare la chitarra) fiducioso che i mali atavici del Belpaese possano finalmente essere così rimossi: graffiando!
Un colpo basso, quello di questo scrittore fortebraccialleniano, per certi versi petroliniano, ai teatrini della politica, dei media e dello spettacolo, sferrato però con pastiches linguistici e scanzonata ironia in questo continuo viaggio satirico alla ricerca di spunti che lui trova nella realtá di tutti i giorni, negli scenari nevrotici e paradossali del nostro tempo.
Una scrittura ed un'inventiva, la sua, che è collocabile nella tradizione umoristica italiana, compresa quella di Segre, Calcagno, Guareschi passata poi attraverso l'esperienza di Il Male, Tango, Cuore nell'originale girandola che, ancora una volta, ci propone. Un cocktail di briosi corsivi, favole, vignette e foto, come in un ballo in maschera tutto da gustare.

A Roma, presso il Circolo degli Ministero degli Esteri ha avuto luogo la presentazione di "Al Tayar. La Corrente", il nuovo libro di Mario Vattani da pochi giorni in tutte le librerie. 
Vittorio Sgarbi nel suo intervento ha sottolineato: "Al Tayar non è semplicemente un noir a sfondo egiziano: è un romanzo di formazione, profondamente sensuale e determinista, dove nessuno si libera dal proprio destino. Invece il Vattani diplomatico diventa Vattani scrittore, sfugge alla forma diplomatica e si riprende la vita";  Pialuisa Bianco ha descritto il romanzo come “letteratura allo stato puro. L’intreccio è un labirinto dal quale si esce con la consapevolezza perturbante che non si è mai veramente l’autore del proprio io”.
Inoltre, sono intervenuti alla conferenza l’Ambasciatore Raffaele de Lutio, la giornalista Stefania Viti.
Mario Vattani, diplomatico e scrittore, dopo il successo del suo noir giapponese 'Doromizu. Acqua torbida' (Mondadori, 2016), ambienta il suo nuovo libro, il cui titolo si ispira alla corrente del Nilo, una forza irresistibile e onnipresente che guida il nostro destino, nella capitale di un Egitto caotico e affascinante che conosce bene perché vi ha vissuto a lungo da console.
Protagonista del romanzo è Alessandro Merisi, venticinque anni e un lavoro da fotografo ormai abbandonato. È appena atterrato al Cairo, nella sua valigia ha pochi vestiti, quanti bastano per nascondere i farmaci che ha il compito di trafugare in Egitto. Non ha scelta, questo è il tributo che gli è stato imposto per un debito dal quale teme di non liberarsi più. "Attraverso l’incantesimo della scrittura sono voluto tornare in Egitto - spiega l’autore, - è un paese di cui mi sono subito innamorato. I suoi colori e i suoi sapori, gli uomini e le donne egiziani mi hanno trasformato, la loro intensità ha profondamente influenzato il mio modo di vedere e sentire il mondo".
Il giovane Alex è sedotto dal fascino di una metropoli in preda agli spasmi di un regime morente. Vi intravede l’occasione per conquistarsi una seconda vita, anche se ciò significa lasciarsi trascinare nel mondo terrificante del traffico di organi. Al Tayar è un percorso iniziatico attraverso eros e tanathos, vi traspare sempre la ricerca di una conoscenza, un’ispirazione, di una scelta. “Il luogo migliore dove trovare la purezza - continua Vattani -  è la decadenza, il disordine, il caos. La luce è più facilmente individuabile nell’oscurità. In Egitto, dove i contrasti sono così forti, si ottiene un’immagine ancora più nitida di questo paradosso.”
Dinamica e ricca di colpi di scena, la trama di Al Tayar si appoggia su uno stile scorrevole e immediato, cinematografico, che porta il lettore a identificarsi col protagonista e lo inchioda alla lettura sin dalle prime pagine.
Tuttavia, il fascino del romanzo è anche dovuto allo sguardo limpido e coinvolgente di Alex sul Cairo, sulla cultura araba e sul mondo che lo circonda.
Attraverso pennellate vivide, emozionanti e mai convenzionali, Mario Vattani dipinge un noir sensuale, scuro e commovente. “Nel mondo di Al Tayar - racconta Vattani - il destino degli uomini non viene deciso dalla malvagità delle loro azioni, ma dallo scorrere inesorabile del Nilo. E’ una corrente in cui non si può far altro che lasciarsi andare, anche a costo di perdere l’anima.”
Composito il parterre delle personalità diplomatiche che hanno partecipato all’incontro: gli Ambasciatori Mammad Ahmadzada, Repubblica dell’Azerbaigian, Umberto Vattani, già Segretario Generale della Farnesina, Presidente della Fondazione Italia Giappone e della Venice International University, Francesco Paolo Fulci, Presidente della Ferrero, Alessandro Minuto Rizzo, già segretario generale della NATO, Marisela Federici, il sen. Maurizio Gasparri, l’ex vicepresidente del CSM, Michele Vietti, Mattia Carlin, vicepresidente Unione dei Consoli Onorari in Italia, Peppino Borga, già Ambasciatore a Buenos Aires, Luca Sabbatucci, già capo del personale della Farnesina, Carlo Maria Oliva, già Ambasciatore italiano all’OCSE, Claudio Moreno. Ospiti dell'evento letterario gli attori Paola Gassman, Jun Ichikawa, Vincenzo Bocciarelli ed il prof. Anton Giulio de Robertis, Vicepresidente del Comitato Atlantico.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI