Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 15 Settembre 2019

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:313 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:452 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:620 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1498 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1378 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5000 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1770 Crotone

"Elogio della rabbia" è il titolo dell'ultima opera dello scrittore Salvatore La Porta, che anche stavolta affronta una tematica di forte impatto: la rabbia, sentimento contemperato alla naturale propensione al senso di giustizia insito nell'essere umano, ma controverso, a volte incontrollabile e, quindi, difficile da gestire.
Ne consegue un'ampia galleria di considerazioni circa l'elaborazione, sia distruttiva che positiva, della rabbia che, all'interno di un tessuto sociale caratterizzato da un sistema culturale di riferimento, costituito di valori, norme e tradizioni, ma  tendenzialmente orientatato verso un ipertrofico individualismo, pone il lettore dinanzi a precipue riflessioni, come del resto tutte le precedenti pubblicazioni editoriali dell'autore.

Viviamo un’epoca di crisi dell’universo valoriale e ciò si riflette nei rapporti sociali. Aristotele,
antesignano di quella che diversi secoli dopo è divenuta disciplina sociologica, sosteneva che
l’uomo è un “animale sociale” naturalmente incline alla comunicazione con i suoi simili, in un'ottica volta alla condivisione e alla solidarietà sociale, la cui antitesi è l'anomia, un fenomeno che ho avuto modo di approfondire negli assunti di Émile Durkheim. Vorrebbe parlarmi del livello di percezione dei valori nella società postmoderna?
Dipende di quali valori si parla: l’amore per i figli, per la propria cerchia di famigliari, per ciò che è considerato “cosa nostra” è un valore molto sentito. Se teniamo conto soltanto della sfera affettiva privata, non vedo una mancanza di valori. Anzi, quel che amiamo lo amiamo in maniera forsennata ed ossessiva, lo difendiamo da ogni possibile minaccia fino a renderlo inerte; lo proteggiamo anche quando è nel torto. A volte ci facciamo divorare, a volte divoriamo per lui. Non vedo un’anomia nella società: mi sembra piuttosto che le regole che la gestiscono riguardino sempre più i rapporti personali ed escludono spesso chi non fa parte del nostro micromondo. L’amore, inteso come unico sentimento degno di essere manifestato, ci ha portato ad una società di confini e odio: quel che amo dev’essere definito e separato dal resto, affinché io possa preservarlo. A tutti i costi.

Sentimenti quali, gelosia, rancore, invidia, in grado di assorbire gran parte delle nostre energie, sono veramente così incontrollabili?
La loro radice è incontrollabile, perché è una di quelle su cui germina l’animo umano: è il senso di giustizia che – degenerando – rende la nostra rabbia rancore, invidia e gelosia. Ma l’origine di questi sentimenti è nobile; la rabbia che li genera nasce sempre dalla percezione di un’ingiustizia, dalla reazione ad un torto. Il nostro mondo, però, ha reso la rabbia un sentimento privato e irrazionale: dovrebbe spingerci a proteggere chiunque sia maltrattato, ed invece la riserviamo soltanto per difendere chi amiamo o, addirittura, noi stessi. È il sentimento più altruista che abbiamo, ma se si ammala diventa egoismo e odio.

Nella sua recente opera editoriale “Elogio della rabbia”(2019, Il Saggiatore Editore) offre
l’opportunità al lettore di riflettere dentro se stesso ed imparare a trasformare la rabbia in uno strumento utile, liberandola da tutti quei vincoli che finiscono per relegarla ad un ruolo distruttivo. Qual è, invece, il suo pensiero nei riguardi di tale sentimento?
Come dicevo prima, la rabbia – quando è sana –  è un sentimento che unisce la gente: ci infuriamo quando un estraneo subisce un torto, corriamo in suo soccorso, o addirittura combattiamo al suo fianco. La storia è piena di esempi: moltissimi stranieri hanno combattuto durante la guerra civile spagnola, molti altri spendono la propria vita al fianco del popolo curdo – e non soltanto con le armi. Cosa ci porta a dedicare la nostra vita ad un estraneo, ad un paese straniero, se non la rabbia per quello che sono costretti a subire? È l’amore per ciò che è nostro, per i nostri confini, la nostra bandiera, il nostro campanile, che separa gli uomini.

Quali sono le cause scatenanti per cui le nostre esistenze sono divorate dalle contraddizioni?
Sinceramente non ho una risposta. Sembra che sia un destino ineludibile, un errore nella nostra programmazione. Siamo costretti a distinguere perché la nostra logica ci impedisce di amare o percepire contemporaneamente gli opposti: ma nel momento in cui scegliamo cosa avere, desideriamo quel che manca. È come se qualcosa ci spingesse a ricomporre la distinzione tra gli oggetti del mondo, senza avere gli strumenti per ricondurli all’unità. Siamo una specie strana, ma non c’è nulla di nuovo in questa idea. Ne scriveva Leopardi, e certamente non era il primo.

La rabbia, emozione di tipo primitivo, è uno stato multi-dimensionale la cui manifestazione è
fortemente influenzata dalla cultura e rappresenta la tipica reazione che consegue alla frustrazione ed alla costrizione. Quando diventa disfunzionale e, al contrario, in che misura è funzionale?
È disfunzionale quando non abbiamo le idee chiare. Credo che sia definibile anche e soprattutto come un sentimento nato dall’ingiustizia: la costrizione, ad esempio, è voler fare x e ritrovarsi a fare y. Se si pensa che x sia la cosa più giusta da fare (o più piacevole, se crediamo che il nostro piacere sia la cosa giusta), allora verrò preso dalla rabbia. Nessuno si arrabbia davanti a qualcosa che percepisce come giusto. Ma per capire quando un avvenimento è realmente un’ingiustizia, dobbiamo avere un quadro della situazione quanto più ampio è possibile. Altrimenti rischiamo di scambiare la vittima per carnefice, rivolgere la nostra rabbia contro i più deboli – ad esempio. E i più deboli non possono commettere un torto; non ne hanno il potere: è questo che li definisce come deboli.

Come è possibile trasformare la rabbia in un sentimento in grado di contrastare le ingiustizie
sociali?
Dobbiamo accettarla e educarla. Dobbiamo renderla imparziale, depurarla dall’amore e dall’egoismo: dobbiamo infuriarci anche con chi amiamo, se è nel torto. Dobbiamo riprendere a pensare in maniera critica, cercando di falsificare continuamente le nostre credenze per non rivolgere la nostra furia contro l’obiettivo sbagliato. Dobbiamo, soprattutto, utilizzarla per difendere i più deboli.

Lo psicologo James Averill ha individuato tre tipi di rabbia: la prima è la rabbia malevola, che induce al desiderio di vendetta; la seconda rappresenta uno scarico di tensione e spesso si sfoga su chi non ha colpa; infine, la terza è la cosiddetta rabbia costruttiva. Vorrebbe spiegare ai nostri lettori che cosa si intende per rabbia, quale sentimento utile all’economia della nostra esistenza?
Potremmo parlare di giustizia, piuttosto che di rabbia: è il cardine di questo sentimento. La rabbia è positiva ogni volta che ci permette di entrare in contatto con altre persone, che ci schiera al fianco di chi subisce un torto. La rabbia, quando non è deformata dall’amore e dall’egoismo, è ciò che distingue la civiltà dalla barbarie. Se, invece,  utilizziamo questo sentimento soltanto per proteggere chi amiamo e quel che sentiamo nostro, otterremo odio e divisione. Un mondo in cui la rabbia non sia coltivata, in cui questo sentimento sia degenerato, è un mondo di mafie e fascismi, di "famigghie", camerati e stranieri da tenere a distanza.

Progetti per il futuro?

Spero di scrivere dei libri che siano utili, fondamentalmente.

La tragedia degli italiani profughi dalle terre giuliano dalmate nel primo dopoguerra è stata per troppi anni tenuta nascosta e viva solo nel ricordo dignitoso di chi aveva vissuto quegli anni. Caratteri schivi, riservati, non hanno mai fatto manifestazioni o proclami e c’è voluta la caduta del Muro di Berlino per far cadere anche questo nostro “muro” della memoria. È del 2004 la legge che stabilisce che il 10 febbraio è il “Giorno del ricordo delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale” e, quindi, la lettura di un giallo che parla di quelle storie incuriosisce. La vendetta di Oreste, appena pubblicato da Fazi editore, in maniera molto delicata, inserisce, in un racconto giallo, le vicende che hanno caratterizzato gli anni delle persecuzioni degli italiani fino all’esodo e anche oltre. Autore del giallo il professor Giovanni Ricciardi che insegna greco e latino in un liceo di Roma e che ha inventato la figura del commissario Ottavio Ponzetti, un Maigret all’italiana che con grande umanità risolve intrigate vicende. Sono già otto le storie che il commissario riesce a risolvere, per lo più ambientate a Roma e quest’ultima si tinge di venature storiche e ambientazioni nelle terre istriane. Il giallo si interseca con la storia di quegli orribili anni: il 1943, l’ingresso delle truppe titine a Trieste nel 1945, le foibe, le divisioni tra zona A e zona B, la consegna di Pola alla Jugoslavia (1947) con l’inizio dell’esodo massiccio, le storie degli operai comunisti di Monfalcone, la vicenda di Maria Pasquinelli fino a parlare dell’isola Calva, Goli Otok, il Gulag di Tito e delle sue atrocità.  Un modo veramente originale per far rivivere vicende dimenticate attraverso una trama avvincente. Sicuramente quanti hanno a cuore la storia e specialmente le storie dei vinti, anche se non amano il genere, apprezzeranno questo originale “giallo storico”.

Giovanni Ricciardi

La vendetta di Oreste

Fazi Editore, 2019

Domenica 25 agosto 2019 a Bisceglie (Bari) è stato presentato l libro di Roberto Simoni "Una voce fuori dal coro" Lacci e lacciuoli d'Italia. Come salvare il contribuente da ricorsi e lungaggini del processo tributario e penale (2019, Male Edizioni di Monica Macchioni).
Come salvare il contribuente da errori e lungaggini del processo tributario e penale? Ce lo spiega Roberto Simoni nel suo volume, la cui presentazione si è svolta nell’ambito di "Libri nel Borgo Antico", la rassegna dedicata ai libri e alla lettura, alla quale partecipano centinaia di autori, che fanno tappa nel centro storico della cittadina pugliese. 
Per l’occasione, a dare “voce” a “Una voce fuori dal coro” è stato l’attore Massimiliano Buzzanca, figlio del Lando nazionale, che ha letto i passi più significativi del volume di Simoni.
Un libro che si propone come “diverso” rispetto ai vari testi editati sul tema, poiché incentrato sulla percezione che il contribuente ha nel momento in cui riceve la cosiddetta “busta verde” contenente la contestazione tributaria. Il cittadino, in particolare, non si dovrebbe sentire in colpa, nella stessa misura in cui non si può  dare automaticamente la colpa stessa all’Agenzia delle Entrate.
La ragione, come spesso accade, sta nel mezzo e la vera responsabilità va attribuita al sistema farraginoso generato dalle moltitudine di leggi tributarie, spesso di ardua interpretazione. “Ho voluto rendere accessibile anche ai non addetti ai lavori la complessità delle liti tributarie e dei processi penali correlati - spiega l’autore Roberto Simoni, avvocato toscano specializzato nel settore tributario e penale commerciale, che nel libro narra con scrittura  agile e decisamente fruibile dieci casi legali risolti - In questo modo spero di aiutare il lettore a sentirsi meno solo e a non considerare l’Ente accertatore come un “nemico”.
Roberto Simoni, toscano nato a Pistoia e trapiantato a Firenze, è avvocato tributarista, appassionato al suo lavoro e innamorato  della vita. Si definisce una voce fuori dal coro,  per il suo approccio pragmatico nell'esercizio della sua professione e per il suo rapporto one to one con il cliente. Laureato col massimo dei voti all’Università degli Studi di Firenze, è iscritto nell’Albo degli Avvocati di Firenze e presso l’Albo Speciale dei Cassazionisti. Ha maturato specifica esperienza nel settore tributario e penale commerciale, è stato cultore di diritto tributario e di diritto tributario internazionale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Firenze ed ha pubblicato articoli in materia tributaria, è stato relatore in numerosi master, convegni e seminari.
La rassegna "Libri nel Borgo Antico" è promossa dall’Associazione Borgo Antico, con un successo di pubblico sempre più consolidato nel tempo.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI