Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 06 Dicembre 2021

Sempre più strisce pedonali sbiadite

L'incrocio con le strisce pedonali sbiadite

“Il lupo perde il pelo. Ma non il vizio. Più volte ho segnalato la necessità di far rifare gli attraversamenti pedonali nelle zone nevralgiche della città. Però, questa necessità sembra vissuta come una sorta di fastidio dall’Amministrazione comunale che da quest’orecchio non sembra sentirci”. Lo dice il consigliere comunale indipendente Elisa Marino dopo avere raccolto, in proposito, le lamentele dei residenti di uno dei quadrivi più transitati di Ragusa, quello tra via Risorgimento, via ingegnere Migliorisi e via Giovanni Grasso. “Qui – aggiunge Marino – sebbene ci siano ben quattro attraversamenti pedonali, nessuno tra questi sembra essere all’altezza della situazione, visto che ormai risultano parecchio scoloriti. E pure andando avanti, sempre nella stessa via Risorgimento, zona in cui i passaggi pedonali, per la presenza di numerosi uffici, risultano essere molto gettonati, si ha la percezione che il problema sia analogo. Torno, quindi, a chiedere un intervento puntuale e rapido dell’Amministrazione comunale, in particolare dell’assessorato alle Manutenzioni, per evitare che questo disagio continui a protrarsi nel tempo. Penso che il Comune di Ragusa abbia ancora qualche soldo in cassa per potere acquistare qualche barattolo di vernice necessaria a ripitturare le strisce pedonali. Non dobbiamo dimenticare che sono soprattutto gli anziani della zona a lamentarsi. Visto e considerato che, più di altri, avvertono la necessità di potere contare su un attraversamento pedonale degno di tale nome”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI