Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 27 Novembre 2020

142.175, il numero dei migranti che premono a Evros per entrare in Grecia

Stamani si sono verificati nuovi scontri al confine tra Turchia e Grecia, dove continuano a essere accampati migliaia di migranti che cercano di entrare nell'Ue. La polizia di frontiera di Atene ha sparato gas lacrimogeni e getti di cannoni ad acqua contro gruppi di persone che cercavano di oltrepassare la frontiera, mentre gli agenti turchi hanno risposto con lacrimogeni lanciati verso il lato greco. Lo riferiscono media locali. I migranti hanno risposto ai respingimenti con lanci di pietre.

Fonti governative greche accusano la Turchia di aver compiuto "attacchi coordinati" per "aiutare i migranti ad attraversare la recinzione sulla linea di confine". Atene denuncia inoltre che Ankara avrebbe fornito ai profughi utensili per tagliare o danneggiare le recinzioni. Stamani, si segnala lo sgombero di alcuni accampamenti di migranti, trasferiti su alcuni autobus. Non è ancora chiaro tuttavia se si tratta di uno spostamento lungo il confine o se le autorità di Ankara abbiano iniziato ad allontanarli progressivamente dalla frontiera, una settimana dopo aver annunciato che non li avrebbero più fermati se avessero voluto recarsi in Europa.

Abbiamo espresso la nostra solidarietà ai Paesi che stanno affrontando una situazione ai loro confini, in primis la Grecia, e abbiamo sottolineato il nostro totale disaccordo nei confronti della Turchia per le sue attività di trivellazioni a Cipro". Così l'Alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell, al termine della riunione straordinaria sulla Siria dei ministri degli Esteri Ue, a Zagabria. "Ci siamo focalizzati sulla situazione ai confini europei e ribadiamo il fatto che rigettiamo una situazione nella quale i migranti affluiscono ai confini europei dopo che qualcuno dice loro che i confini sono aperti, incoraggiarli non è accettabile", ha detto Borrell.

Spaccatura tra i Ventisette, però, è ben più complessiva. i ministri degli affari interni degli Stati membri dell’UE si sono incontrati a Bruxelles in un’assemblea straordinaria   mentre migliaia di migranti e rifugiati dal Medio Oriente riuniti alle porte dell’Europa.  

Stavolta sono sulle spine quelli dell’Europa centrale e orientale che temono un riaprirsi della Rotta balcanica. Ma divergono le scelte: c’è chi, vedi la Polonia, si schiera con i greci sul confine; e chi, come i tedeschi, cerca un accomodamento con Erdogan.

La Grecia ha chiesto aiuto alla Commissione europea e ai partner dell’Unione. Il governo liberal-conservatore guidato dal nuovo premier Kyriakos Mitsotakis ha richiamato i Trattati e ha ottenuto l’attivazione di Frontex, agenzia comunitaria a difesa dei confini. Questa «attivazione» significa che i Paesi membri sarebbero chiamati a fornire proprie unità a rinforzo della polizia e della Guardia costiera della Grecia. Da notare che i greci chiedevano un aiuto minimo, di 100 uomini, più che altro simbolico, a significare che il «lavoro sporco» di proteggere anche fisicamente il confine era condiviso da più Paesi e più governi. Ecco, a questa richiesta i polacchi hanno risposto offrendosi di mandare 200 loro uomini.  

Da quel che si apprende, infatti, c’è stata una gran discussione sul documento finale, con la Germania impegnatissima ad addolcire le posizioni contro la Turchia per non esacerbare ancor di più gli animi. Alla fine, la parola «condanna» per le azioni del governo di Ankara è stata sostituita con un «rifiuta fortemente». La nota finale dei ministri dell’Interno, discussa virgola dopo virgola, cerca di essere equanime: «Sebbene il Consiglio - scrivono i ministri - riconosca l'aumento dell'onere migratorio e i rischi che la Turchia sta affrontando sul suo territorio e i notevoli sforzi che ha compiuto nell'ospitare 3,7 milioni di migranti e rifugiati, rifiuta fortemente l’uso della pressione migratoria da parte della Turchia a fini politici».

L’Italia, rappresentata alla riunione Ue dal ministro Luciana Lamorgese, ha chiarito subito che il governo di Roma non manderà nessuno a spalleggiare i greci nelle maniere forti. Al massimo, nostri agenti potranno dare una mano negli hotspot per velocizzare le pratiche di chi chiede asilo.  

Quanto alla richiesta di mezzi, è stato escluso che unità della nostra Guardia costiera o della Finanza possano essere utilizzate nel respingimento muscolare dei gommoni. L’Italia ha offerto, se proprio serve rafforzare il dispositivo già presente di Frontex nell’Egeo con l’Operazione Poseidon, di inviare un aereo da ricognizione. Ben lontano, come si intuisce, dai luoghi caldi.  

Seguono 700 milioni di euro stanziati per le spese straordinarie sostenute dalla Grecia. E un impegno comune che è un monito politico verso Ankara: «Gli attraversamenti illegali non saranno tollerati. L'Ue e i suoi Stati membri prenderanno tutte le misure necessarie, conformemente al diritto dell'Ue e internazionale»  

A nome delle autorità polacche, il ministro degli interni Mariusz Kamiński ha dichiarato la disponibilità a inviare 100 soldati della guardia di frontiera e 100 agenti di polizia per sostenere la Grecia nell’affrontare la crisi migratoria recentemente emersa alla frontiera del paese con la Turchia.


“Speriamo che la situazione si stabilizzi, ma dobbiamo tenere conto di tutti gli scenari, motivo per cui siamo in grado di dare una mano ai Greci molto rapidamente”, ha detto il Ministro Kamiński.

Il comandante della guardia di frontiera polacca, in consultazione con il ministro degli Interni, ha già trasmesso informazioni su tale questione all’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex). Le autorità greche avevano precedentemente richiesto all’istituzione di avviare un rapido intervento per quanto riguarda la questione dei migranti. Tali interventi intendono fornire assistenza immediata a un paese dell’UE la cui frontiera è sottoposta a pressioni estreme a causa del gran numero di cittadini di paesi in via di sviluppo che tentano di entrare illegalmente nel suo territorio.

Allo stato attuale, Frontex non ha un proprio corpo regolare, quindi deve essere basato su guardie di frontiera degli stati dell’UE. Dopo aver concordato un piano operativo di intervento rapido con la Grecia, Frontex chiederà ad altri paesi associati all’UE e a Schengen di fornire immediatamente alle guardie di frontiera e ad altro personale le riserve di risposta rapida.

Kamiński ha dichiarato che la partecipazione della Polonia a qualsiasi piano di trasferimento dei rifugiati sarebbe fuori discussione se una proposta del genere fosse presentata.

“La distribuzione dei rifugiati non è un’opzione, ho sottolineato chiaramente. Ciò che conta innanzitutto è la vera protezione della frontiera greco-turca, che trattiamo come frontiera esterna dell’UE. A tale proposito, la Polonia presenta proposte concrete e concrete che possono mitigare la situazione al confine dell’UE “, ha affermato il ministro.

Mercoledì mattina, i servizi greci hanno riferito che da sabato a mercoledì avevano fermato quasi 28.000 persone nel tentativo di attraversare illegalmente il confine dalla Turchia e arrestato 220 che erano riusciti.

È salito a 142.175 il numero dei migranti che secondo la Turchia si sono diretti dalle zone interne del Paese verso la frontiera con la Grecia per cercare di entrare nell'Ue, dopo che il governo di Ankara ha annunciato una settimana fa che non li avrebbe più fermati. Lo riferisce il ministro dell'Interno turco Suleyman Soylu. Ieri Soylu aveva parlato di 138 mila persone. Atene ha confermato finora circa 35 mila tentativi illegali di attraversamento impediti.

"Non abbiamo più tempo di discutere con la Grecia. I profughi andranno fin dove possono. Noi non cacciamo nessuno con la forza dal nostro Paese, queste persone se ne vanno di propria volontà", ha proseguito il leader di Ankara. "L'Occidente purtroppo è ipocrita. Hanno subito allocato 700 milioni di euro per la Grecia. La cancelliera" tedesca Angela Merkel "ci aveva parlato di un aiuto di 25 milioni di euro, ma ancora non è arrivato nulla", attacca in un'intervista Erdogan tornando dalla Russia

L’arcivescovo greco-ortodosso Geronimo II è voluto andare ieri di persona al confine greco con la Turchia, per portare la solidarietà propria e dei fedeli ai patrioti che difendono il confine dall’invasione islamica ordita da Erdogan.

Durante la sua visita a Evros, al fine di monitorare da vicino gli sviluppi sul confine greco-turco, ha voluto esprimere il sostegno della Chiesa sia alle forze che difendono coraggiosamente i confini del nostro continente e della nostra civiltà, sia agli abitanti provati da anni di violenze.

E’ stato guidato dal comandante della divisione XII Angelos Houdeloudis, e davanti alla minacciosa onda islamica, Geronimo II, rivolgendosi agli agenti di guardia, ha dichiarato:

“Provo emozione ed eccitazione. Mi dispiace per le anime di queste persone che vengono spinte qui perché stanno diventando strumenti nelle mani degli altri. Poiché i nostri confini sono confini europei, dobbiamo essere esigenti. L’Europa non può chiudere un occhio su tali fenomeni. La nostra gente ammira e rispetta tutti voi che avete difeso i confini con sacrificio e siamo orgogliosi di voi. Allo stesso tempo siamo preoccupati, guardando le scene tragiche che sono usate per sfruttare gli esseri umani. Il nostro esercito è colui che ispira il nostro popolo e siamo orgogliosi di noi e preghiamo per lui”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI