Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Dicembre 2021

Tre sculture presepiali in maiolica del compianto maestro Salvatore Incorpora (Gioiosa Jonica 1920 – Linguaglossa 2010, conosciuto e apprezzato soprattutto per i dipinti a forte tematica sociale e per gli straordinari presepi polimaterici e di ogni dimensione), esposte al Museo internazionale del presepe “Collezione di Luigi Colaleo”, sono state date in prestito dal Comune di Caltagirone ai figli Giovanni, Gemma ed Egidio Incorpora e sono già “volate” a Milano per essere fra le opere protagoniste della mostra “Vite Parallele – Salvatore Incorpora – Francesco Messina”, che si terrà da mercoledì 8 dicembre 2021 (inaugurazione alle 17,30 di martedì 7) a sabato 16 gennaio 2022, nel capoluogo lombardo, nello Studio Museo “Francesco Messina”, in via San Sisto. Si tratta di: “Ali d’angelo per una grotta”, “Natività sull’asino” e “Pastori che vanno alla grotta santa”.

Le tre sculture, come indicato dall’assessore alle Politiche e ai Beni Culturali Claudio Lo Monaco, al ritorno da Milano saranno collocate all’interno del MacC (Museo d’arte contemporanea Caltagirone), nell’Ospedale delle Donne, “dove potranno interagire – ha spiegato l’assessore - con quelle di un altro illustre artista, il calatino Dino Caruso, così perpetuando il <dialogo> artistico portato avanti dai due negli anni ‘60 e ‘70 del secolo scorso. La presenza delle opere di Incorpora a Milano, in una prestigiosa esposizione – aggiunge Lo Monaco – è finalizzata alla promozione del nostro patrimonio artistico e alla valorizzazione dell’offerta culturale della nostra città e dei suoi musei”.    

La Colletta Alimentare, al suo 25° anno, è tornata in presenza. Non era scontato che, con la ripresa dei contagi, 140mila volontari, nel rispetto delle norme anticovid, tornassero davanti a quasi 11mila supermercati per vivere e proporre un gesto semplice ma concreto di solidarietà.

“Un gesto capace di unire in un momento in cui tutto sembra volerci dividere: dalla ripresa del virus, ai contagi crescenti, all’insicurezza economica. La giornata della Colletta ci manifesta che sono i fatti, i gesti che innanzitutto educano, noi, i nostri figli, tutti; e possono realizzare autentica solidarietà e coesione sociale” ricorda Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco alimentare Onlus.

“La Giornata della Colletta di quest’anno è stata davvero uno spettacolo - commenta Pietro Maugeri, presidente del Banco Alimentare della Sicilia - e tutti, anche i più restii, sono rimasti colpiti dai sorrisi e dall’invito dei volontari a donare qualcosa. E l’hanno fatto. La sera e fino a notte fonda la festa è continuata nei nostri magazzini! Tanti i giovani presenti a dare una mano, amici vecchi e nuovi sono trovati e ritrovati per celebrare insieme la Colletta Alimentare. I numeri registrano una flessione che, in fondo, ci aspettavamo, veniamo da due anni di pandemia con notevoli crepe nel tessuto sociale che siamo i primi a registrare ogni giorno. Ma poter ripartire in presenza è stato più importante di qualunque altro risultato”.

Quest’anno con la Colletta sono raccolte circa 7.000 tonnellate di cibo, l’equivalente di 14 milioni di pasti*, in tutta Italia nonostante il momento particolare e i disagi dovuti al maltempo in numerose località.

In Sicilia sono stati raccolti 370.518,30 chili di alimenti, l’equivalente di 741.036,6 pasti*.

Il dettaglio in chili per provincia è: Agrigento 31.641.10; Caltanissetta 22.655,50; Catania 80.594,70; Enna 12.990; Messina 43.877,40; Palermo 87.628,10; Ragusa 21.365; Siracusa 31.199; Trapani 38.567,50.

Quanto raccolto, insieme a quanto recuperato dal Banco Alimentare nella sua ordinaria attività durante tutto l’anno, sarà distribuito nelle prossime settimane a circa 7.600 strutture caritative che assistono oltre 1,7 milioni di persone. In Sicilia attraverso la Colletta verranno aiutate 250mila persone tramite le 700 strutture caritative che collaborano con la Rete Banco Alimentare.

Mercatini natalizi, luminarie in gran parte delle vie del centro storico e commerciale, spettacoli di esibizioni e concerti di strada ma anche nel teatro Massimo Bellini e a palazzo degli elefanti, provvedimenti per incentivare la mobilità sostenibile con l’uso del mezzo pubblico soprattutto nei giorni del fine settimana. Anche quest’anno per la terza volta consecutiva, nell’ultimo fine settimana di novembre il sindaco Salvo Pogliese ha avviato le iniziative natalizie e di fine anno, che fino al prossimo 6 dicembre animeranno il cuore del centro storico cittadino:“Sono orgoglioso di presentare alla stampa e alla città un articolato programma di iniziative natalizie realizzato grazie alla forte sinergia tra pubblico e privato, senza incidere di un euro sulle tasche dei nostri concittadini, con l'auspicio di regalare un periodo di festività animato da un rinnovato ottimismo, anche sotto il profilo economico. E l'avvio di questi eventi nel giorno del black friday è significativo del nostro sguardo rivolto ai commerciati catanesi che sono una risorsa importante per la città” ha detto il sindaco Salvo Pogliese presentando a Palazzo degli Elefanti le iniziative del Natale 2021,  promosse dall'Amministrazione comunale con la collaborazione di enti pubblici e privati, associazioni e sponsor. Presenti gli assessori alla Cultura, Barbara Mirabella, alle attività produttive, Ludovico Balsamo, e alla mobilità, Pippo Arcidiacono che hanno promosso le iniziative con il coordinamento del capo di Gabinetto del Sindaco e direttore del Turismo, Giuseppe Ferraro. Tra i presenti anche il  presidente del Consiglio comunale, Giuseppe Castiglione, il presidente della Commissione consiliare Cultura e Turismo, Giovanni Grasso, il sovrintendente del Teatro Massimo Bellini, Giovanni Cultrera, i rappresentanti legali delle partecipate Amts, Giacomo Bellavia; Sidra, Fabio Fatuzzo; Asec Trade, Giovanni La Magna. Per Fce il direttore generale Salvo Fiore con l'ingegnere Nello Gentile, la presidente delle guide turistiche di Catania Giusy Belfiore, il giornalista Salvo La Rosa.
“Abbiamo la fortuna – ha continuato il primo cittadino - di vivere all'interno di un contesto di bellezza straordinario, quale è la nostra città, ricco anche di attività commerciali alle quali vogliamo dare una mano perché i nostri commercianti, come i ristoratori, e gli albergatori hanno particolarmente sofferto gli effetti della pandemia. L'albero di piazza Università ma anche le luminarie in moltissime vie della nostra città,  viale Ionio e corso delle Province per la prima volta, oltre a via Etnea, corso Italia, viale Vittorio Veneto, corso Sicilia, via Umberto, servono anche a dare un tocco di vivacità e allegria, seppure nello stile della sobrietà che abbiamo sempre perseguito, coi mercatini artigianali aperti in piazza Università, via Minoriti, via Montesano. L’assessore Balsamo con la direzione attività produttive sta anche provando ad assegnare altri due mercatini nel centro storico. Ma ci saranno anche manifestazioni culturali, concerti anche nelle chiese per accrescere l'atmosfera natalizia, e le guide turistiche ci daranno una mano con percorsi guidati lungo itinerari che comprendono siti quali il Teatro Massimo Bellini e il  Palazzo degli Elefanti. Un'altra bella pagina per la nostra città – ha sottolineato il sindaco – grazie alla sinergia tra  il pubblico, le nostre aziende partecipate e il sistema privato che continua a rappresentare l'unica strada possibile all'interno di un contesto drammatico  dal punto di vista  economico-finanziario come quello di un comune in dissesto, circostanza che molti dimenticano ma non i colleghi sindaci di altre città di tutta Italia  che mi chiedono come riusciamo  a realizzare programmi così articolato”. 

Un Natale inclusivo, all’insegna della sobrietà e che rispetta l'economia del territorio locale, che sul piano culturale offre tre mostre di particolare rilievo: i Cento anni di Turi Ferro al Castello Ursino dove si trova anche l'esposizione del maestro di fotografia Gabriele Basilico e la mostra unica nel panorama europeo, da Warhol a Banksy, nel Palazzo della Cultura. Per quanto concerne la viabilità, nei fine settimana e nei festivi la pedonalizzazione di via Etnea verrà estesa fino a via Litrico, ingresso est del giardino Bellini.

Per incentivare l'utilizzo del mezzo pubblico e raggiungere il centro senza usare l’auto privata l'Amministrazione Comunale in sinergia con Amts e Fce, ha adottato speciali misure. Anzitutto sollecitando dall’8 dicembre al 6 gennaio l'estensione oraria della Metro fino a mezzanotte nei giorni di sabato e domenica e nei festivi, a eccezione del 25 e del 1 gennaio come in tutta Italia.

“Consideriamo questo incremento dell'orario di apertura della Metro solo come un primo passo -ha detto il sindaco – ma pur considerando le necessità organizzative interne, ho ribadito all'ingegnere Fiore la necessità che la chiusura sia fissata alle ore 24 tutti i giorni e dal Direttore Generale ho trovato disponibilità a raggiungere l'obiettivo di interesse collettivo e anche per questo lo ringrazio pubblicamente”.

Di particolare valore anche le altre proposte messe a punto da Amts e Sostare. Anzitutto il MetroBus Christmas Card: a soli 15,00, dal 06 dicembre 2021 al 06 gennaio 2022, viaggi con la metro e i bus di Amts e parcheggi gratuitamente presso i parcheggi “Due Obelischi”, “Nesima”, “Santa Sofia” e “Sanzio”. Le cards sono in vendita nei rivenditori abituali e nella  stazione Borgo di FCE.

Importante anche la sospensione tagliando mezza giornata strisce blu: durante il periodo natalizio, dal 6 dicembre al 6 gennaio, allo scopo di aumentare la rotazione degli stalli blu è sospeso il pagamento del tagliando di sosta lunga sugli stalli nelle zone a maggiore vocazione commerciale.

Per quanto riguarda la sosta lunga, si potrà utilizzare il parcheggio del “Pino”: nei fine settimana del mese di dicembre (esclusi 25 e 26 dicembre) al costo di un euro 1,00, dalle ore 20,00 alle 2,00, sarà possibile lasciare la propria auto nel parcheggio “Del Pino” con ingresso da via Ventimiglia, attiguo  a piazza della Repubblica.

Una palestra tutta nuova per gli alunni del plesso di via Messina dell'istituto comprensivo Agatino Malerba e del liceo Mario Cutelli che utilizza alcune aule della scuola comunale come succursale.

La struttura completamente riqualificata secondo massimi criteri di sicurezza e funzionalità, è stata consegnata alla dirigente scolastica della scuola Malerba Agata Pappalardo e quella del liceo Cutelli Elisa Colella, dal sindaco Salvo Pogliese e dagli assessori Sergio Parisi, Barbara Mirabella e Pippo Arcidiacono, delegati rispettivamente alle politiche comunitarie, alla pubblica istruzione e alle manutenzioni. Tra i presenti il capo di gabinetto Giuseppe Ferraro, il direttore delle politiche comunitarie Fabio Finocchiaro, il responsabile delle manutenzioni scuole comunali Orazio Santonocito,  il vicepresidente della seconda circoscrizione municipale Damiano Capuano e i consiglieri Daniele Racca, Fabio Lauria, Davide Maraffino e Giulia Giuffrida.

Trenta anni dopo la sua realizzazione, infatti, la palestra presentava gravi infiltrazioni di acqua piovana, spogliatoi non funzionali e mancato rispetto delle norme di sicurezza, che la rendevano inutilizzabile. Lo scorso anno l'amministrazione comunale ha inserito il progetto di riqualificazione,  tra quelli per l'utilizzo dei fondi comunitari destinati al Patto per Catania stanziando la somma di 391 mila euro.

“Un fatto importante e prioritario sia per l’istituto comprensivo Malerba sia per il liceo Cutelli -ha detto il sindaco Salvo Pogliese, incontrando i ragazzi, i rappresentanti dei due istituti e i tecnici comunali-. In tre mesi abbiamo completato i lavori che serviranno per avere una struttura idonea per le attività sportive scolastiche. E’ solo la prima scuola di cui consegniamo i lavori, altre ne seguiranno a breve perché sono ventidue i  plessi su cui abbiamo previsto interventi di messa in sicurezza, stanziando 8 milioni e 780 mila euro di fondi dell'Unione Europea del patto per Catania Mi preme ringraziare gli assessori Parisi, Mirabella e Arcidiacono e i tecnici comunali, per il risultato conseguito e che favorirà un servizio più completo e in sicurezza all'educazione dei nostri ragazzi ”

L'intervento per la palestra della scuola Malerba è costato circa trecento mila euro. Il sindaco ha annunciato che il ribasso di quasi centomila euro verrà utilizzato per rimettere a nuovo anche l'annessa palestrina, resa inutilizzabile dall’usura del tempo e dalle copiose infiltrazioni di acque meteoriche sui muri e gli infissi della piccola struttura contigua alla palestra appena riqualificata.    

Ogni scuola catanese avrà la sua buona stella. Grazie al progetto “CarlottaxAIL” – nato in memoria dell’architetto Carlotta Reitano, scomparsa prematuramente il 18 settembre 2020 – 118 plessi e circa 25mila bambini del nostro territorio riceveranno in dono una stella di Natale, che accenderà una riflessione sull’importanza della ricerca per la cura di leucemie, linfomi e mieloma.

«È doveroso condividere le iniziative che parlano di sensibilizzazione in materia di ricerca – ha commentato l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Catania Barbara Mirabella – AIL manda un messaggio d’amore nelle scuole: la stella è un segno di luce che abbiamo voluto condividere con 34 dirigenti scolastici, abbracciando la ricerca e facendo capire ai più piccoli quanto sia importante». «Quest’anno abbiamo la possibilità di presentare una nuova manifestazione grazie al Comune e a CarlottaXAIL, dando la possibilità a ogni classe di coltivare una stella. Una strada per far prendere coscienza anche ai più giovani di una malattia – quella del tumore al sangue – che grazie alla ricerca ha fatto grandi passi in avanti. E si può fare ancora di più», ha aggiunto il presidente di AIL Catania Riccardo Bottino.

«Quest’anno AIL Catania si è superata e siamo felici di aver collaborato per dar vita al progetto per le scuole “Accendi una STELLA” – ha commentato l’architetto Alessandro Amaro, marito dell’arch. Reitano e promotore delle iniziative CarlottaX – Un percorso, dunque, che giunge fin dentro le aule: i ragazzi contribuiranno a dare speranza ai pazienti ematologici e collaboreranno a tenere in vita la stella di Natale nei propri Istituto».

Una campagna di sensibilizzazione che, come ogni anno, vede protagonista la sezione catanese dell’Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e Mieloma, che anche quest’anno scende in campo con lo slogan “Ogni malato di leucemia ha la sua buona stella. Quella buona stella per noi, puoi essere tu”, accompagnato da #maipiùsognispezzati.

Il prossimo 3,4 e 5 dicembre, dalle ore 9.00 alle 19.00 sarà possibile acquistare una stella di Natale negli stand di Piazza Giovanni Verga, Corso Italia e via Etnea 286. Giorno 8, invece, sarà presente nella sola piazza Verga. Oltre alla pianta, sarà possibile richiedere i Sogni di Cioccolato AIL: una confezione di 350 grammi di stelle di cioccolato al latte o fondente con nocciole IGP del Piemonte.

In alternativa è possibile prenotarsi tramite telefono (3703791645), via mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e direttamente nell’area Donazioni del sito AIL Catania.

I fondi raccolti saranno impiegati per sostenere la ricerca scientifica, per supportare il reparto di Ematologia degli ospedali Policlinico e Garibaldi di Catania, per finanziare il servizio di cure domiciliari, quello di psicologia e i progetti di assistenza per i pazienti ematologici e i loro familiari.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI