Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 08 Agosto 2020

Torna dal 28 al 30 agosto il Festival dei sensi, la manifestazione che per un  week end intero animerà con lezioni di altissima qualità, argomenti inattesi, mostre speciali e conversazioni sorprendenti la mitica valle dei trulli. Le emozioni sono al centro di questa nuova edizione

Un safari culturale – nelle parole di chi lo ha ideato, Milly Semeraro - che per primo ha aperto al pubblico i luoghi più belli e sconosciuti di quell’angolo di Puglia, da Martina Franca a Cisternino, alla scoperta di autentici gioielli che sarebbero altrimenti rimasti segreti. “Non basterebbe una pagina per elencare le scoperte di questi anni – prosegue la curatrice - dalle dimore principesche alle antiche cave dismesse, dai ponti ai trulli diroccati. Senza mai tradirli, questi luoghi, senza camuffarli, mostrandoli per quello che sono”. 

Ma le scoperte non si esauriscono qui, al Festival dei Sensi idee e temi lontani dagli usuali approcci accademici, esperti di fama internazionale e talvolta anche persone semplici, daranno vita a un programma fuori dal comune, a una manifestazione pensata per persone curiose del mondo, amanti della cultura e appassionate di paesaggio: una comunità sempre più numerosa proveniente da tutta Italia che ogni anno a fine agosto si ritrova in Valle d’Itria. 

Si comincia il 28 agosto con l'inaugurazione, quando il Festival tornerà alla Masseria San Paolo di Martina Franca, luogo dalla bellezza intatta, dove si potranno ammirare al pascolo alcuni tra i più splendidi cavalli murgesi di tutta la Puglia. Ad attendere il pubblico un programma intrigante con il quale, anche in questa edizione, si confronteranno nomi di altissimo prestigio. E già l’immagine di copertina, che più scherzosa non si potrebbe, lancia un messaggio: al Festival dei Sensi si gira al largo dal melodramma. Così, l’unico cuore si potrà avvistare in un appuntamento che verte sulle relazioni tra le persone e i robot -Cuore matto, matto da legare- dove anziché Little Tony, troverete il sociologo Derrick De Kerckhove, eminente allievo di Marshall Mac Luhan, in compagnia di Edoardo Fleischner, spumeggiante analista multimediale. Oltre ai ragionamenti sul futuro e sulle emozioni artificiali ci saranno naturalmente anche quelli sulle emozioni “sempre attuali”, come l’agognata Felicità, con Paolo Legrenzi, professore emerito di psicologia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, che suggerirà anche dei modi per avvicinarsi al mitico obiettivo. Non mancherà il gioco della seduzione e dei segnali estetici nel mondo animale, con Giorgio Vallortigara, un pioniere della neuroscienza italiana. Poi una parola senza tempo, Bambini, raccontata da un maestro come Alberto Oliverio, emerito di psicobiologia che insegna la stessa materia nell'Università di Roma La Sapienza. Si scopriranno anche le emozioni degli altri, e l’antropologo Adriano Favole partirà dall’Oceania per arrivare fino ai riti funebri in streaming e all’iconico smiley, simbolo incontrastato degli emoticon contemporanei. Un architetto giardiniere autorevole come Antonio Perazzi, noto anche per i libri e le molte rubriche –una forte confidenza con la penna è quasi naturale quando si è nipoti di Oriana Fallaci-, propugnatore di una filosofia che vuole i giardini ecologicamente integrati nell’ambiente che li circonda, progettati in modo da richiedere un consumo minimo di risorse e di manutenzione. E poiché dall’architettura al paesaggio il passo è breve, Mario Cucinella, noto per il suo impegno nell’architettura sostenibile -e autore del primo progetto del genere, realizzato per la prima volta in Italia più di vent’anni fa- interrogato dal critico Manuel Orazi, dirà la sua sulla Città emozionale. Il Festival dei Sensi è anche l’opportunità di incontrare personalità fuori dal comune, come Franco Toselli: cinquant’anni di ininterrotta, poetica esplorazione nei territori dell’arte contemporanea. Un percorso che lo porta a muoversi in spazi espositivi dalle caratteristiche ambientali mutevoli, dove si avvicendano gli artisti più rappresentativi del panorama internazionale. Toselli ha realizzato mostre memorabili, prendendo parte alle avventure dei maggiori movimenti: idee, lavoro, sogni, in una intensa conversazione con la storica dell'arte Angela Vettese, autorità in materia. In questo anno emotivo, torna a far capolino nel programma del Festival anche il teatro, con un doppio sguardo: la grande tradizione napoletana di Isa Danieli, una vita con le vele ampiamente spiegate al teatro di Eduardo, al cinema della Wertmuller, e perfino al mega sceneggiato Un posto al sole, continua imperterrita –e assegnataria per ben tre volte del premio Ubu- a solcare tutti i mari del palcoscenico; e poi il mitico Teatro dell’Elfo, tra i punti di riferimento della cultura milanese, impersonato da Elio De Capitani e Cristina Crippa. La conversazione, dal giusto titolo Ragione e sentimento, sarà condotta dal filosofo Armando Massarenti. “Non è un festival che cerca il consenso facile, ed è il suo bello - dice ancora Milly Semeraro - indipendente e spartano”. Nessuna sorpresa quindi, se la rassegna proporrà un tema che più contemporaneo di così non si potrebbe: Le emozioni della politica. La politica delle emozioniElsa Fornero dialogherà con Francesco Merlo

Il festival, inoltre, inaugurerà a Martina Franca, nel Palazzo Ducale, il 28 agosto la mostra Puglia 1900 – 1950Lo sguardo del Touring Club Italiano. 55 Fotografie provenienti dall’archivio Touring Club Italiano, gran parte delle quali inedite, oltre a curiosità d'epoca. La mostra, aperta solo per un mese, chioserà le Giornate Europee del Patrimonio, dedicate quest'anno alla formazione continua veicolata attraverso il patrimonio culturale e materiale, immateriale e digitale. Saline, trulli, piazze, ulivi, chiese, facce che non si dimenticano.

 

Il Festival dei sensi ha il patrocinio della Regione Puglia, dei comuni di Martina Franca, Locorotondo e Cisternino, della Città Metropolitana di Bari e del FAI.

La Svimez, Associazione per lo sviluppo. dell'industria del Mezzogiorno, ritiene che il Piano del Sud proposto dal Governo ed in particolare dal Ministro Provenzano non sia adeguato e che non risponda alla necessità di un progetto strategico per il Mezzogiorno che abbia un quadro ed una vision sostenibile e la necessità di strumenti operativi capaci di indirizzare la spesa pubblica e gli investimenti privati. È il pensiero condiviso dai relatori intervenuti al seminario webinar “Il Mezzogiorno nello Sviluppo del Paese”, promosso dall’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appenino Meridionale su iniziativa del Comitato Civico CammiNaTA, insieme con  l’Area Metropolitana di Napoli, da CGIL, CISL, UIL Taranto.

“In questo momento il Mezzogiorno è la risorsa fondamentale per il Paese purché ci si investa e lo si sappia interpretare. Se si guardano i numeri, ci accorgiamo che il Sud e il Paese nel suo complesso hanno perso la terza guerra mondiale rispetto agli altri Paesi europei – lo dice Adriano Giannola, Presidente Svimez - L’istituto che presiedo ha proposto un Piano per l’Italia al Ministro Provenzano che con poche operazioni può rimettere in moto il Paese e invertire la marcia, assestare e recuperare - prosegue Giannola. -  Abbiamo individuato quattro poli, quattro realtà nuove, le aree ZES: Bari, Taranto, Napoli  e Gioia Tauro. I quattro migliori porti del Mediterraneo sono in queste città. Un quadrilatero che è il Mezzogiorno continentale. Se si mettono in moto questi 4 motori collegandoli all’agricoltura e governando le aree di retro porto si aiuta il Paese a crescere. C’è bisogno di burocrazia zero e zone doganali intercluse per esempio. Non servono investimenti ma occorre renderle attrattive.  Adriano Giannola nel corso del suo intervento ha citato più volte il lavoro di Vera Corbelli come esempio di buone pratiche parlando di aree vaste e di filiere territoriali – logistiche che se connesse diventano sistemi e crescita economica del Paese.

“Il fatto che l’Europa abbia chiesto scusa all’Italia e poi abbia promesso risorse economiche con precise condizionalità – spiega Giannola -  nasce da una riflessione strategica ed opportunistica: l’Italia e il Mezzogiorno sono il baricentro del Mediterraneo. Si tratta di un mare strategico, il più trafficato del mondo.  L’Italia è un ospite in quel mare e lo è anche la Germania. Dunque perdere la frontiera sud dell’Europa significa la fine dell’Unione Europea. Ecco dunque che oggi ci sono le condizioni affinché il Mezzogiorno possa essere rilanciato. Non è per bontà questa corsa per salvare l’Italia, ma c’è l’interesse comune perché il Mediterraneo è cruciale  Facciamo una operazione verità: per 15 anni c’è stata intollerabile gestione delle risorse nel Paese. Ogni anno circa 60 miliardi di euro non vanno al sud ma al nord in barba alle leggi e gli Stati Generali non hanno fatto emergere questa cosa. L’aiuto dell’Europa oggi è fondamentale. Per la prima volta l’Europa ha capito il significato euro – mediterraneo”

Il Distretto dell’Appenino Meridionale, guidato da Vera Corbelli, ha stilato un “Piano per il governo e della gestione delle risorse acqua e suolo e del sistema territoriale ed infrastrutturale connesso”, quale significativo contributo al rilancio della “macro regione del Mezzogiorno” nel contesto del Bacino del Mediterraneo. “Abbiamo presentato la nostra proposta per il piano per il Mezzogiorno al Ministro Provenzano ma ad oggi non se ne vedono gli effetti “, ha detto Vera Corbelli, Segretario del Distretto dell’Appenino Meridionale e Commissario Straordinario per la bonifica di Taranto.  “Il Mezzogiorno è spesso oggetto di slogan e di annunci, per noi è stato un luogo dove  far emergere le eccellenze. La bonifica in corso a Taranto ci ha consentito di operare per diventare modello innovativo e best practices. Le attività di rigenerazione ambientale oggi in corso sull’Area Vasta di Taranto rappresentano un modello da applicare in altri luoghi con criticità ambientali simili, così come sta accadendo per Bagnoli, in Campania. In 5 anni di attività a Taranto abbiamo fatto un percorso innovativo unico, sia  dal punto di vista amministrativo burocratico che dal punto di vista dei processi scientifici e metodologici adottati.  Taranto può e deve essere protagonista di un’azione di rilancio del Mezzogiorno e dell’intero Paese. Tale attività passa anche per un altro patrimonio del territorio: la risorsa acqua. Un patrimonio sul quale noi già stiamo investendo con la pianificazione strumenti a livello europeo nazionale ed europeo. L’area  del Distretto dell’Appennino Meridionale che si configura con una sua dimensione fisiografica, - ha aggiunto la  Corbelli -  rappresentando nel contempo uno scenario sul quale  impostare una strategia attiva e partecipata del governo del sistema territoriale-ambientale, quale volano per l’avvio di processi economici e sociali di estremo rilievo nell’attuale congiuntura economica, concorrendo all’attivazione di dinamiche di crescita i cui riverberi positivi possono ricadere sui tessuti socio-economici del Mezzogiorno e del Paese. Ad oggi, nel contesto nazionale ed internazionale, “processi e percorsi integrati” configurati in una visione olistica, come quella ipotizzata, sono stati sviluppati e in corso di realizzazione in ristrette aree o per singole tematiche che hanno dato e stanno fornendo riscontri particolarmente positivi. La stessa Autorità ha in corso azioni così strutturate in aree pilota ed in contesti altamente complessi, con ritorni tecnico-operativi-gestionali di alta significatività, come è il caso del laboratorio in scala reale Taranto”.

Si tratta di temi sui quali opera e lavora l’Associazione Cammina_Ta, promotrice del seminario e impegnata per il rilancio del Mezzogiorno. “Le leggi operanti in materia di pianificazione, intesi come sintesi di urbanistica e economia, sono spesso poco aderenti alle complesse realtà territoriali e alle loro necessità di sviluppo socio-economico. La prima legge risale al 1942 - spiega Terenzio Lo Martire, Presidente CammiNaTa - e tutte quelle che sono succedute non hanno mai perso le radici dello standard urbanistico, che se andava bene nel periodo della ricostruzione post bellica oggi purtroppo non va più bene. Purtroppo se è necessario parlare di infrastrutture “nazionali” è altrettanto evidente che la domanda da porsi è se queste infrastrutture sono realmente importanti per lo sviluppo strategico , o forse è il caso di cominciare a parlare di aree strategiche per le quali le armature rappresentano lo scheletro di supporto ? Forse è il caso di cominciare a pensare lo sviluppo come un sistema organico e funzionalmente gerarchizzato”.

 

 

Ogni anno in estate, la cittadina di Martina Franca, Puglia, provincia di Taranto, richiama gli appassionati di musica classica nelle date del Festival della Valle d’Itria. Fin dalla sua prima edizione del 1975, questa manifestazione presenta un fitto calendario di eventi e ripropone opere della tradizione classica spesso dimenticate, rappresentate nei contesti più suggestivi della città, come il Palazzo Ducale del XVI secolo. Due spettacoli nel segno di Strauss, Il borghese gentiluomo diretto da Michele Spotti e Arianna a Nasso diretta da Fabio Luisi, e un ciclo di concerti vocali con i migliori belcantisti di oggi..

È stato ridisegnato in tempi record il calendario della 46edizione del Festival della Valle d’Itria: il direttore artistico Alberto Triola e il direttore musicale Fabio Luisi hanno predisposto in poche settimane un nuovo cartellone costruito intorno al mito di Arianna, tema centrale per questa edizione intitolata “Per ritrovare il filo”, che dal 14 luglio si conclude il 2 agosto.

«Abbiamo creduto – afferma Franco Punzi, presidente della Fondazione Paolo Grassi – anche nei momenti più difficili, che le luci di Palazzo Ducale dovessero accendersi sulla 46a edizione del Festival: il nostro è un impegno nei confronti del territorio, degli artisti ma soprattutto del nostro pubblico. È nel momento più grave che il teatro, così come ci insegna Paolo Grassi, deve essere in grado di affermare il proprio ruolo, di trovare nuova vitalità per restituirla alla comunità di cui fa parte. Il mio più sentito ringraziamento va quindi a tutto lo staff del Festival, il cui lavoro instancabile potrà ridare ossigeno a Martina Franca e a tutta la Valle d’Itria». In totale sono proposte diciannove serate fra opere in forma scenica, concerti vocali e progetti speciali che si svolgono, secondo le misure di sicurezza richieste dall’emergenza Covid-19, nei luoghi più suggestivi di Martina Franca (dall’imprescindibile Atrio di Palazzo Ducale, ai chiostri e alle chiese del centro storico), nelle masserie della zona e anche in altri spazi di Taranto e Polignano a Mare.

Il borghese gentiluomo

Ad inaugurare il Festival la sera del 14 luglio (repliche il 22, 25 luglio e l’1 agosto) è stata la commedia di Molière Il borghese gentiluomo ripensata come monologo da Stefano Massini, con la mise en espace curata da Davide Gasparro e le musiche di scena del compositore di Monaco di Baviera dirette da Michele Spotti. La musica scritta per accompagnare la commedia sarà eseguita, secondo la partitura del 1917, con performance d’attore e di danza, nello spirito originale della comédie ballet di Lully/Molière e della ricreazione di Strauss/Hofmannsthal: a Massini, tra i massimi drammaturghi del teatro contemporaneo, nonché consulente artistico del Piccolo Teatro di Milano, il Festival ha commissionato una drammaturgia originale che prende le mosse da Molière per parlare del nostro tempo; il protagonista della commedia, Monsieur Jourdain, ambisce allo status di nobile (gentilhomme, appunto) e ad essere ammesso alla vita della corte di Re Sole, ripresentandosi nelle vesti dell’artista di oggi; dell’uomo di teatro che, alle soglie del terzo decennio del XXI secolo, è costretto a rivendicare il proprio ruolo nella società italiana contemporanea. Il popolare scrittore era ospite d’eccezione sul palco della serata inaugurale, mentre per tutte le repliche passerà il testimone al regista e attore Davide Gasparro. Nel cast le parti musicate di Monsieur Jourdain sono affidate a Vittorio Prato, mentre il Pastore è Ana Victoria Pitts e la Pastorella Barbara Massaro. I movimenti scenici sono ideati da Fabrizio Di Franco, in collaborazione con Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto.

Arianna a Nasso

Arianna a Nasso (21, 24, 26 luglio e 2 agosto), affidata alla bacchetta di Fabio Luisi, viene proposta nella prima edizione del 1912, con una nuova versione in italiano del libretto di Hugo von Hofmannsthal a cura di Quirino Principe e la regia di Walter Pagliaro,gli elementi scenici di Gianni Carluccio e i costumi di Giuseppe Palella (già Premio Abbiati per suoi precedenti lavori al Festival). Nel ruolo della protagonista Carmela Remigio, al suo terzo titolo consecutivo al Festival dopo i successi in Rinaldo ed Ecuba; nei panni di Bacco ci sarà il tenore Piero Pretti, in quelli di Zerbinetta il soprano Jessica Pratt; Arlecchino sarà Vittorio Prato. Il tema del Festival prende le mosse dalle somme elaborazioni poetiche del mito di Arianna delle fonti classiche del LXIV Carme di Catullo e della Decima Epistola delle Eroidi di Ovidio. I versi di entrambi i componimenti portano in nuce le forme e i luoghi topici di tante scene e arie d’opera dei secoli a seguire, consegnando alla cultura occidentale un’inesauribile fonte di materiale che sarà rielaborato in infiniti modi e dal quale saranno create le vicende di donne come Medea e Didone, ma anche Norma, Armida, Bolena e Donna Elvira. Così, mondo barocco e recupero della cultura classica, non si fermano al palcoscenico operistico di Palazzo Ducale ma anomano l’intero programma musicale. In particolare il 27 luglio ci sarà un’originale iniziativa musicale in più tappe fra i monumenti del centro storico e attraverso i secoli della musica, intitolata Omaggio a Martina Franca “Come Teseo: nel labirinto bianco con il filo d’Arianna”, che coinvolgerà decine di artisti – fra i quali specialisti del repertorio barocco come il direttore Federico Maria Sardelli e il soprano Giulia Semenzato – e che potrà essere seguita in streaming dal pubblico di tutto il mondo. Concerti. La figura di Arianna in musica nutre naturalmente i programmi di alcuni concerti nell’Atrio di Palazzo Ducale con solisti di assoluto rilievo. Anche quest’anno, alcune serate del festival hanno luogo nelle più belle masserie della zona, che ospitano il ciclo “Il canto degli ulivi”: primo appuntamento il 16 luglio a Crispiano con il recital del basso Alex Esposito con un programma con le arie più celebri del suo repertorio; il 20 luglio a Cisternino ancora un concerto dedicato alle eroine dell’opera, novelle Arianna, con Lidia Fridman e Leonora Bonilla; il mezzosoprano Veronica Simeoni è la protagonista dell’appuntamento del 23 luglio alla Masseria Palesi di Martina Franca con pagine dal repertorio barocco a Strauss. Quindi anche due appuntamenti in riva al mare: il 15 luglio il Festival va al Museo della Fondazione Pino Pascali di Polignano per un concerto con il soprano Lidia Fridman (acclamata Ecuba lo scorso anno), il Trio Gioconda De Vito e il Duo Gromoglasova e pagine musicali legate proprio al mondo marino; il 28 luglio invece tappa a Taranto per il recital del tenore Francesco Meli e del baritono Luca Salsi che proporranno l’ascolto di celebri pagine verdiane. Due le date concertistiche al Chiostro di San Domenico per omaggiare il genio di Ludwig van Beethoven nel 250° anniversario della nascita: il 17 luglio con il pianista Federico Colli – vincitore del primo premio nel 2011 al concorso Mozart di Salisburgo e nel 2012 al Leeds International Piano Competition – e il 18 luglio con il duo formato dalla violinista Francesca Dego e dal direttore d’orchestra Daniele Rustioni, che a Martina Franca è nelle vesti di pianista.

Sulla scia di quanto avvenuto nel 2019, si confermano per il 2020 le partnership del Festival con le maggiori aziende del territorio che, nonostante il difficile momento, hanno deciso di proseguire la positiva collaborazione, sostenendo la missione sociale e culturale del Festival: “Platinum Partner” è Masseria Torre Maizza / A Rocco Forte Hotel, cui si affiancano, come “Major Partner”, Bus Miccolis (“Travel Partner”), Masmec e il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria che partecipa alla rassegna nelle masserie “Il canto degli ulivi”. Anche l’edizione 2020 è accompagnata da Rolex che sceglie di promuovere la propria immagine sulle edizioni del Festival.

Una rappresentanza di dodici studenti dell’istituto Liside di Taranto, accompagnata dai docenti Cinzia Busatta e Ilaria Forconi, ha vissuto e studiato a Dublino per tre settimane nell’ambito del progetto “Nati in Europa”, di potenziamento della cittadinanza Europea.

I ragazzi hanno portato Taranto e la sua storia nell'Infinity English College Kanturk Campus di
Dublino, indossando come divisa della scuola la maglia e la felpa con il logo realizzato dal Liside per "Taranto, la città spartana". “Una magnifica esperienza internazionale, con Taranto sempre nel cuore”, ha dichiarato il dirigente scolastico reggente Salvatore Marzo.

Hanno collaborato la dirigente Michelle Budden e le docenti Mary O'Connor e Cinzia Busatta, che ha accompagnato e assistito i ragazzi.
Il progetto è stato promosso dal dirigente reggente Salvatore Marzo, dal D.s.g.a reggente Chiara De Bernardo e dal vicario Elisabetta Nucara.
Il modulo "English in Dublin", in coerenza con il piano dell’offerta formativa d'istituto, che individua come prioritari la valorizzazione di attitudini e capacità individuali, il recupero dello svantaggio, la dimensione europea e l'approccio lifelong learning alla formazione, è stato finalizzato al miglioramento delle competenze di base e professionali degli allievi attraverso un percorso di apprendimento formale e informale, per favorirne la piena integrazione in un contesto socio-economico locale e internazionale.

29 ottobre 2019 - Le tecnologie da sviluppare per supportare i voli suborbitali, i servizi che potranno essere abilitati, il futuro del progetto dello spazioporto di Grottaglie (TA) sono alcuni temi affrontati nel corso della 1st Scuola internazionale sul volo sub-orbitale, in fase di svolgimento da ieri a Taranto, presso la Camera di Commercio.

Ad aprire i lavori della seconda giornata, oggi, è stato l’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Cosimo Borraccino che ha espresso viva soddisfazione per l’iniziativa curata dal Politecnico di Bari , in collaborazione con l’Università del Salento, il Distretto Tecnologico Aerospaziale Pugliese e la Camera di Commercio di Taranto.

“L’aeroporto di Grottaglie - ha sottolineato l’assessore - diventerà il primo spazio porto in Italia, pronto ad accogliere i voli suborbitali ed il lancio di microsatelliti. La Regione Puglia ha investito e intende investire molto in questo settore, che rappresenta un eccezionale asset dell’economia regionale, con notevoli ricadute occupazionali. Come Assessorato regionale allo Sviluppo economico – ha continuato - stiamo lavorando molto in tale direzione, adottando delle strategie di politica industriale regionale con investimenti importanti. Il nostro impegno – ha concluso - va nella direzione dello sviluppo delle straordinarie potenzialità del territorio pugliese, di cui l’infrastruttura aeroportuale di Grottaglie rappresenta una eccellenza che intendiamo valorizzare al massimo.


Intanto, quest’oggi, nel corso dei lavori, Sirisha Bandla, dell’azienda privata spaziale americana, Virgin Galactic, ha presentato “Spaceshipwo”, la piattaforma di aviolancio sviluppata dall’azienda statunitense con applicazioni in numerosi settori tra cui il turismo spaziale. Inoltre, le ricerche nel campo della microgravità e il training degli astronauti.

Le opportunità commerciali legate ai voli suborbitali e il ruolo centrale degli investitori privati nel determinare i rapidi cambiamenti a cui sta assistendo la Space Economy sono stati evidenziati da Pierluigi Pirrelli dell’azienda spaziale pugliese Sitael (gruppo Pertosa) con sede a Mola di Bari (BA), mentre Tommaso Sgobba, Direttore International Association for the Advancement of Space Safety si è soffermato sugli Standard di sicurezza e Verifica della conformità nei programmi spaziali. Alle nuove piattaforme satellitari e alle opportunità del volo su-orbitale è stata dedicata la relazione di Caterina Ciminelli, docente del Politecnico di Bari. Tecnologie e competenze nel settore aerospaziale e soluzioni di base: dal lancio aereo alle missioni suborbitali sono stati i temi esposti dal gruppo Leonardo e Telespazio. Intervenuti anche CNR e Politecnico di Torino.

Giorno 30 giornata conclusiva. Previste visite agli aeroporti di Galatina (mattina) e Grottaglie e il Workshop dedicato al settore con: DTA (Giuseppe Acierno, moderatore) Aeroporti di Puglia (Catameró), ALTEC (Santoro), ASI (Saccoccia), SITAEL (Pirrelli). Previsto l’intervento del Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI