Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 07 Aprile 2020

Nata in Italia, Ginny ha studiato presso la scuola d’arte di Milano (MOMA), la Golden Academy a Roma e ha conseguito un Master di 3 anni presso il Complete Vocal Insititute sulla “Vocal Technique” di Copenhagen. Inoltre Ginny ha studiato per 1 anno a Los Angeles prima di tornare in Italia per unirsi ad un gruppo di 4 ragazze (cantanti e ballerine) facendo con loro spettacoli in tutta Europa.  Dal 2013 Ginny si è concentrata sulla sua carriera da solista collaborando con Il Piano B a Roma e Studi di registrazione in Inghilterra per creare un suo sound unico.

Ginny è stata scoperta e subito contattata dal produttore americano Christian De Walden che l’ha messa in contatto con Vanni Giorgilli e Peter Chiesa della Mind The Floor. Da questo incontro nasce il brano “Give Me Dynamite” che ha ottenuto l’acclamazione di EDM Nations, SoundPlate, EDM Joy, Djs, importanti Blog e tantissimi altri critici rilasciando anche un intervista esclusiva per l’Huffington Post.  

Il successo di Give Me Dynamite, realizzato con il produttore Steve Manovski (co-produttore della hit di Sigala “Give Me Your Love” feat John Newman & Nile Rogers) ha portato Ginny alla realizzazione di un altro singolo con lo stesso team vincente, chiamato “Love Strong” - uscito nel Febbraio 2018 in 2 lingue e distribuito dalla Sony Music.

In tuor in Europa per tutto il 2018 partecipando anche a TedX Leamington SPA come “special guest”.

Ginny ha iniziato quindi una serie di collaborazioni tra cui il recente ReMake del brano del 2001 di Michelle Branch “Everywhere” con il DJ Kraken PRJ sempre distribuito dalla Sony Music.

Nel 2019 si è concentrata sulla sua prima Turnee mondiale con tappe in Europa, India, Brasile e America. Concorrente di X-Factor Ucraina 2019, Ginny ha pubblicato il suo primo singolo in italiano “Vento” ed ha lavorato al suo nuovo Album “We Don`t Know Yet” in uscita nel 2020.
Intanto sarà fuori il 20 marzo il singolo “Fenice” della cantante internazionale Ginny Vee.

Il brano anticipa l’album “We don’t know yet” a breve in uscita anche in Italia

“Fenice” è il primissimo brano scritto direttamente in italiano dall’artista, che ha sempre cantato in lingua inglese. Una decisione forte per una cantautrice che è apprezzata ed amata principalmente nel Regno Unito.

Rinasciamo insieme da quelle ceneri bruciate, “Credo fortemente in queste parole che ho scritto, – dichiara Ginny Vee – ci credo soprattutto ora, vista la delicatissima situazione che vive il nostro Paese. Sono certa che in questo momento abbiamo bisogno di una carica di ottimismo, siamo italiani e abbiamo sempre dimostrato di sapere risorgere, ancora più forti di prima. Ognuno deve apportare il suo contributo ed io, in qualità di artista, mi sono sentita in dovere di scrivere e cantare in italiano: quale metafora meglio della Fenice per esprimere il concetto della rinascita?”.

Non è un caso quindi che “Fenice” sia il brano scelto ad anticipare l’album. È un pezzo in cui la cantante/autrice si identifica al 100%, sia nel testo, nella melodia e nei colori musicali.

Il brano fa parte di un nuovo progetto musicale, dove la cantante presenta al pubblico una nuova se stessa, certamente più cresciuta e più matura.

Fenice è l’unico singolo nell’album “We Don`t Know Yet” che abbia come versione sono quella in lingua italiana; è stato arrangiato da Roberto Cola, che ha saputo cogliere a pieno ogni minimo dettaglio del pezzo, registrato al GHS di Simone Asilo che ha catturato quelle sfumature emotive così importanti per Ginny Vee, il Mastering è stato affidato a Carmine Simeone della Forward Studios.


Fondati a Stoccolma nel 1972 da Agnetha Fältskog, Björn Ulvaeus, Benny Andersson e Anni-Frid Lyngstad (il nome deriva dalla prima lettera di ciascuno dei loro nomi), gli ABBA sono stati uno dei gruppi di maggior successo commerciale nella storia della musica popolare, in cima alle classifiche mondiali dal 1974 ...

Abba, uno dei fenomeni musicali più importanti della storia della musica viene dalla Svezia. Gli ABBA sono stati i rappresentanti musicali svedesi ad aver riscosso il più grande successo mondiale, nonché il gruppo musicale di fama internazionale che, insieme ai Beatles, ha venduto il maggior numero di dischi al mondo (tra  300 e 500 milioni di copie vendute). Sono considerati tra i più celebri esponenti della musica pop internazionale, ad un certo punto esportavano più della stessa Volvo. Il loro nome deriva dalle lettere iniziali dei nomi dei componenti del gruppo, lo si trova scritto anche come Abba. A partire dal 1976 la prima 'B' nella seconda versione del logo del nome del gruppo appare rovesciata in tutte le copertine dei loro dischi e del materiale promozionale.

Agli inizi gli ABBA erano un quartetto folk promettente tanto quanto ogni altro gruppo svedese, cioè per niente. Poi questo tributo a Bowie è diventato la canzone svedese in concorso all’Eurovision Song Contest: Waterloo vinse il premio e catapultò gli ABBA nelle classifiche mondiali, persino la Top 10 americana. L’accento svedese si sentiva ancora parecchio, ma aveva il suo fascino. Poco dopo si esibirono sul palco di un nuovo show della tv americana, Saturday Night Live, dove la suonarono a bordo del Titanic.

Gli ABBA furono il primo gruppo non anglofono d'Europa a raggiungere un successo così ampio nei paesi anglofoni, come il Regno Unito, l'Irlanda, gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia, la Nuova Zelanda ed il Sudafrica. Tra i loro più grandi meriti, ci fu la legittimazione dell'industria musicale scandinava come fonte di successo internazionale, spianando la via ad altri gruppi svedesi 

Intanto in Italia vengono celebrati tuttora con lo spettacolo ABBA THE BEST, da quattro grandi professionisti Italiani , che con la loro esperienza di tanti anni di spettacolo, di teatro, di cinema, di televisione e di radio, si sono uniti per omaggiare il famoso gruppo svedese, per regalare attraverso la loro musica indimenticabile, grandi emozioni, ricordi, che negli anni 70/80, tutto il mondo ha cantato e ballato.

CINZIA LEOPARDI:

promotrice di questo spettacolo, iniziò a 10 anni con lo zecchino d'oro, continuando la sua carriera su palcoscenici di tutto il mondo, cantando con artisti famosi sia a livello nazionale che internazionale.

E' stata protagonista di musical, e di tante altre cose che racconterà nel corso di questa bellissima avventura.

DANIELA PARROZZANI:

ballerina RAI, per molti anni, e in diversi programmi televisivi, insieme a Giorgio Panariello ,Lorella Cuccarini.Ha collaborato in uno dei tanti video di Jovanotti.
Corista di Phil Collins, Barry White, Eros Ramazzotti, Biagio Antonacci.
Doppiatrice di film per il cinema. Insomma una carriera strepitosa.

MAURO PESCI:

nipote dell'attore Joe Pesci, pianista, chitarrista, cantante, autore di canzoni, ( ha scritto un brano per Cinzia Leopardi, che lo ha portato al Festival di Napoli per rete 4)
Vent'anni di regia teatrale e doppiaggio.

LUCA BENVENUTO :


pianista, insegnante di pianoforte, cantante, lunga esperienza nell' aver accompagnato, artisti di fama nazionale.Video Maker e Video Editor, Fonico.

Lo spettacolo racconterà dieci anni della storia musicale degli ABBA, con immagini, con la presenza di ballerini e scene teatrali.

 

Saimir Pirgu è uno dei tenori più apprezzati a livello internazionale ospite e richiesto nei teatri più prestigiosi al mondo.

Nato ad Elbasan in Albania nel 1981, si trasferisce a Bolzano appena maggiorenne per studiare canto. Sotto la guida di Vito Maria Brunetti prepara gran parte del suo repertorio operistico e ha l’occasione di conoscere Luciano Pavarotti che passava le vacanza proprio a Bolzano. Una volta conosciuto il maestro Pavarotti inizia a specializzarsi con lui, diventandone amico.

Debutta a soli 22 anni nel Così fan tutte diretto da Claudio Abbado al Comunale di Ferrara, da questo momento in poi inizia una brillante carriera che lo vede regolare ospite di teatri quali: Metropolitan Opera di New York, alla Scala di Milano, al Musikverein e Staatsoper di Vienna, alla Royal Opera House di Londra, all’Opéra di Parigi, al Bolshoi di Mosca, alla Staatsoper e Deutsche Oper di Berlino, all’ Opera di Zurigo, al Liceu di Barcellona, all’Opera di San Francisco, alla Sydney Opera House, all’Arena di Verona, al Salzburg Festival e Concertgebouw di Amsterdam.

Tra i suoi recenti successi ricordiamo: Rigoletto (Covent Garden, Wiener Staatsoper, Arena di Verona, Amsterdam, Bayerische Staatsoper, San Carlo di Napoli, TCE Parigi), La traviata (Metropolitan Opera, Covent Garden, Deutsche Oper,Wiener Staatsoper), Un Ballo in Maschera (Tel Aviv), Macbeth, La bohème, Roméo et Juliette (Gran Teatre del Liceu), Simon Boccanegra e Lucia di Lammermoor (Napoli), Madama Butterfly (Zurigo), La damnation de Faust (Bolshoi-Theater),Die Zauberflöte (La Scala), La clemenza di Tito (Opéra National de Paris), Requiem di Verdi (Salzburger Festspiele, Wiener Musikverein, Bayerisches Rundfunkorchester, Concertgebouw di Amsterdam). È stato protagonista di una fortunata tournée a Bangkok con il Teatro San Carlo di Napoli interpretando Don José in Carmen e la Nona Sinfoniadi Beethoven diretti da Zubin Mehta mentre è tornato a Parigi nei panni di Alfredo nella Traviata in una nuova produzione firmata Deborah Warner.

Particolarmente interessanti le collaborazioni con Riccardo Muti, Claudio Abbado, Mariss Jansons, Zubin Mehta, Nikolaus Harnoncourt, Lorin Maazel, Seiji Ozawa, Gianandrea Noseda, Daniel Barenboim, James Conlon, Antonio Pappano, Daniele Gatti, Fabio Luisi, Tugan Sokhiev e con registi del calibro di Franco Zeffirelli, Woody Allen, Peter Stein, Graham Vick, Willy Decker, Deborah Warner, Luca Ronconi, Kasper Holten, David McVicar, Ferzan Ozpetek, Mario Martone, Michael Haneke, Robert Carsen.

Tra le collaborazioni illustri anche quella con Woody Allen nel 2008 per la prima di Gianni Schicchi dove interpretava Rinuccio alla Los Angeles Opera.

Ha debuttato, ricevendo il plauso di pubblico e critica, al Teatro Regio di Parma, interpretando Riccardo in Un ballo in maschera di Verdi, opera inaugurale della stagione 2019.

Nel settembre 2013 ha ricevuto il prestigioso “Pavarotti d’Oro”.

“Il mio canto” è il suo ultimo album, inciso da Opus Arte, e raccoglie le arie più amate del repertorio tenorile.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI