Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 31 Gennaio 2023

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:216 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:329 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:324 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:657 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:644 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:661 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:616 Crotone

I Filarmonici di Busseto:…

Dic 10, 2022 Hits:1464 Crotone

Lo sviluppo parte dalle donne… L’educazione di genere irrompe all’Istituto Nautico di Crotone sono infatti partiti nei giorni scorsi una serie di laboratori contro la violenza sulle donne.

Sono diversi i centri antiviolenza in Calabria progettati per le numerose situazioni di bisogno rivolti al mondo femminile. Fra questi, per citarne alcuni, il Centro antiviolenza Udite Agar gestito dalla Cooperativa sociale Noemi che svolge la sua attività nel territorio crotonese. Le operatrici, scelte nella comunità locale, sono stimate professioniste che ricoprono un ruolo preminente e delicato come referenti di fiducia. Si tratta di persone che seguono le donne che hanno subito violenza, accompagnandole nell’iter che sfocia nella denuncia e nel percorso legale. La loro esperienza quotidiana al servizio della collettività, l’hanno portata tra i banchi di scuola trasferendola alle ragazze e ai ragazzi di due classi la III E e la IV E dell’Istituto Mario Ciliberto, nel primo di quattro incontri di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere.

L’evento formativo, caldeggiato dal dirigente scolastico Girolamo Arcuri, articolato da una introduzione della Professoressa Giuseppina Conci, è stato approfondito da ulteriori accenti con il susseguirsi di domande da parte degli studenti, resisi protagonisti al centro del dibattito. La relazione delle interlocutrici, la psicologa Daniela Oliverio, l’avvocato Pina Piperio, le dottoresse Gabriella De Vito e Raffaella Angotti, ha toccato diversi aspetti del fenomeno, da quello relazionale e psicologico a quello giuridico. Primo tra tutti è stata la definizione di genere e la costante tendenza a volerne costruire una, dimenticando che non c’è un’univoca percezione di sé ma situazioni diverse che comportano l’abolizione di quel sistema, socialmente costruito, che imponeva il binarismo di genere e la rigida distinzione tra genere maschile e femminile. Il diritto di molte persone a non identificarsi nel genere sessuale di appartenenza deve essere l’asse portante su cui creare Stati moderni che garantiscano e appoggino temi individualisti come il sopracitato. Di seguito il dibattito si è esteso anche sul tema del ruolo marginale che la donna ha ricoperto e ricopre tuttora nella società attuale.

L’esposizione della psicologa si basa poi sulla convinzione secondo cui non bastano mere proclamazioni di diritti soggettivi contenuti in trattati, ma gli stessi devono essere parole vive tra le persone affinché si mobilitino per affrontare la disumanità e l’ingiustizia.

Nei paesi in cui la donna ha pari diritti e opportunità nei confronti dell’uomo, troppe volte, un’autentica uguaglianza non è stata raggiunta. Nel mondo del lavoro, ad esempio, non ci si limita ad ostacolarle nel diritto di accesso a cariche pubbliche ed elettive di un certo rango ma invece, di frequente, hanno minori incarichi e minori possibilità di carriera a causa di una mentalità dilagante secondo cui le stesse possono limitarsi tutt’al più ad incarichi di tutrici e di modiste.

In definitiva, lo squilibrio di poteri tra i due sessi si sviluppa anche e spesso all’interno del nucleo familiare. Crescono i casi di aggressione e di violenza introdotti da compagni che non accettano di essere lasciati. Il più delle volte affrontano proditoriamente le loro vittime per l’umiliazione di cui si sentono succubi. La causa di ciò è da rinvenire in quel fenomeno che si origina da stereotipi culturali profondi, pertanto, a fronte di donne indipendenti, diminuisce il dominio dell’uomo che diventa aguzzino. Piperio, analizzando le testimonianze delle donne che si rivolgono al centro antiviolenza, mette in risalto un tratto caratteristico dei maltrattanti: il desiderio di controllo. Molti uomini mettono in campo anche altre strategie: disprezzo, discredito ed emarginazione sociale, ingenerando in loro un profondo senso di inadeguatezza e di avvilimento. Il legale presenta le sue conclusioni fornendo un quadro che traccia i numeri riguardanti i vari casi di molestie silenziose, anche difficili da individuare, che creano profondi stati di angoscia e di paura. Il riferimento all’ inasprimento delle pene e alle nuove misure repressive, anche in materia di stalking, l’ampio raggio di azione delle situazioni aggravanti, l’impegno degli Stati come firmatari della Convenzione di Istanbul, fanno breccia sul diritto di assistenza gratuita delle vittime permettendo altresì di restituire alle donne condizioni di vita libere e dignitose. La strada da seguire è unica: stimolare l’educazione di genere, promuovere la formazione a una cultura della differenza che sappia poi offrire ai giovani una lettura più adeguata ai fini dello sviluppo della società in una prospettiva di rispetto e di solidarietà. Dunque, non abbassare la testa ma avere la forza di reagire!

Da una iniziativa fortemente voluta dal Gruppo Corriere della Calabria e dal suo direttore, Paola Militano, nasce un portale che racconta di Calabria e calabresità e sempre nell’ambito del nuovo progetto editoriale è stata presentata ieri a Cosenza, al Bocs Art Museum nel suggestivo complesso monastico di San Domenico, la mostra “Fatti ad Arte. Il valore della calabresità”. All’evento, segnato da una grande partecipazione di pubblico, erano presenti tutte le più alte cariche istituzionali di Cosenza e rappresentati del Governo regionale. Interessante l’incontro - presente il gotha della stampa calabrese - che ha dato spunti di riflessione per il rilancio della nostra amata terra a cui è intervenuto, in rappresentanza della nostra azienda, Antonio Affidato. Quali partner nella mostra siamo presenti con l’esposizione di pezzi unici della collezione “L’evoluzione del gioiello dell'antica Magna Grecia ai nostri giorni”, perché crediamo profondamente che iniziative come queste servono per far emergere e valorizzare il nostro territorio. Attraverso il nostro lavoro e la nostra arte cerchiamo di dare lustro alla Calabria. Essere ambasciatori delle bellezze e ricchezze di questa terra, lo dobbiamo sicuramente a noi stessi, ma soprattutto alle nuove generazioni, a tutti quei giovani che hanno voglia di restare e di investire lavorando nei nostri territori. Esiste una Calabria che aspetta solo di mostrare i suoi tesori, le sue antichissime tradizioni e di esibire le sue bellezze. Il lavoro da fare è ancora tanto, per continuare a rafforzare l’immagine del “made in Calabria”, ma sono anche momenti come questi, che servono al rilancio di tutto il nostro territorio nel resto del Paese e nel mondo. Tra le imprese di prestigio presenti alla mostra: Ceramiche di Squillace, Ceramiche di Seminara, Amaro 0968, Birrificio Lametus, Cantine Giraldi&Giraldi, Cantine Ippolito 1845, Cantine Nesci, Cantine Statti, Costantino Olio di Calabria, Pastificio Pirro e Feelsud, Gruppo Gambilongo Caffè, Lanificio Leo, Migliarese Confetture, Nature Med, Oleificio Manfredi, Oleificio Perrone, Opificio Santa Maria del Cedro, Perla di Calabria, Consorzio valorizzazione e tutela delle nocciole bio di Calabria, Talarico cravatte, Amaro Jefferson, Olio Luigi Adinolfi, Antonino Montesanto.

Una inaugurazione della Stagione Concertistica “L’Hera della Magna Grecia” VI Edizione veramente alla Grande, è stata quella che la Società Beethoven di Crotone, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Isola Capo Rizzuto nella persona del Sindaco Vittimberga, ha realizzato Domenica 15 Gennaio nel nuovo Teatro “Eraclea” da poco ripristinato.

Ospite d’eccezione la giovane violinista romana Celeste De Me, che oggi vive e studia a Boston, la quale accompagnata dall’Orchestra “O.Stillo” , ha presentato  lo stupendo “Concerto in Re Maggiore per Violino e Orchestra” di LL. W .Beethoven op. 61.

La Serata si è aperta con l’esecuzione di  alcuni brani  per  sola orchestra,  che hanno creato da subito un clima artistico di grande livello esecutivo - interpretativo. L’Orchestra “O.Stillo” è ormai un punto di riferimento artistico della Regione, con la quale grandi solisti interpreti, collaborano nell’esecuzione dei capolavori classici e contemporanei; basti pensare ai vincitori dei più importanti Concorsi Internazionali “Lipizer”, “Paganini”,  “Schumann”, “Gran Prize Virtuoso” di Bonn, Losanna,  Salisburgo, Londra ecc.

Subito dopo la De Meo ha attaccato, come dicevamo, un vero grande capolavoro dell’Arte concertistica il concerto di Beethoven

Un vero miracolo di Cantabilità, dal quale la De Meo ha saputo oggi riportarci al calore della seduzione narrativa.

Virtuosità tecniche, suono ricco e corposo e alcune  folgorazioni interpretative  non erano casuali,  ma frutto di una ricerca  introspettiva,  intrise  di lirismo febbrile e torrenziale, dove la velocità non esagerata permetteva alla De Meo  di far parlare ogni sedicesimo, riuscendo a trasformare in pura musica ciò che per altri è ostentato meccanismo.

Un messaggio artistico, quello della Celeste De Meo, mirabilmente sostenuta da un’Orchestra compatta che ha evidenziato sonorità non comuni, che ha letteralmente incantato il numerosissimo pubblico presente, formato prevalentemente di giovani musicisti che hanno ricambiato con applausi calorosi e prolungati.

Un bis con musiche di Isaia ha rimandato tutti al prossimo concerto, Sabato 21 Gennaio, alle ore 19.00, nella Basilica Cattedrale di Crotone con il duo Carmine Lavinia - Organo che accompagnerà il Soprano Filomena Solimando in "FLORILEGIUM dall'antico al moderno" .

Antonio Gerace classe 89, socio e pizzaiolo di IN PIZZA E BURGER nella centralissima Via Roma, con la sua pizza Contemporanea e i suoi gusti innovativo ha conquistato i palati più raffinati della nostra città, sarà presenta anche alla prossima edizione di Casa Sanremo come Pizzaiolo ufficiale. 

Tanta la gavetta fatta dal pizzaiolo calabrese che è iniziata nella città di Pitagora e proseguita poi in Australia dove ha collaborato con la storica pizzeria "400 gradi" con cui ha partecipato anche al Gran Premio d'Australia sfornando pizze a volontà davanti a tutti i presenti. 

Gerace fresco di MasterClass al Cibus di Parma presso l'hospitality di " Il Mio San Marzano ", rappresenterà quindi nuovamente la città di Crotone con orgoglio e passione verso il proprio lavoro. 

Antonio ringrazia tutte le persone che hanno preso parte alla realizzazione di questo fantastico evento che vedrà il talentuoso pizzaiolo esibirsi davanti a i big della musica Italiana.

Dopo due anni di assenza dovuta alle restrizioni imposte dal covid-19, finalmente è tornato il 21 Dicembre presso il teatro apollo  lo spettacolo di Natale ( Christmas Show)  organizzato dalla scuola di danza Maria Taglioni Dance Project diretta da Luana Petrozza.

Uno spettacolo di danza, scintillante, ricco di emozioni nel quale si è esibita tutta la scuola di danza comprese le piccolissime della predanza che per la prima volta hanno respirato la polvere del palcoscenico del teatro.

Un modo felice e altamente professionale per dare gli auguri di Buon Natale e Felice Anno nuovo a tutto il numerosissimo pubblico presente in  teatro e a tutta la comunità della nostra Città.

Questa è una manifestazione che la Maria Taglioni porta avanti da oltre vent’anni e che con l’aiuto dell’orafo crotonese Michele Affidato è diventata anche un’occasione per raccogliere fondi da destinare alla “ Solidarietà “.

L’arte della danza e l’arte orafa insieme per aiutare chi nella vita ha tanto bisogno.

Negli ultimi anni, nell’opera meritoria della raccolta fondi, si è aggiunto anche il Lions Club “ Hera Lacinia”.

Quest’anno quanto è stato raccolto è stato consegnato alla KROTON COMMUNITY – ON THE ROAD il camper della speranza.

Un ultimo ringraziamento va inoltre rivolto agli ulteriori sponsor dell’iniziativa che hanno aggiunto ulteriori premi relativi al sorteggio.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI