Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 01 Maggio 2017

"Black Island"…

Apr 20, 2017 Hits:313 Crotone

"Maria Taglioni…

Apr 20, 2017 Hits:337 Crotone

A San Leonardo di Cutro s…

Apr 18, 2017 Hits:386 Crotone

Wecar Crotone perde in ca…

Apr 12, 2017 Hits:459 Crotone

A gonfie vele il gemellag…

Apr 04, 2017 Hits:773 Crotone

Santa Spina a Umbriatico…

Apr 01, 2017 Hits:699 Crotone

Il Pitagora d'argento, l'opera creata dal maestro orafo Michele Affidato per premiare le grandi personalità e far conoscere la storia crotonese, sarà consegnata alla società AC Milan in occasione  della partita di calcio valida per il campionato di Serie A che i rossoneri giocheranno allo stadio Ezio Scida contro il Crotone domenica 30 aprile alle ore 15.  L'opera, con la quale il Crotone calcio aveva premiato la Juventus e l’Inter, sarà consegnata al Milan dal Presidente della società calcistica calabrese, Gianni Vrenna, per esprimere la stima alla società Rossonera che per la prima volta giocherà a Crotone. Premio importante che, considerato anche l'interesse che il Milan suscita verso i mercati asiatici dopo il passaggio di proprietà, permetterà di far conoscere una parte di storia della Calabria anche in Oriente. Il Pitagora d'Argento è un'opera ideata dal maestro Affidato per suggellare eventi importanti in terra calabra e non solo come il match in programma domenica 30 aprile. La statua argentea è stata, infatti, consegnata tra gli altri, al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, a Luca Cordero di Montezemolo, a Luciano Ligabue, Fiorella Mannoia. La scultura raffigura il filosofo e matematico Pitagora, fondatore della Scuola Pitagorica nella antica Kroton, considerata capitale della Magna Graecia. Nel dare forma al Pitagora d’Argento, Affidato si è ispirato al dipinto di Raffaello Sanzio “La Scuola di Atene”, custodito nei Musei Vaticani, dove sono raffigurati i più celebri filosofi e matematici dell’antichità, in cui Pitagora compare in primo piano seduto ed intento a leggere un grosso libro.

Smantellato gruppo criminale dedito al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, operativo tra i comuni di Crotone, Catanzaro ed Isola Capo Rizzuto: la Polizia di Stato ha eseguito 17 misure cautelari nell’ambito dell’operazione di polizia convenzionalemte denominata “Black Island.

Dalle prime luci dell’alba personale della Squadra Mobile della Questura di Crotone, coadiuvato da personale della Squadra Mobile di Catanzaro, dei Reparti Prevenzione Crimine di Cosenza e Vibo Valentia, nonché da unita cinofile di Vibo Valentia e dal V Reparto Volo di Reggio Calabria,  ha dato esecuzione al provvedimento cautelare emesso dal GIP del Tribunale di Crotone su richiesta della locale Procura della Repubblica con il quale è stata disposta la custodia cautelare in carcere nei confronti di:

  1. XEKA Betim cl. 73;
  2. DISHA Sabri cl. 82 ;
  3. LEQUOQUE Antonio cl. 69;
  4. POERIO Emilio cl. 60;
  5. MARTINO Giovanni cl. 68;
  6. BUBBA Giulio cl. 82;
  7. VITTIMBERGA Santo cl. 71;
  8. ABBRUZZESE Armando cl. 84;
  9. PASSALACQUA Cosimo cl. 79;
  10. COSTANTINO Enzo cl. 71;
  11. DE GIOVANNI Nicola cl. 75;
  12. MIRARCHI Santo cl. 84;
  13. PERRI Nicola cl. 54;

con lo stesso provvedimento è stata, inoltre, disposta la misura degli arresti domiciliari per GIARDINO Alfonsina cl. 78, del divieto di dimora nelle province di Crotone e Catanzaro per TRUSCIGLIO Pasqualino cl. 62 e l’obbligo di presentazione alla P.G. per LONGO Domenico cl. 56

L’odierno provvedimento cautelare compendia le risultanze di una vasta ed articolata attività d’indagine esperita, da questa Squadra Mobile, dal mese di Novembre 2015 al mese di aprile 2016, con l'ausilio di plurime attività di natura tecnica e numerosi servizi di osservazione e pedinamento, nel corso della quale è stato possibile documentare ed accertate una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti, prevalentemente del tipo eroina e marijuana, nonché metadone.

Sin dal primo momento è emersa la figura del cittadino albanese XEKA Betim, residente nel comune di Isola Capo Rizzuto, e la sua quotidiana illecita attività consistente nel preparare, occultare e cedere a terzi eroina. Le attività tecniche hanno consentito di accertare come lo stesso che non espleta alcuna attività lavorativa, abbia intrattenuto rapporti di natura illecita con vari personaggi che orbitano negli ambienti del traffico di sostanza stupefacente; tra questi, in particolare, vi sono VITTIMBERGA Santo, altro soggetto attivo nel comune isolitano, da cui l’albanese era solito rifornirsi di grossi quantitativi di eroina e altro complice il quale aveva il compito di effettuare le consegne e riscuotere i pagamenti per conto dell’albanese, avendo cura di assolvere anche alle esigenze di chi era impossibilitato a rifornirsi dello stupefacente di persona; tra questi MARTINO Giovanni all’epoca dei fatti agli arresti domiciliari perché coinvolto in una precedente indagine antidroga, il quale nonostante fosse gravato da tale misura cautelare, continuava a spacciare, senza remora, sostanze stupefacenti.

Dalle attività d’indagine è emerso il modus operandi del VITTIMBERGA e dello XEKA i quali, particolarmente attenti nel tentativo di eludere i controlli delle FF.P., si premuravano di occultare i quantitativi di eroina nella loro disponibilità presso isolate zone di campagna, provvedendo, di volta in volta, a recuperare la droga necessaria per soddisfare le esigenze dei loro clienti. Tra questi si sono evidenziati, per la frenetica e quotidiana attività di spaccio nella città di Crotone, BUBBA Giulio, POERIO Emilio, TRUSCIGLIO Pasqualino e LONGO Domenico.

L’ingente quantitativo di stupefacente di cui lo XEKA aveva la disponibilità, gli aveva consentito di allacciare illeciti rapporti con pregiudicati attivi nel centro di Catanzaro, i quali gestivano alcune piazze dello spaccio cittadino e che a lui si rivolgevano per acquistare consistenti partite di eroina; tra questi COSTANTINO Enzo, MIRARCHI Santo, PASSALACQUA Cosimo e ABBRUZZESE Armando.

Nel corso dell’attività d’indagine, ricostruendo gli spostamenti degli indagati, è stato possibile riscontrare gli esiti dell’attività tecnica, rinvenendo e sequestrando in più occasioni oltre 3 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo eroina e oltre un etto di marijuana.

In uno specifico servizio di osservazione e pedinamento è stato inoltre rinvenuto, in un’area rurale in agro del comune di Isola di Capo Rizzuto un fucile mitragliatore modello M70 – Zastava (arma di fabbricazione serba considerata una delle migliori versioni di kalashnikov prodotta in tutti i paesi del blocco sovietico e non) fornito del relativo caricatore con 21 cartucce calibro 7.62 x 39, precedentemente occultato dallo XEKA.

È stata, altresì, accertata la responsabilità penale dello XEKA per il danneggiamento mediante incendio di un’autovettura in uso ad uno degli indagati, come ritorsione per una partita di stupefacente non pagata. 

E alla fine un’ottima partecipazione con ben ventisei scuole provenienti dalla Puglia Calabria e Sicilia, con oltre cinquecento ballerini e il teatro Apollo pieno da genitori e accompagnatori; questi  in sintesi i numeri del 24 Concorso Nazionale di Danza “ MARIA TAGLIONI “ Città di Crotone che si è svolto giorno 9 Aprile presso il teatro cittadino e che ha visto ancora una volta la Città di Crotone diventare la capitale meridionale della danza.

 Al di là dei numeri dei partecipanti l’aspetto più interessante del concorso è l’alto grado di soddisfazione di tutti i partecipanti esternato con  numerose telefonate di congratulazione e continui e ripetuti apprezzamenti apparsi sui social.

  Certo l’organizzazione,  diretta da Luana Petrozza e  coadiuvata da uno staff altamente professionale, ha potuto funzionare al meglio  e, sulla scorta dell’esperienza dello scorso anno,  ha saputo valorizzare  la magia del teatro Apollo risolvendo tutte le problematiche legate ad una piccola struttura per eventi di questa portata.

Molto apprezzati e partecipati gli stage gratuiti, riservati ai partecipanti al concorso, tenuti da  Pasquale Lucas Greco- contemporaneo, Dominique Portier-classico e Stefano Dionisio -hip hop.

La giuria formata da grandi professionisti della danza, Mia Molinari, Dominique Portier e Stefano Dionisio, sotto la direziona artistica di Claudia Zaccari, ha saputo ben giudicare tutti i partecipanti assegnando, nei tempi giusti, i premi e le borse di studio.

Di premi il Concorso Nazionale di Danza “ MARIA TAGLIONI “ Città di Crotone ne ha distribuiti molti, come da regolamento ; premi in denaro per i solisti junior e senior e per il settore  composizione coreografica, targhe in argento create dall’orafo crotonese Michele Affidato per i primi classificati, solisti e gruppi junior e senior e coppe per tutto il settore giovanissimi e per i secondi e terzi classificati degli altri settori, poi targhe al merito offerte dall’Endas  Regione Calabria, dalla ditta  Sodanca, e dalla ditta  Diadema Rosa e poi borse di studio al 100%  e al 50%  per le più prestigiose rassegne nazionali e internazionali.       

     L’Amministrazione Comunale , che ha concesso il patrocinio gratuito alla manifestazione, è stata rappresentata dalla  Professoressa Antonella Cosentino, Vice Sindaco ed Assessore alla Pubblica Istruzione, che ha portato il suo saluto e quello del Sindaco  a tutti i partecipanti e ha promesso un sempre maggiore impegno per il futuro.

   Grazie alla sinergia fra l’Associazione Maria Taglioni Danza e Spettacolo e l’Amministrazione Comunale è stata offerta la partecipazione gratuita, per una  coreografia, alle scuole di danza  crotonesi; ha  preso parte al concorso un solista della Scuola di Danza Olimpia  e un gruppo del Liceo Couretico Gravina.

Le attività commerciali;  bar, i ristoranti ed anche i b&b della Città hanno potuto trarne grande beneficio dalle numerose presenze nella nostra Città che nei momenti di pausa hanno anche visitato il lungomare ed il centro storico con alcune puntatine nei negozi aperti.

   Noi della Maria Taglioni Danza e Spettacolo vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno collaborato per la buona riuscita del concorso e dare appuntamento per la venticinquesima edizione già fissata per il 17 Marzo 2018.    

È stata una grande festa di paese la gara di scioglilingua francesi e tedeschi che si è svolta a San Leonardo di Cutro. L’evento è stato organizzato in occasione del secondo compleanno dell’ostello Bella Calabria realizzato grazie al sostegno di Fondazione con il Sud.  Martedì 11 aprile il ridente paesino è stato letteralmente invaso da centinaia di giovani. Eccellente il sostegno fornito dalla locale associazione Radici. A collaborare nell’organizzazione dell’evento, a fianco dell’associazione Amici del tedesco, anche il comune di Cutro. Tutti i partecipanti sono rimasti colpiti dall’accoglienza fornita dal paese, dalla pulizia e sono letteralmente presi dalla gola visto che il paese ha offerto nella pausa pomeridiana deliziosi dolci tipici. In tre postazioni dislocate per il paese si sono svolte le gare degli scioglilingua per le diverse categorie. Ad ogni postazione un presidente. La gara degli scioglilingua tedeschi, categoria scuola media è stata presieduta da Gerdis Thiede, del Goethe Institut di Roma, la categoria scioglilingua tedeschi scuole superiori è stata presieduta da Tatjana Olivieri-Schenke, dell’Ambasciata della Repubblica federale di Germania, la competizione degli scioglilingua francesi è stata presieduta dal console onorario francese Francesco Mollo. Il gruppo più numeroso è stato quello degli alunni di Vieste, in cento si sono presentati all’appello ed hanno conquistato i primi posti nelle competizioni di lingua tedesca riservate alla scuola media. Presente anche un gruppo di 23 alunni del liceo linguistico Cotta di Legnago. I Veneti sono riusciti a conquistare il secondo posto, nella categoria scioglilingua tedeschi scuole superiori. A precederli gli alunni del liceo linguistico Gravina di Crotone che hanno alzato al cielo la coppa del primo posto. Per gli scioglilingua francesi il primo posto, categoria scuole superiori è stato conquistato dagli alunni di Cosenza. Nella categoria scuole medie, hanno vinto gli alunni della scuola media Anna Frank di Crotone. Presenti anche otto alunni egiziani dell’Istituto alberghiero IPSSAR di Le Castella. Gli egiziani oltre che a partecipare alla gara hanno anche offerto un saggio di danza. Molti si sono lasciati coinvolgere è così tra tarantella calabrese e danze egiziane la gara ha assunto le sembianze di una competizione internazionale. la  Alla manifestazione è intervenuto anche il sindaco di Cutro, Salvatore Divuono, con lui la vice sindaco, Anna Battaglia l’assessore al turismo Emilio Colosimo e l’ufficiale di governo di San Leonardo di Cutro Domenico Lanatà. In contemporanea per le vie del paese stand e musica popolare con il musicista Pierluigi Virelli e mostra fotografica Mammalia Calabra. Alle ore 18.30, durante la premiazione, l’associazione Amici del tedesco, ha conferito il premio diffusione della lingua tedesca a Francesco Vignis, responsabile comunicazione del comune di Crotone A seguire, cena con piatti tipici locali organizzata dall’associazione Radici. Alla fine tutti concordi nel dire: la festa è riuscita, l’evento va ripetuto l’anno prossimo.

Ancora un 3-2 il risultato finale che premia con l’accesso alle semifinali del Gioiosa che vince a Crotone dopo altre 2 ore di battaglia e lascia l’amaro in bocca alle ragazze della Wecar e del pubblico presente e numeroso come non mai creando un atmosfera da categoria superiore e da festa dello sport. 

Già nel riscaldamento la tensione in casa crotone si percepiva oltre misura, infatti pronti via il parziale di Gioiosa 9-2 lascia poco spazio al Crotone che chiede subito time out e si rimette a rimontare punto su punto un set che sembrava spacciato e nelle mani di Diago Silva la cubana che all’andata fece 36 punti ha replicato con i 34 di questa giornata, la rimonta sembrava concretizzarsi fino a quando l’arbitro Mazza chiamava un fallo di posizione apparso inesistente che ha innervosito oltremisura la squadra pitagorica che si è fermata a 23. 

Al cambio campo il Crotone mette la marcia giusta, Pioli inizia a servire Braichuk e Cesario anche in posto 6, ma la partita viene spaccata dall’opposto di soli 15 anni Ranieri che trascina la squadra verso la vittoria del set e ritorna l’equilibrio tra le due squadre. 

Sul 1-1 la regista brasiliana De Araujo serve con insistenza la cubana Diago Silva che in versione monotematica attacca da ogni zona del campo mettendo a terra tanti palloni contro il muro e difesa del Crotone che la contiene come può usando la tecnica e la tattica di squadra ma nulla potendo contro lo strapotere fisico, anche questo set si è deciso all’ultimo respiro premiando l’esperienza del gruppo di mister Greco che nei momenti caldi non commette errori mentre nelle file del Crotone spesso il gioco risente del nervosismo. 

Lo svantaggio rimette le ali al Crotone che deve vincere 4 5 e golden set per passare il turno, nel 4 set riesce l’impresa di fermare la cubana e di tramutare a punti le difese di una Cosentino nelle vesti di libero di alto livello, Ranieri e Gambuzza sembrano avere una marcia in più, Cesario e Braichuk in coppia in posto 4 compattano la squadra così come Ferrero sempre puntuale a muro ed in battuta da l’ultima scossa al Crotone che pareggia 2-2 facendo esplodere il Palakrò gremito in ogni ordine di posti. 

Il 5 set la musica non cambia Brasile serve Cuba che schiaccia tutto e scava un solco nelle tre rotazioni offensive, 8-2 fino al 11-4 sembra finita quando Ranieri lascia il posto a Reale che entra mette a terra un attacco e va a battere infilando ben 7 turni al servizio consecutivi 11-11 mister Greco usa i time out per tranquillizzare la squadra ma questa volta la mano trema in battuta ed arriva l’errore che fa disincagliare la barca del Gioiosa che rivede la luce fino al 13-13 dove Braichuk riceve male Pioli rimanda facile e per il duo tutto straniero diventa un gioco facile chiudere 15-13 il match che assegna la semifinale al Gioiosa ma l’onore delle armi alle bimbe terribili del Crotone che hanno fatto tremare le avversarie per senza batterle. 

Mister Asteriti: dispiace uscire in questo modo, paghiamo a caro prezzo l’inesperienza del gruppo non abituato a questi livelli di stress, però devo evidenziare che la nostra squadra era partita per salvarsi, siamo stati bravi a qualificarci per la poule promozione e addirittura giocare un playoff a questi livelli, portando centinaia di persone al palakrò che ci ha applaudito ringraziandoci della stagione appena conclusa.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI