Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Dicembre 2021

A scuola la matematica è un cruccio per molti. Tra equazioni, logaritmi e piano cartesiano, parecchi studenti di ogni età faticano a orientarsi, ponendo questa materia al primo posto tra le più odiate. Oltre tutto, è difficile vedere l’applicazione di calcoli sofisticati nella vita reale, e spesso ci si chiede: "A che mi serve?" In realtà la matematica frequenta assiduamente la quotidianità, anzi molte delle cose che si fanno sarebbero impossibili senza di essa. Il filosofo greco Pitagora ha basato tutto il suo pensiero su questo presupposto, sostenendo che i numeri fossero l’essenza della natura e la matematica governasse le leggi del mondo. Se fosse vissuto in questi tempi, sarebbe rimasto stupefatto da quanto numeri e matematica siano indispensabili anche nella realtà moderna che l’uomo si è costruito.

Matematica in cucina

Non si tratta solo di quelle professioni in cui avere a che fare con la matematica è indispensabile, ma anche di ciò che ogni giorno riguarda ciascuno. Ad esempio, capita di andare a fare la spesa con un budget da non superare. In tal caso è necessario tenere conto dei prezzi dei singoli prodotti che si acquistano, se non si vogliono trovare sorprese in cassa. Anche gli sconti nei periodi di promozione sono applicati sottraendo una precisa percentuale dal prezzo di partenza. Niente avviene a caso, ma tutto si basa su delle semplici operazioni matematiche.

Se poi una volta tornati a casa si utilizza ciò che si è acquistato per preparare qualche gustosa pietanza, ecco che ancora ci si trova alle prese con la matematica. Tra temperature e tempi di cottura, un calcolo preciso è fondamentale per un buon risultato e per servirlo ancora caldo. La situazione si complica parlando di pasticceria. Questo regno è governato dalle reazioni chimiche e dalle proporzioni tra gli ingredienti. Basta infatti sbagliare di poco le dosi per compromettere tutto. Aggiustare poi tutte le quantità in base al numero di porzioni richiede ulteriore precisione nel calcolo dei rapporti.

La matematica in casa

In cucina, nei giochi, così come nel bricolage, è importante anche possedere le basi del ragionamento con le equivalenze. Talvolta infatti può essere necessario passare da un’unità di misura all’altra per pesare gli alimenti o per verificare che quel determinato mobile ci stia proprio in quel punto della stanza. Se poi si decide di costruire in prima persona qualche oggetto d’arredo, entrano in gioco anche geometria e goniometria. Qui è davvero essenziale una buona dimestichezza con i numeri.

Ma in casa la matematica è davvero ovunque, ed è l’unico sistema per risparmiare. Ad esempio, quando si deve scegliere il gestore di corrente o la compagnia telefonica. In quel caso si farà un calcolo basato sul lungo termine per appurare quale sia la scelta più conveniente.

Lo stesso vale per scegliere l’operatore mobile. Le tariffe mensili per gli smartphone sono talmente diversificate che bisogna ponderare attentamente varie opzioni per non spendere più del dovuto.

Anche quando si tratta di scegliere la casa stessa è indispensabile la matematica. Bisogna valutare le imposte mensili di affitto, i consumi, il rapporto con la metratura, per scegliere bene. Se si tratta di acquistare una casa, bisogna sapere in anticipo quanto risparmiare per versare le rate ed eventualmente il tasso di interesse.

In viaggio con la matematica

Infine, la matematica è compagna anche nei momenti di svago e, in particolare, nei viaggi. Conoscere le tariffe a notte di una stanza d’hotel può essere decisivo per decidere quanto far durare una vacanza, o quanto valga la pena scegliere un albergo in centro in una città d’arte.

Inoltre, è indispensabile calcolare il tempo di percorrenza e i costi per scegliere il mezzo più conveniente. Si possono valutare quelli pubblici come treni, aerei e traghetti, oppure il trasporto privato. Può essere infatti che viaggiare in autonomia sia la decisione più economica. Preventivamente bisogna effettuare un’operazione sulla distanza da percorrere e il costo della benzina che consenta di individuare il costo pressappoco.

Banalmente, anche quando si rimane nella propria città si svolge un ragionamento simile per prevedere di quanti soldi avremo bisogno per un pieno. Senza contare che quando ci si sposta da un posto all’altro occorre calcolare correttamente l’orario di partenza per non arrivare tardi ad un appuntamento.

Insomma, una previsione dei costi per non sforare di troppo il budget è importante quando si pianifica una vacanza così come quando si organizza una cena con tanti invitati. In questo caso bisogna essere pronti a fare i conti con l’appetito di amici e parenti, ed è bene quindi tenere presente la possibilità di un buon margine di spesa.

In conclusione, che si tratti di tenere la contabilità della casa, di stabilire quanto si può spendere per i regali di Natale o sognare la prossima vacanza, la matematica è ovunque. Come si dice, "la matematica non è un’opinione" e, proprio in virtù del suo essere oggettiva rappresenta un punto di certezza per le attività più importanti e quelle più banali. Forse il mondo non sarà formato da numeri come pensava Pitagora, ma certamente le loro leggi governano il funzionamento di tutto e influenzano la vita stessa.

Grandi esempi di coraggio, momenti di intensa commozione e messaggi di vera rinascita: si è concluso con successo il IX Premio Internazionale Semplicemente Donna che a fine novembre, ha portato sul palcoscenico del Teatro “Mario Spina” di Castiglion Fiorentino le difficili e drammatiche storie di donne e uomini, da sempre impegnati nella lotta contro la violenza e la discriminazione di genere, aprendo una finestra su situazioni di profondo disagio, ma anche su esperienze di riscatto, solidarietà e realizzazione professionale.

“Ospitare il Premio Internazionale Semplicemente Donna, per la terza edizione consecutiva, è per la nostra città un onore – spiega Mario Agnelli, sindaco di Castiglion Fiorentino – A volte quando sentiamo parlare di violenza sulle donne nelle cronache televisive o nelle grandi testate, la percepiamo come qualcosa di distante da noi. Ma basterebbe informarsi a fondo e leggere i dati per capire che invece la violenza di genere ci riguarda da vicino. È un fenomeno subdolo che ci riguarda da vicino, che affligge tutti i territori e tutti gli ambiti del nostro vivere quotidiano. Ecco perché ascoltare le testimonianze di coraggio che, ogni anno, ci portano le premiate di questa manifestazione diventa un modo per smuovere le coscienze, per creare educazione, e per mettere in moto gli ingranaggi del cambiamento. Un cambiamento che può e deve partire da ognuno di noi.”

Sostenuta dal presenting sponsor Menchetti e caratterizzata dal ritorno della manifestazione all’interno degli istituti superiori della provincia aretina, l’edizione 2021 ha permesso, attraverso uno strumento potente come quello della testimonianza diretta, di accendere un focus su tematiche di estrema attualità: fra queste, l’emergenza-femminicidio, inaspritasi in questi anni di pandemia, la tragica condizione delle donne in Afghanistan, la lotta della legalità contro le mafie e la necessità di una corretta narrazione mediatica della violenza e della disparità di genere.

“Essere parte integrante, in veste di presenting sponsor, di questa IX edizione del Premio Internazionale Semplicemente Donna è stata una grande emozione - dichiara Corrado Menchetti, titolare del Panificio Menchetti Pietro S.r.l - Le protagoniste di quest'anno sono  esempi di forza, determinazione e tenacia, ma ci hanno mostrato come il percorso verso l'effettiva parità di genere sia ancora lungo. Noi siamo fieri che il 50% della nostra azienda sia composto da donne, molte delle quali lavorano nei punti strategici della nostra attività, ricoprendo cariche di rilievo e dimostrando come, soprattutto per quanto riguarda gli ambiti della gestione e dell'organizzazione aziendale, le capacità e la visione femminili possano essere un vero valore aggiunto".

Condotta dalla giornalista di SkyTg24 Monica Peruzzi, e svoltasi nel pieno rispetto delle norme anti-contagio, la cerimonia del “Semplicemente Donna 2021”, ha profondamente colpito la platea del “Mario Spina” dando anche vita a momenti di significativa riflessione. Il premio per i “Diritti umani” è stato ben rappresentato da Sua Eccellenza Ms. Sania A. Ansari, presidente dell’omonima holding e della Fondazione Ansari, impegnata nella tutela delle donne, dei minori e dei rifugiati, e dall’atleta afghana Samira Asghari, il più giovane membro del Comitato Olimpico Internazionale, ma soprattutto il primo eletto dell’Afghanistan in seno al CIO. La nuova categoria “Donna e Sport” ha visto trionfare l’atleta paralimpica Nicole Orlando, attuale detentrice di ben due record mondiali nei 100 metri e nel salto in lungo, mentre il premio per la “Ricerca scientifica” è stato ritirato dalla direttrice del laboratorio di virologia dell’INMI “Spallanzani”, Maria Rosaria Capobianchi che, con il suo team, ha isolato la sequenza parziale del virus SARS-CoV-2 nel febbraio 2020. E se la categoria “Imprenditoria per il sociale” è stata assegnata alla manager Diva Moriani, vicepresidente del colosso Intek e membro del CDA della Fondazione Dynamo Camp Onlus, il riconoscimento “Uomo per i diritti umani” è andato a Don Aniello Manganiello, il parroco anti-camorra del tristemente noto rione napoletano di Scampia. A ricevere il premio nella categoria “Impegno sociale e civile” è stata l’avvocato Maria Vittoria Rava, presidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, da vent’anni promotrice di importanti progetti umanitari nelle zone più povere del pianeta, mentre il riconoscimento per il “Giornalismo” è stato assegnato a Luisa Betti Dakli, giornalista d’inchiesta esperta di diritti umani, direttrice del network d’informazione DonneXDiritti.

Il premio “Donna Coraggio” è stata, infine, l’occasione per condividere le testimonianze di Maria Antonietta Rositani, sopravvissuta alle violenze dell’ex marito che, nel 2019, l’ha data alle fiamme procurandole ustioni sul 50% del corpo, e di Chiara Frazzetto, figlia e sorella di vittime di mafia, da anni schierata in una lunga battaglia a favore della legalità.

“Si è appena conclusa una serata che ha davvero lasciato il segno, grazie alle preziose e significative testimonianze delle nostre premiate -  aggiunge Angelo Morelli, presidente del Comitato organizzatore – Un ringraziamento particolare a tutte loro che, con le loro storie, ci hanno fatto vivere emozioni irripetibili. Donne provenienti da mondi e da paesi diversi, con un vissuto diverso, a volte molto triste, altre volte contraddistinto dalla volontà di dimostrare quanto la fiducia in loro stesse le abbia gratificate e portate a ricoprire ruoli importanti. Tutte persone che, ogni giorno, vivono in trincea per la conquista dei loro diritti, tutte quante accumunate dal desiderio di lottare per se stesse e per le altre donne che, in ogni parte del mondo, soffrono e non hanno la possibilità di dimostrare quanto possa valere la loro esistenza”.

Di seguito l’elenco completo delle categorie e dei premiati dell’edizione 2021:

H.E. Dr. Sania A. Ansari – categoria “Donna per i diritti umani”

Samira Asghari – categoria “Donna per i diritti umani”

Chiara Frazzetto – categoria “Donna coraggio”

Maria Antonietta Rositani – categoria “Donna coraggio”

Nicole Orlando – categoria “Donna e sport”

Maria Vittoria Rava – categoria “Donna per l’impegno sociale e civile”

Maria Rosaria Capobianchi – categoria “Donna per la ricerca scientifica”

Diva Moriani – categoria “Donna per l’imprenditoria sociale”

Don Aniello Manganiello – categoria “Personaggio uomo per i diritti umani”

Luisa Betti Dakli – categoria “Donna per il giornalismo”

La Naici promuove una nuova e più intima forma di comunicazione non più rigorosamente collegata alla produzione aziendale ma focalizzata, invece, verso argomenti del quotidiano che ci circondano e appartengono al nostro vivere.

Il calendario Naici 2022 vuole essere una finestra aperta verso le emozioni più pure e spesso trascurate.

Un viaggio nell'Io e nel Noi, traghettato dalla fotografia di Martino Cusano in una dimensione che invita a riflettere sulla preziosità di quei gesti talvolta istintivi, che sono colore per la nostra esistenza e probabilmente le giuste chiavi per il futuro.

Questo progetto è l'inizio di un nuovo e stimolante percorso, che avrà una propria peculiarità, scegliendo comunque temi vicini alla filosofia aziendale nel toccare argomenti diversi in una visione più ampia dell'arte e della cultura, cercando di sensibilizzare l’osservatore a porre l’attenzione su ciò che circonda e appartiene al nostro vivere.

 I dodici scatti hanno quindi il piacevole intento di scandire ogni mese dell'anno al quale andiamo incontro attraverso un richiamo che riconduce a piccole azioni che coinvolgono il cuore.

I soggetti sono persone comuni, ciò che stanno facendo non è un artifizio, una falsa rappresentazione dell'Io e del Noi, ma ha la forza invisibile di un'energia naturale che si espande nell'atto di un abbraccio, di una corsa che mette le ali. Energia bella, che splende in un sorriso tra le rughe o nello sguardo di chi non si arrende, e che vibra nel moto circolare di un girotondo che unisce gli uomini, nella purezza dell'atto fraterno di spezzare il pane.

L'infinitamente grande nell'infinitamente piccolo ci riconduce all'interno della dimensione umana per riconsiderare le distanze del nostro vivere e riscoprire un sentimento rassicurante che può essere per tutti. Una vita in cui ci si può riconoscere.

Profilo d’autore

Fotografo Artista Comunicatore, si occupa di immagini e comunicazione dal 1985, iniziando gli studi presso l’I.E.D. di Roma.
In Martino Cusano il senso del lavoro è intrinseco nell’evoluzione dei rapporti umani e del momento sociale di appartenenza.
La fotografia non è mai vista come fine, ma come il mezzo per interagire con il quotidiano, per esprimere idee e creare oltre.
La direzione del suo lavoro si sviluppa e si consolida nelle esperienze di ricerca e produzione anche molto diverse tra loro, nel porre armonia, semplicità e naturalezza alle sue opere non mancando del rigore tecnico dovuto in alcuni generi.
La passione per la stampa in bianco e nero è da sempre un tratto distintivo che caratterizza la sua espressività soprattutto in studio e nella ritrattistica.
L’Autore è impegnato nella fine art per arredamento e dal 2000 attraverso “itusphoto” si dedica principalmente alla fotografia immobiliare, di architettura e accoglienza, continuando a collaborare nel marketing in importanti realtà nazionali.
La sua passione per gli interni, l’arredamento e l’architettura insieme alle competenze sulla “luce” lo hanno portato inoltre ad elaborare progetti di sistemi luminosi e con la luce arredare oltre che fotografare
Ha alle sue spalle diverse pubblicazioni e si è parlato di lui su prestigiose riviste nazionali. Vanta riconoscimenti internazionali nella fotografia di architettura.

Un po’ di piu

Dal 1986 l'Autore  si esprime in maniera autonoma freelance - reporter, collaborando e creando reportage per testate giornalistiche.
Nel 1989 tutte le attività si concretizzano con la creazione di uno studio privato: “Fotorecezione”.
Nel 1995 a Latina avvia il progetto Stamperia San Marco 14, con servizi nel settore professionale, stampa manuale e ripresa fotografica e attraverso questa struttura crea un polo di riferimento in un circuito di mostre eventi e interazioni con altre figure professionali.
In fotografia dimostra la giusta maturità per affrontare generi diversi, per aziende e privati: ritrattistica, eventi, reportage, pubblicità.
L’Autore è impegnato nella fine art per arredamento e nel mercato dei collezionisti con installazioni fisse e temporanee.
Le esperienze di ricerca e produzione sul proprio territorio sono state focalizzate sull’architettura razionalista, con diverse pubblicazioni:
Il 2000 è l'anno di  “Littoria in rilievo”, rivisitazione notturna realizzata con luci mirate ad enfatizzare le opere d’arte, legate a quel particolare periodo storico ed architettonico.
Nel 2001 cura la documentazione di una mostra itinerante dedicata agli affreschi del 1400 contenuti all'interno dell'Oratorio della SS Annunziata di Cori, in collaborazione con l'Università La Sapienza di Roma e con la Soprintendenza dei beni artistici architettonici e culturali del Lazio.
Nel 2003 realizza una pubblicazione contenente foto in b/n incentrata sulle scale dei palazzi e delle abitazioni del centro storico di Latina, interpretate nei volumi, nelle linee e nelle forme di luce in cui si rivelano.
Nel 2005 crea “Monolite”, sistema metallico luminoso a luce indiretta, omaggio a “2001 odissea nello spazio”.
Dal 2007 è consulente all'interno di un gruppo per la comunicazione e l'immagine di "Naici", marchio del gruppo ICN.
Nel 2010 realizza “Le Vele”, sistema di diffusione e arredamento per interni.
Lighting  Designer, dà vita al progetto LiveTheLight
Nel 2011 e realizza “Light Regards”, luce da letto con l'effetto di alba perenne.
Nel 2011 espone il progetto/concetto “I Numeri Per Dirlo" a Roma - Galleria Rilievi Contemporary Art.
Nel 2012 è uno dei vincitori, per la sezione Architettura, del Concorso “Black & White Spider awards",  leader nelle premiazioni internazionali che celebra l’eccellenza nel campo della fotografia fine art in Bianco e Nero.
Nel 2012 crea la collezione “ANCESTRALE”, sistema innovativo di luce.
Nel 2013 dà vita a  "NOMADE" sistema luminoso per l'accento dell'arte
Dal 2018 si confronta con immagini in movimento videomaker
Nel 2019 M F R - NUOVA PELLE - Spazio Tetenal – Roma
Dal 2020 “Il tempo speso bene”, si dedica al nuovo brand - Itusphoto..

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI