Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 23 Febbraio 2018

Per il secondo anno consecutivo le classi del triennio del Liceo Statale "Giuseppe Rechichi" di Polistena, partecipano alla Scuola di Alta Formazione in Filosofia “Mario Alcaro”, organizzata dall'associazione Scholé di Roccella Ionica, in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e con l’ IISF Scuola di Roma.

Le lezioni sono già partite nei giorni scorsi e proseguiranno fino al mese di aprile.

“Rinascere nella prassi: Hannah Arendt”, a cura della professoressa Gabriella Baptist, professoressa associata di Filosofia morale presso la Facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari, è uno dei temi affrontati dagli studenti delle classi quinte.

Questa settimana, invece, la professoressa Arianna Fermani, direttrice della scuola "Alcaro", nonché ricercatrice in Storia della Filosofia Antica presso l’Università degli Studi di Macerata e membro dell’Associazione Internazionale Collegium Politicum e dell’International Plato Society, incontrerà gli allievi delle terze classi per discutere di “Teoria e prassi in Aristotele”.

Nei primi giorni di aprile, invece, toccherà alle classi quarte ragionare su "La sfida dell'utopia" con  la professoressa Carla Danani, docente di Filosofia Morale presso l’Università degli Studi di Macerata e di Filosofia dell’abitare al Politecnico di Milano.

Gli incontri prevedono lezioni frontali e gruppi laboratoriali coordinati dalle docenti di indirizzo del Liceo, professoresse Stefania Canale, Gabriella Gagliardi, Caterina Laversa, Laura Marcianò, Antonella Pepé, Claudia Polimeni e Teresa Tramontana.

«Un percorso valido per approfondire temi e argomenti della filosofia - commenta il Dirigente Scolastico Francesca Maria Morabito - attraverso il quale gli studenti avranno la possibilità di ampliare le loro conoscenze e di confrontarsi con esperienze di studio qualificate e di livello universitario».

Esordio discografico per il jazzista reggino Giampiero Locatelli con Right Away, nel ricco catalogo Auand.

Nell'album balza agli occhi, nelle note di copertina, il ringraziamento che il pianista fa allo spirito di György Ligeti per l'ispirazione attinta nello scoprire le qualitá coloristiche e armoniche nel suono.

La qualcosa rappresenta una buona intro all'ascolto, allo scopo di capire in che modo si dispieghi, musicalmente parlando, questa dichiarazione di principio. 

D'emblée anzi Right Away, nell'immediato, parrebbe trattarsi di una certa lucentezza timbrica e ricercata ombrositá, unite a loro volta a spiccato senso metrico-ritmico e dell'interpolazione con i partners Gabriele Evangelista al contrabbasso e Enrico Morello alla batteria, omonimo del grande Joe, suo collega di strumento.

Ma quali sono le linee salienti degli otto brani che innervano il cd, scritti tutti dallo stesso Locatelli, concertista ma anche, per l'appunto, compositore?

Intanto quello che lo tiene a battesimo, un 5/4 che gioca "di prima" sul non costruito, sull' hic et nunc. Insomma un jazz qui e ora, con richiami classici (Inspire Me) ed estrazioni/astrazioni impressioniste (From The Last Frame), jazz ballad (Path e Like A Gentle Mood) e "concretezze" percussive (Toward Backward), dalla ricorrente propensione all'inerpicarsi e al decelerare (From Afar) ed a velate micropolifonie della tastiera (Ligeti docet).

Summa del suo pianismo Fizzle, Deed Slow, Whistle, pezzo di presentazione, puro jazz in azione, in integrazione/interazione di gruppo, a tratti slow. 

Una soddisfacente prova d'Artista, e d'Autore ancorato all'Adesso che è poi dimensione familiare al jazz ed a tanti dei rivoli che vi confluiscono. Un disco, questo di Locatelli, di musica lavorata al momento, congegnato nella consapevolezza che "l'istante presente non ritorna mai più (..) così ci si rigenera, ci si rinnova" (Taisen Deshimaru). 

La presentazione in terra natia è fissata il 16 aprile al Jazz Club La Sosta di Villa San Giovanni.

 

È stato presentato venerdì 9 febbraio, a Polistena, il progetto "Custodi dell'arte", a cura della II B dell'indirizzo Scienze Umane del Liceo Statale "Giuseppe Rechichi".

Nel Salone delle Feste del Comune erano presenti il Sindaco Michele Tripodi, il professore Bongiovanni, la referente,  professoressa Natalia Sorbara e gli studenti dell'Istituto.

Il percorso si svolge nell'ambito del più ampio progetto nazionale"A scuola di opencoesione" (Asoc), giunto alla sua quinta edizione e finalizzato allo sviluppo di una didattica innovativa e sperimentale nel settore della cittadinanza attiva.

I 24 studenti del Liceo già dal mese di novembre hanno iniziato a svolgere attività di ricerca e monitoraggio civico sui fondi Por e Pon, sullo stato di avanzamento degli interventi sulle opere pubbliche oggetto del finanziamento.

Lo studio serve anche a potenziare la conoscenza delle più innovative tecnologie di informazione, comunicazione e data journalism, al fine di sviluppare competenze digitali e sull'uso degli open data.

«È la prima volta che gli studenti partecipano a un progetto che ha avuto grande attenzione da parte dell'amministrazione comunale e che è volto alla promozione del bene comune - ha dichiarato la referente Sorbara. Ci siamo candidati ad ottobre tra 25 scuole a livello nazionale. Le politiche di open coesione sono poco conosciute - ha aggiunto- e il nostro lavoro si alterna tra docenza in classe e lavoro individuale a casa. Tutti i risultati, sono poi inseriti sul portale di open coesione».

Gli studenti del Rechichi hanno già pubblicato i report delle loro analisi sul blog di riferimento e la presentazione in pubblico del progetto, fa parte di una delle fasi dello stesso.

Stamattina a portare i saluti della Dirigente Francesca Maria Morabito, il professor Antonino Bongiovanni che ha ringraziato il Sindaco Tripodi per l'attenzione rivolta al progetto.

«È una testimonianza di partecipazione civica - ha commentato il primo cittadino di Polistena. La nostra amministrazione ha accolto le istanze degli studenti in un'ottica non referenziale, ma di partecipazione, soprattutto agli studenti che si avvicinano per la prima volta alla cosa pubblica. La scuola ha poi voluto investire sulla curiosità degli studenti che, con consapevolezza critica, stanno studiando determinati processi per crescere da buoni cittadini».

Tra le attività da svolgere la creazione di tre profili social dedicati al tema prescelto (Custodi dell'arte), già online su twitter, facebook e instagram.

La ricerca della II B si è concentrata sulla casa natia dello scultore polistenese Francesco Jerace, per il quale esistono ben due finanziamenti. I risultati delle prime indagini sono già online.

Per l'edizione di quest'anno, il progetto, organizzato dal Dipartimento per le politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal MIUR, dalla Commissione Europea e dall'Agenzia per la coesione territoriale, si avvale della partnership della Regione Calabria

L'esperienza degli studenti si concluderà nel mese di maggio, i vincitori, tra tutte le scuole superiori italiane, andranno a Bruxelles, nel mese di giugno.

Sarà assegnato anche un premio speciale per una delle classi partecipanti all'iniziativa per la quale sarà organizzato un evento-visita guidata al Senato della Repubblica.

Esibizione da brividi quella degli studenti dell'indirizzo musicale del Liceo Statale "Giuseppe Rechihci" di Polistena - Cinquefrondi, per l'iniziativa MArRCinlove a Palazzo Piacentini.

Gli studenti, preparati e seguiti dai professori Caterina Riotto, Antonio Barresi. Maria Grazia Costantino, Salvatore Schipilliti e Francesco Scordamaglia, hanno fatto vibrare voci e strumenti in Piazza Orsi, con lo sfondo prestigioso dei Bronzi di Riace.

Un concerto dedicato agli innamorati, con testi tratti dal repertorio italiano e internazionale.

Per il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, il dottor Giacomo Oliva, in rappresentanza del Direttore Malacrino, fuori sede per impegni istituzionali.

«Si rinnovano le sinergie tra i due enti - ha detto Oliva- anche con un parternariato che vedrà gli studenti del Rechichi protagonisti di altre iniziative museali, secondo l'indirizzo del MiBact di fare del Museo un centro culturale ad ampio respiro, non solo finalizzato alla promozione dei beni archeologici».

Per il "Rechichi", a portare i saluti del Dirigente Scolastico Francesca Maria Morabito, la delegata per i rapporti con il territorio, Emanuela Martino.

«Il nostro liceo consolida l'obiettivo di promuovere le eccellenze che si formano dentro le  aule scolastiche. È importante per gli studenti- ha concluso - sperimentare sul campo quanto appreso e questo è tanto più valido per i talenti dell'indirizzo musicale».

L'iniziativa ha permesso al pubblico di ascoltare l'esecuzione di brani di altissimo livello che hanno reso onore alle voci virtuose e alla tecnica degli strumentisti.

Al Museo si sono esibiti Flavio Logiudice, Noemi Filippone, Giuseppe Plateroti, Salvatore Condello, Sebastian Lucaci, Dayana Lombardo, Chiara Luci, Rosa Pisano, Erika Valeo, Miriam Tripodi, Maria Sorrenti, Cristina Alviano, Maria Pisano, Martino Giovinazzo, Ramona Luci, Alessia Lombardo, Luisa Angilletta, Martina Condina, Dafne Spinelli, Maria Pia Cannata’, Sebastiano Crudo, Emilia Ciardullo, Stefania Costantino, Maria Rosa Bovalina, Alessia Galluzzo, Gabriele Oliveto, Martina Mattiani.

Il sindaco Giuseppe Falcomatà ha accolto nella Sala del Consiglio Comunale i piccoli vincitori del concorso interno, indetto dall'Amministrazione comunale in collaborazione con Avr, in occasione delle Cartoniadi. Ad aggiudicarsi il primo premio, un buono del valore di 350 euro per l'acquisto di dotazione informatica messo a disposizione da AVR Spa, sono state la scuola primaria “B.Telesio” dell'Istituto Comprensivo Telesio-Montalbetti di Modena e la Scuola dell'infanzia di Ravagnese che hanno contribuito, nello scorso mese di dicembre, a riciclare complessivamente quasi 3000 kg di carta e cartone.

Oltre aver coinvolto tutta la cittadinanza, attraverso le tante iniziative promosse, l’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria, in collaborazione con il gestore del servizio di igiene urbana AVR S.p.A. e il Coordinamento per l’Ambiente, ha voluto coinvolgere le scuole reggine con una gara di raccolta della carta, che si è svolta tra l'11 e il 22 dicembre, alla quale hanno partecipato tutti gli istituti scolastici, contribuendo a raggiungere ottimi risultati.

Le due scuole che hanno raccolto, nell’arco di tempo indicato, la maggiore quantità di carta e cartone sono state premiate ieri mattina, alla presenza del Sindaco Giuseppe Falcomatà, dell’Assessore all’Ambiente Giovanni Muraca, del Presidente del Consiglio Comunale Demetrio Delfino e della Responsabile alla Comunicazione di AVR Rossana Melito, con delle attrezzature scolastiche. Erano presenti anche dei rappresentanti del Coordinamento per l’Ambiente a dimostrazione che solo attraverso una ampia collaborazione si ottengono i migliori frutti.

L'iniziativa è stata un’occasione che ha visto incrementare ulteriormente i dati di raccolta sul territorio perché ha messo in gioco i cittadini che quotidianamente già collaborano al servizio impegnandosi a differenziare correttamente i rifiuti.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI