Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 21 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:366 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:928 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:1144 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:1130 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:1147 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1426 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1550 Crotone

Tra il 2014 e il 2017 l’Italia, che corrisponde al 12% della popolazione europea, ha accolto quasi 700 mila migranti, pari al 70% degli arrivi via mare in Europa. Ad oggi, gli immigrati giunti in Italia con Salvini al Viminale (quindi dal luglio 2018) sono 6.793, con un calo del 90% rispetto al 2015. Tanto che nel 2018 l’Italia è scesa al terzo posto in Europa per arrivi: prima è la Spagna del socialista Sanchez con 65mila, seguita dalla Grecia di Tsipras con 32mila.

Quest’azione efficace, che ha fortemente arginato il fenomeno migratorio, sta premiando la Lega nei sondaggi. Secondo quello realizzato da Europe Elects, che ha calcolato quanti parlamentari avrebbero i partiti nell’emiciclo dell’Europarlamento, la Lega di Matteo Salvini sarebbe infatti il primo partito d’Europa con 26 eletti, superando la Cdu tedesca ferma a 24. Staccati di qualche seggio i grillini (22 eurodeputati), poi ci sarebbe il partito di Marine Le Pen (20) e a seguire tutti gli altri.

Negli Stati Uniti, continua il braccio di ferro tra Donald Trump e il Congresso  sui fondi per il muro con il Messico che ha portato gli Usa a proseguire lo shutdown, il più lungo della storia. “La costruzione del muro con il Messico farà calare il tasso di criminalità nell’intero Paese”, ha scritto su Twitter il presidente. Trump vuole superare l’ostracismo dell’opposizione democratica ricorrendo, se necessario, alla dichiarazione di emergenza nazionale che gli consentirebbe di superare il veto del Congresso e di stanziare 5,7 miliardi di dollari per il completamento della barriera con il Messico.

Sebbene per la maggior parte degli americani non esista una vera e propria emergenza,  secondo un recente sondaggio il 42% degli intervistati afferma di sostenere il muro, rispetto al 34% dello scorso gennaio. Una leggera maggioranza di americani (54%) si oppone all’idea, in calo rispetto al 63% di un anno fa. L’aumento del supporto è più forte tra i repubblicani, il cui sostegno alla promessa di vecchia data della campagna di Trump è salito di 16 punti nell’ultimo anno, dal 71% all’87%. Il supporto del Gop non solo è aumentato, ma si è anche rafforzato. Oggi, il 70% dei repubblicani afferma di sostenere fortemente il muro, con un aumento di 12 punti registrato dal gennaio 2018. 

William Kilpatrick, giornalista statunitense, ha sostenuto di recente che Bergoglio non ha ben chiaro il rischio apportato dal numero di parrocchie che vengono sigillate in Europa per mancanza di fedeli: “Così come ha poca ansia per l’ondata di chiusure delle chiese – ha scritto, come riportato su Facebook da un altro giornalista, che è Giulio Meotti – , Papa Francesco sembra avere poca ansia riguardo all’islamizzazione dell’Europa. E come dimostra il suo incoraggiamento alle migrazioni di massa, sembra non avere obiezioni all’islamizzazione”.

E mentre la linea del Governo sul immigrazione e ferma e molto simile a quella di Trump ed e ,olto vincente e gradita dai elettori fa discutere, specie tra le frange più conservatrici qualcuno direbbe “tradizionaliste”, è il simbolo selezionato per il ventiseiesimo viaggio apostolico del pontefice della Chiesa cattolica: una croce posizionata all’interno di un’altra immagine religiosa: la mezzaluna musulmana. Qualcuno ha osato evidenziare la differenza di grandezza che intercorre tra le due: troppo piccola – sostengono – la croce di Cristo, troppo risaltata – di rimando – la mezzaluna islamica. Quasi come se il vescovo di Roma e le gerarchie vaticane avessero avallato una sorta di subordinazione. Quasi, ancora, come se la Santa Sede, a questo giro, si considerasse ospite in casa altrui.

Le modalità che papa Francesco ha individuato per la dialettica col mondo musulmano non soddisfano chi ritiene che l’islamizzazione del Vecchio Continente stia mettendo in discussione la nostra stessa identità. Chiedetevelo leggendo Michel Houellebecq. Chi volesse approfondire il fatto che in Europa siano state chiuse centinaia di chiese solo nel corso di questi ultimi anni, può invece approfondire la visione del cardinale Eijk.

Tra i più critici c’è la dottoressa Silvana de Mari, la cui riflessione, che è stata pubblicata dal quotidiano La Verità, può essere sintetizzata così: “Eppure – ha scritto – la nuova Chiesa 2.0 adora dialogare, adora dire a tutti che, certo, avete proprio ragione, tutte le religioni portano a Dio, che è assolutamente lo stesso…”. Il primato gerarchico del cattolicesimo, riscontrabile nella Buona Novella, sparito dai radar: questa è la tesi della De Mari

E mentre tutti cercano di fermare questo fenomeno Papa Francesco continua : «Le migrazioni arricchiscono, anche Gesù fu profugo» centinaia le esortazioni a favore dei migranti che Papa Francesco in questi quasi 6 anni di pontificato ha rivolto ai governi, alle chiese, alle comunità e alle persone di buona volontà. Il Vaticano le ha raccolte in un libro che è stato presentato stamattina e diffuso in diverse lingue, a sottolineare la necessità da parte della Chiesa a non deflettere sulla linea dell'accoglienza e delle porte aperte. Le migrazioni per il pontefice sono un diritto

Ed ecco un altra questione importante : Islam, ora il Consiglio d'Europa vuole sdoganare la sharia il dibattito promosso dall’organizzazione internazionale che si occupa di difendere i diritti umani e la democrazia in Europa servirà a chiarire se gli Stati membri della convenzione possano essere contemporaneamente firmatari della dichiarazione del Cairo sui diritti umani nell’Islam. Un documento adottato nel 1990 in risposta alla Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite, che individua la sharia come unica fonte del diritto. In altre parole, la dichiarazione garantisce quasi tutti i diritti riconosciuti nella dichiarazione dell’Onu, ma li sottopone ai limiti della legge islamica.

Non è escluso che il dibattito delle prossime settimane possa concludersi con una, seppur velata, apertura nei confronti della legge islamica che continua ad imporre le sue regole anche sul continente europeo.

In questo quadro, secondo il rapporto del deputato spagnolo, “bisogna sforzarsi di riconciliare le varie posizioni e creare una base d’intesa tra la sharia e la Convenzione europea sui diritti umani”, a patto che tutti accettino il fatto che la Convenzione è uno strumento legalmente vincolante, mentre la dichiarazione del Cairo non lo è. Una sfida a dir poco ardua per l’organizzazione, che alcuni considerano addirittura persa in partenza. Per il deputato conservatore olandese, Pieter Omtzigt, ad esempio, membro del Partito Popolare Europeo e della commissione Affari giuridici e Diritti umani dell’APCE, la dichiarazione del Cairo non sarebbe affatto compatibile con la Convenzione europea sui diritti dell’uomo. Pertanto, gli Stati che hanno sottoscritto la prima non dovrebbero far altro che ritirarsi, visto che la seconda risulta legalmente vincolante nei loro confronti. Insomma, per il deputato olandese, non ci sarebbe un granché da discutere: i diritti umani non possono essere regolati dalla sharia.

Un approccio che viene definito “problematico” nel rapporto stilato sul tema dal deputato socialista spagnolo, Antonio Gutiérrez. Il punto è che nonostante i dettami della sharia neghino alcuni diritti fondamentali alle donne o ai membri di altre religioni, contemplando in alcuni casi, come quello della blasfemia, anche la pena di morte, alcuni Stati membri del consiglio d’Europa, come Albania, Turchia e Azerbaigian, risultano tra i firmatari della dichiarazione sui diritti umani nell’Islam. Non solo. 

Il rapporto mette in guardia anche sulla presenza nella patria del diritto e della libertà per antonomasia, il Regno Unito, di almeno 85 tribunali islamici informali, deputati a risolvere dispute familiari o personali sulla base proprio della sharia. Anche in Grecia la minoranza musulmana preferisce rivolgersi ai muftì locali piuttosto che ai tribunali, per dirimere le controversie che riguardano questioni matrimoniali o di eredità. Accade lo stesso anche nel territorio della Federazione Russa, che è membro del Consiglio d’Europa dal 1996. Nelle regioni russe a maggioranza musulmana, come Cecenia, Inguscezia, Dagestan e Tatarstan, le liti vengono spesso giudicate secondo i dettami della sharia. Come probabilmente succede pure nelle enclavi musulmane presenti nelle più grandi città europee.

Succedeva nel 2016 : Le più alte cariche del Fondo monetario internazionale hanno ingannato il proprio board, fatto una serie di clamorosi errori di giudizio sulla Grecia, sposato incondizionatamente la causa dell’euro, ignorato tutte le avvisaglie di un’imminente crisi e trascurato un aspetto di base delle unioni monetarie.

Questo è il verdetto lacerante dell’Independent Evaluation Office (IEO), un organismo indipendente all’interno dell’istituto di Washington, sulla disastrosa gestione della crisi dell’euro da parte del Fondo. Il rapporto di 650 pagine dell’IEO rivela «cultura della compiacenza», incline all’analisi «superficiale e meccanicista», e un sistema di governance apparentemente fuori controllo.

L’ufficio di valutazione indipendente del fondo è autorizzato a passare sopra la testa del direttore generale, Christine Lagarde, e risponde unicamente al consiglio dei direttori esecutivi, molti dei quali – in particolar modo quelli provenienti dall’Asia e dall’America Latina – sono furiosi per il modo in cui alcuni ufficiali dell’UE hanno utilizzato il Fondo per salvare la propria unione monetaria ed il proprio sistema bancario.

I tre salvataggi della Grecia, del Portogallo e dell’Irlanda sono stati senza precedenti per dimensioni e carattere. Ai tre paesi è stato permesso di prendere in prestito oltre il 2,000% della loro quota allocata – più di tre volte il limite normale –, pari all’80% di tutti i prestiti del Fondo tra il 2011 ed il 2014.

In un’ammissione sorprendente, il rapporto dice che i propri investigatori non sono stati in grado di accedere a documenti chiave o di gettare luce sulle attività della «task-force segreta» assegnata ai salvataggi. Nessuna accusa di ostruzionismo è stata rivolta alla Lagarde.

«Molti documenti sono stati preparati al di fuori dei canali prestabiliti; la documentazione scritta relativa alle questioni più delicate è irreperibile. L’IEO in alcuni casi non è stato in grado di determinare chi ha preso certe decisioni o quali informazioni fossero disponibili, né è stato in grado di valutare i ruoli giocati dal management e dallo staff del Fondo», si legge nel rapporto.

Il rapporto afferma che l’intero approccio del Fondo alla zona euro è stato caratterizzato dal “pensiero di gruppo”. Non esistevano piani di riserva su come affrontare una crisi sistemica nella zona euro – o su come gestire la politica di un’unione monetaria multinazionale – perché era stato escluso a priori che ciò potesse accadere.

Succede oggi  : “Non siamo stati sufficientemente solidali con la Grecia e con i greci” durante la crisi del debito, è stata la dichiarazione testuale. Non solo: Juncker ha anche riconosciuto che durante la crisi del debito “c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali”. E si è rammaricato che la Commissione abbia “dato troppa importanza all’influenza del Fondo monetario internazionale” perché “al momento dell’inizio della crisi molti di noi pensavano che l’Europa avrebbe potuto resistere all’influenza del Fmi”. A lui ha replicato direttamente il vicepremier M5s Luigi Di Maio: “Le lacrime di coccodrillo non mi commuovono”, ha scritto sul Blog delle Stelle. Mentre la capadelegazione M5s in Europa Laura Agea ha attaccato: “Autocritica ipocrita da chi prende uno stipendio da nababbi”.

Di Maio ha replicato sul Blog delle Stelle: “Juncker e tutti i suoi accoliti hanno devastato la vita di migliaia di famiglie con tagli folli mentre buttavano 1 miliardo di euro l’anno in sprechi come il doppio Parlamento di Strasburgo. Sono errori che si pagano”, ha scritto. “Dopo anni in cui ha benedetto i tagli in nome dell’austerità adesso parla di ‘austerità avventata’ e di aver dato ‘troppo influenza al Fondo Monetario Internazionale’ e ‘poca solidarietà nei confronti della Grecia’. Insomma l’austerità è stata fatta per sbaglio, è stata avventata ‘non certo perché volevamo colpire chi lavora o chi è disoccupato’. Invece è proprio quello che hanno fatto con le loro politiche economiche scellerate e ingiustificate”. 

Poco prima era intervenuta anche la capadelegazione del M5s al Parlamento Ue Agea: “Juncker, dall’alto del suo stipendio da nababbo di 27.000 euro al mese, non è credibile quando parla di austerità”, ha detto in una nota. “La sua ipocrita autocritica è uno schiaffo agli oltre 100 milioni di poveri europei. La Commissione europea in questi anni ha imposto i vincoli di bilancio. Con la manovra del cambiamento abbiamo già cambiato registro: dopo le elezioni europee rimetteremo mano a Trattati e regolamenti europei che penalizzano lavoratori, disoccupati e imprese. Il cambiamento è vicino e partirà dal taglio degli stipendi dei Commissari europei”.

Oggi la Grecia un Paese "massacrato" dal austerita dalla troika del UE dai sbagli del FMI dicono che sarebbe un successo con  il programma di prestiti internazionali  terminato da agosto, ma l'ombra di un quarto memorandum è dietro l'angolo viste le intenzioni di Syriza di distribuire bonus senza riforme condotte con un piglio professionale bensì aumentando solo la pressione fiscale. Le banche continuano a licenziare, mentre le manifestazioni non cessano, come gli insegnanti precari, scesi in piazza nel giorno della visita ad Atene della cancelliera Merkel.

In ballo c'è anche la sopravvivenza del sistema bancario ellenico, i nuovi bonus che il governo sta distribuendo in vista delle urne, la geopolitica dei gasdotti e il futuro ruolo dello stesso premier, che pare sia molto vicino ad ottenere un incarico internazionale se perdesse le elezioni.

Cosi oltre la crisi economica dietro l angolo l'accordo in Macedonia manda in crisi il governo greco  il caso macedone è solo la punta di un iceberg ben più grande: il Parlamento di Skopje ha approvato definitivamente la modifica costituzionale per il nuovo nome «Repubblica della Macedonia settentrionale», chiudendo la disputa con Atene, ma aprendo un fronte interno che si affianca alla geopolitica. 

La Grecia sta diventando un hub gas significativo per il Mediterraneo, grazie al gasdotto Tap e all'Eastmed che sarà il più lungo del mondo, da Israele all'Italia: i maggiori players energetici che vi operano stanno determinando le future policies dell'Ue quanto ad approvvigionamento energetico e nuove partnership. 

Dopo quattro anni termina così l'alleanza «fascio/comunista» che ha guidato la Grecia fuori dal memorandum, ma non fuori dalla crisi enorme economica le elezioni anticipate sono scontate, probabilmente in maggio con le europee. Ma prima ci sarà il voto di fiducia chiesto da Tsipras per giovedì prossimo, che potrebbe sì sancire la fine ufficiale della legislatura ma anche fruttare una incredibile marcia indietro di entrambi gli alleati protagonisti, di una trovata pubblicitaria per tentare di recuperare di fronte ad un elettorato sempre più deluso.

Per cui se da un lato Kammenos ha confermato «le differenze inconciliabili» con il premier che ha accettato le dimissioni, dall'altro ci sono i sondaggi ad inchiodare entrambi i partiti al governo: per Anel è debacle sotto il 3%, quindi nessun rieletto, per Syriza un calo di almeno dieci punti. Tutto a vantaggio del candidato liberal-conservatore-popolare di Nea Dimokratia Kyriakos Mytsotakis, affiliato al Ppe. Il suo programma: zone tax free in Grecia per attrarre nuovi investimenti, smart city, riforma del sistema bancario, privatizzazioni che portino un plus ai conti del paese e non siano svendite.

 

 

 

 

 

 

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, esprime profonda preoccupazione per le notizie relative al crescente numero di vittime – inclusi diversi minori e donne – e alla fuga di civili su vasta scala a causa del riaccendersi degli scontri nell’enclave di Hajin nel Governatorato di Deir-ez-Zor, nella Siria orientale. Negli ultimi sei mesi gli scontri e gli attacchi aerei nella parte sudorientale del governatorato hanno costretto alla fuga circa 25.000 persone.

Non solo donne e bambini, ma anche molti anziani sono in pericolo.

 Si stima che 2.000 persone continuino a trovarsi ad Hajin, nell’area colpita dal conflitto. Le persone in fuga riferiscono di condizioni sempre più disperate, fra cui una riduzione dei servizi e prezzi per i beni di prima necessità estremamente elevati. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati esprime preoccupazione per i civili bloccati nelle aree controllate dall’ISIS.

Le famiglie sfollate nel campo di Al Hol, nella Siria nordorientale, riferiscono al personale dell’UNHCR che i civili che intendono fuggire si imbattono in diversi ostacoli e difficoltà nel tentativo di abbandonare l’area segnata dagli scontri. L’UNHCR lancia un appello agli attori coinvolti, e a quanti hanno potere di influenza su di essi, affinché siano assicurati libertà di movimento e corridoi umanitari.

 La maggior parte degli sfollati ha cercato rifugio nel campo di Al Hol, presso cui sono arrivate oltre 8.500 persone nelle ultime cinque settimane. Altri, inoltre, hanno trovato riparo nell’insediamento informale di Abu Khashab o presso le comunità locali. Avendo affrontato la fuga a piedi, molti sono esausti ed estremamente sofferenti. Vi sono casi di persone che hanno trascorso quattro o più notti all’addiaccio nel deserto, esposti a forti piogge e a basse temperature quasi senza avere con sè effetti personali, cibo o acqua. E’ stato riferito che il viaggio, difficile e pericoloso, e le condizioni all’interno dell’enclave abbiano causato la morte di sei bambini, tutti di età inferiore ai 12 mesi. Tragicamente, molti di questi sono deceduti dopo l’arrivo ad Al Hol, troppo indeboliti per poter sopravvivere.

 Ad Al Hol, le squadre di pronto soccorso stanno effettuando screening e referral immediati sul posto. La priorità è trattare ferite, arti amputati, lesioni profonde e casi di assideramento. Le persone si presentano in stato confusionale, esauste e sofferenti, anche in seguito a separazioni familiari causate dalla fuga.

L’UNHCR e i propri partner sono sul campo quotidianamente per rilevare le necessità e assicurare protezione, specialmente ai minori separati o non accompagnati e a quanti necessitano di cure mediche. Vengono distribuiti tende e beni di prima necessità ed è garantita assistenza per l’inverno a tutti i nuovi arrivati. Il personale sta preparando nuove aree da adibire all’installazione di tende e ampliando la capacità delle strutture pubbliche ad Al Hol in previsione dell’aumento degli arrivi da Hajin.

 L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati reitera il proprio appello affinché non vi sia alcun ostacolo all’accesso degli aiuti umanitari volti a garantire assistenza cruciale durante questa stagione invernale tanto rigida.

 Nel Governatorato di Hassakeh, l’insediamento informale di Al-Areesha, che offre rifugio ad oltre 9.600 migranti forzati, è stato colpito dalle inondazioni causate dal rapido aumento della quantità di acqua del vicino bacino idrico. Oltre i due terzi del campo sono attualmente sommersi. I residenti si stanno trasferendo verso aree più elevate del campo. I volontari e gli operatori umanitari hanno trasferito oltre 1.200 tende su terreni più elevati e sicuri e hanno installato tende comuni di dimensioni più ampie nel caso in cui dovessero alzarsi il livello dell’acqua e altre famiglie traslocare. Le famiglie sono frustrate, dal momento che molte hanno dovuto trasferirsi più volte nell’ultimo mese a causa del continuo innalzamento del livello dell’acqua.

 L’UNHCR e gli altri attori umanitari stanno preparando il terreno negli altri campi rifugiati per garantire ricollocamenti sicuri, nel caso in cui altre famiglie decidessero di spostarsi.

 Nel frattempo in Libano, questa settimana, la tempesta Norma ha causato devastazioni tanto fra le comunità libanesi quanto fra quelle di rifugiati. Diversi giorni di forti venti, piogge incessanti e neve hanno causato inondazioni e danni nei paesi e nei villaggi di tutto il Paese, che accoglie quasi un milione di rifugiati siriani. Oltre 360 siti che accolgono 11.300 rifugiati sono stati colpiti.

A Minieh, nel Libano settentrionale, la tempesta ha causato la morte di Fatima, una bambina rifugiata siriana di otto anni travolta dalle inondazioni. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati sta assicurando supporto ai suoi genitori e ai suoi fratelli in questo momento tanto difficile. La maggior parte delle devastazioni è stata causata dalle forti piogge e dalle inondazioni negli insediamenti informali. Nella sola Valle della Beqāʿ almeno 600 rifugiati siriani si sono dovuti trasferire a causa delle inondazioni o dei gravi danni alle proprie abitazioni.

In tutto il Libano, l’UNHCR attualmente assiste 166.000 famiglie vulnerabili nell’ambito del proprio programma di assistenza per l’inverno volto a garantire condizioni abitative che consentano di vivere al caldo e all’asciutto. Il supporto assicurato prevede legname e rivestimenti in plastica per proteggere gli alloggi dalle intemperie, e l’erogazione mensile di 75 dollari statunitensi in contanti a famiglia nei cinque mesi freddi per permettere di coprire le spese extra legate alla stagione stessa, fra le quali combustibile per il riscaldamento, medicine e indumenti.
Quest’inverno, l’UNHCR mira ad assicurare assistenza a 3,5 milioni di siriani e iracheni sfollati interni e di rifugiati in Siria, Libano, Giordania, Iraq ed Egitto. Oltre due milioni di sfollati interni siriani e iracheni e di rifugiati sono stati assistiti grazie al Piano di assistenza per l’inverno.

La strategia di intervento per l’inverno dell’UNHCR prevede l’erogazione di contanti a favore delle famiglie vulnerabili, la distribuzione di beni di prima necessità utili specificamente per la stagione, la preparazione di alloggi resistenti alle intemperie e le risorse utili per le riparazioni, e miglioramenti alle reti fognarie e ad altre infrastrutture nei campi e negli insediamenti informali.

Il budget complessivo per il Piano Regionale di Assistenza per l’inverno (Regional Winterization Plan) è di 180 milioni di dollari statunitensi e copre il periodo che va da settembre 2018 a marzo 2019.

 

Juncker fa autocritica sul rigore europeo: durante la crisi del debito «c'è stata dell'austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali», ha detto il presidente della Commissione Ue nel suo intervento in aula a Strasburgo per la celebrazione dei vent'anni dell'euro.

«Mi rammarico di aver dato troppa importanza all'influenza del Fondo monetario internazionale. Al momento dell'inizio della crisi - ha ricordato Juncker - molti di noi pensavano che l'Europa avrebbe potuto resistere all'influenza del Fmi. Se la California è in difficoltà, gli Stati Uniti non si rivolgono» al Fondo monetario internazionale e «noi avremmo dovuto fare altrettanto».

Il mea culpa di Juncker prosegue sulla Grecia: «Non siamo stati sufficientemente solidali con la Grecia e con i greci» durante la crisi del debito. «Mi rallegro di constatare che la Grecia, il Portogallo ed altri Paesi - ha aggiunto - hanno ritrovato se non un posto al sole», almeno «un posto tra le antiche democrazie europee».

Pero possono fare tutti i mea culpa che volete ma si capisce il danno fatto alla Grecia  in questa intervista fatta dal giornale Investireoggi.it con il Prof Konstantinos Voudouris docente in diversi istituti privati di preparazione universitaria, e parla sulla situazione economica in Grecia . Lui risponde alle domande del Gionale on line cosi :

I creditori della Grecia hanno spazzato via il default sotto il tappeto con il taglio dei bond ellenici del 2012. Il rischio di un nuovo devastante default è sopito, ma esiste. L’FMI crede che il debito possa essere reso sostenibile da alti avanzi. Ma la Grecia ha bisogno di un taglio almeno del 30% per avere la possibilità di ripagare il suo debito esplosivo. Questo il primo passo. Il secondo è la necessità di maggiori tassi di crescita per ravvivare l’economia e inevitabilmente le entrate fiscali, nonché per ridurre il bisogno di nuovi prestiti. Ma alti avanzi al 3,5% del pil sono un errore fatale.  Angela Merkel è ormai fuori dalle scene e dai riflettori e il suo sostegno per Tsipras appare simbolico. L’austerità fiscale nell’Eurozona si alimenta della cattiva struttura dell’area, in quanto si tratta di una unione monetaria sostanzialmente basata sul marco tedesco, non su una singola moneta per tutti gli stati aderenti, non è un’unione ottimale. Angela Merkel è stata in questi anni la vera dea Ira della mitologia greca per l’austerità, ma ci attende il cambiamento di questa Eurozona morta.

Sono fortemente convinto che il caos politico in Grecia sia poco importante. Gli analisti prevedono che sarà centrato il numero magico di 151 deputati per assicurare la poltrona a Tsipras. Ma Syriza non ha possibilità di rivincere, il suo tempo sta per volgere al termine  

Concludendo il prof.Voudouris la sua intervista al giornale investire oggi  il debito privato, unitamente a quello pubblico, è il principale problema della Grecia. Gli NPL frenano la concessione di nuovi prestiti e le famiglie sono sovraindebitate. Le banche sono riluttanti a incrementare l’offerta di prestiti. Il moltiplicatore monetario sta scendendo, ciò significa che l’offerta di moneta cresce a tassi inferiori. Un euro portato in banca genera solo 1,46 euro per l’economia contro gli oltre 2 euro di 7 anni fa.

Intanto  «Luigi Di Maio viene davanti al Parlamento europeo senza entrarci, critica l'Europarlamento, critica Strasburgo... Inizio di campagna o dichiarazione di guerra alla democrazia europea?». «La Francia - aggiunge- è fiera di Strasburgo capitale europea».  

«Quella di Strasburgo è una sede che si usa 40 giorni l'anno - ha attaccato Di Maio - una marchetta alla Francia, un favore che non serve nulla e che costa un miliardo di euro l'anno. Basta una sola sede a Bruxelles, quella a Strasburgo va chiusa».
È di nuovo scontro tra la Francia e l'Italia dopo che il vicepremier Luigi Di Maio, arrivato in auto a Strasburgo insieme ad Alessandro Di Battista, ha detto che la sede Ue francese va chiusa perché non è altro che una marchetta a Parigi. Gli risponde la ministra francese per gli Affari Europei, Nathalie Loiseau: «Siamo fieri di Strasburgo».

Ma i problemi non finiscono cosi oggi dopo aver chiuso le contrattazioni di ieri con un calo in Borsa del 10% circa, riavvicinando l'istituto, il cui azionista di maggioranza è il ministero del Tesoro dopo la complicata azione di salvataggio degli anni scorsi, ai minimi storici, oggi Mps cede ancora terreno e trascina in rosso tutti i titoli del comparto. "Può un'istituzione non politica prendere con leggerezza decisioni che influiscono profondamente sulla vita e i risparmi dei cittadini?", si chiede Matteo Salvini denunciando "l'atteggiamento prevaricatore" dell'istituto di Francoforte .

La mossa della Bce arriva in un momento particolarmente delicato per il settore bancario italiano, già sotto pressione per il caso di Carige. Per Salvini "il nuovo attacco della vigilanza della Bce" al nostri sistema è la dimostrazione plastica del fallimento di quell'unione bancaria, voluta dall'Unione europea e votata dal Pd. "Non solo non ha reso più stabile il nostro sistema finanziario - accusa il vicepremier leghista - ma causa instabilità, colpendo i risparmi dei cittadini e un sistema bancario, come quello italiano, che aveva retto meglio di tutti alla grande crisi finanziaria del 2008". 

Per Salvini, "l'atteggiamento prevaricatore" di Francoforte non solo "scavalca aggravandole le recenti decisioni della Commissione" ma rilancia il tema dei poteri di questa istituzione non politica che prende "con leggerezza decisioni che influiscono profondamente sulla vita e i risparmi dei cittadini". "Indipendenza non vuol dire irresponsabilità", incalza il leader leghista invocando, a questo punto, "assoluta trasparenza" da parte della Bce. "Questa trasparenza è necessaria per scacciare il dubbio che la Bce faccia un uso politico dei poteri che le sono attribuiti - conclude - l'ennesimo intervento a gamba tesa della Bce può creare un danno all’Italia da 15 miliardi  

Ieri la Banca centrale europea è tornata a farsi sentire sui fronte dei crediti deteriorati di Mps. Lo ha fatto raccomandato nuovamente la svalutazione totale sia dei nuovi flussi di npl sia degli stock di crediti deteriorati in essere. Per farlo Mps ha tempo fino al 2026. Entro sette anni dovranno aver applicato alla lettera ill cosiddetto addendum che prevede l'azzeramento a bilancio del valore dei crediti non performanti dopo un determinato periodo, a seconda delle garanzie. La mossa dell'Eurotower ha messo sotto pressione tutto il settore perché sui mercati finanziari si è subito diffusa l'opinione che la Bce possa utilizzare un approccio più o meno severo a seconda dei casi. Secondo gli analisti di Equita, sentiti dall'agenzia Agi, quello che si è delineato con Mps rappresenta, infatti, per le banche italiane "un pericoloso precedente".

 

 

 

 

 

 

L'annuncio della tregua arriva poco dopo l'una di notte, al termine di un vertice di 90 minuti. «Manteniamo l'impegno ad accogliere donne bambini senza dividere nuclei familiari, li affideremo alla chiesa Valdese che si è offerta di accoglierli senza oneri per lo Stato», recita una nota di palazzo Chigi. E ancora: «In attesa dei trasferimenti da Malta di queste poco più di 10 persone, il premier Conte chiederà un incontro urgente con il commissario europeo Avramopoulos per far eseguire la ricollocazione degli oltre 200 migranti che da agosto l'Italia aspetta che siano accolti dalla Germania, Olanda e altri 7 paesi europei che non hanno dato seguito agli impegni».

I migranti da Malta arriveranno, ma soltanto dopo che oltre 200 immigrati già presenti in Italia saranno ricollocati in Europa. E Matteo Salvini esulta: «Io non cambio idea, anzi faccio due passi in avanti. Non ci sarà nessun arrivo in Italia finché l'Europa non rispetterà gli impegni presi (a parole) con l'Italia, accogliendo gli immigrati sbarcati in estate tra Pozzallo e Catania che dovevano già essere ricollocati. Il governo è compatto sulla linea rigorosa, porti chiusi, lotta agli scafisti e alle Ong. Aggiungo che ogni nuovo eventuale arrivo dovrà essere a costo zero per i cittadini Italiani».

Nel governo italiano scatta una mezza crisi. Per un Salvini intenzionato a non cedere («Io non sono stato nemmeno consultato»), c'è un Conte che si è detto pronto ad andare a prendere con l'aereo donne e bambini. Il leader della Lega lancia sui social network una campagna praticamente contro il suo premier: «Io non mollo». Il «Capitano», in missione per le europee a Varsavia in versione federatore sovranista, non fa nulla per dissimulare la propria rabbia contro l'«avvocato del popolo», reo di averlo sfidato nel suo campo. «Serve un chiarimento - dice - io non autorizzo arrivi».  

Per un paio di ore le diplomazie tra M5S e Lega si interrompono. Si parla inizialmente di un vertice a due tra Salvini e Conte. «Ma non a Palazzo Chigi». Di Maio sembra tenersi laterale, dopo l'intervento molto netto del presidente del Consiglio. Addirittura escono anche altre indicazioni dai rispettivi staff: nessun incontro tutto rinviato, niente è sicuro. Fino alla notizia della riunione che comincia poco dopo le undici di sera. A tre, quindi anche con Di Maio. A vertice in corso Salvini twitta: «Sui migranti non cambio idea».

Solo che la trattativa con l'Europa sulla manovra pare in qualche modo aver modificato le carte in tavola. E lo slancio in avanti di Conte sul caso migranti di Malta ne è una conferma. Tanto che ieri, quando La Valletta annunciava l'accordo sui ricollocamento con il coinvolgimento dell'Italia, il ministro dell'Interno non ha nascosto la sua forte irritazione per la decisione del premier. "È un precedente gravissimo, non ha capito che ci facciamo del male", avrebbe sussurrato ai suoi Salvini come riporta La Stampa. Certo: il leghista e "l'avvocato del popolo" hanno sempre avuto posizioni diverse in tema di immigrazione, rigoroso lui e più aperto lui. Ma fino ad oggi aveva sempre prevalso la linea salviniana.  

Dal M5S invece rivendicano l'operazione. Si tratta di «alcune famiglie» dice il presidente della Commissione per le politiche Ue della Camera Sergio Battelli, che poi aggiunge: «L'accordo è stato raggiunto grazie alla mediazione del premier Conte». Ma è proprio questa mediazione e l'evidenza che alla fine la linea del premier ha prevalso che non vanno giù a Salvini. «Quella di Conte - attacca - è una scelta che non ha senso. Cedere alle pressioni e alle minacce dell'Europa e delle ong è un segnale di debolezza che gli italiani non meritano».

Luigi Di Maio si tiene fuori dallo scontro, salvo comparire alle 23 a Palazzo Chigi per un vertice chiarificatore. In Transatlantico, intanto, per tutta la giornata gli uomini vicini a Salvini ammettono: «Non sarà la fine del mondo, ma di sicuro qualcuno qui ci rimette la faccia e dovrà fare un passo indietro». Il sottosegretario Giancarlo Giorgetti getta acqua sul fuoco a metà giornata: «Non penso il governo sia a rischio, ma non credo che la vicenda si possa considerare risolta». Il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano (M5S) alza la tensione: «Su questa vicenda è competente il governo e non un singolo ministro».

Anche se e risolta la situazione dei 10 immigrati dentro al Governo pero qualcosa e successo, chi non ha la memoria corta ricoderà il braccio di ferro che portò alla nomina dell'attuale premier. Indicato in un primo momento, messo da parte poi e infine riesumato in extremis dopo il fallimento di Carlo Cottarelli. Conte nelle intenzioni della Lega e (forse) del M5S sarebbe dovuto essere una figura terza, magari imparziale. A comandare, come è stato per larga parte del mandato di governo, sarebbero stati in sostanza Salvini e Di Maio. Unici soci di maggioranza dell'esecutivo gialloverde.

Non solo. Perché dopo la trattativa sulla manovra, la Lega ha iniziato a fiutare la "sintonia" tra Conte e i commissari Ue, non proprio gli alleati di Salvini (ricordate i continui botta e risposta con Bruxelles?). Ai più intimi, riporta la Stampa, Salvini avrebbe definito i vari Moscovici e Juncker come "i suoi nuovi amici burocrati" (di Conte). E intanto nelle chat leghiste c'è chi protesta: "Così cade il governo, perché non si può andare avanti".

Pero lo sanno tutti che se si votasse oggi, secondo l'ultima rilevazione fatta da EMG Acqua e presentata oggi ad Agorà su Raitre, la Lega sarebbe il primo partito, seguito dal Movimento 5 Stelle. Un risultato analogo ai report degli ultimi tempi. Con un particolare molto interessante: mentre il Carroccio resta sostanzialmente invariato, i grillini guidati da Luigi Di Maio subiscono un nuovo, pesantissimo tracollo. Ormai per i Cinque Stelle la china è rivolta verso il basso e sembra non fermarsi più.

Il 31% degli intervistati da EMG Acqua ha risposto che se si votasse oggi voterebbe per il partito guidato da Salvini (in calo dello 0,45 rispetto alla rilevazione del 20 dicembre), il 26,1% ha risposto che voterebbe per i Cinque Stelle, percentuale in calo dell'1,8%. In totale le intenzioni di voto dei partiti di governo raggiungono il 57,1% (in calo del 2,2%). In leggero calo anche le opposizioni di centrodestra: Forza Italia si attesta infatti 8,3% (-0,2% rispetto a una settimana fa), mentre Fratelli d'Italia si conferma al 4,1% e Noi con l'Italia scende allo 0,8% (-0,1%).

Più in generale, secondo il sondaggio presentatoda Serena Bortone su Raitre, il 43% degli elettori dà un giudizio positivo sull'esecutivo gialloverde. Il giudizio è, invece, negativo per il 32% dell'elettorato. Percentuale sostanzialmente invariata rispetto alla rilevazione del 20 dicembre. In particolare il giudizio positivo sale all'87% fra gli elettori del Movimento 5 Stelle e all'82% fra quelli della Lega. Perdita di appeal invece fra gli elettori di Forza Italia: solo il 38% esprime un giudizio positivo, il 49% un giudizio negativo. Gli elettori del Pd all'11% si esprimono positivamente su questo governo, mentre l'81% esprime un giudizio negativo.

E Salvini ha creato un altro successo : L'asse Varsavia-Roma è un grande sviluppo", cui "sono legate grandi speranze". Si è espresso così il primo ministro ungherese in conferenza stampa . A riportarlo su Twitter, il portavoce del leader ungherese, Zoltan Kovacs: "Vorrei che in Europa ci fosse una forza politica che stia alla destra del Ppe, un asse Roma-Varsavia, capace di governare, capace di assumersi la responsabilità e di opporsi all'immigrazione", ha aggiunto il premier dell'Ungheria.

Un annuncio di fondamentale importanza che getta le basi per quello che potrebbe essere il futuro della destra europea in vista delle elezioni di maggio. L'asse fra Lega e Gruppo Visegrad poggia infatti anche sullo spostamento del baricentro del Partito popolare europeo a destra.

Orban, con il suo Fidesz, è molto legato a Salvini. Ma il premier ungherese è anche interno al Ppe e non è intenzionato ad uscirne. Il Ppe non sembra avere rivali per la coqnuista della maggioranza alle prossime elezione. E il piano è cercare di compattare il fronte a destra dei popolari, in modo da pensare a una futura Unione europea a trazione sovranista ma con un'ottica sempre legata al centrodestra.

L'asse fra Salvini e Orban, dunque, si conferma ancora valido. Ma questa alleanze non piace al Movimento 5 Stelle. Ieri, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano ha detto ai microfoni di Otto e mezzo su La7: "In Europa stiamo cercando di creare una famiglia europea alternativa a quelle attuali. Ovviamente sui temi, e chi sposa le nostre idee è benvenuto nella famiglia. Anche alle Europee proporremo un contratto di governo, ma se il modello di Salvini è quello di Orban, è evidente che non può essere il nostro".

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI