Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 19 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:269 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:843 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:1074 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:1061 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:1079 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1355 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1480 Crotone

Grande serata di musica lunedì 20 agosto al Museo di Pitagora. Le musiche di Beethoven e di Lodi Luka hanno portato gli spettatori in un’apoteosi di armonia e affinità elettive. Le musiche, dirette dal maestro Lodi Luka (direttore artistico della rassegna Incontri Musicali Mediterranei), dal maestro pianista Alessandro Marano e dal maestro sassofonista Giovanni De Luca, sono state eseguite magistralmente dall’orchestra degli Incontri Musicali Mediterranei, composta da Alessandro Acri e Simona Castiglione (violini primi), Maria Cristina Marino e Ivana Comito (violini secondi), Alessio Vilardi (viola), Pierpaolo Greco e Alessandra Ciniglia (violoncelli), Andrea Brissa (contrabbasso). Un pubblico estasiato per la qualità dell’offerta musicale proposta e che ormai travalica i confini della città. La quinta stagione concertistica degli Incontri Musicali Mediterranei, rappresenta ormai un grande elemento attrattivo non soltanto per i cultori della musica classica, ma anche per un turismo culturale di alto profilo. Per l’occasione infatti, il museo è stato affollato da turisti provenienti da alberghi non solo dalla costa jonica, ma da tutta la Calabria. È stata inoltre l’occasione per promuovere il nuovo progetto di crowdfunding per l’acquisto del nuovo pianoforte. Ancora una volta il pubblico ha risposto in maniera positiva, donando generosamente. Il prossimo appuntamento è per il 16 settembre alle ore 20.30, con l’orchestra musicale degli Incontri Musicali Mediterranei che eseguirà musiche di Haydn e Mozart, diretti dal maestro Grigor Palikarov, direttore dell’opera di Sofia (Bulgaria) e dal maestro pianista Alessandro Marano. Si ringrazia l’amico e sodale Roberto Carta, per l’eccelso servizio fotografico.

 

Forever young

I want to be forever young

Do you really want to live forever?

Forever young

Così recita il ritornello di una canzone degli Alphaville ed Enzo Foglia e gli atleti del nuoto crotonese sembra che abbiano proprio trovato la strada per rimanere sempre giovani e vivere sul serio e non vivacchiare.

Dal 10 al 15 luglio scorso si sono svolti i campionati italiani master di nuoto, per la prima volta presso la piscina comunale di Palermo. Uno scenario straordinario: 5mila atleti in rappresentanza di 400 società sportive. I due record ‒ mondiale nei 50 rana M55 ed europeo nei 100 dorso M55 ‒ attestano il livello elevato della competizione e l’assoluto valore degli atleti partecipanti.

È incredibile constatare come la passione per il nuoto non si spenga mai e anzi il tempo aiuta gli atleti a viverla con maggiore consapevolezza e gioia. Come mai il nuoto si differenzia in questo dagli altri sport dove invece gli atleti hanno una vita sportiva più breve? Sicuramente l’acqua non solo non logora il fisico ma è assolutamente consigliata per curare traumi e malattie di tipo ortopedico e neurologico, come viene fatto egregiamente anche nella struttura della piscina olimpionica di Crotone. Però, forse, la risposta la possiamo trovare anche nel discorso che Papa Francesco ha rivolto lo scorso 28 giugno ai rappresentanti della Federazione Italiana Nuoto: «[Voi] Mostrate a quali mete si può arrivare attraverso la fatica dell’allenamento, che comporta un grande impegno e anche delle rinunce», ha affermato il Santo Padre. «Il nuoto, come ogni attività sportiva, se praticato con lealtà, ‒ ha ricordato Papa Francesco ‒ diventa occasione di formazione ai valori umani e sociali, per irrobustire insieme col corpo anche il carattere e la volontà, e per imparare a conoscersi e ad accettarsi tra compagni».

Crotone purtroppo è una città con notevoli criticità ma lo sport ci incoraggia comunque a sperare; non solo il calcio ma ora, con certezza, possiamo dire che anche il nuoto è tornato ai fasti di un tempo e la promozione in A2 della Rari Nantes pallanuoto è lì a testimoniarlo.

I master ormai da anni stanno continuando a dimostrare il loro valore in ambito nazionale. Enzo Foglia è la punta di diamante di una nutrita squadra di nuotatori crotonesi che ci stanno regalando grandi soddisfazioni negli ultimi anni. Abbiamo già avuto il piacere di raccontare la storia del professore Foglia tra le pagine di questo giornale; la sua vita sembra girare al contrario: anziché invecchiare ringiovanisce. Ogni anno che passa, risultati sempre più strabilianti. Quest’anno a Palermo 3 medaglie d’oro e due record italiani: 200 rana (3.18.01), 50 rana (37.23, primato italiano) e 100 rana (1.26.37) dove ha battuto un record italiano che durava da 11 anni. Risultati eccezionali anche per Rino Sinopoli, tre ori (50 delfino, 200 stile libero e 100 delfino) e Franco Garofalo, due bronzi (200 rana e 200 delfino). Incredibile come con il passare degli anni Enzo Foglia nuoti sempre meglio. I miglioramenti sono dovuti a una sana alimentazione, a un turno di allenamento in più rispetto agli anni precedenti (4 anziché 3) e alla importante supervisione tecnica di Roberto Fantasia che ha seguito con grande professionalità anche i master oltre ai ragazzi. E così, grazie anche ad alcuni accorgimenti di natura tecnica centrati sull’ingresso della mani in acqua e sulla bracciata, Enzo Foglia, per la prima volta sponsorizzato da Villa del Rosario srl di Cotronei, si è laureato ancora una volta pluricampione d’Italia. È questo il messaggio che lancia il nostro atleta: non si finisce mai di imparare e a qualsiasi età si può sempre migliorare.

Gli altri master partecipanti oltre a Foglia, Sinopoli e Garofalo sono: Felice Amidei, Gianluca Alessi, Antonio Rodio e Piero Alampi. Con il sostegno di qualche sponsor, magari riusciremo a vedere rappresentati i colori della nostra città anche in ambito europeo e mondiale. Sarebbe una bellissima soddisfazione non solo per i nostri atleti ma anche per tutti noi. Ad majora semper "ragazzi"!

 

 

 

Si è conclusa a Maratea “Perla Lucana del Tirreno, la decima edizione delle “Giornate del Cinema Lucano – Premio Internazionale Basilicata”. Una kermesse cinematografica diretta dal Patron Nicola Timpone che quest’anno ha raggiunto l’apice per la partecipazione di pubblico e per la caratura degli ospiti presenti. Attori, registi e addetti ai lavori sono stati premiati con opere del maestro orafo Michele Affidato che ha avuto il compito di realizzare una scultura raffigurante il Cristo di Maratea con alla base una pellicola cinematografica che lega appunto il mondo del cinema al simbolo della cittadina lucana. Il momento di maggiore emozione nel corso della manifestazione si è avuto nella serata finale, con la premiazione di Sophia Loren, icona del cinema mondiale e simbolo dell’Italia del riscatto nel Dopoguerra. L’attrice, divenuta leggenda in tutto il mondo con capolavori come “La Ciociara”, oltre ad essere l’unica italiana ad aver vinto ben due premi Oscar, ha ricevuto il prestigioso premio alla carriera realizzato da Affidato. Sul palco del teatro del mare dell’Hotel Santa Venere Sophia Loren, intervistata dal direttore del Tg1 Andrea Montanari, ha raccontato tutta la sua carriera, lanciando anche un messaggio per i giovani, invitandoli a lavorare tanto per realizzare i loro sogni. A Sophia Loren è stata conferita la cittadinanza onoraria della città di Maratea, direttamente dal sindaco Domenico Cipolla, per essere stata l’”incarnazione del riscatto dell’Italia” dopo la Seconda Guerra Mondiale, rappresentando un Paese “laborioso, affascinante e Bello”. L’attrice ricevendo il premio ha confidato ad Affidato di essere rimasta particolarmente colpita, un “Cristo” che l’ha sempre affascinata e che ha sempre osservato con gioia e devozione. A Sophia Loren è stato consegnato una creazione del maestro, il Teorema 2.0. “ La bellezza e l’eleganza riescono a creare un Teorema perfetto – commenta Affidato – Per questo un’opera nata nella terra di Pitagora non poteva che avere una musa come Sophia Loren”. Un’altra statuetta è stata consegnata a John Landis, artista che ha contribuito a scrivere la storia del cinema mondiale, leggendario attore e regista di veri e propri cult come “Una poltrona per due”, “The Blues Brothers” e del videoclip di “Thriller”. Tra i tanti ospiti presenti durante la serata anche Fabio Rovazzi e Achille Lauro. “Incontrare e realizzare un premio per colei che rappresenta la Storia del cinema italiano e internazionale, ovvero Sophia Loren, è qualcosa difficile da descrivere – aggiunge Michele Affidato -  è stato un grande piacere ascoltare le sue parole sul premio e sapere che la mia opera verrà posta insieme a due Oscar”.  “Infatti nel ricevere il premio - l’attrice ha detto  - questo premio lo metterò in mezzo a i miei due oscar nella biblioteca dove passo tutte le mattine, lo guarderò e gli manderò un grosso bacio”. Ma l’estate del Maestro non finisce qui. Sono giorni di attesa anche in Calabria, dove è già entrato nel vivo il “Magna Graecia Film Festival” per il quale Affidato realizzerà  le ormai famosissime “Colonne d’Oro” che saranno assegnate anche quest’anno a personaggi del cinema italiano ed internazionale. Tra i premiati di quest’anno anche uno dei registi più famosi al mondo: Oliver Stone.

 

 

 

 

 

 

 

 

“Francesco Samengo nuovo Presidente Nazionale dell’Unicef: una notizia meravigliosa che mi riempie di gioia. È stato proprio lui a volermi in questa grande famiglia di cui oggi mi fregio di essere Ambasciatore”. Sono le parole con le quali il maestro orafo Michele Affidato accoglie la nomina a Presidente di Francesco Samengo, eletto nella giornata di ieri dal Consiglio Direttivo che si è tenuto a Roma. “Un Presidente calabrese doc - aggiunge l’Ambasciatore Affidato -  sensibile alle tematiche che riguardano i bambini e con il quale sono sicuro realizzeremo ancora tante splendide iniziative. Una nomina più che meritata per tutto il lavoro fatto fino ad ora da Samengo per la nostra grande famiglia”. Affidato, inoltre, tiene a fare un  ringraziamento particolare al Presidente uscente Giacomo Guerrera:  “E’ stato un privilegio lavorare con lui, persona attenta e sempre disponibile”. Affidato è in piena linea con il modo di pensare di Francesco “Ciccio” Samengo, espressione della Calabria positiva, che nel giorno della sua elezione ha ricordato: “Lavoreremo anche per aiutare i 200 milioni di bambini colpiti nel 2017 da malnutrizione cronica e acuta. Il mio impegno, inoltre, sarà rivolto ad assicurare i diritti di tutti i bambini che vivono in Italia, molti dei quali ho incontrato in decenni di appassionato impegno come volontario”. “Al nuovo Presidente - conclude Affidato - va il mio più sentito augurio di buon lavoro e... ad maiora”.

 

Un incantevole scenario, forse tra i più caratteristici di tutta la costa ionica calabrese, ha fatto da proscenio ad una serata di moda e arte ma soprattutto di beneficenza e di sensibilizzazione su uno dei problemi più diffusi nel terzo mondo che continua a rappresentare una minaccia endemica da debellare.

Il giorno 22 luglio nell’anfiteatro della Scogliera di Pietragrande, a Stalettì di Catanzaro, si è tenuto il Galà della Moda, organizzato in sinergia dai Rotary Club Catanzaro, Catanzaro Tre Colli, Crotone e Soverato, per raccogliere fondi da destinare al progetto PolioPlus, che il Rotary International ha lanciato sin dalla fine degli Anni Settanta per debellare la poliomielite nei paesi del Terzo Mondo. Una minaccia che, sebbene negli ultimi anni abbia subito un calo sino ad essere considerata scomparsa, ha ripresentato di recente alcune sacche di criticità da affrontare alla radice.

Un’iniziativa, dunque, di alto valore morale che ha consentito ai club organizzatori una raccolta fondi, pari a circa 6 mila euro, cifra che consentirà di vaccinare più di diecimila bambini.

A dare il via alla serata – dopo i consueti inni dell’Unione Europea, dell’Italia e del Rotary International – i presidenti dei club: Avv. Maria Francesca Cosco (Catanzaro), Dr.ssa Rossella Felicetti (Catanzaro Tre Colli), Prof. Carlo Torti (Crotone), Avv. Francesca Catuogno (Soverato) che hanno evidenziato l’importanza del progetto Rotary PolioPlus.

Dopo i saluti di rito, la Dr.ssa Donatella Soluri, tra le più brillanti ed emergenti figure del giornalismo calabrese, ha presentato alla numerosa platea i vari momenti del galà organizzato con il coordinamento della Dr.ssa Patrizia Malena del Rotary Club Crotone.

La Dr.ssa Soluri ha introdotto Teresa Cardace, cantante lirica crotonese, che annovera prestigiose performances in Italia e all’estero, la cui voce straordinaria ha accompagnato l’incantevole serata. Protagonisti dell’elegantissima sfilata: i meravigliosi abiti di Vitale Boutique e i raffinati gioielli Baloo che hanno ottenuto un plauso generale. Vitale e Baloo; un connubio vincente: classe, charme ed originalità nella più preziosa tradizione dello stile Made in Italy.

Dopo questo grande successo, l’impegno dei quattro Rotary Club non si fermerà. I Presidenti, in chiusura, hanno infatti affermato che continueranno insieme a sensibilizzare e coinvolgere cittadini, imprenditori ed istituzioni nella lotta per l’eradicazione della poliomielite.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI