Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Maggio 2019

Fondazione D'Ettoris: in …

Mag 23, 2019 Hits:169 Crotone

il nuovo romanzo di Mario…

Mag 23, 2019 Hits:184 Crotone

Alleanza Cattolica: …

Mag 23, 2019 Hits:170 Crotone

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:245 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:535 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:539 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:717 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:671 Crotone

Nell’ambito degli eventi culturali promossi in occasione de il Maggio dei libri, La Fondazione D’Ettoris, organizza la Mostra di Arte Pittorica e di Scritti Storico Letterari 2019 delle scuole I. C. V. Alfieri, I. C. M. G. Cutuli, I. C. Don Milani, I. C. Giovanni XXIII, I. C. A. Rosmini, e del Liceo G. V. Gravina partecipanti alle attività del Bibliocinescuola.

I ragazzi, dopo i percorsi di lettura ad alta voce e le proiezioni di pellicole significative, sono stati invitati a lavorare su specifiche tematiche quali il bullismo, l’alterità, la guerra, la bioetica con l’obiettivo di riflettere e farsi protagonisti di un cambiamento nella società, affermandone i valori indispensabili.

Esplorando vari generi letterari, tra cui il romanzo giallo con i capolavori di Agatha Christie, hanno prodotto un totale di 48 scritti, mentre fra lavori artistici e disegni si sono raggiunti i 217 elaborati.

L’inaugurazione avrà luogo sabato 25 maggio p.v., alle ore 18,30 nei locali della biblioteca Frassati.  Verranno esposte le migliori opere realizzate dagli studenti nel corso dell’anno scolastico 2018/2019 e gli scritti vincitori del Premio.

Una giuria tecnica formata da pittori e professori tra cui Francesco Giordano, Renato Lizio, Mario Decima, ha valutato le opere in mostra aiutando la Fondazione a comprendere l’autenticità dei lavori e il loro valore.

La serata verrà arricchita, inoltre, dalla presenza dell’attore Francesco Pupa che in un’atmosfera suggestiva leggerà alcuni testi scritti dai ragazzi, accompagnato dal chitarrista Alessandro Manica.

La mostra resterà aperta fino a venerdì 31 maggio.

 

Lunedì 27 maggio, alle ore 18,30, presso i locali della biblioteca “Pier Giorgio Frassati” della Fondazione D’Ettoris, in via Ducarne, 43 a Crotone, sarà presentato il nuovo libro di Mario Decima "Quando il mito è donna” pubblicato da D’Ettoris Editori. Dopo i saluti dell’assessore ai Beni Culturali del Comune di Crotone, Valentina Galdieri, introduce Eleonora Costa, collaboratrice D’Ettoris Editori. Interviene lo scrittore crotonese, Elio Cortese. Saranno presenti l’autore e l’editore.

Cinque racconti, cinque donne affascinanti che con la loro personalità e la loro audacia travolgono il lettore e lo conducono in un viaggio, tutto al femminile, tra mito e realtà. Leggende e fatti realmente accaduti diventano per l’autore incipit ideale per tessere con maestria storie dal sapore antico in cui, sullo sfondo di una Calabria dalla bellezza senza tempo, la donna è protagonista indiscussa. Un testo prezioso che conquisterà con le sue suggestive descrizioni e i colpi di scena anche i lettori più esigenti.

Mario Decima (Crotone 1951), architetto e professore di Costruzioni fino al 2010, ha esordito come scrittore nel 2011 con il racconto I due diavoletti, premiato al Concorso Letterario “Parole Colorate 2012”, Polla città del libro (SA). Seguono Il trionfo dei due diavoletti (2013), Mi chiamerò Francesco (2015) e Il fascino dei miti (2017). Due racconti brevi dal titolo Il fanciullo e il mare e Venivano dall’Africa hanno partecipato rispettivamente alla I Edizione del Premio Letterario di Narrativa e poesia “Il mare sopra, sotto, comunque”, Città di Lodi (2012), e alla III Edizione del Premio letterario “Un mare da leggere”, Gioia Tauro (2014) e sono stati inseriti in due antologie.

Domani, venerdì 24 maggio, alle ore 18,30, presso il Salone dell'Arcivescovado di Crotone, organizzato da Alleanza Cattolica e D’Ettoris Editori, si terrà l’incontro dal titolo “Quale futuro per l’Italia”. Per l’occasione sarà presentato il libro di Paolo Martinucci "Per Dio e per la Patria. Profili di contro-rivoluzionari fra Settecento e Ottocento" pubblicato da D’Ettoris Editori. Dopo i saluti di Antonio D’Ettoris, direttore editoriale della D’Ettoris Editori, presenta Ernesto Nudo, responsabile provinciale di Alleanza Cattolica, interviene Marco Invernizzi, reggente nazionale di Alleanza Cattolica.

Due icone simbolo di popoli lontani, ma che saranno per sempre uniti nella fede. La Madonna di Capocolonna è quella di Czestochowa, dopo la cerimonia ufficiale, viaggeranno accanto, nella storia. Le effigi delle “Madonne nere”, adesso sono posizionate a distanza di qualche metro nella Basilica Cattedrale di Crotone. A benedire l’icona della Vergine polacca, tanto cara a Giovanni Paolo II, è stato nei giorni scorsi il Cardinale Menichelli, mentre la suggestiva cerimonia per la posa è stata presieduta dall’Arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria-Bova, S.E. Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, accolto da tutto il Clero crotonese. Dopo la Santa messa, l’icona della Vergine di Czestochowa è stata posizionata nella navata destra della Basilica Cattedrale, adiacente alla Cappella della Madonna di Capocolonna. Un evento che rafforza il gemellaggio tra i Santuari di Capocolonna e quello polacco, nato in occasione della realizzazione dei nuovi diademi per la Vergine polacca creati dal maestro orafo Michele Affidato su incarico dei Padri Paolini di Jasna Gora. La consegna della preziosa Icona è avvenuta un anno fa per mano dell’Arcivescovo Metropolita di Czestochowa Mons. Depo Waclaw nel Santuario di Jasna Gòra all’orafo Michele Affidato. Una copia fedele dell’icona della Madonna Polacca donata  alla Chiesa Crotonese “come segno di amicizia tra i Popoli” e gratitudine per il gemellaggio e per quanto realizzato da Affidato per la Madonna di Czestochowa.

I Padri Paolini erano presenti anche ieri alla cerimonia, per vivere insieme alla Chiesa crotonese un momento di unione e condivisione, vedere le due icone così vicine è stata un’emozione straordinaria per tutti, un momento che segna per sempre il percorso di entrambe le comunità. Insieme al Vescovo Morosini la cerimonia è stata concelebrata anche da Padre Abraham Kavalakatt “Ufficiale del Dicastero della comunicazione per la Santa Sede”, invitato da Michele Affidato che presenterà anche a Crotone il libro "Vie Meravigliose di Dio", considerato un vero e proprio best seller della letteratura cattolica degli ultimi anni. Con la cerimonia di ieri il gemellaggio tra i Santuari di Capocolonna e quello polacco è ancora più saldo e tra un anno circa vivrà un altro momento molto importante. Sarà la Chiesa crotonese, infatti, a donare a quella di Jasna Gòra un’icona della Madonna di Capocolonna, che verrà posizionata in uno dei Santuari più visitati al mondo. Erano presenti alla cerimonia numerose autorità civili, militari ed ecclesiastiche.

 

Nella Basilica Cattedrale di Crotone, alla presenza di S. Ecc.za Mons. Domenico Graziani Vescovo di Crotone, del Clero della Diocesi e tutte le massime autorità, il Cardinale Edoardo Menichelli  ha presieduto la Santa Messa Pontificale durante la quale è stata benedetta  l’Effige della Madonna di Częstochowa, donata l’anno scorso alla Chiesa crotonese dai Padri Paolini di Jasna Gora a sugello del gemellaggio tra il Santuario della Madonna di Capocolonna e quella polacca. La consegna della preziosa Icona è avvenuta un anno fa per mano dell’Arcivescovo Metropolita di Czestochowa Mons. Depo Waclaw nel Santuario di Jasna Gòra al maestro orafo Michele Affidato. Una copia fedele dell’icona della Madonna Polacca donata  alla Chiesa Crotonese “come segno di amicizia tra i Popoli” e gratitudine per il gemellaggio e per quanto realizzato da Affidato per la Madonna di Czestochowa. L’Effige della Vergine tanto cara a Giovanni Paolo II, per la quale il maestro ha anche realizzato una particolare lavorazione intorno alla cornice fedele a quella originaria di Czestochova, il prossimo venerdì 17 Maggio, subito dopo la Santa Messa delle ore 18.30, officiata dall’Arcivescovo di Reggio Calabria S.E. Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, verrà posizionata nella navata destra della Basilica Cattedrale adiacente alla Cappella della Madonna di Capocolonna. Sarà il simbolo di ponte per due popoli lontani ma uniti nella fede e che potrà aprire le porte del turismo religioso. Inoltre, in occasione del 500esimo anniversario del ritrovamento della Tela della Madonna di Capocolonna, Michele Affidato ha ricevuto dal Capitolo Cattedrale di Crotone anche il compito di realizzare i vasi che conterranno gli Oli Sacri, che domenica 12 maggio, sono stati benedetti presso la Cattedrale di Crotone dal Cardinale Menichelli. I Vasi sono stati realizzati nel laboratorio del Maestro orafo interamente in argento e conterranno “Oleum Catechumenorum”, “Sacrum Chrisma” e “Oleum Infirmorum”, ovvero  crisma, l'olio dei catecumeni e l'olio degli infermi. Nei tre vasi che evidenziano una particolare lavorazione a rilievo, è stata inserita la raffigurazione della Madonna di Capocolonna e lo stemma della Basilica Cattedrale. Opere di arte sacra che faranno parte del patrimonio della Diocesi crotonese.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI