Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 23 Marzo 2017

Aeroporto, il meridionali…

Mar 18, 2017 Hits:192 Crotone

Isola Capo Rizzuto - Ritr…

Mar 11, 2017 Hits:387 Crotone

Cirò - "Riforma Lili…

Mar 08, 2017 Hits:459 Crotone

Riconsacrata da Monsignor…

Mar 06, 2017 Hits:444 Crotone

A Umbriatico svelati i mi…

Mar 02, 2017 Hits:581 Crotone

All’AKC il Trofeo del 1…

Mar 01, 2017 Hits:564 Crotone

L'orchestra O. Stillo suo…

Feb 28, 2017 Hits:617 Crotone

"La ridefinizione gi…

Feb 25, 2017 Hits:1059 Crotone

Nella grande famiglia della Asd LEONE Karate Foggia si fa festa per un’importante novità: domenica scorsa a Conversano, in occasione degli Esami Regionali di graduazione per cintura nera 1°, 2° e 3° Dan, due giovani atlete della società foggiana hanno conseguito il grado di cintura nera I Dan.

Caterina Greco (diciotto anni, atleta agonista che vanta la partecipazione a svariati Campionati Italiani) e Incoronata Cianci (soltanto sedicenne ma già promettente agonista) hanno superato brillantemente il difficile esame di fronte alla prestigiosa commissione federale composta da maestri  di altissimo livello, quali il Maestro benemerito cintura nera 8° Dan Vito Simmi, il Maestro benemerito cintura nera 7° Dan Carmelo Malleo e dal vice Presidente del Comitato Regionale FIJLKAM e Maestro cintura nera 5° Dan Sabino Silvestri.

Le atlete hanno eseguito alla perfezione varie tecniche di kihon (esercizi di base con tecniche di calci e pugni codificate), kata (tecniche codificate rappresentanti un combattimento immaginario contro più avversari) e kumite (combattimento libero attraverso la dimostrazione di tecniche di proiezione).

Grande soddisfazione espressa dal Maestro Cosimo Leone, al fianco delle karateche foggiane da circa dieci anni, per l’impegnativo percorso che ha condotto all’agognato traguardo.

Nella sala giunta di Palazzo di Città a Foggia, è stata presentata ufficialmente l’edizione foggiana della FAI Marathon 2016, l’annuale appuntamento, giunto alla quinta edizione, attraverso il quale il Fondo Ambiente Italiano offre una originale chiave di lettura delle nostre città nuove prospettive e ricchezze spesso nascoste dei centri urbani di tutto lo Stivale.

 

 

Si tratta dell’evento di punta della campagna mensile di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”: iscrivendosi al FAI o offrendo contributi volontari ai punti di raccolta e nelle delegazioni, si contribuisce all’impegno che da oltre 40 anni la fondazione nazionale profonde nella salvaguardia e nella valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici del nostro Paese.

Domenica 16 ottobre 2016, più di 3.500 volontari del FAI, in 150 città di tutto il Paese, accompagneranno i visitatori alla scoperta di oltre 600 luoghi di interesse storico ed artistico, attraverso itinerari tematici ed eventi speciali. Nessun traguardo da raggiungere, nessun punto di partenza da cui iniziare e neppure una corsa, ma una passeggiata che ci si può costruire a piacimento, tappa dopo tappa. Sul sito del FAI (http://faimarathon.it/luoghi#/) sono segnalati siti e orari di apertura dei luoghi visitabili in tutta Italia.

La Delegazione del FAI di Foggia, dopo alcune ha riportato quest’anno nel capoluogo l’importante appuntamento che, negli ultimi anni, aveva toccato altri luoghi della Capitanata.

L’evento gode del patrocinio del Comune di Foggia  e dell’Ufficio Scolastico Provinciale, oltre alla collaborazione di Cicloamici Foggia FIAB e dell’associazione di volontariato di protezione civile “I Falchi” di Foggia.

Ad illustrare percorso e particolari della FAI Marathon di Foggia sono stati l’Assessore comunale alla Cultura Anna Paola Giuliani, il Capo Delegazione FAI Foggia Nico Palatella, la Vice Presidente Regionale del FAI Marialuisa d’Ippolito, la prof. Lucia Onorati in rappresentanza del Provveditore agli Studi Antonio d’Itollo e il Mario Tosques dei Cicloamici di Foggia.

La partenza della manifestazione è  in programma il 16 ottobre, alle ore 9.30, su Corso Garibaldi,, all’altezza di Palazzo Trifiletti. Lungo il percorso (Corso Garibaldi, Piazza Piazza Siniscalco-Ceci, Via Le Maestre, Piazza De Sanctis -dove saranno presenti i gazebo del FAI, Via Arpi, Piazza Nigri, Piazza Purgatorio- dove si trova la sede del FAI Foggia) saranno presenti, a tappe, volontari del FAI che illustreranno i luoghi di interesse storico ed architettonico.                

 

 

Si suol dire che la propria libertà termina laddove inizia quella degli altri, ma questa massima di Martin Luther King pare ignota ad alcuni degli assidui frequentatori di piazza del Popolo, visto che il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, è stato costretto a vietare, con apposita ordinanza, di giocare a pallone in piazza del Popolo.

Sono davvero numerose le rimostranze pervenute per la situazione creatasi nella piazza antistante la sede comunale. “Abbiamo voluto intervenire a tutela di tutti i frequentatori della piazza, dopo una serie di incidenti, per fortuna di poco conto, che hanno visto vittime soprattutto anziani, ma anche qualche minore”, spiega Riccardi. Nel tardo pomeriggio, infatti, e fino alla prima serata, piazza del Popolo diventa un’area dove parecchi genitori conducono i propri bambini, con pallone sotto il braccio, per lasciarli scorrazzare in totale, a volte anche troppa, libertà. La nuova piazza si presta, visti gli spazi aperti e la pressoché totale assenza di ostacoli, ai giochi dei bambini, ma questi sono diventati molesti per tutte le altre persone che vorrebbero godere della piazza come luogo di aggregazione, di incontro e di confronto. Confronto che non sia calcistico, però!

Tra occhiali rotti o ‘soltanto’ saltati via e caduti a terra, pallonate contro citofoni, porte e portoni, danneggiamenti vari sulla parete di Palazzo San Domenico ed alle varie attività commerciali presenti in zona, non c’è stato verso per gli operatori di Polizia Locale, intervenuti più volte, di venire a capo di un andazzo ormai troppo diffuso. A mali estremi, quindi, estremi rimedi.

“Mio malgrado – ammette il sindaco – ho dovuto predisporre questa ordinanza e voglio che sia chiaro quanto mi rincresce immaginare che in piazza del Popolo non ci saranno più bimbi che corrono, inseguendo un pallone. Non mi dispiace affatto, invece, per quei genitori a cui manca il senso di responsabilità nei confronti dei propri figli: sono loro la causa del divieto di giocare a pallone in piazza del Popolo. La responsabilità genitoriale imporrebbe a costoro di tenere d’occhio i propri figli, di redarguirli se arrecassero nocumento a terzi, invece sono tanti a starsene comodamente seduti a chiacchierare mentre i loro bambini prendono a pallonate persone e edifici vari. Una situazione che non si può tollerare oltre”.

Le condotte a cui si riferisce il sindaco vanno a costituire “pregiudizio per i diritti fondamentali altrui, condizionando in modo negativo la fruizione di spazi pubblici o di uso pubblico”. E, qualora fossero ripetute anche dopo l’avvenuta pubblicazione dell’ordinanza sindacale che vieta il gioco del pallone in piazza del Popolo, si potrà incorrere in sanzioni che vanno da un minimo di 50 ad un massimo di 500 euro. Multe che pagherebbero i genitori e che, magari, potranno servire come deterrente, fintanto che avranno acquisito maggiore senso di responsabilità.

La Fondazione Banca del Monte di Foggia finanzierà il restauro del quadro raffigurante Santa Chiara, un importante dipinto ad olio del XVIII sec. attribuito alla scuola del Solimena, custodito presso la pinacoteca del Museo Civico del capoluogo.

L'intervento, deliberato nell'ultima seduta del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, sarà realizzato avvalendosi del pacchetto di norme noto come Art bonus, il decreto entrato in vigore nel luglio del 2014 contenente nuove misure in materia di tutela del patrimonio culturale, sviluppo della cultura e rilancio del turismo. Si tratta di un credito d'imposta per persone fisiche, enti senza scopo di lucro e titolari di reddito d'impresa che effettuano erogazioni in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo, il cui obiettivo è favorire un nuovo mecenatismo in favore del patrimonio artistico e culturale nazionale.

La tela di Santa Chiara (m 2,78 x m 1,55, per complessivi mq 4,30), il cui restauro è stato affidato a Loredana Mastromartino, è conservata nel Museo Civico fin dalla riapertura dopo la seconda guerra mondiale. In questa pregevole opera la Santa è rappresentata tra gli angeli con un ostensorio nella mano destra e, in primo piano, con un angelo di maggiori dimensioni inginocchiato in preghiera, mentre sullo sfondo si intravedono architetture classiche con panneggi. Attribuito ad un allievo dell'Abate Ciccio, soprannome di quel Francesco Solimena che fu artista di spicco e caposcuola del tardo barocco napoletano a cavallo tra il XVII ed il XVIII secolo, molto probabilmente realizzato per la Chiesa di Santa Chiara (oggi Auditorium), il dipinto attende da anni di essere recuperato, come è risultato evidente dall'indagine effettuata sull'opera che ha certificato l'assenza di tracce di importanti interventi precedenti. Il restauro della tela, infatti, interesserà il centinato, particolarmente lacerato, il telaio, che andrà sostituito e rifoderato, e si concluderà con una robusta quanto indispensabile operazione di stuccatura e pulizia.

Dopo i recenti restauri della cosiddetta "Croce di Carlo V" e del "Planisfero" di Giuseppe Rosati, la Fondazione Banca del Monte interviene ancora una volta in sostegno di un'importante istituzione cittadina, il Museo Civico di Foggia, per salvaguardare e valorizzare i simboli della cultura e dell'arte locali usufruendo, in questa occasione, dei benefici derivanti dall'Art Bonus, normativa moderna e innovativa rispetto alla tradizionale legislazione del settore anche nella previsione di un ruolo attivo e propositivo da parte degli enti beneficiari (MiBact, Regioni, Province, Comuni, teatri di tradizione, fondazioni lirico - sinfoniche, istituti e luoghi della cultura pubblici). Ad oggi, il Comune di Foggia è uno dei soli tre Comuni della Puglia ad aver avanzato la candidatura di uno o più progetti, insieme con Bari (7 proposte presentate) e la piccola Zollino (Le) (fonte: http://artbonus.gov.it).

Grazie a questa misura, la Fondazione Banca del Monte incrementa la qualità e la quantità dei propri interventi, riuscendo nel contempo ad accantonare ulteriori risorse a beneficio di tutto il territorio.

foggia-padule2

Una vittoria vitale, in Gara2, consente al Tonno Insuperabile Foggia di mantenere viva la speranza della salvezza, nel campionato di A Federale di Baseball. Ultima giornata della stagione regolare e Foggia partiva con una vittoria di vantaggio su Potenza Picena. I marchigiani, di sabato, si impongono di misura in entrambe le sfide ad Anzio e guadagnano il vantaggio di 1 partita. A Foggia spettava il tentativo di risposta nella giornata di domenica.

Fuori in Gara1 i tecnici Colmenarez e Casarella per squalifica.

Gara1 – Primo incrocio caratterizzato da 3 ore e 45 minuti di partita. Sul monte di lancio partente il giovane foggiano Alessio Carbone, con D'Amico ancora fermo per infortunio. Buona la prestazione di Carbone, con il punteggio al quarto inning (1-7) definito dai troppi errori difensivi. Al quinto gioco, nella fase d’attacco foggiana, arriva una reazione decisa, con una rimonta fino al 5-8. Sul monte va Araujo, non al top della forma per i problemi avuti la settimana precedente, e subisce i 6 punti che sanciscono un netto 5-14. Nelle ultime due riprese ha lanciato l’esperto Bove.

Nell'ultima ripresa Foggia segna un solo punto e, scampato il rischio della manifesta inferiorità, mette in campo tre giovani leve del settore giovanile, Bizzoco, Sammartino e Moffa.

Buona la prestazione offensiva di Chacon con tre valide. La gara termina 6-14 per Macerata.

GARA2 – La reazione d’orgoglio e di cuore arriva in Gara2, vinta 3-2. Sotto 0-2 nei primi tre giochi, alla settima ripresa Foggia segna un punto grazie a due valide di Araujo e Pompilio. All'ottavo inning arriva il pareggio con una lunga battuta di Iacovelli mentre alla nona ripresa scende dal monte il partente di Macerata, Carlos Rodriguez, perfetto fino a quel punto al pari del foggiano Mesa.

Il punto della vittoria è arrivato con una corsa di Pompilio, migliore in campo del secondo match, su battuta di Carbone.

 

Dopo la doppia sfida con Macerata, che chiude la stagione, ci saranno da recuperare due gare rinviate durante l’anno. Una riguarda Foggia e l’altra Potenza Picena. Per i foggiani l’unica speranza di restare in A Federale è quella di battere Jolly Roger in casa, domenica prossima alle ore 11 e sperare che i marchigiani non facciano lo stesso contro Viterbo, quasi in contemporanea (ore 11:30). Per differenza punti è favorita Potenza Picena su Foggia.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI