Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 01 Luglio 2022

Autodafè economico per l'Unione Europea

L'Unione Europea, rifiutando le risorse energetiche russe, sta commettendo un autodafè economico. È il pensiero del presidente russo Vladimir Putin, espresso durante un incontro sulla situazione nel settore petrolifero. "Oggi vediamo che per ragioni assolutamente politiche, a causa delle proprie ambizioni e sotto la pressione del signore americano, i Paesi europei stanno imponendo sempre più nuove sanzioni sui mercati del petrolio e del gas. Tutto questo porta all'inflazione, e invece di ammettere i loro errori, cercano i colpevoli dalla parte russa".

Secondo il capo del Cremlino, tra l'altro, "molti Paesi europei non potranno rinunciare per molto tempo alle materie prime russe" ma creano "danni alle loro popolazioni" ignorando le leggi economiche. "I colleghi europei hanno già adottato sanzioni o annunciato che vogliono rinunciare al petrolio russo, il risultato è che i prezzi sui mercati stanno aumentando notevolmente, con i più alti costi energetici al mondo. La situazione non cambierà e anzi, secondo gli analisti, potrebbe aver un impatto senza ritorno sulla concorrenzialità dell'industria europea".

L'Unione Europea, rifiutando le risorse energetiche russe, sta commettendo un autodafé economico: lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in un incontro sulla situazione nel settore petrolifero. "Oggi vediamo che per ragioni assolutamente politiche, a causa delle proprie ambizioni e sotto la pressione del signore americano, i Paesi europei stanno imponendo sempre più nuove sanzioni sui mercati del petrolio e del gas. Tutto questo porta all'inflazione, e invece di ammettere la loro errori, cercano i colpevoli dalla parte russa".

Secondo il capo del Cremlino, tra l'altro, "molti Paesi europei non potranno rinunciare per molto tempo alle materie prime russe" ma creano "danni alle loro popolazioni" ignorando le leggi economiche. "I colleghi europei hanno già adottato sanzioni o annunciato che vogliono rinunciare al petrolio russo, il risultato è che i prezzi sui mercati stanno aumentando notevolmente, con i più alti costi energetici al mondo. La situazione non cambierà e anzi, secondo gli analisti, potrebbe aver un impatto senza ritorno sulla concorrenzialità dell'industria europea".  

"Per quanto riguarda l'aggressione russa all'Ucraina, il presidente della Repubblica (francese) e il premier israeliano hanno deciso di continuare a coordinare i loro sforzi per giungere a un cessate il fuoco e a un negoziato nel rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina". Così si legge in una nota dell'Eliseo diffusa in seguito a una telefonata fra Emmanuel Macron e Naftali Bennett. I due leader, viene precisato, "agiranno di concerto nell'ambito delle iniziative destinate a garantire la sicurezza alimentare mondiale".

La guerra in Ucraina "è il secondo cigno nero che si presenta in un paio anni" per l'economia europea, ma "la nostra reazione all'invasione da parte della Russia è assolutamente necessaria e sta creando grandi difficoltà all'economia russa che quest'anno dovrebbe perdere il 10%, secondo le nostre stime". Lo ha dichiarato il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, nel suo intervento al Brussels Economic Forum.

Il presidente Usa, Joe Biden, riceverà giovedì prossimo alla Casa Bianca la premier svedese, Magdalena Andersson, e il presidente finlandese, Sauli Niinisto. I tre leader, si legge in una nota della presidenza americana, "discuteranno delle domande di adesione alla Nato di Svezia e Finlandia e della sicurezza europea, ma anche di come rafforzare le nostre strette partnership su diverse questioni mondiali e sul sostegno all'Ucraina".  

Mentre si intensificano i combattimenti nel Donbass, i soldati del reggimento Azov hanno stretto un accordo con le forze russe per l'evacuazione dei feriti, circa 300, dall'acciaieria Azovstal di Mariupol, nei cui sotterranei resistevano da settimane.

Il comandante della formazione nazionalista, Denis Prokopenko, ha auspicato il "sostegno del popolo ucraino", dando a intendere che l'iniziativa non sia stata concordata con le autorità centrali.

Secondo quanto annunciato con un videomessaggio dalla vice ministra ucraina della Difesa Ganna Malyar "il 16 maggio, 53 feriti gravi sono stati evacuati dall'Azovstal verso Novoazovsk per ricevere assistenza medica e 211 altri sono stati trasportati a Olenivka attraverso un corridoio umanitario". L'esponente del governo di Kiev ha aggiunto che successivamente ci sarà uno scambio.

Il presidente ucraino: "Le forze armate ucraine stanno fronteggiando i continui attacchi nelle aree in cui la Russia sta ancora cercando di avanzare. Severodonetsk e altre citta' del Donbass rimangono i principali obiettivi degli occupanti. Stiamo facendo di tutto per proteggere la nostra terra e la nostra gente"

 I nazionalisti che si sono rifugiati nel territorio delle acciaierie Azovstal e si sono arresi dovrebbero ricevere la pena dell'ergastolo: lo ha detto all'agenzia russa RIA Novosti il deputato della Duma, Sultan Khamzaev.
"Credo che dopo aver fornito loro le cure mediche necessarie, tutti i nazionalisti dovrebbero essere condannati alla pena piu' grave per i crimini che hanno commesso, ricevere l'ergastolo. I nazionalisti dovrebbero essere processati, e poi pentirsi delle loro azioni e chiedere perdono per molti anni". Secondo il parlamentare, nessuna azione "cancella i crimini commessi dai criminali del battaglione Azov".

"Non ci sono catene che possono legare il nostro spirito libero. Non c'è occupante che possa mettere radici nella nostra terra libera. Non c'è invasore che possa governare il nostro popolo libero". Lo ha dichiarato nel suo ultimo messaggio su Telegram il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. "Prima o poi vinceremo", ha concluso

Il deputato russo Leonid Slutski ritiene che i soldati del battaglione Azov, usciti dai sotterranei delle acciaierie, meritino la pena di morte e ha proposto di fare per loro un'eccezione alla moratoria sull'applicazione della pena capitale in Russia.
"Le bestie vanno processate, a maggior ragione se si provano i loro mostruosi crimini contro l'umanità. Ribadisco la mia proposta: occorre fare un'eccezione nella moratoria sull'applicazione della pena di morte in Russia", ha scritto sul suo account Telegram.

fonte agi

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI