Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 02 Marzo 2024

L'I.C. Papanice investe i…

Mar 01, 2024 Hits:123 Crotone

Presentato il Premio Nazi…

Feb 21, 2024 Hits:411 Crotone

Prosegue la formazione BL…

Feb 20, 2024 Hits:380 Crotone

Si firmerà a Crotone il M…

Feb 14, 2024 Hits:601 Crotone

Le opere del maestro Affi…

Feb 07, 2024 Hits:706 Crotone

Il patrimonio della …

Gen 24, 2024 Hits:1086 Crotone

Book Baby Boom: inizia un…

Gen 19, 2024 Hits:1177 Crotone

Alla Frassati inaugurata …

Nov 07, 2023 Hits:2507 Crotone

Nella chies adi san Giacomo uno speciale allestimento

Settimana Santa 2015 interno chiesa San Giacomo

Tra i riti che stanno caratterizzando la Settimana santa a Ragusa Ibla, particolare attenzione ha riscosso l’allestimento interno alla chiesa di San Giacomo apostolo, all’interno dei Giardini iblei. Oltre al Cristo morto e all’Addolorata, i cui simulacri sono stati sistemati a metà dell’unica navata, da stamani, sotto la finta cupola, all’interno del presbiterio, è illuminato con tutta una serie di lumini il simbolo dell’arciconfraternita. Simbolo che si rifà all’Ordine dei cavalieri di San Giacomo, ossia una croce sovrapposta a una spada e che affonda le radici nelle tradizioni dei secoli scorsi. Intorno all’anno Mille, infatti, i cavalieri assistevano i viandanti nel viaggio verso Santiago di Compostela, in Spagna, dove è situata la tomba del santo. I viandanti venivano non solo assistiti ma protetti anche dagli eventuali assalti dei briganti (da qui l’utilizzo della spada oltre che della croce nel simbolo). Il viandante che effettuava un pellegrinaggio aveva, tra l’altro, la possibilità di essere ospitato in uno degli hospitalia che i cavalieri avevano allestito in maniera capillare sul territorio, in corrispondenza di ciascuna delle chiese erette e dedicate al santo (di solito ogni 18 chilometri come testimonia l’esempio degli Iblei: Ragusa, Palazzolo, Ferla, Cassaro, Augusta, etc.). Oggi, alle 15, in concomitanza con la supplica della Divina misericordia, l’ora universale in cui Cristo rende l’anima al Padre, sarà accesa anche una corona, attorno al simbolo, contrassegnata da numerosi lumini bianchi. Ciascuno di questi lumini rappresenta una famiglia della confraternita che dal 1563 ad oggi ha animato la congregazione di fedeli. L’allestimento si presterà ad occasioni di preghiera, oltre che ad essere ammirato per la sua particolarità, anche nella giornata di domani, Sabato santo, dalle 10 del mattino e sino alle 15.

Settimana Santa 2015 interno chiesa San Giacomo il simbolo

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI