Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 26 Novembre 2020

Tassa rifiuti: Palermo tra le grandi Città metropolitane meno care per tariffe TARI

Palermo, con il - 5,83%, ha fatto registrare nel 2016 il quarto più alto decremento della TARI, tra le 44 città italiane con popolazione superiore a 100.000 abitanti, ed il dodicesimo assoluto tra le 105 città capoluogo di provincia. 

In Sicilia, il Comune di Palermo, dopo Caltanissetta, applica ai residenti le tariffe meno care per la TARI, la tassa sui rifiuti. A Palermo una famiglia media, di 3 persone per una casa di 100 metri quadrati, paga circa 307 euro l’anno di tassa rifiuti, a fronte di una media in Italia di 296 euro l’anno e di 381 euro in Sicilia.

E’ quanto emerge da una ricerca di Federconsumatori, che segnala come la TARI nel capoluogo siciliano sia in Italia tra le meno care fra le grandi Città metropolitane: meno di Napoli, Roma, Milano, Torino e Genova.

La classifica di Federconsumatori, inoltre riscontra, per il costo annuo della TARI per famiglia, che Palermo è l'unica città che ha un decremento costante della tassa negli ultimi tre anni e con il maggiore decremento nel passaggio dal 2015 al 2016. E ciò nonostante nel 2016, secondo la ricerca statistica, le famiglie che abitano nel sud Italia spendano mediamente il 37% in più rispetto a quelle che vivono al nord.

“I più recenti dati statistici, forniti da un soggetto esterno, confermano, come abbiamo sempre sostenuto - sottolinea il Sindaco, Leoluca Orlando - l’operato dell’Amministrazione comunale per la riduzione delle tasse a Palermo, resa possibile grazie a due assi di intervento: ridurre gli sprechi e razionalizzare i costi da un lato e fare in modo che diventi concreto lo slogan pagare tutti per pagare tutti di meno".

Per l’Assessore comunale al Bilancio, Luciano Abbonato, “si dimostra che non è vero che per avere la città più pulita occorre spendere di più, ma esattamente il contrario: si devono continuare a ridurre gli sprechi per rendere il servizio più efficiente ed incrementare la lotta all'evasione. La collaborazione fra gli uffici dell'Amministrazione comunale, e tra questa e le altre Amministrazioni, ha infatti permesso di individuare gli evasori, anche per rendere giustizia a quei cittadini che le tasse le hanno sempre pagate. Due leve che hanno consentito di ottenere una riduzione della TARI del 15% in due anni e portato il tributo a livelli così bassi rispetto alle altre città italiane”.

Nel 2016, l’Amministrazione comunale di Palermo, e per il terzo anno consecutivo, ha ridotto le tariffe TARI per i residenti e ciò è stato possibile grazie a due interventi:

1) la riduzione dei costi del servizio (128 milioni di euro nel 2013, 122 milioni nel 2014 e 118 milioni nel 2015) mediante interventi di razionalizzazione organizzativa, di riduzione dei costi di personale ed agevolazioni fiscali;

2) gli interventi di lotta all'evasione, attraverso l'accertamento di 700.000 mq. tassabili, tramite l'incrocio dei dati con il Catasto.

In sintesi, i costi decrescenti sono stati divisi fra un numero maggiore di metri quadri tassabili.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI