Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 23 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:506 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:571 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1087 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1778 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1091 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1253 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1292 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1497 Crotone

Ferla - Piccoli Comuni a rischio estinzione, la Regione si assuma le responsabilità

Il Consiglio Comunale di Ferla, su proposta del capogruppo di maggioranza Vincenzo Lo Monaco,  nella seduta del 14 Giugno 2013 ha approvato all’unanimità una Mozione a favore dei piccoli comuni siciliani contro i tagli previsti dalla Legge di Stabilità Regionale 2013, approvata dall’Assemblea Regionale Siciliana. La mozione fa rilevare come nell’ultimo quinquennio il Fondo delle Autonomie Locali sia stato quasi dimezzato. Si è passati dai 913 milioni del 2009 ai 506 milioni  del 2013. Una tale contrazione dei trasferimenti incide pesantemente sulla spesa corrente che assorbe la gran parte del bilancio dei Comuni. In particolare i piccoli comuni siciliani, fino al 2012 tutelati da una specifica disposizione di legge regionale, oggi rischiano, anche in considerazione della loro maggiore dipendenza  dai trasferimenti regionali, di essere quelli maggiormente penalizzati. In dettaglio, per quanto riguarda i 506 milioni previsti dal Fondo, che si riducono a 246 milioni al netto delle riserve e della quota per investimenti, si osserva che la legge di stabilità prevede una riserva di un quinto ovvero, di circa 49 milioni a fronte dei quasi 124 milioni erogati nel 2012 in favore dei Comuni collinari e montani sotto i 5 mila abitanti (ben 184 su 390 Comuni Siciliani). “Tale intollerabile riduzione determinerà - afferma il Sindaco Michelangelo Giansiracusa anche nella qualità di assessore al Bilancio - insieme ai tagli previsti dalla spending review del governo centrale, l’impossibilità per i Comuni di erogare servizi essenziali ai cittadini, oltre ad incidere pesantemente sul rapporto tra le Amministrazioni e le Comunità di riferimento e sul complessivo equilibrio finanziario e contabile degli enti”. “Ho già avuto diversi colloqui con l’Assessore Regionale agli enti locali Patrizia Valenti, che ha chiaro il quadro ma non è in grado di fornire una soluzione immediata, in quanto, questa criticità, dovrà essere affrontata nel corso di una Conferenza Regione - Autonomie Locali e dall’Assemblea Regionale attraverso degli emendamenti in aula. L’ANCI Sicilia, con la quale siamo in costante contatto, ha convocato un’ assemblea dei piccoli comuni siciliani per il prossimo 19 Giugno a Palermo avente ad oggetto gli effetti drammatici che tale mancato trasferimento produrrà sui piccoli comuni siciliani. Sono profondamente preoccupato - conclude Giansiracusa - perche senza degli importanti correttivi, saremo costretti a consegnare, non solo simbolicamente, le fasce al governatore Crocetta affinché si assuma la responsabilità di tale disastro a danno dei piccoli comuni”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI