Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:534 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:588 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1105 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1792 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1105 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1268 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1305 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1513 Crotone

Premiato Lorenzo Curcio

premio1

 

“Un gesto di stile e signorilità che nobilita chi lo ha compiuto, la squadra, la società e l’intero territorio provinciale. Un gesto che ci inorgoglisce tantissimo e che, ancora una vita, riguarda il mondo dello sport ed il calcio in particolare”. Così il presidente della Provincia di Crotone, Stano Zurlo, nella conferenza stampa convocata per la consegna di un riconoscimento a Lorenzo Curcio bomber dell’F.C.Santa Severina resosi, di recente, protagonista di un episodio di grande altruismo in campo. Il 26enne di Belvedere Spinello nel corso di un incontro di calcio ha preferito non andare in goal per facilitare il soccorso di Antonio Squillace, difensore del San Mauro Marchesato. La Provincia ha consegnato al calciatore, che tra il 2002 ed il 2006, ha militato con le giovanili di Crotone e Reggina, una targa “ come esempio di correttezza, di fair play e testimone dei sani valori dello sport”, ed un gagliardetto dell’Ente. Alla cerimonia hanno partecipato l’assessore allo Sport Giovanni Capocasale, il sindaco di Santa Severina Diodato Scalfaro, l’allenatore Danilo Parisi ed i dirigenti Alessio Coricello e Tonino Parisi. “E’ un premio simbolico che vuole essere di esempio per i tanti giovani calciatori che militano nelle numerose realtà del crotonese. Chi pratica lo sport -ha aggiunto il presidente Zurlo- è senz’altro un cittadino migliore”. Il presidente Zurlo, ricordando anche la forte valenza dal punto di vista sociale dello sport e complimentandosi con il calciatore, l’allenatore e la Società, ha informato i giornalisti presenti dell’avvio dei lavori di ristrutturazione del campo sportivo di Santa Severina. Un intervento che si realizza grazie ad una convenzione tra il Comune e la Provincia e con fondi del Credito sportivo. “Quella di Lorenzo Curcio -ha sostenuto l’assessore Giovanni Capocasale- è stata un’azione ricca di significato che si colloca in un momento particolare in cui spesso si attribuisce maggiore enfasi alle cose negative rispetto a quelle positive, che pur accadono. Lo sport -ha aggiunto l’assessore- è agonismo, sfida ma è anche crescita sociale per i nostri giovani. Lo sport è anche allenamento per la crescita della cultura del dare. Ecco perché l’Amministrazione, che è sempre attenta a quanto nel territorio accade, ha inteso consegnare un piccolo ma importante riconoscimento. Auguri e complimenti a Lorenzo Curcio ed a tutto il mondo dello sport provinciale”. “Sono doppiamente felice –ha dichiarato dal canto suo il sindaco di Santa Severina Diodato Scalfaro- in quanto Curcio milita nella squadra del mio comune e perché il suo gesto ha una valenza anche educativa per quanti praticano il calcio. Quello di Lorenzo -ha aggiunto- è un gesto di grande fair play che spero possa ripetersi anche nei campi delle squadre che militano in campionati superiori”. Il sindaco si è complimentato con il calciatore, con l’allenatore e con la società, che domenica in casa disputerà l’ultima di campionato e che comunque vede l’F.C. Santa Severina già promossa dalla terza alla seconda categoria. “Per questo -ha concluso Scalfaro- domenica ci sarà una grande festa”. Ricevendo la targa Lorenzo Curcio ha ringraziato il presidente Zurlo, l’assessore Capocasale ed il sindaco Scalfaro. “Questo riconoscimento -ha detto il bomber che nel campionato ha segnato ben 38 reti- mi riempie di orgoglio perché mi fa sentire la vicinanza delle Istituzioni e quindi dell’intero territorio provinciale. Io in quell’incontro con il San Mauro Marchesato ho preferito non segnare, anche se potevo farlo, ma favorire il soccorso del difensore della squadra avversaria. L’ho fatto con il cuore. Se mi capitasse nuovamente -ha concluso Curcio- lo rifarei tranquillamente”. C’è da dire che per il suo gesto, ripreso sia dai media nazionali che dai social network, Lorenzo Curcio è stato contattato da Empoli dagli organizzatori del premio “Emiliano del Rosso”, la cui finale è prevista per il 21 maggio prossimo nella città toscana nella suggestiva cornice del cenacolo degli Agostiniani.

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI