Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:544 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:592 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1111 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1797 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1109 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1272 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1309 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1518 Crotone

Draghi in procinto di pubblicare un rapporto sulla competitività economica

L'ex primo ministro italiano e precedente presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, è in procinto di pubblicare un rapporto sulla competitività economica. Normalmente, un documento tecnico di un burocrate italiano che suggerisce cambiamenti politici per la governance economica europea non attirerebbe molta attenzione al di là dell'Atlantico. Tuttavia, Mario Draghi non è un europeo qualunque, e questo non è un rapporto qualunque. Entro poche settimane, l'ex capo del governo italiano esporrà una visione su come l'Unione Europea possa incrementare la propria produttività e mantenere la competitività in un'economia globale che diventa "sempre più estrema". Secondo quanto riportato da Politico, presenterà un insieme completo di strumenti politici per stimolare l'innovazione. "Altre regioni non seguono più le regole e stanno attivamente elaborando politiche per potenziare la nostra posizione competitiva", ha affermato Draghi in un recente discorso rivolto ai cittadini europei, nella prefazione del suo rapporto.

L'Unione europea deve adottare una politica industriale autonoma, che potrebbe portare a un aumento delle sovvenzioni e delle tariffe, a una maggiore integrazione in alcuni settori per creare imprese più competitive a livello globale e a un migliore coordinamento delle politiche tra i paesi membri. Ciò significa una maggiore integrazione economica all'interno dell'UE e un po' meno al di fuori di essa. Washington deve tenere conto di questi elementi.

"Super Mario", accreditato per aver salvato l'euro come capo della Banca Centrale Europea e poi aver contribuito a rilanciare l'economia italiana come primo ministro ad interim sulla scia della pandemia, è una figura insolitamente rispettata in Europa e un raro leader che è riuscito in gran parte a superare la politica di fazione (non ha un orientamento di parte).
Politico ha chiesto al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti quanto dovrebbero essere interessate le persone negli Stati Uniti al rapporto di Draghi, che l'economista formatosi al MIT sta scrivendo su richiesta della Commissione europea, l'organo di governo più potente dell'UE.
"Quanto Washington dovrebbe prestare attenzione dipende interamente dalla misura in cui l'Europa presta attenzione a questo", ha risposto il funzionario.

"Penso che ci sia un motivo per cui qualcuno all'altezza di Mario Draghi ha accettato di scriverlo".
Il motivo è che tali riforme avranno bisogno di burocrati, attori politici ed economici che lavorino insieme per realizzarle.
Senza una spinta da parte di qualcuno come Draghi, qualsiasi riforma economica su larga scala potrebbe essere morta fin dall'inizio.
"Dovrà convincere i capi di Stato e di governo europei con la forza dell'argomentazione", ha detto Sander Tordoir, che è capo economista presso il Centre for European Reform e in precedenza ha lavorato alla BCE durante il periodo di Draghi come suo capo.
"Penso che questo sia stato essenzialmente il motivo per cui gli è stato chiesto".

La persona che ha familiarità con la stesura del suo rapporto ha detto che valuterà le debolezze della competitività dell'Europa in vista di un maggiore coordinamento tra gli Stati membri dell'UE, una politica commerciale che riduca i rischi geopolitici per il blocco e lo sviluppo della capacità industriale della difesa, tra le altre raccomandazioni.
Se la spinta di Draghi avrà successo, tali politiche potrebbero scuotere ulteriormente le relazioni transatlantiche in un momento in cui gli Stati Uniti stanno cercando di costruire catene di approvvigionamento più sicure, attrarre investimenti e combattere il cambiamento climatico.
Naturalmente, la Cina sembra più grande in questo dibattito, con Pechino che aumenta i sussidi su tutti i tipi di beni (una risposta, forse, all'alta disoccupazione giovanile) e inonda i mercati globali con la sua produzione.

La scorsa settimana gli Stati Uniti e i paesi dell'UE al G7 hanno concordato congiuntamente di confrontarsi con la Cina su questo eccesso di capacità.
Ma mentre le discussioni politiche degli Stati Uniti si sono concentrate sulla minaccia proveniente dalla Cina, l'Europa è stata spronata all'azione non solo da Pechino, ma anche da Pechino.e da Washington.
Nel suo discorso, Draghi ha citato a turno la Cina e poi gli Stati Uniti, dove ha puntato il dito contro la "politica industriale su larga scala" e il "protezionismo".

Tordoir ha detto che questo sembrava più uno strumento retorico che un tentativo di equiparare le due cose.
Ma gli Stati Uniti sono parte di ciò che anima il dibattito, ha aggiunto.
"Non è tanto che gli europei siano preoccupati per il nazionalismo economico americano – sono preoccupati per questo – ma la preoccupazione più grande è per la sovraperformance dell'America e per il modo in cui siamo rimasti indietro", ha detto.

Nel peggiore dei casi, le politiche industriali sia negli Stati Uniti che nell'UE volte ad attrarre investimenti potrebbero funzionare con molteplici scopi e rendere l'intero sforzo più costoso per entrambe le parti.
La prospettiva della rielezione dell'ex presidente Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti si profila anche nel dibattito europeo, compresa la sua proposta di dazi generali del 10%, che potrebbe portare a una maggiore divergenza nelle politiche.
Ma le connessioni globali non scompariranno.

"Nonostante tutto ciò che è stato detto su come potremmo vivere in un mondo più frammentato, con un sacco di discorsi sul riorientamento della catena di approvvigionamento e il resto, è possibile che ci sia ancora un mercato globale piuttosto forte per beni, servizi, lavoro e idee", ha detto Geoffrey Okamoto, di Goldman Sachs, che è stato un alto funzionario del Tesoro sotto Trump.

"Se l'Europa dovesse seguire questa strada, si potrebbe vedere una conversazione più attiva tra i politici statunitensi sul fatto che le cose che gli Stati Uniti hanno fatto fino ad oggi siano adeguate", ha detto Okamoto, che era anche No. 2 funzionario presso il Fondo Monetario Internazionale.
Attualmente, esiste un certo coordinamento delle politiche intercontinentali.

La delusione ha prevalso in Europa dopo che il Congresso ha approvato una serie di iniziative per il clima (nella legge bizzarramente intitolata "Inflation Reduction Act") volte ad attrarre investimenti in energia pulita negli Stati Uniti, gli europei preoccupati di perdere quote di mercato.
Da allora l'amministrazione Biden ha lavorato per affrontare le loro preoccupazioni più acute, chiarendo che i veicoli elettrici prodotti all'estero potrebbero beneficiare di un credito d'imposta fornito dall'IRA per le auto a energia pulita noleggiate commercialmente.

Ma quella legge, insieme alla spesa federale per aumentare la produzione nazionale di semiconduttori, ha attirato l'attenzione dell'Europa.
L'anno prossimo l'UE rivedrà le sue norme in materia di sovvenzioni, il che potrebbe gettare le basi per una politica industriale più coordinata.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI