Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:658 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:192 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:483 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:516 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:735 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1128 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1120 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1490 Crotone

Inizia al Senato la battaglia sulla protezione speciale ai migranti

In settimana lo scontro in Parlamento tra maggioranza e opposizione sarà anche sulle mozioni. Alla Camera ci saranno quelle sulla siccità e in materia energetica, con particolare riferimento all'energia nucleare (il Movimento 5 stelle ne presenterà una per dire no al termovalorizzatore e si aspetta che il Pd la voti). Al Senato quelle sull'antifascismo.

Nessun ripensamento da parte della maggioranza sull'emendamento sulla stretta alla protezione speciale preparato per il decreto Cutro. Oggi sarà discusso in Commissione Affari Costituzionali al Senato e ripresentato direttamente in Aula considerato che il provvedimento, a causa dei tempi stretti, arriverà in Aula senza mandato al relatore.

Le opposizioni sul tema dei migranti annunciano battaglia nell'emiciclo di palazzo Madama mentre Fdi, Lega e FI, dopo le parole della premier Meloni dall'Etiopia, serrano i ranghi e si presentano compatti. Il partito di via Bellerio non ha ancora annunciato il ritiro dei propri emendamenti ma - spiegano fonti parlamentari della maggioranza - non si andrà in ordine sparso. La Lega, insomma, non dovrebbe insistere in Aula con le proposte di modifiche che di fatto ricalcano in toto i decreti Salvini e attenersi all'emendamento firmato da Gasparri (FI), Lisei (Fdi) e Pirovano (Lega).

Le opposizioni chiederanno che "le date che scandiscono un patto tra le generazioni, tra memoria e futuro siano davvero oggetto di condivisione, di riflessione, di monito e di insegnamento, non solo per i giovani, ma per tutti i cittadini". "È necessario - si legge nel testo che richiama le parole pronunciate dalla senatrice Segre il 13 ottobre 2022, primo giorno della legislatura - che le istituzioni in primis si adoperino per la trasmissione della conoscenza della storia, frutto del rigore della ricostruzione storica unitaria e condivisa". Si impegnerà "il Senato ad adottare le iniziative necessarie affinché le commemorazioni delle date fondative della nostra storia antifascista si svolgano nel rispetto della verità storica condivisa e possano, solo così, essere terreno fertile per il mantenimento e la costruzione di un'identità collettiva e del senso di appartenenza a una comunità".

La maggioranza risponderà con un proprio testo. "È in lavorazione", fanno sapere fonti parlamentari. "Come il Primo Maggio è la festa di tutti i lavoratori e non solo di qualcuno, conto che anche il 25 Aprile unisca nella condanna del passato e nella progettazione del futuro. Ma onestamente non so ancora dove sarò, è un giorno di festa", ha detto Salvini.

"Noi andiamo avanti. Ci sono i numeri che dicono che la protezione speciale è stata un fallimento totale", ha sottolineato Salvini. "Solo il 5 per cento di questi permessi speciali - ha rimarcato - che non esistono in nessun'altra parte d'Europa, sono diventati lavoro. E quindi vuol dire che erano un incentivo all'illegalita'".

Intanto le quattro Regioni guidate dal centrosinistra si sono opposte alla nomina del governo del commissario ad hoc per i migranti. "Sono le uniche che si oppongono ad una cosa normale che ci chiede anche l'Europa e cioè di allontanare dal territorio chi entra irregolarmente", ha detto il vicepremier e ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture che ha chiuso anche alla richiesta dei sindaci del Pd di aprire un confronto sullo ius scholae, "la cittadinanza "non può essere un omaggio".

Intanto "Il Mediterraneo centrale è stata la rotta più attiva nel primo trimestre dell'anno con quasi 28 mila attraversamenti irregolari delle frontiere, il triplo rispetto a un anno fa. A marzo, i rilevamenti totali su questa rotta sono aumentati di quasi nove volte rispetto allo scorso anno, superando i 13 mila".

È quanto emerge dall'ultimo rapporto di Frontex, l'Agenzia europea per il controllo delle frontiere. "I gruppi della criminalità organizzata hanno approfittato del clima migliore e della volatilità politica in alcuni Paesi di partenza per cercare di contrabbandare il maggior numero possibile di Migranti attraverso il Mediterraneo centrale dalla Tunisia e dalla Libia", si legge ancora.

A livello europeo il numero degli arrivi irregolari nei primi tre mesi del 2023 è salito a 54 mila, il 26% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Intanto i primi tre mesi di quest'anno rappresentano anche un altro (triste) record:è stato il trimestre più mortale per i Migranti che hanno attraversato il Mediterraneo centrale dal 2017. Lo dicono i dati dell'Oim, secondo i quali tra gennaio e marzo di quest'anno sono morti 441 Migranti nel tentativo di raggiungere l'Europa. "La crisi umanitaria persistente nel Mediterraneo centrale è intollerabile", ha dichiarato il capo dell'Oim, Antonio Vitorino.

Intanto il giorno dopo dello stato di emergenza nazionale dichiarato dal Governo sul tema migranti, oggi la Commissione Europea fa sapere di aver preso nota della decisione. "Capiamo sia dettata dalla particolare situazione migratoria che l'Italia sta fronteggiando. Dobbiamo vedere nel dettaglio le misure prima di commentare", ha detto la portavoce della Commissione europea per le migrazioni, Anitta Hipper.  "La Commissione è in stretto contatto l'Italia per discutere le sfide della migrazioni e anche per vedere cosa implica la dichiarazione dello stato di emergenza", ha aggiunto.

Fonte Agi e varie agenzie

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI