Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 27 Settembre 2022

L’immigrazione clandestina dalla “diaspora” di un popolo alla “diatriba” dell’accoglienza

In primis, noi diciamo che l’Italia è chiamata a gestire la diaspora, ovvero, la dispersione, con flussi illegali, di una parte del popolo del Nord Africa, in particolare Libia e Tunisia, dando seguito ad una “diatriba”, ovvero, a messaggi ambigui con l’Unione europea.  Secondo i dati diffusi dal Frontex(Agenzia europea delle Frontiere) i flussi migratori illegali, in Italia, nei primi 40 giorni di quest’anno, hanno comportato 4.800 clandestini sbarcati,  dal Nord Africa, il doppio di quelli sbarcati a dicembre 2017. Diciamo, pure, che ad influire sul numero degli sbarchi possono essere le condizioni meteo che possono incoraggiare o meno, la partenza dei barconi e l’efficienza della Guardia costiera della Libia che, con i mezzi limitati di cui dispone, non può intercettare, sempre, tutti i gommoni ed i barconi in partenza per l’Europa. Ma c’è di più. Il problema dell’immigrazione clandestina non è legato solo ai numeri degli sbarchi, ma alle decisioni che vengono assunte, da Italia ed Europa, per cercare di bloccare, in modo definitivo, i flussi illegali di immigrati dal Nord Africa. A nostro modesto avviso, sia l’Italia che l’Unione europea continuano a far persistere una “diatriba”, continuando a mandarsi messaggi ambigui, di questo genere: ”I migranti soccorsi dalle motovedette libiche tornano indietro e vengono rimpatriati; i migranti che riescono a raggiungere le navi europee vengono portati, invece, in Italia”. In conclusione, diciamo che le soluzioni ci sono: le navi militari italiane ed europee dovrebbero provvedere a riportare in Libia o in Tunisia(da dove crescono, mese dopo mese, i flussi), gli immigrati illegali soccorsi in mare. Stiamo parlando, di respingimenti assistiti, che salverebbero molte vite umane.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI