Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 04 Febbraio 2023

Istituto S. Anna e Coni i…

Feb 02, 2023 Hits:128 Crotone

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:327 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:422 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:409 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:728 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:713 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:736 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:682 Crotone

Giuseppe Fusaro al Festival Pianistico

Giuseppe Fusaro 2

 

Continua settimana dopo settimana la realizzazione del Festival Pianistico, promosso dalla Società Beethoven in collaborazione con il Rotary Club di Crotone, che, partito in sordina, si sta rivelando un avvenimento artistico veramente importante.

La scoperta di giovani talenti, vincitori di Concorsi prestigiosi che si confrontano in esecuzioni di notevole spessore stanno contribuendo anche ad una partecipazione di pubblico sempre più giovane che ogni settimana gremisce l’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” .

Domenica 06 Aprile, è stata la volta del pianista Giuseppe Fusaro, che ha presentato un programma all’insegna del grande virtuosismo tecnico pianistico.

Schumann, Liszt, Prokofiev, sono stati gli autori presentati.

Il programma infatti comprendeva: F.Liszt   - “Mephisto Waltz n. 1”, R.Schumann - “Grand Sonata op. 22 n. 2”, S.Prokofiev - “Sonata no 7 op 83” .

Uno Schumann quello della Sonata op. 22 n. 2 dalle diverse sonorità che più che suggerire un preciso programma, cerca di esprimere uno stato d’animo.

In questa sonata l’artista ha condensato tutta la tecnica pianistica possibile nel periodo artistico in cui è vissuto.

Con Liszt, Mefisto Valzer, Fusaro passa letteralmente al puro virtuosismo tecnico.

Un virtuosismo impetuoso però dove non dimentica mai che la musica è sempre per lui sentimento e pensiero.

In Prokofiev invece ha fatto rivivere il compositore neoclassico per eccellenza.

I temi delle sue composizioni sempre semplici e preferibilmente diatonici, dai ritmi quadrati, sportivi, vigorosi, hanno dato la possibilità all’esecutore di mettere in luce una vistosa tenuta tecnica e una precisione timbrica notevole.

Due bis hanno concluso una bella serata all’insegna di un pianismo nel quale la componente virtuosistica ha prevalso notevolmente su quella poetica ottocentesca.

Applausi meritatissimi e calorosi quelli di un pubblico numeroso e partecipe dei vari eventi che il Festival sta offrendo.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI