Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 23 Luglio 2024

Isola Summer 2024, ecco g…

Lug 05, 2024 Hits:506 Crotone

Premio Pino D'Ettoris: al…

Lug 01, 2024 Hits:571 Crotone

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:1087 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1778 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:1091 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:1253 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:1292 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1497 Crotone

D'Asero: “Dobbiamo essere tutti solidali… istituzioni in testa!”

“L’Europa lascia sola l’Italia; l’Italia abbandona la Sicilia e la Regione siciliana lascia la patata bollente ai lampedusani e ai pescatori del sud est dell'Isola! Basta con questo gioco a nascondino e ognuno faccia la propria parte!” così il capogruppo del Pdl all’Ars, Nino D’Asero, dopo l’ennesima tragedia del mare che coinvolge quanti tentano di arrivare sulle nostre coste, fuggendo da guerre e carestie, affidandosi a sensali equivoci e a imbarcazioni vetuste e fatiscenti.
“Dobbiamo intervenire immediatamente presso qualunque sede istituzionale – spiega D’Asero – e, per questo, presenterò oggi stesso un atto di indirizzo che impegni il governo di questa Regione a intervenire, innanzitutto affinché non si abbandonino a se stessi Lampedusa e i lampedusani, così come pescatori e abitanti in genere delle zone costiere ove i barconi della morte tentano l’attracco. Perché non si può vivere e sopravvivere soltanto grazie alla solidarietà di volontari: le istituzioni devono intervenire” E, a ciò – conclude – il nostro atto ispettivo all’Ars impegnerà anche il governo regionale a interpellare quello nazionale affinché si adopri in proprio e anche, a sua volta, nei confronti della Eu: l’Europa non può guardare da un’altra parte mentre si consumano queste continue tragedie e fingere che il problema sia soltanto di privati cittadini e appannaggio del loro senso della solidarietà”.
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI