Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 22 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:717 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:211 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:501 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:535 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:758 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1144 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1135 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1507 Crotone

Mini-Imu, Confedilizia: storia di un’imposta “furba”

Nel diffondere tabelle sinottiche dalle quali risulta quali contribuenti siano tenuti al pagamento della cosiddetta mini-Imu sull’abitazione principale e quali non lo siano, la Confedilizia ritiene necessario precisare – in vista della scadenza, venerdì prossimo, del termine per il pagamento – da che cosa dipenda questo nuovo tributo sulla casa.

Al proposito, il Presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha dichiarato:

“Tenuti al versamento non sono tutti i proprietari, ma solo quelli che vivono in Comuni nei quali sia stata deliberata per il 2013 un’aliquota Imu, per la prima casa, superiore all’aliquota di base del 4 per mille. Proprietari che, entro il 24 gennaio, dovranno pagare il 40% della differenza tra l'ammontare dell'Imu risultante dall'applicazione dell'aliquota e della detrazione stabilite dal Comune per il 2013 e quello risultante dall'applicazione della inferiore aliquota di base prevista dalle norme statali e delle relative detrazioni. E la sfortuna di questi contribuenti è quella di essere residenti in Comuni i cui Sindaci hanno pensato bene di deliberare furbescamente, in molti casi poche ore prima del termine loro concesso, un aumento dell’aliquota Imu credendo di potere ricevere dallo Stato – per i complessi meccanismi che regolano i rapporti finanziari fra centro e periferia – maggiori somme per i propri bilanci. Somme che, successivamente, il Governo ha invece deciso di non dare in toto (visti, anche, i comportamenti dei Comuni) determinando il fatto che il residuo gettito sulla base di quanto stabilito dai Comuni vada (come va) a carico dei contribuenti, in spregio ad ogni impegno di non richiedere l’imposta per le abitazioni principali. Questo, peraltro, per i soli Comuni che a seguito dell’atteggiamento del Governo non abbiano rinunciato a pretendere le somme dovute dalle nuove delibere. In questo momento, in cui l’Anci sta chiedendo al Governo nuove entrate soprattutto attraverso l’aumento di Imu e Tasi, è bene che i cittadini sappiano come stanno le cose”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI