Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 14 Luglio 2024

Un corso per stare accanto a chi soffre

Un corso per meglio sapere stare accanto ai sofferenti

Dedicare un po’ del proprio tempo al servizio del volontariato rivolto a chi soffre negli ospedali, nelle cliniche private, nelle case di cura e di riposo o anche ai malati che si trovano presso il proprio domicilio. E’ a chi ha questa intenzione che si rivolge il corso organizzato dall'ufficio diocesano per la Pastorale della Salute in collaborazione con i cappellani ed i parroci. Il primo appuntamento è in programma lunedì 27 ottobre, dalle 16 alle 17,30, presso il centro internazionale di spiritualità “Cor Jesu” in via Bartolomeo Colleoni 62 a Ragusa. Il corso proseguirà sino all’8 dicembre. Tema del primo incontro sarà “La malattia nell’Antico testamento e nel Nuovo testamento”. “Alle comunità parrocchiali, nel cui territorio è presente una struttura sanitaria (ospedali, cliniche, case di riposo) – dice il direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti – è affidato il compito di prendersi cura di chi soffre esprimendo la sollecitudine verso chi vive il tempo della malattia, facendosi prossimo a chi è nella sofferenza attraverso il ministero della consolazione e con lo stesso amore che il Vangelo ci sollecita: "Va e fai anche tu lo stesso" (Lc 10,37). Nella nota pastorale della Cei (2004), "Il volto missionario delle parrocchie in un mondo che cambia", si afferma tra l’altro che: “La presenza della parrocchia nel territorio si esprime anzitutto nel tessere rapporti diretti con tutti i suoi abitanti, cristiani e non cristiani, partecipi della vita della comunità o ai suoi margini. Nulla nella vita della gente, eventi lieti e tristi, deve sfuggire alla conoscenza e alla presenza discreta e attiva della parrocchia, fatta di prossimità, condivisione, cura”. Ecco perché la finalità di questo corso sarà quella di qualificare la presenza dei laici nel mondo della salute e della malattia, fornendo strumenti utili che aiutino a saper meglio stare accanto, dialogare, accompagnare il malato e il morente”. Il corso è aperto a tutti coloro che già lavorano a vario titolo nel campo della salute, ai ministri straordinari della comunione eucaristica e a coloro che intendono impegnarsi o semplicemente accrescere la loro formazione in questo delicato campo pastorale.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI