Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 13 Giugno 2024

San Giuda Taddeo presenta…

Mag 27, 2024 Hits:398 Crotone

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:1141 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:495 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:776 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:831 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:1028 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1372 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1361 Crotone

Mezzogiorno, ripresa a passo di gambero

Il Mezzogiorno è in ripresa, con un balzo in avanti del Pil+ 1%, dopo 7 anni di crisi, è quanto affermato dal Rapporto annuale della Svimez, sull’economia del Mezzogiorno. Altri balzi in avanti sono da considerare: la crescita del valore aggiunto è notevole nel comparto agricolo (+7,3%); i nuovi occupati: nel 2015, sono stati registrati, ben 94mila occupati, nel Mezzogiorno. E qui, ad onor del vero, va detto anche, in contro tendenza, che il Mezzogiorno continua a fare passi indietro. Vediamo perché. Da uno studio curato da Confartigianato, in tema di mercato del lavoro, è risultato che: “La Puglia è terzultima regione, in Italia, per vocazione imprenditoriale. Solo Campania, Sicilia e Calabria stanno peggio di noi. Preoccupa, in particolare, la situazione dei giovani: nonostante i supporti formativi all’autoimpreditorialità ed iniziative come Garanzia Giovani, il tasso di occupazione di questa fascia è, ancora, troppo basso”. Ancora, questa è un denuncia della Cgil di Lecce:  ”Circa 200 lavoratori, in condizioni disumane e per 3 euro all’ora,  nei campi di Nardò”. A questo punto, va detto senza mezzi termini, che le politiche locali del Mezzogiorno, da un lato e la politica nazionale dall’altro, devono puntare ad alimentare la crescita del territorio meridionale sostenendo imprenditoria e investimenti locali: i distretti industriali e un aumento dell’occupazione, soprattutto, giovanile, nel breve termine.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI