Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 07 Dicembre 2022

Gambling, il gioco illegale entra nella campagna elettorale

Le elezioni politiche nazionali del 25 settembre si avvicinano e i partiti iniziano a schierarsi su diversi temi. Lavoro in primis, ma anche ambiente, giovani, immigrazione. E tra i tanti argomenti al centro del dibattito torna, finalmente, anche la questione relativa al gioco d’azzardo pubblico e legale.

Ad attirare l’attenzione su un tema caldo per diversi aspetti, economici e normativi, è stato direttamente l’intervento dell’Osservatorio Giochi, legalità e patologie dell’Eurispes, durante la Commissione parlamentare di inchiesta sul gioco illegale e sulle disfunzioni del gioco pubblico. A parlare c’erano il Procuratore di Brindisi, Antonio De Donno, che si è avvalso dei pareri tecnici del Dottor Baldazzi e dell’Avvocato Sambaldi. Proprio quest’ultimo ha ricordato che la normativa antimafia sia uno strumento rigoroso e validi per contrastare le infiltrazioni criminali, ma allo stesso tempo ha lanciato un allarme: il gioco illegale è uno dei giri d’affari prediletti dalle famiglie mafiose.

Un rischio che si deve stoppare sin da subito, con leggi all’avanguardia ma anche con sostegni e aiuti al gioco legale. Quest’ultimo infatti, tanto nella componente fisica che in quella a distanza, costituisce un vero e proprio baluardo nei confronti del gioco pubblico. Infatti le piattaforme di casinò online regolamentate in Italia partecipano al circuito ufficiale e istituzionale di ADM, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato, e sono garanzia di sicurezza tanto per gli investitori quanto per i giocatori. All’interno di queste piattaforme, infatti, si possono trovare strumenti di sostegno in caso di dipendenza, assistenza tecnica, suggerimenti su comportamenti di gioco nocivi, protezione dei dati personali e della privacy.

Aspetti positivi e virtuosi che spesso passano sotto traccia. Una delle questioni che i partiti dovranno affrontare è proprio quella di una maggiore informazione legata al discorso del gioco in Italia. Un concetto che ormai è diventato tabù da quando la pubblicità sul gambling è stata proibita. Una mossa normativa che è stata citata come modello negativo, proprio pochi giorni fa, in Belgio, dove la Associazione nazionale di operatori del gaming ha citato il modello italiano come esempio di mala gestione: "La pubblicità non è solo uno strumento indispensabile per le aziende per far conoscere se stesse, la pubblicità svolge anche una funzione sociale molto importante nella canalizzazione degli utenti verso un'offerta legale e controllata - si legge nella nota diffusa alla stampa - Un divieto quasi totale della pubblicità per i giochi d'azzardo legali comporterà inevitabilmente una significativa perdita di visibilità degli operatori legali."

Senza una revisione di questa norma, infatti, il gioco illegale rischia di crescere sempre di più. E a renderlo possibile saranno proprio le nostre leggi.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI