Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 21 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:366 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:928 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:1144 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:1130 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:1147 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1426 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1550 Crotone

Fondi europei, asimmetria tra Sud e Nord

A nostro modesto avviso, per l’assegnazione dei Fondi europei si è creata una “asimmetria” (leggi: una non esatta corrispondenza di forma e di posizione tra le varie parti del Paese), tra il Sud e il resto d’Italia. Vediamo perché. “Le scelte effettuate dalla Commissione dell’Unione europea avvantaggiano fortemente le regioni dell’Europa del Nord e le regioni ultra periferiche, penalizzando le regioni dell’area del Mediterraneo”, questo è quanto hanno affermato, recentemente, gli eurodeputati Raffaele Fitto di (Noi con l’Italia) ed Elena Gentile del (Partito democratico). In tal senso, si è espressa, anche, il ministro del Sud, Barbara Lezzi affermando: “Nella definizione della Politica di coesione 2021-2027 della Commissione europea, sarà fondamentale individuare un criterio di destinazione territoriale delle risorse, mettendo nero su bianco, il rispetto del principio territoriale nella riprogrammazione. I fondi di coesione hanno lo scopo di diminuire il divario tra Nord e Sud del Paese, ma se questo obiettivo non è stato finora centrato, ha forti responsabilità l’Europa, che deve cambiare regole e atteggiamento”. A questo punto, per dovere di cronaca, diciamo che qualcosa si sta muovendo per favorire il Mezzogiorno, con l’assegnazione del Fondi Ue: Su iniziativa congiunta gli europarlamentari Raffaele Fitto ed Elena Gentile hanno presentato 14 emendamenti alla bozza di risoluzione, su cui sta lavorando la Commissione Sviluppo regionale del Parlamento europeo “per ripristinare, sia dal punto di vista strategico, sia da quello delle risorse, il ruolo di fondamentale importanza della Cooperazione transfrontaliera post 2020, avanzata dalla Commissione europea. In conclusione, noi diciamo che se la Commissione europea riuscirà a garantire, più Fondi alle aree più fragili del Sud d’Italia, si risolverà quella situazione “asimmetrica” dell’intero Paese.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI