Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 28 Ottobre 2021

Il d-day per Marino, ha formalizzato le dimissioni da sindaco

"Care romane e cari romani, ho molto riflettuto prima di assumere la mia decisione. L'ho fatto avendo come unica stella polare l'interesse della Capitale d'Italia, della mia città".  "Presento le mie dimissioni - spiega -. Sapendo che queste possono per legge essere ritirate entro venti giorni. Non è un'astuzia la mia: è la ricerca di una verifica seria se è ancora possibile ricostruire queste condizioni politiche".
"Ho ricevuto dal sindaco di Roma Ignazio Marino la lettera con cui comunica le proprie dimissioni. Le dimissioni, in base all'articolo 53 del Tuel, diventano efficaci trascorso il termine di 20 giorni", fa sapere la presidente dell'Assemblea Capitolina Valeria Baglio.
Le sue dimissioni saranno "irrevocabili" tra 20 giorni, come la legge prevede. Dal 2 novembre, a tre giorni dall'avvio del maxi processo contro Mafia Capitale a cui sognava di partecipare con la fascia tricolore da paladino della legalità, non sarà più sindaco.
Ieri il bagno di folla tra tanti elettori e iscritti del Pd che lo hanno votato, e gli oltre 40 mila che su Change.org gli chiedono di non dimettersi, non lo fanno solo commuovere fino alle lacrime, come confiderà più tardi su facebook. Lo rafforzano in un convincimento radicato: "Voi siete il sale della democrazia e costituite un patrimonio che Roma non può e non deve perdere". E se in tanti oggi gli suggerivano di ricandidarsi, se i consiglieri della sua lista civica si dicevano pronti a sostenerlo anche in una nuova corsa, il sindaco sembra non lasciare chiusa la porta. Un sogno che i ben informati in Campidoglio non escludono possa diventare realtà. Con Ignazio Marino pronto a correre di nuovo nelle elezioni di primavera, questa volta "mai più con il Pd", come gli chiedono i suoi fan, e forte di una sua lista civica. Un'ipotesi che fa tremare un Pd a Roma già logorato. Così la guerra di nervi con il sindaco dimissionario, tentato fino a ieri ad andare alla conta in consiglio comunale, non è finita.
Anche la Chiesa, poi, torna a farsi sentire, ampliando l'orizzonte. Il cardinale vicario Agostino Vallini annuncia una "Lettera alla città" stilata, in vista del Giubileo, perché Roma sia "stimolata a rinascere, ad avere una scossa". "Ripartire dalle molte risorse religiose e civili presenti a Roma", esorta Vallini che auspica anche la "formazione di una nuova classe dirigente nella politica". Mentre il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin, si è detto sereno che le dimissioni di Marino "non metteranno a rischio i lavori per il Giubileo". La Città eterna, insomma, può guardare avanti.
Ma ad aspettare Marino ci sono anche gli sviluppi dell' inchiesta aperta dalla Procura dopo "lo scandalo degli scontrini", che ha spinto il Pd a metter la croce sopra il sindaco "marziano". Marino rischia di essere indagato per peculato per una serie di rimborsi spese contestati e già oggi scatterà l'attività istruttoria.
E intanto si studiano le soluzioni in vista del Giubileo dopo il passo indietro del primo cittadino. "È una città che sta in piedi da più di 2000 anni", dice stemperando il clima il prefetto Franco Gabrielli replicando a chi gli chiede se la Capitale sia a rischio dopo la scelta di Marino. E crescono le adesioni alla petizone online che chiede al sindaco di ripensarci. Marino ha firmato l'atto di costituzione di parte civile del Comune nel procedimento penale contro 5 imputati nell'inchiesta Mafia Capitale.
Stamattina i suoi sostenitori si sono riuniti davanti alla sede del Pd.Nel mirino dei sostenitori mariniani c'è principalmente lui, Matteo Renzi che "non è stato votato da nessuno, mentre Marino è stato eletto col 64% dei romani" e chiedono le sue dimissioni.

Poi, poco importa se, in realtà era il 64% dei votanti romani e che al ballotaggio di due anni fa andarono a votare in pochissimi. I pro Marino sono pronti a dar battaglia al Pd e a sostenere il loro leader se si presentasse alle elezioni. Parlano di complotto nei suoi confronti e si fanno forti delle quasi 50 mila firme che hanno raccolto la loro petizione, sottoscritta anche da alcuni vip come Sabrina Ferilli e Alessandro Gassman, nella quale chiedono che Marino ci ripensi. "Si tratta di un complotto, cosa vuole che siano 20mila euro per il sindaco della Capitale quando ora si scopre che Renzi ne ha speso 600 mila come presidente della provincia di Firenze?", è l'accusa degli elettori del Pd delusi dal premier, reo di aver buttato giù il loro sindaco e di aver fatto l'accordo con Verdini.

.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI