Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 23 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:751 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:225 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:517 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:548 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:772 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1156 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1145 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1518 Crotone

In Italia c'è "insufficiente attenzione" alla tratta di esseri umani

L'Italia dal 1999 ha assistito 29 mila vittime della tratta. Tra il 2009 e il 2012 migliaia di mercanti di schiavi sono andati sotto processo, ma ci sono state sono 14 condanne nel 2010 e 9 nel 2011. Greta, l'organismo anti tratta del Consiglio d'Europa, nel primo rapporto sull'Italia, punta il dito sulla lentezza della giustizia.

In Italia c'è "insufficiente attenzione" alla tratta di esseri umani. Tra il 2011 ed il 2013 ufficialmente sono state assistite 4.530 persone, ma è solo la punta dell'iceberg. E' una bocciatura per indifferenza verso i nuovi schiavi quella che arriva all'Italia dal primo rapporto del Greta, meccanismo di monitoraggio del Consiglio d'Europa.

Nel rapporto sull'Italia si afferma che "i dati forniti non rivelano la vera ampiezza del fenomeno" del commercio di nuovi schiavi perché in Italia non ci sono meccanismi adeguati a individuare le vittime, per raccogliere i dati e, appunto, si presta "insufficiente attenzione alle tratte che non hanno come scopo lo sfruttamento sessuale". Restano cioè ed i fuori dal radar delle autorità gli sfruttati dal caporalato agricolo, le badanti, le collaboratrici domestiche ed i minori avviati all'accattonaggio. Il rapporto del Greta osserva inoltre che l'Italia non ha un piano d'azione nazionale sulla tratta di esseri umani, né si è dotata di molti degli strumenti di cui si sono dotati altri Stati che sono, come l'Italia, Paesi di arrivo e transito di vittime del traffico. Così il Consiglio d'Europa chiede alle autorità italiane di "adottare con urgenza un piano d'azione nazionale che definisca priorità, obiettivi, attività concrete e responsabili per la loro attuazione".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI