Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 25 Marzo 2019

“Volge al termine un’esperienza di straordinarie soddisfazioni e radicali cambiamenti. Quattordici mesi intensi, che hanno dato lustro a questo Centro e assolto alla nobile missione di ridare dignità ai nostri ospiti, “fratelli” disagiati bisognosi di affetto. È stato un anno di lavoro meticoloso e attento, condotto sempre sotto il rigido ombrello della legalità”.

Queste alcune delle toccanti parole pronunciate dal direttore del Regional hub di Sant’Anna, Vitaliano Fulciniti, in occasione della cerimonia di saluto al personale, svoltasi questa mattina all’interno del Centro per migranti.

È noto infatti che da venerdì 1 marzo le redini della direzione del Regional hub di Sant’Anna saranno prese dalla Croce Rossa italiana, vincitrice del lotto 1 della gara indetta dalla Prefettura di Crotone.

Alla cerimonia di saluto di questa mattina, introdotta dalle note dell’inno di Mameli, erano presenti: il Commissario Giovanni Buzzurro, responsabile dei servizi di sicurezza e vigilanza all’interno del Centro; il maresciallo della Tenenza di Isola Capo Rizzuto, Fabio Marletta; il maresciallo maggiore Giuseppe Barilaro, del 14° battaglione Carabinieri Calabria; l’amministratore giudiziario della Miser.icr, Maria Luisa Campise; i rappresentanti del comitato crotonese della Croce Rossa Italiana, Francesco Parisi e Pasquale Colurcio; le classi 5° della scuola primaria paritaria “Verna” di Isola Capo Rizzuto.

Nel corso del suo intervento, il direttore Fulciniti ha ripercorso le tappe trascorse dal suo insediamento mettendo in luce il pregevole lavoro svolto, contraddistinto da numerose attività e progetti finalizzati a coinvolgere i richiedenti asilo e, contestualmente, motivare il personale in servizio. Progetti che hanno mirato a favorire l’integrazione dell’ospite e al tempo stesso rispettare e valorizzare la sua cultura e le sue origini.

“Voglio puntualizzare – ha ricordato Fulciniti – che il Centro ereditato alla data del mio insediamento, l’1 gennaio 2018, non era lo stesso che oggi appare limpido ai vostri occhi. Il caos più completo regnava sovrano e fu necessario apportare importanti cambiamenti”. “La “mission”, ampiamente centrata, è stata quella di creare le condizioni di un ambiente sereno e pacifico dove i lavoratori potessero dedicarsi alla cura dell’ospite”.

Il direttore Fulciniti ha infine ricordato le numerose visite ispettive, condotte in particolar modo dalla Prefettura di Crotone. “Essere stati oggetto di controlli sistematici – ha osservato – non ha di certo creato alcun disagio, anzi ha certificato l’assoluta e trasparente liceità del lavoro svolto”.

La cerimonia di saluto al personale, è stata preceduta dalla visita al Centro degli alunni della scuola paritaria di Isola Capo Rizzuto che hanno portato in dono un albero di ulivo. L’albero è stato piantumato dagli stessi alunni nell’area verde inaugurata lo scorso marzo, nell’ambito dell’iniziativa “rifiorisce il centro”.

 

Bene, avanti così. Ottima vittoria della Pallamano Crotone che con una prestazione corale batte una buona Pallamano Fasano. Padroni di casa che ormai confermano il loro trend, bene in difesa, aggressivi, pronti a chiudere ogni spazio e concedere poche occasioni di tiro, ma poco lucidi in attacco. Ancora una partita nella quale si registrano troppi errori al tiro dalla sei metri. Emblematici sono i due rigori sbagliati nel giro di pochi secondi. Il duro lavoro al quale il tecnico Antonio Cusato sottopone i suoi durante la settimana sembra non pagare. La voglia dei padroni di casa però è stata superiore agli errori ed alla fine la squadra hanno portato a casa una vittoria importante che rende la classifica sempre più interessante. La Pallamano Fasano ha provato a restare in partita, ma non si è potuta opporre più di tanto ad una squadra che aveva troppa voglia di ritornare alla vittoria. Finalmente si è rivista la prima fase micidiale della Pallamano Crotone che ha fatto riemergere questa caratteristica che l’ha sempre contraddistinta. Malerba, migliore marcatore di giornata, si è dimostrato infallibile e anche Nesputo nelle ultime due partite sembra aver trovato una fase realizzativa importante.

Vittoria, punti in classifica, buona difesa, tutto lascerebbe pensare ad una giornata perfetta, ma perfetta lo è stata solo sul parquet, quello del Palamilone, non certo quello del Palakro. È ormai prassi; piove a Crotone ed il Palakrò si allaga, somiglia più ad una piscina che ad un campo da pallamano. I giocatori volenterosi fino all’ultimo minuto con scope e stracci hanno invanamente tentato di asciugare il parquet. Per gli arbitri, giustamente, la partita non si può giocare. Il presidente Giancarlo Giaquinta con il tecnico e tutta la dirigenza si sono attivati per spostare il campo di gioco. Grazie alla disponibilità del consorzio di società sportive che gestisce il Palamilone si è potuto giocare. Alle 19 invece del fischio d’inizio c’è stato lo spostamento da una struttura all’altra. La partita è iniziata con un’ora di ritardo.

È ormai evidente a tutti che i lavori per la sistemazione del tetto del Palakrò non possono essere più rinviati, è indecoroso per una società e per una città che una pioggia debba far spostare una partita.

Pallamano Crotone – Pallamano Fasano: 25 – 20    (risultato pt: 12 – 8)

 

PALLAMANO CROTONE: Lo Guarro, Nesputo 6, Gentile, Malerba 9, Calabrese 1, Gigliarano, Galluccio, Perri 7, Lucente, Cortese, Caristo, Giaquinta, Pisano, Cosentino, Liotti 1, Vrenna 1. All.: Cusato.

 

PALLAMANO FASANO: .Fusillo 4, Guarini 4, Intini 3, Palmisano, Sibilio D., Curlo 1, Sibilio S., Lo Russo 7, Oreste, Tasca 1. All.: Di Carolo.

 

ARBITRI: Lo Russo e Fasaro

 

L’avv. Giancarlo Cerrelli, Segretario della Lega Salvini Premier di Crotone ha portato la sua solidarietà agli allevatori della Provincia di Crotone, che questa mattina hanno manifestato davanti al Comune di Crotone.

Cerrelli ha affermato che “Il comparto degli allevatori della nostra provincia è in grave crisi; la nostra terra, negli anni passati, è stata usata da altri per arricchirsi e per poi lasciarla nella più triste emarginazione e povertà. È necessario attuare al più presto – sostiene Cerrelli – serie e tempestive misure atte a rilanciare i prodotti degli allevatori e degli agricoltori crotonesi. Molti crotonesi non sanno probabilmente che molti formaggi che abitualmente portiamo sulle nostre tavole non sono fatti con il latte dei pascoli del crotonese, ma hanno alla base cagliata proveniente dalla Germania o da altri Paesi. Tutto ciò è insostenibile! L’agricoltura crotonese deve tornare ad essere protagonista grazie alla realizzazione di una politica agricola sostenibile che valorizzi l’alta qualità dei prodotti agricoli crotonesi. È urgente che gli agricoltori e gli allevatori della provincia di Crotone siano aiutati a uscire dall’emarginazione in cui versano, emarginazione che è stata favorita  da politiche scriteriate, che hanno tradito la nostra terra e la nostra gente. Cerrelli assicura che, dopo aver ascoltato a lungo questa mattina i problemi degli allevatori del crotonese, informerà subito il Ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio dei gravi disagi che vivono gli allevatori della Provincia di Crotone

La politica che è stata attuata negli anni passati dai partiti che hanno governato la nostra terra ha molti peccati da scontare, sostiene Cerrelli.

La Lega Salvini Premier – afferma Cerrelli - è vicina agli allevatori della provincia di Crotone e presto sarà organizzato un incontro con i  rappresentanti del settore.

Un ringraziamento Cerrelli lo rivolge a tutti gli allevatori che lo hanno reso edotto dei loro problemi e un altro ringraziamento lo rivolge anche al Presidente regionale dell’Associazione Regionale Allevatori (ARA), Raffaele Portaro.

Un dipinto a quattro mani, raffigurante Gesù che accoglie i bambini, ha visto di nuovo insieme Monica Arabia, pittrice cutrese, e Michel Diem, artista senegalese ospite del Regional hub di Sant’Anna. Dopo i consensi ottenuti nello scorso gennaio, i due artisti hanno realizzato stamattina un nuovo dipinto, stavolta davanti agli alunni delle scuole paritarie parrocchiali di Isola Capo Rizzuto, nel cui istituto frequentano numerosi bambini del Centro d’accoglienza di Sant’Anna.

Gli studenti di Isola hanno accolto con grande entusiasmo i due artisti e allietato i presenti con canzoni e poesie basate sui temi dell’accoglienza e dell’inclusione. Sulle stesse tematiche sono state incentrate anche diverse attività didattiche svolte a scuola, fra le quali la stesura di un tema di italiano proposto agli studenti. L’iniziativa si è svolta all’interno del salone della scuola “Verna” di Isola Capo Rizzuto ed è stata promossa dal Dirigente scolastico Domenico Pompeo in sinergia con il Direttore del Regional Hub di Sant’Anna, Vitaliano Fulciniti.

“Per la realizzazione del dipinto – ha spiegato la pittrice cutrese, Monica Arabia -  mi sono lasciata ispirare dalla frase evangelica ‘lasciate che i bambini vengano a me’. Nel dipinto, i bambini sono raffigurati con colori differenti, con l’intento di far emergere i valori dell’accoglienza e dell’unità fra i popoli”.

Alla manifestazione sono intervenuti: il dirigente scolastico delle scuole paritarie, Domenico Pompeo; il direttore del Regional hub di Sant’Anna, Vitaliano Fulciniti; il vicario del Vescovo di Crotone, padre Francesco Lanzillotta.

Presenti anche il parroco di Isola Capo Rizzuto, don Francesco Gentile e l’altro sacerdote della medesima comunità, don Pasquale Squillacioti.

Il direttore Fulciniti, rivolgendosi agli attenti studenti, nel  tratteggiare l’importanza del Centro d’accoglienza di Sant’Anna, ha introdotto la figura di Pitagora, quale primo migrante famoso della storia ad essere transitato da questo territorio.

 

Si è tenuto presso il Casinò di Sanremo quello che ormai è diventato uno degli appuntamenti più attesi della settimana sanremese, ovvero Il “Gala della Stampa”, nel corso del quale sono stati assegnati il “Premio Numeri Uno - Città di Sanremo” ed i premi “Premi Dietro le Quinte”. A realizzare le opere, ormai da diversi anni, è stato il maestro orafo Michele Affidato, presente all’evento.

Il Gran Galà della Stampa, che da anni viene organizzato dal Patron Ilio Masprone è giunto ormai alla nona edizione. A ricevere quest’anno il prestigioso “Premio Numeri Uno - Città di Sanremo” è stata una grande artista che ha fatto la storia del Festival di Sanremo, vincendo ben tre edizioni della kermesse: Iva Zanicchi. La Palma d’Argento realizzata da Michele Affidato nelle scorse edizioni è andata ad altri personaggi come Pippo Baudo, Al Bano, Tony Renis, Rita Pavone e, nel 2018 a Toto Cutugno.

Durante la serata è stato assegnato anche il “Premio Dietro le Quinte”, che consiste in una scultura stilizzata, formata dalla sigla “DQ”, viene assegnato a chi ha contribuito a rendere più prestigioso il Festival di Sanremo e la musica italiana nel mondo. Tra i premiati Tullia Brunetto (addetto stampa di molti artisti), Saturnino Celani (storico bassista di Jovanotti), Michele Torpedine (manager de Il Volo), Alfonso Signorini (Direttore di Chi) e Gianni Belfiore (80 testi por Iglesias). La Giuria che ha determinato i premiati era composta da Marinella Venegoni (La Stampa); Dario Salvatori (Rai Uno); Marco Molendini (Il Messaggero); Andrea Spinelli (QN) e Mario Luzzatto Fegiz (Corriere della Sera); Presidente del Gala, Mario Maffucci.

Un ulteriore riconoscimento realizzato da Michele Affidato è stato il Premio Mr. Blogger, nato per rendere omaggio a personaggi che contribuiscono a divulgare e a promuovere la musica attraverso il mondo del web, assegnato a Giuseppe Candela.

La consegna dei premi è avvenuta in una serata molto piacevole, condotta dal giornalista Marino Bartoletti e dall’attrice Antonella Salvucci.

Tra i tanti artisti presenti alla serata, il Volo e Valeria Marini.

“Questo evento - commenta Affidato - da anni assegna un riconoscimento a tutti coloro che hanno fatto conoscere la musica italiana nel mondo, ognuno nel proprio ruolo. Ho avuto la fortuna di conoscere e vivere diversi di questi personaggi, sia dal punto di vista artistico che personale, scoprendo aneddoti dai quali  sono nati grandi capolavori. Sapere che tante mie opere sono custodite dai grandi della musica riempie il nostro gruppo di orgoglio e soddisfazione”.

Attese intanto le consegne del Premio della Critica Mia Martini, ed i Soundies Awards.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI