Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 30 Maggio 2024

Premio Internazionale Scarpa per il giardino, l'edizione 2015 va a Maredolce-La Favara

La  XXVI edizione del Premio Internazionale "Carlo Scarpa per il Giardino", promossa e organizzata a Treviso dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, è stata  dedicata  quest’anno a Maredolce-La Favara, nel cuore del quartiere Brancaccio. Il Comitato scientifico della Fondazione, come si evince dalle motivazioni del riconoscimento, ha deciso all’unanimità di premiare “…un luogo che conserva la memoria e le testimonianze tangibili di ciò che è stato il paesaggio nella civiltà araba e normanna in Sicilia”.

Il sindaco, Leoluca Orlando, e l'assessore alla Riqualificazione urbana e alle Infrastrutture, Emilio Arcuri, hanno espresso il compiacimento dell'Amministrazione comunale per il prestigioso riconoscimento alla città di Palermo.

«Il castello di Maredolce - hanno dichiarato - è un esempio formidabile del talento con cui gli interventi dell'uomo possono mettere insieme ed esaltare architettura e natura. Una conferma - hanno concluso - della straordinaria ricchezza di Palermo, come, di recente, è stato riconosciuto dallo straordinario successo riscosso dal progetto del percorso arabo normanno".

La cerimonia di consegna del prestigioso sigillo disegnato da Carlo Scarpa si è tenuta presso il Teatro Comunale di Treviso e ha chiuso due intense giornate durante le quali si sono svolti anche una mostra, un documentario di Davide Gambino e un seminario di studi su “Maredolce-La Favara come luogo testimone dell’incontro tra civiltà araba e normanna, al centro del paesaggio mediterraneo”. Dopo la consegna del premio, Mimmo Cuticchio ha concluso la serata finale con l’applauditissimo cunto del combattimento tra Orlando e Ferraù.

Il premio viene attribuito alla Sicilia per la seconda volta. Nel 1999, infatti, era andato alle Cave di Cusa.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI