Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 22 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:437 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1199 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1934 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1469 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1445 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1414 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1686 Crotone

Santa Croce Camerina - Acquisire elementi di primo soccorso può salvare una vita

Pluchino, Frasca, don Occhipinti, Occhipinti

 

Cosa fare e come intervenire in situazioni di emergenza? Quali sono le informazioni che possono risultare utili nei momenti di bisogno? Come muoversi e, soprattutto, come non muoversi mentre si attende l’arrivo dei soccorsi specializzati? Sono tutti gli interrogativi sciolti, ieri pomeriggio, a Santa Croce Camerina, nel corso dell’incontro sugli “Elementi di primo soccorso” promosso nella biblioteca dall’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute in collaborazione con il Comune, rappresentato dall’assessore alla Sanità Rosario Pluchino, e con la presenza del presidente Cives Ragusa, Giuseppe Occhipinti, componente della Consulta dell’ufficio diocesano, oltre che di Roberto Frasca, infermiere Cives. “Diventa fondamentale – dice don Occhipinti – acquisire nozioni di primo soccorso, vale a dire l’insieme di comportamenti, manovre e cure da effettuarsi nell’immediatezza di un infortunio o di un malore improvviso, in attesa dell’arrivo dell’unità di emergenza sanitaria. Come Pastorale della salute siamo sempre più orientati a fornire divulgazione a questi aspetti che devono interessare tutti indistintamente perché ciascuno di noi, all’improvviso, si può trovare catapultato in una situazione di emergenza e quindi deve sapere come muoversi, quali accorgimenti porre in essere”. Giuseppe Occhipinti ha chiarito che gli immediati obiettivi che il soccorritore deve conseguire nei primi momenti di una emergenza sanitaria sono: proteggere se stessi e l’infortunato da ulteriori rischi, avvertire il servizio medico di emergenza, iniziare le manovre di soccorso. E’ stato illustrato come valutare il supporto delle funzioni vitale con tecniche di base (Basic life support, Bls). Ma anche l’esame dell’attività respiratoria o di quella cardiaca. In quest’ultimo caso, se il cuore batte occorre continuare la respirazione artificiale con un ritmo di una insufflazione ogni cinque secondi finché non è avviata la respirazione naturale e, inoltre, bisogna controllare periodicamente (ogni 30-60 secondi), l’attività cardiaca. Se il cuore non batte, insieme con la respirazione artificiale, occorre avviare con urgenza il massaggio cardiaco esterno. Frasca ha spiegato che in caso di infortunio o di malore è indispensabile procedere ad un controllo immediato delle funzioni vitali (stato di coscienza, respirazione, circolazione). Sono state illustrate anche le posizioni in cui mettere la vittima e le indicazioni da seguire in caso di trasporto dell’infortunato. “Nel caso sia assolutamente necessario spostarlo – ha chiarito – occorre eseguire la manovra almeno in quattro persone così da mantenere il corpo, la testa e gli arti rigidamente allineati, soprattutto se si sospettano lesioni vertebrali. Se si è soli e non si trova aiuto, si può provvedere allo spostamento afferrando, per esempio, la vittima per le ascelle e tenendo ferma la testa con gli avambracci”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI