Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Febbraio 2023

Dal nord al sud le baby gang in Italia

La leader di Fratelli d’Italia e presumibilmente, futura prima premier italiana donna – Giorgia Meloni – in piena campagna elettorale, chiedeva a gran voce per l’Italia l’istituzione del blocco navale, per “difendere i confini dall’immigrazione, che costituisce un problema di sicurezza”. 

Il rapporto Istat 2022 conferma questa tendenza per l’Italia, aggiungendo che l’ultimo decennio è stato caratterizzato dal radicamento sul territorio dei migranti arrivati in precedenza, oltre che da un rilevante mutamento dei nuovi flussi in arrivo: gli ingressi per motivi di lavoro infatti si sono notevolmente ridotti, mentre sono rimasti stabili i numeri degli ingressi per il ricongiungimento familiare e sono aumentati quelli dei migranti in cerca di protezione internazionale, di cui i profughi ucraini sono il più recente esempio.

È vero, però, che il tasso di criminalità è maggiore tra i residenti stranieri che tra gli “autoctoni”, ma il dato necessita di una considerazione: bisogna ricordare, infatti, che gli stranieri rappresentano solo il 10 per cento della popolazione, ma si concentrano principalmente nelle fasce più fragili: sono più poveri, svolgono lavori meno qualificati, spesso vivono ai margini della società. E sappiamo che c’è un nesso fra condizioni economiche, diritti e rischio di finire nelle maglie della criminalità.

Maras, pandillas, gang statunitensi, confraternite nigeriane, gruppi delle banlieu francesi: sono i modelli delle gang giovanili presenti prevalentemente nelle aree urbane del Nord e del Centro e composte in prevalenza da stranieri di prima o seconda generazione, spesso in situazioni di marginalità. Da segnalare gli HB Hellbanianz ("Albanesi infernali") a Genova, la banda di piazza Verdi a La Spezia, Black Axe, Maphite e Vikings a Sassari ma la 'capitale' e' sicuramente Milano: Z2, San Siro, Ko Gang, MS13, Barrio Banlieu. MS13 - presente anche a Genova - è composta prevalentemente da salvadoregni ed è parte di un più ampio sistema di gang presenti in altri Paesi: ne fanno parte più di 40 tra maschi e femmine, in genere minorenni, ed è attiva in città e nell'hinterland. I Barrio Banlieu guardano soprattutto ai 'colleghi' parigini, con cui sono in contatto, e si rendono responsabili di spaccio di droga, aggressioni e risse. Le loro gesta vengono riprese e rilanciate via social.

20061 e 20147 a Milano, Baby gang Vintola a Bolzano, Canova a Trento, Squadra di Cicciare e Terni: sono le più note delle gang giovanili che vantano un certo livello di organizzazione e un certo grado di violenza ma senza legami con altre gang o organizzazioni criminali. Si tratta di gruppi dediti a reati specifici come rapine, furti, estorsioni e spaccio: di solito non sono dotate di simbologie particolari e non hanno interesse a pubblicizzare le loro azioni. L'anno passato nel mirino degli investigatori è finita tra le altre una gang di Paternò (Catania) 'specializzata' in reati a danno di esercizi commerciali della zona, per lo più furti e rapine nei confronti di tabaccherie, supermercati e negozi oltre che della piscina e della chiesa locale.

Le gang prive di una struttura definita sono le più numerose e sono caratterizzate da legami deboli, senza una gerarchia chiara. La quasi totalità è coinvolta in risse, percosse e lesioni, un terzo in rapine, furti e atti di bullismo, spesso a danno di coetanei: non mancano episodi di minacce con armi da taglio e violenze sessuali, mentre l'attività di spaccio è marginale. In quasi la metà dei casi sono composte da italiani, in meno di uno su tre da stranieri. Abbastanza omogenea la distribuzione sul territorio nazionale: si segnalano, tra le altre, la Gang di Sant'Ottavio a Torino, Z4 e Ripamonti M5 a Milano, La Gang del Kalashnikov a Trieste, QBR (Quartiere Borgo Roma) e USK a Verona, Massa Negra a Ravenna, Via delle baby gang ad Ancona, STM (Siamo Tutti Mafiosi) a Cosenza. Alla Banda di Casanova a Bolzano, manipolo di precoci under 14, sono stati addebitati un bel po' di piccoli furti, maltrattamenti di animali e atti vandalici, mentre gli Orfanelli, attivi nel Salento, aggredirono ripetutamente, sino alla tortura, un pensionato disabile psichico. A Roma agiscono Anundo gang's, La17 e La18: queste ultime due finite sui giornali nei giorni scorsi quando alcuni membri della prima (di Roma nord) avrebbero pestato un 17enne affetto da sindrome di Down, guadagnandosi la pronta condanna via social dei rivali (della Garbatella): un lapidario "fateve schifo".

Gruppi senza una struttura definita. Gruppi che si ispirano o hanno legami con organizzazioni criminali italiane. Gruppi che si rifanno a organizzazioni criminali o gang estere. Gruppi con una struttura definita ma senza riferimenti ad altre organizzazioni.

Sono quattro i tipi di "Gang giovanili" prevalenti in Italia secondo il rapporto di Transcrime, centro di ricerca interuniversitario sulla criminalità transnazionale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, Alma Mater Studiorum Università di Bologna e Università degli Studi di Perugia, realizzato in collaborazione con il Servizio analisi criminale del Dipartimento della pubblica sicurezza del ministero dell'Interno e il Dipartimento per la giustizia minorile del ministero della Giustizia.

Quattro tipi con diverse caratteristiche e una diversa distribuzione sul territorio.

I gruppi che si ispirano o hanno dirette connessioni con le tradizionali organizzazioni criminali nostrane sono stati censiti soprattutto al Sud, in contesti urbani in cui c'è storicamente una presenza mafiosa: in particolare, nelle province di Napoli, Salerno, Reggio Calabria, Crotone, Vibo Valentia e Caltanissetta. Casi sporadici sono segnalati a Milano (in contatto con la 'ndrina Di Giovine-Serraino), Modena, Fermo, Firenze e Vercelli. L'esempio più eclatante è quello costituito dalla cosiddetta "Paranza dei bambini" legata al clan Sibillo a Napoli, diventata nota dopo l'omicidio del baby boss Emanuele da parte del clan rivale Buonerba: formata per lo più da giovani provenienti da famiglie camorristiche, è stata capace di imporsi nelle estorsioni e nello spaccio e di attirarsi le attenzioni dei media con le famose "stese". La gang giovanile di Crotone è in contatto con il Locale di Cirò mentre a Vibo Valentia ha conquistato spazio la nuova "Banda della Magliana", un gruppo di ragazzi che si rifaceva alla famosa organizzazione criminale romana e alla narrazione di "Romanzo criminale". In questo genere di gang è difficile distinguere tra giovani affiliati e giovani che aspirano ad entrare nei clan.

Fonte Agi 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI