Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 24 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:890 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1497 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1019 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1718 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2477 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1985 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1976 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1926 Crotone

Manfredonia - Pezzi di storia della nostra Città

Mercoledì 10 settembre prossimo, nel chiostro comunale di Palazzo San Domenico alle ore 19.00, ci sarà la presentazione e l’inaugurazione della mostra permanente dedicata ai reperti della “collezione Rizzon” riportati a Manfredonia dopo un lungo iter burocratico. La mostra sarà ulteriormente arricchita dall’esposizione in pubblico dell’acquerello “Vista di Manfredonia” dell’artista francese Claude Louis Chatelet.

Il Sindaco Riccardi aveva assicurato che sarebbero stati resi fruibili per tutti, cittadini e ospiti di Manfredonia, i 77 reperti segnalati da un sipontino di Vicenza, l’avvocato Paolo De Meo, a cui è stato conferito un encomio solenne per il suo contributo. Sono pronti ad offrirsi alla vista di chiunque non vorrà perdere l’occasione per riavvicinarsi alla nostra terra attraverso le sue testimonianze storiche.

Nel 2008 la Provincia di Vicenza acquistò i reperti da Mario Rizzon, collezionista residente appunto in Veneto, li fece restaurare per esporli negli uffici di Palazzo Thiene Bonin Longare. Il nostro Comune e la Provincia di Foggia fecero quasi in simultanea richiesta per acquistarli e, di comune accordo, vista la provenienza dei beni, la Provincia rinunciò in favore del Comune di Manfredonia.

Nel settembre scorso l’arrivo a Manfredonia dei reperti archeologici in ceramica geometrica, a fasce, in stile misto, a figure rosse, sovra dipinte, a vernice nera e di un vaso plastico configurato a testa umana. Tutti parte del vasto repertorio presente nelle case di quell’epoca lontana: vasi per l’acqua e per il vino, contenitori in terracotta, coppe per bere, brocche, coperchi di pentole, vasetti per profumi, contenitori per versare unguenti o olio.

Sono davvero lieto che finalmente questo pezzo di storia del nostro territorio, diventato proprietà della nostra Città, possa essere restituito ad essa. Non mi dispiace – commenta il Sindaco Angelo Riccardi - aver deciso, insieme con la Giunta, di acquistarli, così come di aver acquistato il meraviglioso acquerello dello Chatelet, nonostante le difficoltà finanziarie del momento. Spendere per riappropriarsi della propria storia e di ciò che ci appartiene è meritorio. Bisogna preoccuparsi, infatti, di allontanarsi, nelle scelte, dall’opinione comune e soprattutto dagli interessi personali e premurarsi, piuttosto, di quelli che verranno dopo di noi”.
Alla presentazione della mostra, che sarà poi ospitata permanentemente nella Cappella della Maddalena (dove sono state già allestite le bacheche e riservato un apposito spazio per l’acquerello) , interverranno: Angelo Riccardi, Sindaco di Manfredonia; Billa Consiglio, Presidente di Promodaunia; Luigi La Rocca, Soprintendente per i Beni Archeologici della Puglia. Nell’occasione sarà presentato anche il Catalogo, edito da Claudio Grenzi e finanziato da Promodaunia.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI