Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 25 Maggio 2024

Al Salone del libro Loren…

Mag 15, 2024 Hits:800 Crotone

L'Istituto Ciliberto-Luci…

Mag 14, 2024 Hits:256 Crotone

Le opere di Bach: gli eff…

Mag 02, 2024 Hits:549 Crotone

In città l'ultima tappa d…

Apr 30, 2024 Hits:580 Crotone

Convegno Nazionale per la…

Apr 23, 2024 Hits:808 Crotone

L'Associazione "Pass…

Apr 05, 2024 Hits:1177 Crotone

Ritorna Calabria Movie Fi…

Apr 03, 2024 Hits:1167 Crotone

La serie evento internazi…

Mar 27, 2024 Hits:1542 Crotone

Il Mediterraneo, dal mare “ nostrum”, al mare “mostrum”

Il mar Mediterraneo deriva dalla parola latina Mediterraneus, che significa in mezzo alle terre. Gli antichi romani lo chiamavano “Mare nostrum”, ovvero, il nostro mare(e, in effetti, la conquista romana toccò tutte le regioni affacciate sul Mediterraneo). Ebbene, in primis la storia ci racconta il Mediterraneo come luogo di incontri e scontri, di formazione di civiltà, di scambi commerciali e di incroci culturali. Oggi, purtroppo, per dovere di cronaca, dobbiamo aggiungere che il Mediterraneo è diventato, anche, una specie di confine sempre più difficile da controllare, da una parte, da attraversare dall’altra. Noi, gli europei a proteggere il nostro mondo, loro- i migranti- a cercare di raggiungerlo, affrontando i gravi rischi di una traversata, in maniera abusiva e con mezzi di fortuna. Ma c’è di più. Dall’ antico mare “nostrum” stiamo passando al mare “mostrum”. Vediamo come. Da 30 a 40 milioni di tonnellate di rifiuti, ogni anno, finiscono nel Mediterraneo, causando la morte di cetacei, tartarughe, pesci e uccelli marini. Scarichi inquinanti e discariche i principali imputati(Cfr.WWW.verdi.it del 02.07.2013). Il mar Mediterraneo, purtroppo, sta diventando una pattumiera a cielo aperto. A lanciare l’allarme è stato il recente “Rapporto Mediterraneo”, realizzato dall’Unep-Map. Rapporto questo, che è stato presentato in occasione di una grande campagna di volontariato per la pulizia dei litorali promossa dal programma ambientale dell’Onu e da 22 associazioni di 22 Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. E dulcis in fundo, noi diciamo ben vengano queste iniziative per risolvere i disagi e i disastri accumulatisi negli anni, all’insegna dell’incontro, non dello scontro, in un Mediterraneo, mare nostrum!

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI