Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 14 Agosto 2022

E' morto questa mattina a Roma Carlo Azeglio Ciampi

Aveva 95 anni, è stato presidente della Repubblica dal 1999 al 2006, per 14 anni, governatore della Banca d'Italia e presidente del Consiglio nel 1993. Ciampi era ricoverato da alcuni giorni nella Clinica Pio XI, dopo un peggioramento delle sue condizioni di salute. 

Ciampi era nato a Livorno, il 20 dicembre del 1920. Dopo gli studi dai gesuiti si era laureato in lettere all'Università Normale di Pisa. Sempre nella città toscana aveva conseguito una seconda laurea in giurisprudenza. Nel 1946 entrò come funzionario “avventizio” nella Banca d'Italia. La sua prima mansione, come ricordò Ignazio Visco in una giornata di studio dedicata alla figura dell'ex governatore, era quella di protocollare la posta in entrata e ricopiare tutta quella in uscita

Nell'istituto di via Nazionale salì tutta la scala gerarchica interna. Ne divenne segretario generale, poi direttore generale e, infine, governatore, carica che ha ricoperto per quattordici anni consecutivi, fino al 1993. Durante il suo governo la Banca d'Italia affrontò sfide enormi. Nell'esercizio della politica monetaria, insieme all'allora ministro del Tesoro Beniamino Andreatta, realizzò la separazione tra il Tesoro e l'Istituto centrale, il cosiddetto “divorzio”, che rese autonoma la Banca nella decisione di acquisto dei titoli pubblici italiani.

Nel 1992 affrontò la crisi valutaria, l'attacco alla lira che portò ad una perdita di valore del 20% della moneta, e costrinse l'Italia ad uscire dallo Sme. Nel 1993 Ciampi divenne presidente del Consiglio. In piena tangentopoli fu chiamato dal presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro, in cerca di una personalità in grado di trovare una maggioranza in Parlamento con lo scopo di stabilizzare i conti pubblici e varare una nuova legge elettorale prima del ritorno alle urne. Ciampi rimase in carica per 377 giorni, e il suo fu il primo governo tecnico della Repubblica italiana, alla cui guida fu chiamato un non parlamentare.

Sul piano economico gli interventi più significativi furono rivolti a costituire il quadro istituzionale per la lotta all'inflazione, attraverso l'accordo governo-parti sociali del luglio del 1993, che pose fine ad ogni meccanismo di indicizzazione ed ha individuò nel tasso di inflazione programmata il parametro di riferimento per i rinnovi contrattuali. Inoltre il governo Ciampi diede avvio alla privatizzazione di numerose imprese pubbliche, ampliando e puntualizzando il quadro di riferimento normativo e realizzando le prime operazioni di dismissione tra cui quelle, nel settore bancario, del Credito italiano, della Banca commerciale italiana, dell'IMI.

Dopo la fine del suo esecutivo, Ciampi fu ministro del Tesoro in altri due governi, quello guidato da Romano Prodi nel 1996 e quello di Massimo D'Alema. Nel primo governo Prodi fu artefice dell'abbattimento di quattro punti percentuali del deficit pubblico, una manovra che rese possibile all'Italia di rispettare uno dei più ostici parametri di Maastricht, permettendo al Paese di rispettare le condizioni per l'ingresso tra i Paesi di testa nella moneta unica. Il 13 maggio del 1999 fu eletto Presidente della Repubblica, con un consenso vastissimo che Ciampi avrà sempre anche fra gli italiani, diventando uno dei presidenti più amati. 

L'ex presidente della Repubblica fu eletto il 13 maggio 1999. Record assoluto di velocita': solo 2 ore e 40 minuti per far partire il settennato dell'ex Governatore della Banca d'Italia. Un solo scrutinio (prese 707 voti su 990 votanti). Sulla sua candidatura accordo trasversale tra Veltroni, Fini e Berlusconi. 

L'abbraccio del Governo alla signora Franca. E un pensiero grato all'uomo delle Istituzioni che ha servito con passione l'Italia", scrive su Twitter il presidente del Consiglio Matteo Renzi. L'abbraccio del Governo alla signora Franca. E un pensiero grato all'uomo delle Istituzioni che ha servito con passione l'Italia 

"Gli italiani non dimenticheranno il presidente Ciampi. Continueranno ad apprezzarlo, e a considerarlo un esempio di competenza, di dedizione, di generosità, di passione. Ai suoi familiari e ai suoi amici, accanto al ricordo incancellabile dei momenti più intimi, il privilegio e la responsabilità di tenere viva la memoria pubblica di Carlo Azeglio Ciampi. Sono certo che tutte le Istituzioni saranno al loro fianco e daranno loro il massimo sostegno". Lo scrive il Capo dello Stato Sergio Mattarella, ricordandone la figura di "grande italiano e grande europeo".La morte del presidente emerito della Repubblica è avvenuta, come riferito dal consigliere Domenico Marchetta, capo dell'Ufficio del presidente Ciampi in Senato, in una clinica romana. Nelle scorse settimane era stato ricoverato per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. Avrebbe compiuto 96 anni il prossimo dicembre. I funerali si svolgeranno a Roma.

Carlo Azeglio Ciampi "ricoprì le pubbliche responsabilità con signorile discrezione e forte senso dello Stato". Lo sottolinea il Papa in un telegramma alla signora Franca. "Nel ricordare la sincera amicizia che legava questo illustre uomo delle istituzioni a San Giovanni Paolo secondo, elevo fervide preghiere di suffragio invocando dal Signore per la sua anima la pace eterna. Con tali sentimenti invio a lei e ai congiunti la benedizione apostolica", conclude Francesco.

Non risparmia la stilettata il leader della Lega Matteo Salvini che dai microfoni di SkyTg24 che ha scatenato reazioni in Rete. "La morte è sempre una brutta notizia, di fronte alla quale si deve preghiera e cordoglio. Politicamente Ciampi è uno dei traditori dell'Italia e degli italiani, come Napolitano, Prodi e Monti. Come gli altri si porta sulla coscienza il disastro sulle spalle di 50 milioni italiani": lo ha detto Matteo Salvini, commentando da Pontida la morter dell'ex presidente. "Politicamente parlando uno dei complici della svendita dell'Italia ai poteri forti", ha aggiunto il segretario della Lega.

Tutto il Paese piange in queste ore la perdita di una grande figura di straordinaria integrità morale. Impegnato da giovane nella Resistenza antifascista, Carlo Azeglio Ciampi è stato uomo delle Istituzioni, alle quali ha dato prestigio in ognuno dei numerosi incarichi pubblici ricoperti". Lo scrive la Presidente della Camera Laura Boldrini. "Di lui ricordiamo - scrive Boldrini - l'europeismo convinto che ha saputo coniugarsi ad una potente azione di rilancio dell'identità e dell'orgoglio nazionale; la capacità di mobilitare le energie profonde del Paese per obiettivi condivisi, come fu l'ingresso nella moneta unica; e soprattutto il modo imparziale e rigoroso con cui ha esercitato il ruolo di Presidente della Repubblica, accompagnato nel Paese dallo stesso larghissimo consenso con il quale era stato eletto al Quirinale. Alla signora Franca e ai familiari del Presidente giunga l'affettuoso abbraccio mio e della Camera dei deputati".

Carlo Azeglio Ciampi, è morto oggi all'età di 95 anni, dopo un peggioramento delle sue condizioni di salute. Era ricoverato da alcuni giorni nella Clinica Pio XI di Roma. A confermarlo è il professore Andrea Platania, primario Medicina interna, che lo aveva in cura. «Sono con la famiglia - ha affermato Platania - che in questo momento chiede riservatezza». I funerali si svolgeranno a Roma.

Nella stessa clinica romana, nel 2004 Ciampi era stato operato al cuore per l'impianto di un pacemaker. L'intervento fu eseguito dal cardiologo Massimo Santini, che lo definì un «paziente esemplare» avendo seguito l'intervento da sveglio. Un altro intervento chirurgico si è reso necessario nel 2014, quando l'ex Presidente della Repubblica è stato sottoposto ad una appendicectomia a Bolzano.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI