Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 10 Luglio 2020

E' attiva nuovamente da ieri la fontana che si trova all'interno della storica Villa Garibaldi a Piazza Marina.
Al termine di un intervento di manutenzione eseguito dal COIME sotto il coordinamento dell'Assessorato per il decoro urbano, sono infatti tornate operative le pompe dell vasca che si trova fra i ficus e gli altri alberi storici della villa.

Il funzionamento sarà monitorato nei prossimi giorni dal personale del Coime al fine di verificare la tenuta di tutti gli ugelli e del sistema di pompaggio.

Gli operai comunali si sposteranno ora in via Bonanno per un analogo intervento nella fontana limitrofa all'area archeologica.

"Si tratta - spiega l'Assessore Fabio Giambrone - di piccoli ma significativi interventi che restituiscono alla città e ai turisti elementi significativi delle nostre ville più importanti. Una serie di interventi che si affiancano a quelli eseguiti sul parco statuario della città per ridare ai nostri giardini e alle aree verdi il giusto decoro che meritano."

L’ormai immancabile appuntamento con il Festival dell’editoria indipendente è fissato a Palermo, da giovedì 4 a domenica 7 giugno 2020, all’Orto botanico dell’Università degli Studi, trasformato per quattro giorni in un giardino letterario dove leggere, raccontare, ascoltare musica e storie, incontrare gli autori, all’ombra di meravigliosi alberi secolari, e dove potranno trovare posto 80 case editrici indipendenti.

Una marina di libri conta anche quest’anno sulla direzione artistica del giornalista Piero Melati, affiancato per l’edizione 2020 da Matteo Di Gesù, docente di Letteratura italiana e scrittore, Salvatore Ferlita,

critico, scrittore e docente, Masha Sergio, editor, consulente editoriale e componente del comitato organizzativo del Festival.  Insieme hanno definito la suggestione che ispirerà il tema dell’undicesima edizione:

MONDIMPERFETTI. Dove l’imperfezione è intesa come “diversità che arricchisce e offre nuovi punti di vista e si fa strumento contro l’appiattimento e le discriminazioni, una premessa di base per lo scambio tra linguaggi, culture e tradizioni. Dalle distopie all’iperrealtà, la letteratura, l’arte e la musica hanno arricchito l’immaginario di nuovi mondi possibili e imperfetti, ed è proprio nel rapporto tra il difetto e il suo superamento che la vita si dispiega, si reinventa e si offre tra le pagine, individuando a volte percorsi virtuosi, a volte abissi degeneri”.

Come sempre, il programma culturale 2020 sarà costituito da eventi eterogenei – incontri con gli autori, presentazioni, reading, tavole rotonde, teatro, musica, seminari, proiezioni, letture ad alta voce, incontri con illustratori, spettacoli e laboratori dedicati anche ai bambini in collaborazione con la Libreria Dudi.

Il bando completo dell’edizione 2020 è consultabile sul sito unamarinadilibri.it.  Le domande di iscrizione dovranno essere compilate utilizzando il formulario presente sul sito on-line e verranno accettate in ordine cronologico, fino a esaurimento dei posti disponibili.

È stata questa la conferenza stampa dedicata al fitto cartellone “Sicilia Grandi Eventi 2020”, che si è tenuta oggi alla BIT, Borsa internazionale del Turismo, nel padiglione n°3 di fieramilanocity, a cui sono intervenuti l’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Manlio Messina e alla Salute, Ruggero Razza, che hanno fatto un elenco completo dei luoghi da non perdere, tra città, borghi, siti archeologici e riserve naturali.

"Destagionalizzare i flussi turistici, riqualificare il segmento culturale e tutelare la tipicità enogastronomica. Sono i tre principali obiettivi che il mio governo si pone per il 2020 sul fronte del turismo”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, commentando la apertura della Bit di Milano. “Siamo la regione del Mezzogiorno che ha registrato la maggior crescita nello scorso anno in arrivi e presenze. Siamo fra le prime mete preferite al mondo e vogliamo farci trovare pronti all’appuntamento con questa straordinaria opportunità. Lavoriamo ad un patto pubblico-privato, che faciliti l’accessibilità aerea all’Isola e renda più varia e qualificata la offerta ricettiva. Siamo sulla buona strada”.

Dal turismo balneare, anche fuori stagione, a quello enogastronomico che la rende la regione più desiderata; da quello culturale, con una ricca tradizione artistica, a quello religioso e poi ancora riflettori puntati sul turismo congressuale, scolastico e di gruppo fino a quello sportivo.

“La bellezza senza contenuti non ha motivo di esistere e la Sicilia che è una bellissima terra ha bisogno di essere riempita di contenuti  – ha detto  l’assessore regionale al Turismo, allo Sport e allo Spettacolo Manlio Messina -. Con la presentazione alla Bit di Milano degli eventi culturali, sportivi, religiosi del 2020, dalle tragedie greche alla lirica fino al Giro d'Italia e di Sicilia e alla gara equestre di Ambelia, la più importante del Mezzogiorno, abbiamo voluto annunciare i contenuti che caratterizzeranno la nostra Isola quest'anno. Tutti eventi di respiro internazionale - ha proseguito Messina - perché sappiamo bene che la Bit è una prima occasione per verificare l’andamento del mercato e il livello di gradimento che può riscuotere l’offerta turistica siciliana –. Il nostro lavoro tende a promuovere iniziative e proposte per allungare l'ospitalità nelle stagioni diverse dalla primavera e dall'estate, per questo la Sicilia deve diventare "family friendly" per accogliere a costi accessibili le famiglie numerose e deve finalmente puntare sul turismo scolastico, sportivo e congressuale - ha sottolineato l'assessore al Turismo -. Non possiamo pensare che in alcuni periodi dell'anno ci sono non pochi albergatori  costretti a chiudere le loro strutture mi pare un fatto paradossale se vogliamo davvero rilanciare il turismo".

Il viaggio, attraverso i suggestionanti paesaggi, gli invitanti odori e le straordinarie peculiarità dell’Isola, si caratterizza sempre più come un’esperienza immersiva che, in un unico soggiorno, permette al visitatore di vivere a 360° questa risorsa del “Made in Italy”.

“L’obiettivo – afferma l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza - è diventare meta e riferimento per chi vorrà sceglierci come luogo non solo di turismo tradizionale, ma anche di cura del corpo e di benessere alimentare e fisico. Volevo, infine, sottolineare la grande partecipazione allo stand della Sicilia qui alla Bit 2020, testimonianza palese dell’ottimo lavoro condotto dall’assessorato al Turismo”.

Chiude, quindi, all’insegna del grande successo di pubblico la prima giornata della kermesse internazionale del turismo a Milano. In un’ambientazione totalmente immersiva tra, degustazioni e installazioni tecnologiche, sono stati migliaia gli aspiranti turisti che, nello stand più grande della fiera, hanno assaporato le prelibatezze tipiche del territorio, come le Busiate alla trapanese, nell’area dei cooking show e sono rimasti ammaliati dalle emozionanti note maestri Giuseppe Milici e Nicola Pannarale. Degna di nota l’esibizione dell’opera dei Pupi, grazie alle sapienti mani della famiglia Napoli che, da cinque generazioni, scrive la storia del teatro siciliano e quella offerta dal distretto turistico della Sicilia Occidentale.

E poi ancora spazio al gusto raffinato del cioccolato di Modica, al vino rosso dell’Etna e alle caratteristiche spremute di arancia rossa dell’Etna.

Si è svolto l'importante seminario internazionale gratuito Il domani dei bambini tra relazioni intime e istituzioni”, previsto per venerdì 7 e sabato 8 Febbraio  a Palermo, organizzato dall'Istituto di Gestalt HCC Italy, diretto dalla ricercatrice siciliana Margherita Spagnuolo Lob

Ospite d’onore, Natasha Kedrova del dip. bambini e famiglie del Moscow Gestalt Institute.

Il seminario ha vantato inoltre  il contributo di diversi esponenti delle istituzioni e dei servizi territoriali palermitani che a vario titolo si occupano del mondo dell’infanzia.

La nostra società riesce a prendersi cura dei bambini?

A distanza di trent’anni dalla Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza approvata dall’ONU, sembra proprio di no. La Convenzione rappresenta un testo giuridico di eccezionale importanza poiché riconosce, in forma coerente, tutti i bambini e tutte le bambine del mondo come titolari di diritti civilisocialipoliticiculturali ed economici. La sofferenza dei nostri figli, dentro e fuori la famiglia, cresce ed esprime così, in modo drammatico, le attuali incoerenze dell’epoca in cui viviamo.

Lo testimonia il crescente disagio segnalato dal mondo della scuola sotto forma di abbandoni, fobie, bullismo, demotivazione all’apprendimento.
Lo rilevano anche i pediatri, alle prese con patologie legate a somatizzazioni, problematiche alimentari, iperattività, dipendenze sempre più precoci.

Le conseguenze sono evidenti, secondo una ricerca dell’Unicef (“Il silenzio dei Neet. Giovani in bilico tra rinuncia e desiderio”) in Italia la presenza di giovani etichettabili come neet (Not in education, employment or training), vale a dire persone che non studiano, non lavorano e non seguono nessun percorso di formazione, vede al primo posto la Sicilia, con un’incidenza del 38,6% della popolazione, seguita da Calabria e Campania.

La risposta della psicoterapia della Gestalt ai continui segnali d’allarme che riguardano il mondo infantile assume una connotazione innovativa, ne spiega il perché la dott.ssa Margherita Spagnuolo Lobb direttrice dell’istituto HCC Italy (insignita del Premio alla Carriera AAGT-Association for the Advancement of Gestalt Therapy. International Community e del premio dell’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia): “I problemi dei bambini devono essere osservati da una prospettiva fenomenologica, estetica e di campo. Occorre intervenire sugli adulti chiamati a offrire sostegno, e coinvolgere le istituzioni che si occupano di offrire supporto a bambini e caregiver”.

Era previstp  l’attestato di frequenza a tutti gli iscritti e se richiesti i crediti ECM

Hanno partecipato al convegno

Nicola Cassata, Direttore U.O.C. di Pediatria A.O.O.R. “Villa Sofia-Cervello”,

Pasquale D’Andrea, Garante per i Diritti dell’Infanzia e Adolescenza del Comune di Palermo

Lorena Esposito, Psicologa, Psicoterapeuta, Cons. On. Corte di Appello di Palermo – sez. Min., Ass. Soc. U.O. Spazio Neutro, Comune di Palermo

Rosalba Floria, Dirigente Scolastica Istituto Marconi, Palermo

Alfonso Geraci, Neuropsichiatra dell’Infanzia e dell’Adolescenza – Psicoterapeuta

Michele Lipani, Psicologo, Psicoterapeuta presso l’U.O. di NPI dell’Asp di Caltanissetta, Didatta Istituto di Gestalt HCC Italy

Milena Lo Giudice, Presidente Sezione Regionale Sicilia della SICUPP – Cure Primarie Pediatriche

Maria Cinzia Mantegna, Ass. Soc. Coordinatore, Resp. U.O. Coordinamento Serv. Soc. del Comune di Palermo, Mediatore Familiare

Francesco Micela, Presidente Tribunale Minorenni Palermo

Giovanna Perricone, Professore in quiescenza di “Psicologia pediatrica”, Pres. Soc. Italiana Psicologia Pediatrica

Margherita Spagnuolo Lobb, Psicologa, Psicoterapeuta, Direttore Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Istituto di Gestalt HCC Italy

Pietro A. Cavaleri, Barbara Crescimanno, Barbara Buonomo, Fabiola Maggio, Teresa Maggio, Susanna Marotta, Gina Merlo, Sebastiano Messina, Rosanna Militello, Giancarlo Pintus, Silvia Tosi,
Psicologi, Psicoterapeuti, Didatti Istituto di Gestalt HCC Italy

Marilena Di Pasqua, Valentina Gnizio, Serena Iacono Isidoro, Mariangela Patti,
Psicologhe, Psicoterapeute, Didatte in formazione Istituto di Gestalt HCC Italy

La Sicilia trionfa nel “Winter Game”, organizzato da THUN e si classifica al primo posto nella sfida che ha coinvolto più di 140 negozi di proprietà e oltre 650 collaboratori di tutta Italia.

Oltre 17 settimane all’insegna del dinamismo, della creatività e degli obiettivi, con un vero e proprio confronto tra gli staff dei numerosi punti vendita della storica azienda altoatesina, dove l'obiettivo era oltre al raggiungimento budget della settimana, la qualità del servizio offerto in store.

Nel rush finale, a conquistare la vittoria il negozio di Enna, che ha raggiunto significativi risultati grazie alla bontà del servizio offerto ai clienti, alla gentilezza e ai sorrisi dello staff, e all’impegno a supporto dei progetti della Fondazione Lene Thun, a testimonianza del fatto che si può avere successo e “fare bene” anche "facendo del bene".

I valori del "Bello" e del "Buono", del resto, sono da sempre parti fondanti e integranti della filosofia dell’azienda di Bolzano, insieme a una policy interna votata alla Corporate Social Responsibility. Nota per i famosi angioletti in ceramica, da anni presente in Sicilia con numerosi punti vendita, THUN conferma ancora una volta la sua attenzione verso la qualità del servizio offerto e il territorio.

“Abbiamo deciso di organizzare come azienda un contest per tutti i dipendenti dei nostri negozi – commenta  Lucia Adamo, Direttore Risorse Umane THUN SPA - articolato non solo sui risultati di vendita, che sono molto importanti, ma soprattutto sugli elementi qualitativi, quali il servizio, la cura del dettaglio ed altri indicatori che ci danno il segno della professionalità del nostro personale. Il team di Enna è stato straordinario, settimana dopo settimana, ha cercato di raccogliere punti ed è stato premiato. Per gratificare le tre persone del negozio abbiamo disposto un aumento dello stipendio del 15% e un’auto, come benefit, per la store manager”

Siamo felici e fieri che sia stato un negozio del Sud a ricevere questo riconoscimento che per numerose settimane ha messo al centro dell'attenzione dei diversi team coinvolti la cura del cliente e la valorizzazione del brand – conclude Francesco Pandolfi, CEO di THUN SPA. “Che sia stata Enna a conquistare  il podio,  ci rende doppiamente felici e orgogliosi perché oltre ad essere una “squadra” vincente, è in Sicilia, terra con cui abbiamo - da sempre -  un forte legame e  regione tra le più importanti per THUN, con una presenza di oltre 70 negozi”.

Enna chiude il 2019 centrando il budget assegnato e cresce del 9% rispetto allo scorso anno, e si classifica tra i 5 migliori negozi del Sud.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI