Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 04 Dicembre 2022

San Giorgio, chiusi ufficialmente i festeggiamenti 2014

Il Corpus Domini ai Giardini iblei

 

La sistemazione del simulacro del santo cavaliere nella nicchia in cui viene custodito tutto l’anno è stato l’atto finale, sabato sera, dei solenni festeggiamenti edizione 2014 in onore di San Giorgio, glorioso patrono di Ragusa. L’attivazione degli speciali argani in legno, rito che si ripete uguale a se stesso da decenni e che risale al XIX secolo, ha consentito di ricollocare nelle nicchie a loro dedicate il simulacro di San Giorgio e l’Arca santa contenente le reliquie di numerosi santi e beati. E’ stato possibile registrare una consistente partecipazione di fedeli, tema caratterizzante di tutta questa edizione dei festeggiamenti di San Giorgio da quando, la scorsa domenica di Pasqua, il simulacro è stato traslato nel transetto del Duomo di Ibla. I componenti dell’associazione “San Giorgio martire” si sono adoperati per fare in modo che il percorso di ricollocazione nella nicchia potesse compiersi come da manuale e nonostante qualche piccolo problema di carattere tecnico, come può sempre accadere, in questo caso la rottura di una corda, tutto è riuscito per il meglio. E a proposito di partecipazione di fedeli, vale la pena di segnalare la marea di devoti che si è riversata ieri pomeriggio ai Giardini iblei per prendere parte alla tradizionale cerimonia del Corpus domini presieduta dal parroco del Duomo, don Pietro Floridia, e che ha visto la presenza degli altri sacerdoti di Ibla, don Gino Scrofani e don Joseph Muamba Bulobo, congolese. “Negli ultimi anni – affermano i componenti dell’associazione “San Giorgio martire” – non si era mai registrata, per il Corpus domini, una partecipazione così imponente. E possiamo dire che lo stesso è accaduto per i solenni festeggiamenti del patrono. Una presenza così eccezionale di persone al Corpus domini mette in rilievo come i riti religiosi che si tengono a Ibla stiano catturando sempre di più l’attenzione dei fedeli per lo spirito di condivisione che riescono ad esprimere. E’ ovvio che l’auspicio è di potere proseguire sempre in questa direzione. Il risveglio di Ibla, dal punto di vista della presenza dei fedeli ai riti religiosi, ci conforta parecchio e ci sprona ad andare avanti con immutato fervore”.

La sistemazione del simulacro nella nicchia

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI