Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 05 Ottobre 2022

Il presidente finlandese incontra i leader dei partiti sulla crisi Russia-Ucraina

Il 22 febbraio il Presidente della Repubblica finlandese ed il Comitato ministeriale per la politica estera e di sicurezza hanno discusso le azioni intraprese dalla Russia e la situazione della sicurezza in Europa. La Finlandia sostiene la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina e condanna gli atti unilaterali della Russia che violano l'integrità territoriale e la sovranità dell'Ucraina. Il riconoscimento delle regioni separatiste nell'Ucraina orientale costituisce una grave violazione degli accordi di Minsk. La Finlandia risponderà alle azioni della Russia come parte dell'Unione Europea.

La Finlandia chiede alla Russia di astenersi da azioni militari.

Il presidente incontra la stampa

In una conferenza stampa svoltasi sempre il 22 febbraio, il presidente Sauli Niinistö ha sottolineato che, nonostante la situazione in Ucraina, non vi è alcuna minaccia per la Finlandia, né militare né d’altro tipo e che l'intera regione del Mar Baltico è molto pacifica. Il presidente ha rassicurato i finlandesi che la Finlandia è ben preparata e stabile ed ha anche osservato che in Ucraina non è stata ancora vista alcuna azione militare reale, ma il fatto che un paese invii truppe nel territorio di un altro paese è almeno vicino allo stato di guerra. Secondo lui, ora sarà monitorato da vicino se nella regione verranno intraprese azioni militari, come sparare o attaccare in altro modo i confini delle repubbliche.

Il presidente finlandese Niinistö aveva in precedenza discusso della situazione in Ucraina con i leader dei partiti parlamentari, come ha riferito l'ufficio del Presidente. Niinistö ha informato i responsabili di partito sulle sue opinioni sull'attuale conflitto politico globale, sulle richieste avanzate sia dall'Ucraina che dalla Russia, nonché sulle varie opzioni per risolvere la situazione. L'ufficio informa che Niinistö ha anche espresso ai leader dei partiti le sue opinioni sul dibattito sulla politica di sicurezza in Finlandia, nonché sul suo atteggiamento nei confronti della Nato, aggiungendo esservi stata una discussione aperta e costruttiva sul tema.

Alla ricerca di informazioni sulla mentalità del presidente russo Vladimir Putin e sulla situazione in Ucraina, varie testate giornalistiche internazionali si sono rivolte sempre più spesso a Niinistö, un politico veterano che ha un decennio di esperienza nelle relazioni diplomatiche con Putin.

Il presidente finlandese è apparso domenica 20.2 nel programma State of the Nation della CNN e gli è stato chiesto se pensasse che la Russia avesse intenzione di invadere l'Ucraina. Per Niinistö, le alternative possono essere tre: la prima, la possibilità di risolvere diplomaticamente tutte le divergenze sull’Ucraina orientale (il che si è rivelato, per ora, non fattibile, dato il riconoscimento di Putin dei secessionisti); seconda alternativa, una guerra su vasta scala; terza opzione, molto probabilmente, sarebbe vedere le tensioni tra i due paesi continuare ad aumentare.

Alla domanda se pensasse che Putin fosse un leader irrazionale con un grande esercito o un leader fondamentalmente razionale con una strategia. il presidente aveva replicato ritenendola “una domanda molto difficile anche per me. Anche se l'ho incontrato diverse volte in questi 10 anni e ho avuto diverse telefonate con lui. Come tutti sappiamo, è molto difficile dire e definire cosa effettivamente un'altra persona è, in fondo. Finora, direi che si è comportato in un modo che è molto difficile da prevedere. Ma potrebbe anche essere intenzionale, vale a dire comportarsi in quel modo, perché ciò crea confusione nell'ambiente circostante. Come ho detto, siamo un po' confusi in questo momento”. A Niinistö è stato anche chiesto se l'aggressione della Russia nei confronti dell'Ucraina abbia sollecitato sue preoccupazioni sulla possibilità che la Finlandia diventi un prossimo obiettivo del suo vicino orientale. "Prima di tutto, dobbiamo ricordare che la Finlandia è una democrazia stabile — di lunga durata, più di 100 anni —. Siamo membri dell'Unione Europea e sicuramente parte dell'Occidente. Il confine [tra Finlandia e Russia ] è lungo e non puoi farci niente. Quindi, non abbiamo paura. Per niente. In realtà, la situazione al confine con la Finlandia, e nell'intera area del Mar Baltico, è abbastanza pacifica. Non temiamo che  carri armati russi attraversino improvvisamente il confine con la Finlandia", ha detto.

Riferendosi ad sua una precedente dichiarazione secondo cui l'era del dopo Guerra Fredda era definitivamente finita, Niinistö ha affermato che “in realtà siamo quasi in una situazione più fredda di quella in cui eravamo durante la tradizionale Guerra Fredda. Perché allora avevamo almeno alcuni accordi tra Stati Uniti e Unione Sovietica che limitavano le armi e così via. Ora in realtà non abbiamo nulla — niente più accordi. Quindi, secondo me, questo rende la situazione molto più vulnerabile".

La Finlandia e la Nato

Alla domanda se la tensione tra Russia e Ucraina induca la Finlandia a riconsiderare l'adesione alla Nato, il Presidente finlandese ha replicato essere in corso molte discussioni in merito e a seconda di cosa succede davvero in Ucraina, la discussione potrebbe anche diventare più vivace. Ma al momento, almeno non ritiene vi siano motivi tali per eventuali cambiamenti drammatici e improvvisi. E tutto deve essere attentamente soppesato.

Alla domanda su un’eventuale adesione della Finlandia alla Niinistö ha detto che alcuni nel suo Paese stanno già cambiando idea al riguardo e che "molto dipende anche da ciò che accade effettivamente in Ucraina e da come si comporterà la Russia dopo. Se la Russia vede che si tratta di una grande storia di successo per loro, ciò li renderebbe più pericolosi”.

Ancora in minoranza i finlandesi favorevoli all’ingresso in NATO

Un recente sondaggio commissionato dal maggior quotidiano finnico,  Helsingin Sanomat , indica) mostra che il 43 per cento degli elettori finlandesi sostiene l'adesione alla Nato, se il Presidente e il primo ministro dovessero ritenere che l'adesione all'alleanza sia nel migliore interesse della Finlandia. Delle 1.066 persone che hanno risposto al sondaggio, il 27% ha affermato che si sarebbe opposto all'adesione anche in questo caso, mentre il 30% era indeciso. Agli intervistati è stato anche chiesto quali fossero le ragioni per sostenere o opporsi all'adesione alla Nato. Gli argomenti più citati a favore dell'adesione sono stati la fornitura di truppe della NATO in caso di attacco alla Finlandia e l'adesione come deterrente in situazioni di crisi. L'argomento principale contro l'adesione era la preoccupazione del deterioramento delle relazioni tra Finlandia e Russia.

A gennaio Helsingin Sanomat aveva pubblicato un sondaggio in cui la questione dell'appartenenza alla Nato era stata posta senza precondizioni, cioè senza considerare la posizione del presidente e del primo ministro. In quel sondaggio, il 28% degli intervistati era favorevole all'adesione alla NATO.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI